domenica 4 marzo 2012

Echi mortali

Regia: David Koepp
Origine: Usa
Anno: 1999
Durata: 99'



La trama (con parole mie): Tom Witzky, un operaio quarantenne con ambizioni musicali mai realizzate, si è appena trasferito in un nuovo quartiere di Chicago con la moglie incinta Maggie ed il figlioletto Jake.
Ad una festa per conoscere i vicini viene ipnotizzato dalla cognata, rivelandosi particolarmente ricettivo a pratiche di questo genere.
L'avvenimento "apre le porte della percezione" dell'uomo, che comincia ad avere inquietanti visioni legate ad un omicidio che sarebbe avvenuto proprio nella loro nuova casa: la ragazza che le popola - e che lo stesso Tom scopre essere in contatto anche con il figlio - pare intenzionata a fare di tutto affinchè venga fatta luce su quello che le è capitato.
Peccato che i segreti che i Wizky porteranno alla luce del sole - in tutti i sensi - potrebbero costare loro la vita.



Ci sono alcuni titoli che, pur essendo ben lontani dall'originalità sfrenata e privi del guizzo che possa far superare la linea di demarcazione tra un'opera "di passaggio" ed una destinata a colpire gli spettatori nel profondo, risultano assolutamente godibili ed onesti, in grado di regalare il giusto intrattenimento nelle serate prive di novità appena uscite o qualche scommessa autoriale più o meno nota: Echi mortali è un esempio perfetto della categoria.
Scritta e diretta dal mestierante David Koepp - regista del recente Ghost town e sceneggiatore di pellicole come Spider Man, Jurassic Park, Carlito's way, Omicidio in diretta ed il primo Mission impossible - ed ispirata da un romanzo del grande Richard Matheson - autore di Io sono leggenda, quella meraviglia letteraria  deturpata non troppi anni fa dall'agghiacciante film con protagonista Will Smith -, questa pellicola si presenta come un funzionale thriller legato al sovrannaturale nello stile de Il sesto senso, privo di velleità particolarmente autoriali - nonostante le visioni di Tom, girate sei fotogrammi al secondo, risultino tutto sommato interessanti - eppure pane e salame al punto giusto per regalare un paio di momenti di buona tensione ed una serata da relax e divano in casa Ford, dove non ci si tira mai indietro rispetto ad una visione potenzialmente spaventosa - anche se non è questo il caso - con qualche morto ammazzato di mezzo.
La morale è molto simile a quella dell'esordio di Shyamalan - con la realtà che finisce per fare una figura pessima rispetto all'altro mondo -, le riflessioni - pur se non alte - si fanno sentire ed il cast - escluso Kevin Bacon, privo si superstar e costituito principalmente da caratteristi visti spesso e volentieri nell'ambito del Cinema Usa - funziona: nulla che faccia gridare al miracolo, dunque, ma certamente una visione da riscoprire rispetto a prodotti simili e certamente meno interessanti - per non dire schifezze abominevoli - che spesso e volentieri intasano le sale.
Gli echi di Shining e di Poltergeist si fanno sentire, così come la pesante eredità dei "bambini spaventosi" nel Cinema: certo, il Capolavoro di Kubrick e l'ottimo lavoro di Tobe Hooper - da non confondere con il Tom Hooper del soporifero Il discorso del re - sono di tutt'altra caratura, e Koepp - che, questo bisogna riconoscerlo, lo sa bene e non fa nulla per nasconderlo - si avvicina più all'appena guardabile Insidious, specie nella gestione del rapporto tra padre e figlio, eppure tutto funziona e i cento minuti scarsi scorrono agevolmente, senza insinuare il dubbio che si sia sprecato il tempo della visione.
Direi che, calato il sipario, questo è già molto di quello che potremmo chiedere ad un Cinema completamente d'intrattenimento come questo.


MrFord


"Strangers passing in the street
by chance two separate glances meet
and I am you and what I see is me
and do I take you by the hand
and lead you through the land
and help me understand the best I can."
Pink Floyd - "Echoes" -

20 commenti:

  1. Certo che "Paint It Black" ci sta proprio bene nel trailer. ma è anche nella colonna sonora del film immagino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Skull, Paint it black sta bene sempre e comunque. :)

      Elimina
  2. eh sì, decisamente superiore rispetto ad altri prodotti simili e copie di shymalan tipo... hereafter ahahahah :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cannibale, parli più tu di Hereafter di quanto non faccia io. Non è che non sei stato sincero nel tuo giudizio in merito!??! ;)

      Elimina
  3. Mmm a me Kevin Bacon è sempre piaciuto :P
    Comunque sembra un film molto interessante. Segno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kevin Bacon a parte, è un buon intrattenimento. Se ti capita in tv non perderlo!

      Elimina
    2. Ahahaha, tu non ci crederai, ma mi sono appena ricordata che Echi mortali l'ho già visto...e m'era anche piaciuto parecchio! Ahi, quanto sto rinco! :P

      Elimina
    3. Tranquilla, Melinda. E' l'età che avanza.
      Per noi residuati degli anni ottanta comincia ad essere così.

      Elimina
  4. Ricordo di averlo visto anni fa e ricordo che non era da buttar via. E sì, hai ragione, Io Sono Leggenda di Matheson è bello bello in modo assurdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ester, concordo in pieno: Io sono leggenda è bello bello in modo assurdo. E basta.

      Elimina
  5. Completamente d'accordo con il tuo giudizio, quando l'avevo visto mi aveva regalato una serata piacevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Firma, siamo sulla stessa linea di pensiero.

      Elimina
  6. Questo è un film da serata no, nel senso che è un buon intrattenimento da guardare in serate in cui non c'è niente da vedere. Il meglio è Bacon, un attore purtroppo sottovalutato da Hollywood.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, vero.
      Koepp è un discreto mestierante, e Bacon, come al solito, convince. Un intrattenimento come dovrebbero passarne più spesso in tv.

      Elimina
  7. Sono d'accordo. Non lo vedo da tanto ma mi ricordo che mi ero divertito molto.
    Comunque mi sa che sono uno dei pochi a cui Insidious ha fatto davvero paura! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimista, tranquillo: quando c'è da aver paura, il Cannibale non lo batte nessuno! Ahahahahahahh!

      Elimina
  8. pure io me lo ricordo positivamente e comunque superiore a molti suoi simili. poi la matrice matheson si sente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, Matheson spacca. Tranne quando sputtanano i suoi libri geniali tramutandoli in sceneggiature ridicole cucite addosso a Will Smith. ;)

      Elimina
  9. Da ragazzina avevo letto il libro, Io sono Helen Driscoll, che avevo trovato davvero inquietante e mi aveva regalato parecchi incubi.
    Questo Echi mortali non lo ricordo, visto troppo tempo fa e malamente tagliato in TV. Buono solo per Kevin Bacon, mi sa, che è sempre un bel vedere :PP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babol, se ti capita ripescalo.
      Non è affatto male.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...