giovedì 30 luglio 2015

Vikings - Stagione 1

Produzione: History
Origine: Irlanda, Canada
Anno:
2013
Episodi:
9






La trama (con parole mie): Ragnar Lothbrok, figlio del profondo Nord, guerriero, padre e marito, medita da tempo di andare oltre all'idea delle semplici razzie ordinate dal suo Conte, Haraldson, costruendo una nave che lo conduca ad Ovest, alla scoperta di nuove terre.
Disobbedendo agli ordini dello stesso Conte, Ragnar giungerà in Inghilterra, dando inizio ad un'avventura che accrescerà la sua fama tra le tribù vichinghe, lo porterà al conflitto con Haraldson e ad una nuova fase della sua vita, ricca di successi e riconoscimenti ma non per questo meno difficile da affrontare.
Cosa attenderà, dunque, questo guerriero ed esploratore apparentemente prescelto da Odino?
E come cambierà la sua famiglia, a seguito degli eventi che la vedranno coinvolta?
Gli uomini che da sempre sono al suo fianco rimarranno fedeli all'idea, ai sogni e alla persona di Lothbrok?
Solo il Tempo, il sangue e, forse, gli Dei e gli Uomini, conosceranno la risposta.








Nel corso degli anni, come per il grande, il piccolo schermo ha finito per presentare, di tanto in tanto, proposte così clamorosamente fordiane da finire per essere promosse quasi a scatola chiusa: una di queste è senza dubbio Vikings, giunta in clamoroso ritardo su questi schermi dopo un timido affacciarsi del pilota un paio di estati or sono, quando ancora eravamo scossi dall'onda lunga del finale - splendido - di Spartacus.
Rimasto ai box non si sa neppure per quale motivo - in fondo, l'impressione di quella visione fu buona, e ricordò al sottoscritto proprio le atmosfere della saga del gladiatore ribelle -, approfittando di un periodo di magra dal punto di vista delle serie tv "da tavola", Ragnar Lothbrok e i suoi compari hanno fatto il loro esordio in casa Ford conquistando al volo la mia approvazione grazie ad atmosfere splendide, violenza, sesso a profusione, un buon numero di intrighi ed un'ottima alternanza tra passaggi decisamente fisici ed action ed altri di grande potenza lirica - si veda la chiusura della quasi psichedelica puntata "Il sacrificio", forse l'episodio che è riuscito a colpirmi di più, cinematograficamente parlando -, supportati da un cast decisamente in parte capitanato dal Charlie Hunnam del profondo Nord Travis Fimmel, perfettamente in parte nel ruolo di un protagonista coraggioso e carismatico, perfettamente descritto dal termine "cocky" di kidrockiana memoria.
Nove episodi, dunque, ricchi di avvenimenti e distribuiti lungo un arco di tempo notevole rispetto a quanto di norma accade nel corso della normale season di una serie, a partire dalla volontà di Ragnar di esplorare l'Ovest contro il volere del suo conte - un riesumato Gabriel Byrne - fino al conflitto con il conte stesso, passando dunque ad una seconda fase dedicata ai viaggi ed alle razzie nell'allora Inghilterra - ben resi i confronti tra i cattolici anglosassoni ed i "barbari" vichinghi - per concludere con l'esplorazione del mondo degli uomini del Nord, a partire dalle usanze religiose - e di nuovo torna il già citato episodio "Il sacrificio" - fino alle gerarchie tra il re ed i conti delle numerose e spesso molto distanti tribù.
Volontà di lottare e di godere, rivalità in fieri - tra gli spunti più interessanti per la seconda stagione, il rapporto decisamente complesso tra Ragnar ed il fratello Rollo, ma sono sicuro che anche Lagertha, moglie di Ragnar, e la sua nuova fiamma Aslaug faranno scintille -, l'esplorazione di un mondo selvaggio e crudele, all'interno del quale soltanto i più forti, o i più fortunati finivano per sopravvivere a carestie, malattie, guerre ed un rapporto con la Natura certamente più diretto e difficile di quello che abbiamo ora.
Dal punto di vista storico è interessante notare la ricostruzione ed immaginare quanto dura potesse essere la vita anche quotidiana ai tempi, malgrado senza dubbio l'approccio più diretto e "pane e salame" dei vichinghi, che per quanto mi riguarda e nonostante alcuni riti decisamente fuori da ogni logica - i sacrifici umani in primis - risultano più comprensibili e decisamente alla mano degli spocchiosi e poco sopportabili inglesi cattolici: da questo punto di vista l'introduzione e lo sfruttamento del charachter di Athelstan, monaco rapito da Ragnar alla prima razzia in terra inglese divenuto non solo una guida del mondo occidentale per il vichingo, ma anche e soprattutto un occhio razionale e più sensibile posto innanzi alla dura fisicità anche culturale dei vichinghi.
Forse ho finito per essere fin troppo rosicato con il voto, ma ho pensato che una proposta di questo tipo, con così tanti personaggi in grado di evolvere ancora e sottotrame da risolvere, possa puntare ad un'escalation qualitativa così impressionante da richiamare davvero alla memoria le gesta qui al Saloon celebrate con grandi brindisi del trace che fece tremare l'Impero Romano.



MrFord




"When the winds of Valhalla run cold
be sure that the blood will start to flow
when the winds of Valhalla run cold
Valhalla."
Black Sabbath - "Valhalla" - 




22 commenti:

  1. Da grandi fan di Spartacus,questa serie la dovremmo proprio recuperare.Abbiamo prima Black sails,però!Che ancora non siamo riusciti ad iniziare O.o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonostante il mio amore per John Silver, secondo me questa è migliore di Black Sails.
      Almeno per quanto riguarda la prima stagione.

      Elimina
  2. Sono diviso, da una parte ho chi ne parla bene, dall'altra chi dice che è una palla. Magari un giorno mi convincerò a vederla, per ora mi godo il tuo ottimo commento, e i Black Sabbath ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me una chance la merita tutta.
      Roba tosta.

      Elimina
  3. posso dirlo, ho provato a vederla, giuro che l'ho fatto ma mi sono fatto due palle così e rinunciato in meno di due puntate...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano: pensavo che un metal addicted cone te avrebbe gradito!

      Elimina
  4. la seconda stagione è ancora migliore ! :-)

    RispondiElimina
  5. Vikings è stupendo ed è un crescendo continuo: vedrai la terza stagione, è straordinaria!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conto molto sul crescendo di questa serie: spero di essere d'accordo con te! :)

      Elimina
  6. Serie meravigliosa, la prima stagione è una presentazione mentre dalla seconda decolla definitivamente. Un decollo col botto, ci sono alcune scene piuttosto cruente che mi ha davvero gasato a mille. Inoltre mi piace particolarmente la mitologia norrena quindi con me vincono davvero facile.
    La terza stagione invece mi ha un filo deluso, ma resta un grandissimo telefilm e man mano che lo recupererai avremo modo di parlarne. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto curioso di proseguire il viaggio con Ragnar e i suoi: ne riparleremo di sicuro. :)

      Elimina
  7. Mannaggiammé, non mi sono ancora decisa a vederla, anche perché ho sentito campane contrastanti a riguardo: chi inizialmente la anteponeva a GoT e chi la bottigliava selvaggiamente. Dato che qui non vedo cocci e anzi, sento odore di sabbia e di arene (ma quanto ci mancano?), devo proprio decidermi a recuperarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto a GoT secondo me è tutt'altro prodotto, e a me ha ricordato più il nostro indimenticato gladiatore. Recuperala.

      Elimina
  8. Persino sulle serie fordiane arrivi in clamoroso ritardo. Ma come si fa?

    A me le prime due stagioni sono piaciute parecchio. Con la terza però mi sono un po' stufato e per ora mi sono fermato. Chissà, forse mi sono reso conto che era una roba troppo fordiana per me. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente con i rudi vichinghi un pusillanime del tuo stampo c'entra poco e niente. ;)

      Elimina
  9. Alla superiori ero un patito di mitologia norrena (e di Black Sabbath) quindi non potevo che vedermi questa serie che... magari ha i suoi limiti, ma mi è davvero piaciuta molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero continui a piacermi così, e magari anche di più! :)

      Elimina
  10. Concordo, na bella bombetta. La seconda stagione poi e ancora più bella e contiene una grande puntata "Blood eagle" che ancora mi sogno la notte. La tanto bistrattata 3 stagione a me è piaciuta molto, anche se ammetto che in fase di scrittura mostra il fianco a qualche giusta recriminazione.
    Cmq ottima serie, e poi diciamolo vedere pagani che massacrano cristiani è sempre un piacere :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno, Fratello.
      Alle prime incursioni dei vichinghi in terra inglese me la sono proprio goduta! ;)

      Elimina
  11. Tantissima goduria anche per me in quelle scene, ogni volta mi veniva la voglia di andare a saccheggiare una chiesa. E la scena della "Blood Eagle" è leggenda! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto hype esagerato per questa Blood eagle!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...