domenica 26 luglio 2015

Dragon - La storia di Bruce Lee

Regia: Rob Cohen
Origine: USA
Anno: 1993
Durata:
120'





La trama (con parole mie): il giovane Bruce Lee, nato in Cina ma destinato ad una carriera e successi nel mondo delle arti marziali e del Cinema che uniranno idealmente Oriente ed Occidente, perseguitato da un demone e spedito in giovane età dal padre negli States seguito nella sua ascesa dai primi lavori come lavapiatti ad attore conosciuto in tutto il mondo.
Nel mezzo, la storia d'amore con la moglie Linda, la nascita del figlio Brandon, le sfide affrontate una dopo l'altra per dimostrare che i pregiudizi razziali, quelli rispetto alle sue velleità artistiche e le teorie profondamente all'avanguardia nella pratica della disciplina di combattimento, libri, partecipazioni a show televisivi ancora oggi noti ed una fama che ha finito per alimentare la Leggenda costruita sulle spalle di un uomo.
Realtà o fantasia, diceria o cronaca, Bruce Lee visto attraverso gli occhi di chi lo ha amato di più.









I primi ricordi che ho di Bruce Lee sono legati a mio nonno almeno quanto quelli del West.
Era il pieno degli anni ottanta, e per l'Italia ancora più lontana di oggi dall'idea cosmopolita che già si viveva, pur se con difficoltà, negli States, era curioso osservare un attore divenuto superstar internazionale figlio della cultura orientale, data ai tempi molto per scontata e legata a realtà decisamente comiche e quasi dispregiative - come se chiunque fosse nato ad Est dell'Europa fosse destinato a vita a lavorare come cameriere -, tanto quanto era agli inizi la divulgazione, soprattutto nella generazione di cui faccio parte, delle arti marziali, delle quali il mitico Bruce è stato icona e grandissimo interprete.
Quando, nei primi anni novanta, Hollywood si affidò al mestierante Rob Cohen - che da queste parti è noto per Daylight, tanto per rimanere in tema amarcord - ed al libro scritto dalla vedova del Maestro Linda Lee per raccontare - romanzandola non poco - la sua storia, dalle umili origini al successo, fino alla morte - discussa per anni, ed avvenuta in giovanissima età come quella del figlio Brandon, divenuto celebre con Il corvo -, ricordo che fui più che felice di potermi godere sul grande - e piccolo - schermo quello che era stato uno dei miei miti d'infanzia, e che prima o poi si guadagnerà una giusta retrospettiva qui al Saloon.
Oggi, a oltre vent'anni dalle prime visioni di questo lavoro e da quella registrazione su Italia Uno che io e mio fratello consumammo con decine e decine di passaggi sui nostri schermi, continuo a guardare con grande affetto a Dragon - La storia di Bruce Lee, che unisce elementi di cronaca del percorso che fece uno dei volti simbolo delle Arti Marziali sul grande e piccolo schermo e non solo - i successi al Cinema, la serie di Green Hornet, le circostanze misteriose della morte - ad altri sfruttati per alimentare la Leggenda di un vero e proprio personaggio di culto per milioni di appassionati in tutto il mondo - la lotta con il demone, le circostanze legate all'infortunio alla schiena, il rapporto con il Destino stesso - un pò come un altro grande classico del periodo che in casa Ford finisce per avere lo stesso credito, La bamba.
Senza dubbio il film è un prodotto decisamente standard, che obbedisce ai voleri delle grandi produzioni e punta più sull'emozione e la sensazione del momento che non a raccontare le gesta di uno dei più grandi innovatori non solo del Cinema di botte, ma dell'approccio allo spettacolo degli anni settanta, eppure, grazie anche ad un cast decisamente in parte - soprattutto per quanto riguarda Jason Scott Lee, che a dispetto del cognome non ha alcuna parentela con Bruce, ma che lo rispecchiò alla grande nelle movenze e nella fisicità - riesce ancora, ad ogni passaggio in televisione, a catturare la mia attenzione come se avessi ancora quattordici o quindici anni e fossi in dubbio se concentrarmi sul destino "romantico" di Bruce che affronta i suoi demoni, con la determinazione dell'uomo che lotta sempre e comunque perchè conscio di meritare il successo o più ormonalmente guidato verso le conquiste che lo sfacciato Lee indubbiamente fece - non ultima sua moglie - nel corso della vita.
Probabilmente, se lo vedeste ora per la prima volta - e la cosa più nota di Bruce Lee che potreste sfoderare è il suo primogenito, sfortunato protagonista del già citato The Crow - mi prendereste per pazzo, che si parli del voto o di questo post decisamente affettuoso, eppure il potere che di norma hanno i guilty pleasures della gioventù in questo caso cede anche il passo all'omaggio che Cohen ed i suoi riuscirono a costruire alla memoria di un vero e proprio mito, seppure fin troppo oltre la realtà dei fatti rispettoso dello spirito audace ed innovatore di quella che, indiscutibilmente, è stata una vera Leggenda.
Da una parte e dall'altra dello schermo.




MrFord




"I wanna hide the truth
I wanna shelter you
but with the beast inside
there’s nowhere we can hide."
Imagine Dragons - "Demons" - 




21 commenti:

  1. Non ti prendo per pazzo, assolutamente, anzi penso tu sia stato troppo severo col voto. :D Io avrei dato due bicchieri e mezzo. Non lo vedo da parecchi anni ma ne conservo un ottimo ricordo. Nonostante fossi un bambino la prima volta che lo vidi alcune scene mi colpirono particolarmente, una stretta al cuore quando si ritrova al cinema con la fidanzata a guardare un film che ironizza sui cinesi. Un personaggio davvero affascinante il suo, e nonostante il film sia stato parecchio romanzato, credo che il suo spirito innovatore e la sua determinazione nel contrastare l'autorità conservativa dei suoi maestri siano rimaste immutate e propriamente descritte nella pellicola.
    A tutto questo aggiungo il fatto che da piccolo, avrò avuto 7 o 8 anni, ho letteralmente consumato il videogioco ispirato a questo film per la console Nintendo Super o Snes. Abbiamo in comune anche la visione condivisa col fratello, maggiore nel mio caso. Insomma, troppi troppi bei ricordi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello questo racconto.
      Potrebbe starci in un post.
      Scrivine anche tu, di questo Dragon.

      Elimina
  2. Visto solo una volta,tanto tempo fa,ricordo che anch'io avevo appprezzato l'interpretazione di J.S. Lee!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lee bravissimo, ha reso alla grande il personaggio.

      Elimina
  3. Ottimo articolo, grazie! Vorrei chiedere a qualcuno se sa qualcosa di SES Astra. Secondo questo articolo ci sono 350 canali gratuiti, di cui 40 in HD e serve soltanto una parabola da 60 cm... http://www.dday.it/redazione/16988/astra-orizzonte-aperto-su-centinaia-di-canali-tv-gratuiti-via-satellite

    RispondiElimina
  4. Da piccolo impazzivo per i film di Bruce Lee che imperversavano soprattutto nelle reti private.
    Dragon a me è sempre piaciuto molto, certo adesso è un botto di tempo che non lo vedo in Tv, ma devo dire di non aver bisogno di rivederlo poiché quando qualcosa mi piace molto, mi resta in testa per tantissimo tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace sempre rivederlo, quando lo trovo in tv.
      Prima o poi dovrò decidermi a comprare il dvd.

      Elimina
  5. Un bel film, visto tante volte...una storia di forza di volontà mai vista ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, Bruce era tutto forza di volontà.

      Elimina
  6. Ricordo che conobbi Bruce Lee con Dragon...
    Ero ancora un bambino... Lo ricordo come un film malinconico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malinconico, é vero.
      Ma molto emozionante.

      Elimina
  7. Antologico e romanzato, in realtà la vita di Bruce Lee è stata ancora più epica ed esaltante, ma in generale, resta un buon film per avvicinarsi a quello che io considero uno degli essere umani più unici e straordinari che abbiano mai messo piede su questo gnocco minerale, alla fine si lascia guardare ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante, Bara.
      Sei illuminato quanto il grande Bruce.

      Elimina
  8. La bamba sì che è un classico.
    Questo mi faceva sanguinare gli occhi soltanto a vedere la pubblicità su Italia 1... :)

    E comunque Rob Cohen è il regista del primo e nettamente migliore Fast and Furious.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A prescindere dal fatto che il F&F migliore sia l'ultimo, se ci fosse una giustizia cinematografica il buon Bruce dovrebbe farti sanguinare gli occhi a suon di botte! ;)

      Elimina
  9. Da piccolo l'avrò visto un miliardo di volte, dato che Italia1 lo replicava almeno due volte l'anno XD però non ho mai replicato una visione da 'maturo', quindi non saprei darci un giudizio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me l'apprezzeresti.
      Se non altro per affetto.

      Elimina
  10. Ottimo articolo, grazie! Vorrei chiedere a qualcuno se sa qualcosa di SES Astra. Secondo questo articolo ci sono 350 canali gratuiti, di cui 40 in HD e serve soltanto una parabola da 60 cm... http://www.dday.it/redazione/16988/astra-orizzonte-aperto-su-centinaia-di-canali-tv-gratuiti-via-satellite

    RispondiElimina
  11. Anche io sono legato a questo film ma sono più legato a Bruce e questa pellicola è ovviamente troppo semplicistica per rappresentarlo al meglio. Ma ci sono affezionato comunque

    RispondiElimina
  12. Bruce leggenda.
    Ma a questo film si vuole comunque un gran bene.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...