giovedì 29 marzo 2012

L'altra faccia del diavolo

 Regia: William Brent Bell
Origine: Usa
Anno: 2012
Durata: 83'


La trama (con parole mie): Maria Rossi, una gentile signora con un cuore grande così, nel pieno degli anni ottanta decide di lanciarsi nella sua personale versione de L'esorcista e fa fuori i rappresentanti della Chiesa giunti a salvarla dal Demonio o chi per lui, prima di essere rinchiusa in un manicomio a Roma.
Quasi un ventennio dopo la figlia Isabella, curiosa di scoprire se davvero dietro le azioni della madre si celi una possessione demoniaca, decide di girare un documentario che la segua nel corso del suo viaggio in Italia ed il tentativo di salvare la stessa genitrice orchestrato da due esorcisti conosciuti ad un corso di specializzazione gentilmente offerto dal Vaticano.
Le cose non andranno proprio a gonfie vele.
In fondo, la giovane donna non può saperne una più del Diavolo.




Occorre ammetterlo: tutte le questioni riguardanti l'aldilà, che siano frutto di rapimenti alieni, possessioni demoniache o presunte tali, affascinano sempre noi poveri stronzi abituati a camminare sulla Terra e ben consapevoli che probabilmente il tutto non sia originato se non da massicce dosi di suggestioni, deliri e superstizioni, e che la realtà, per quanto enorme e ancora quasi interamente da scoprire non riservi nulla che trascenda il grande ciclo della vita e della morte regolato dalla Natura.
Immagino che questa a tratti insana fascinazione sia legata alla necessità di credere che tutto non sia soltanto qui, e che esista un "dopo" che ci permetta di darci un pò di tempo più di quello che abbiamo: dal punto di vista cinematografico, dato che la questione della Fede tira fino ad un certo punto - e posso capirlo -, spesso e volentieri ci si è concentrati sulla materia opposta, ovvero sul ruolo che il Diavolo - imprevedibile e zuzzurellone antagonista del Capo - potrebbe avere nelle povere e scombinate esistenze di noi mortali.
Dai tempi de L'esorcista - un prodotto con i controfiocchi ancora in grado di inquietare - e Rosemary's baby - uno dei vertici del Cinema di Polanski -, la qualità dei titoli legati all'argomento è drasticamente calata, passando dal gigionismo de L'avvocato del diavolo - comunque ancora passabile - per finire a sottoprodotti come Paranormal activity e questo L'altra faccia del diavolo, decisamente al di sotto della soglia di guardia minima che dovrebbero mantenere le sale in tutto il mondo.
Certo, come può testimoniare anche Julez, colpita da sonno fulminante nel corso della visione, la mia definizione di "mezza merdina" utilizzata per il riassunto del "day after" non condanna in toto il lavoro di William Brent Bell, sicuramente uno dei più brutti film di questo 2012, principalmente perchè a proposito dello stesso non avevo alcuna aspettativa superiore rispetto a quello che, alla fine, si è rivelato essere: un raffazzonato collage dal montaggio pessimo poggiato su uno script degno di un telefilm tedesco e tutto giocato sull'ormai rischiosissimo format del mockumentary, che dagli anni novanta in poi è riuscito a regalare al pubblico una serie di schifezze monumentali da record alternate solo di tanto in tanto da pellicole effettivamente meritevoli - come fu per l'ottimo The Troll hunter -.
Se non altro, la brevissima durata e gli innocui e completamente amatoriali tentativi di stupire e spaventare il pubblico rendono la visione certamente rapida e quasi indolore, di quelle giuste per una serata a zero neuroni o per una sbronza pesante utile a dimenticare una giornata eccessivamente pesante, in qualsiasi ambito sia.
Peccato, invece, per il fascino del Diavolo - che certamente resta uno dei cardini più interessanti dell'horror -, ultimamente a rischio di estinzione neanche fosse una specie protetta, continuamente bistrattato da registi che dovrebbero stare inequivocabilmente lontani dalla macchina da presa: resto convinto che, in questi anni zero, le espressioni più agghiaccianti di un potenziale ruolo del "Maligno" siano senza dubbio quelle di Elephant o Capturing the Friedmans, o gli scenari più agghiaccianti mostrati da documentari come Workingman's death o L'incubo di Darwin.
Peccato che, a ben vedere, tutto il peggio e l'Orrore - per dirla come Coppola - presenti da queste parti non abbiano davvero nulla di sovrannaturale, ma siano di fatto il ritratto della creatura più pericolosa al momento in giro sulla Terra.
Avete indovinato: siamo proprio noi.


MrFord


"The devil inside
the devil inside
every single one of us
the devil inside
the devil inside
the devil inside
every single one of us
the devil inside."
Inxs - "Devil inside" -


 

47 commenti:

  1. Io dopo il trailer gli avrei dato il bicchiere vuoto, per non sprecare alcolici, con quello che costano al giorno d'oggi!
    Più che una visione a zero neuroni mi sembra una di quelle da sottofondo mentre stiro, al posto del telegiornale che dice sempre le stesse cose, qui almeno hanno cambiato i nomi rispetto ad altri film simili ;)
    ps. L'avvocato del diavolo rientra nel genere diabolico? non l'avevo capito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elle, il vuoto delle bottigliate è per le delusioni. Questo non poteva andare contro le già bassissime aspettative.
      Perfetto per la stirata, direi.

      Per quanto riguarda L'avvocato del diavolo, direi di sì. In fondo, sempre del vecchio Lucifero si tratta!

      Elimina
  2. l'ottimo troll hunter???????????
    ma per carità!!!!!!!!!!!!!!
    qualcuno esorcizzi ford, per favore!
    :D

    comunque non avevi detto che questo film non l'avresti visto nemmeno sotto tortura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cannibale, ti esorcizzo io a suon di bottigliate: spirito, esci da questa blogosfera! Ahahahahah!

      Vero, l'avevo detto. Ma l'altro giorno ho avuto una giornata piuttosto pesante, così mi sono detto: vedere una schifezza ti fortificherà. ;)

      Elimina
  3. Irriverent Escapade29 marzo 2012 11:28

    Solidarietà a Julez (tienila stretta, ti ama una cifra se vede con te certe porcate) ma un po' anche a te che ti sacrifichi per mettere in guardia i malcapitati che pensavano di spendere qualche dindino per andare a vedere una tale ciofeca. A tempi migliori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent, a me i film horror piacciono da morire (in realtà di solito quando la scelta del film serale tocca a me, se ne è disponibile uno nel Lacie, è presto fatta... HORROR), però questo, nonostante le urla e i rumori prevedibilissimi (ma non per questo non salto sul divano), mi ha fatto proprio dormire...
      Non c'era niente di nuovo. Croci rovesciate, lingue straniere... Almeno in Emily Rose c'era il contorsionismo della nostra amata Debra Morgan!

      Elimina
    2. Irriverent, più che altro solidarietà a me, perchè lei si è addormentata al decimo minuto! ;)

      Julez, speriamo che i prossimi horror siano meglio sia di questo che di Emily Rose, che Debra Morgan a parte non mi pareva certo memorabile! Rivoglio cose come The descent o Radice quadrata di tre! :)

      Elimina
    3. Irriverent Escapade29 marzo 2012 14:07

      Ohibo' fra Rambo e Horrror: siete un abbinamento esplosivo, in fatto di preferenze cinematografiche per me che li sopporto male entrambi. Rinnovo pero' la simpatia per voi.Vorra' dire che ci incontreremo davanti ad un film francese. Non Radical Chic...¢a va sens dire :-)

      Elimina
    4. Irriverent, io guardo praticamente di tutto. Pure le cose radical chic che poi bottiglio selvaggiamente.
      Julez, invece, a fronte di un film che non gradisce attua la fruttuosa tecnica del sonno. :)
      Comunque, di fronte ad una visione di gruppo casa Ford non si tira mai indietro!

      Elimina
    5. Irriverent Escapade29 marzo 2012 20:22

      Va Beeeene, porto la mia piccola Belva che non tace un secondo, commenta e spiega tutto quello che sta succedendo...una esperienza da fare. Aha ah ah. Neanche Julez potrebbe addormentarsi!!

      Elimina
    6. Irriverent, mi pare un'esperienza da provare.
      Ma il film chi lo sceglie!?!?

      Elimina
    7. Irriverent Escapade30 marzo 2012 09:25

      Referendum popolare?

      Elimina
    8. Ahahah posso anche sceglierlo io, come la vedi!?

      Elimina
    9. Irriverent Escapade31 marzo 2012 09:47

      Io mi fido...ma poi commento, eh!

      Elimina
    10. Tranquilla, sono pronto a qualsiasi commento! Del resto, sono abituato alle "critiche" di Julez! :)

      Elimina
    11. Irriverent Escapade31 marzo 2012 12:21

      Ah ah...ma non c'e' limite al peggio
      Fidati

      Elimina
    12. Io mi fido, ma fidati anche tu! :)

      Elimina
  4. Mmmhh, mi sa che non ho più voglia di vederlo, e dire che prima di leggere in giro critiche molto negative, volevo vederlo a tutti i costi, ma lì è il potere del marketing...
    Troll Hunter super bomba, l'altro giorno mi son preso il dvd!

    Questo week siamo presissimi con cene e compleanni di nonni, ma la week prox siamo belli tranquilli. Magari faccio io un salto una sera a trovarti o quando sei a casa di riposo ti piombo lì per tirare due pugni al sacco.
    Rinforza i sostegni...
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, è proprio una cagatina. Ci sta in una serata in cui si è sbronzi secchi, giusto per farsi due risate. :)

      Troll hunter mitico, io l'ho preso in bluray!

      Quando vuoi venire a trovarmi basta che mi scrivi, sai che sei sempre il benvenuto: così si scazzotta un pò!
      Tra l'altro, tu hai Sky? Perchè se sì, martedì ci autoinviterei da voi per vedere il ritorno di Milan-Barcellona! :)

      Elimina
    2. Sì, ho sky, ma non ho il calcio... Però la posso comprare e ce la spariamo insieme!
      Ieri io ero a San Siro, figata totale, ma per entrare abbiamo dovuto fare una zanzata che a momenti prendevo un fracco di botte...
      Però LOL, ne è valsa la pena, Messi anche se non ha fatto granchè, è veramente oltre.

      Elimina
    3. Fratello, alla grande.
      Ci sto.
      Così ci vediamo martedì, ci spariamo la partita, speriamo che il Milan passi nonostante Messi, tu mi racconti di ieri e ci scappa magari anche una bevuta. :)

      Elimina
  5. Così alla fine è toccato anche a te L'altra faccia del Diavolo!!

    Beh dai, io mi sono fatta anche quattro risate, soprattutto davanti alle performance del pretino ciccio (che peraltro, tra tutti, era quello che recitava meglio assieme a Maria Rossi). Quando vorrò farmi male male male lo riguarderò in lingua originale, pare faccia anche più ridere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pretino ciccio è clamorosamente gay, pare quasi uscito da Modern family!
      Io non credo lo riguarderò, ma comunque non mi ha fatto neanche incazzare: sapevo sarebbe stato poca roba. :)

      Elimina
  6. Mi sa proprio di cacata, vedo che confermi!

    RispondiElimina
  7. All'inizio 'sto film mi incuriosiva e mi son detto "magari un'occhiata gliela dò giusto per".. poi vedendo i suoi 83 minuti di cui 9 di titoli di coda mi è completamente passata la voglia, non so perché.. potrebbe anche essere un punto a favore dato che meno dura e meglio è ma si è molto allontanato da me.. e poi all'uscita della sala ho sentito una miriade di bimbiminkia che inneggiavano al capolavoro quindi la voglia è scesa del tutto..

    D'accordo con te su Troll Hunter, ottimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pio, Troll hunter è una ficata, solo il Cannibale che non capisce nulla di Cinema continua a dargli contro! Ahahahahah!

      Per quanto riguarda questo, sinceramente puoi tranquillamente farne a meno: ci sono horror anche scarsi decisamente migliori in giro, per non parlare dei Classici!

      Elimina
  8. si decisamente concordo in pieno con la recensione, e scusate l'eufemismo sto film è na porcata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arwen, tranquilla. Qui puoi usare tutti gli eufemismi che vuoi!

      Elimina
  9. Io gli ho dato un 3,5 su 10, proprio per essere un angioletto:)
    Il problema principale è che manca di originalità non introducendo nessun nuovo elemento, nè sulla storia, nè dal punto di vista tecnico. Un film inutile e breve...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Affari, inutile è proprio l'aggettivo perfetto per questo film. :)

      Elimina
  10. Io penso alla Julez. Quella povera donna della Julez...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cyb, guarda che di solito è lei che spinge per gli horror.
      Poi, certo, nove su dieci fanno cagare.
      E lei si addormenta beata. :)

      Elimina
  11. Non fai altro che confermare le mie prime impressioni durante la visione del trailer, bene bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesa, impressioni confermatissime.
      Puoi risparmiartelo felicemente. :)

      Elimina
  12. Meno male. Non ti stavo più dietro con i bei film... tra un po' andavo in depressione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha tranquillo, le schifezze sono sempre in agguato! :)

      Elimina
  13. già puzzava quel fatto che il Vaticano non lo voleva far vedere( che poi leggendo pare che al Vaticano questo film non se lo sono inc..ehm filati proprio).Se poi dura 74 minuti al netto dei titoli di coda e fa pure addormentare....Eppure con queste porcate girate con due lire(budget di un milione di verdono se non ho letto male) continuano a incassare ben oltre il costo.E ci credo che continuano a farci fotocopie.Ci guadagnano lo stesso.La colpa è di chi li va a vedere al cinema non la loro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, è sicuramente vero.
      Il fatto è che queste produzioni si concentrano sullo spettatore occasionale, i gruppi che nel week end entrano nel multisala scegliendo praticamente alla cieca.
      Onestamente, se mi dessero un milione di soldoni, forse farei lo stesso anche io. ;)

      Elimina
  14. Prima di tutto ti ringrazio per avermi ricordato che è da un casino che voglio vedere Workingman's death, solo che alla fine me lo dimentico sempre...
    L'altra faccia del Diavolo invece mi sa che non lo vedrò mai, e comunque non da sobrio. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimista, Workingman's death è una bomba.
      Per quanto riguarda questo, ricordati di fare scorta di Pastis, prima di vederlo! :)

      Elimina
  15. Questi film hanno ucciso il mokumentary. Ormai chiunque si mette lì e gira due scene due per cercare di calvalvare l'onda. Se poi sono noiosi come dici tu c'è da chiedersi come facciano a guadagnare milioni di dollari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, a uccidere il mockumentary - e non solo - sono i geni del marketing dietro le campagne pubblicitarie di questa roba. In realtà sono loro, a far guadagnare tutti i milioni di dollari a queste pellicole! :)

      Elimina
  16. Bella riflessione, davvero.
    Il film l'ho visto, un po' per il dimognio, un po' per il mockumentary, e sì, "mezza merdina" rende a pieno l'idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ester, a me invece piace un sacco il tuo "dimognio".
      Peccato che il film non gli renda giustizia! :)

      Elimina
  17. Ne ho parlato proprio oggi sul mio blog se vuoi poi gli dai un occhiata ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto e commentato.
      Il film, direi, si commenta da solo! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...