mercoledì 28 marzo 2012

Cosa piove dal cielo?

Regia: Sebastian Borensztein
Origine: Argentina
Anno: 2011
Durata: 93'



La trama (con parole mie):  Roberto, un metodico e solitario ferramenta di Buenos Aires che vive nel ricordo della madre morta e colleziona notizie ai limiti dell'assurdo ritagliate dalle cronache dei giornali incontra per caso Jun, un giovane immigrato cinese giunto in Argentina dopo la morte grottesca della sua fidanzata - schiacciata da una mucca precipitata dal cielo - alla ricerca dello zio, finendo per vedere la sua routine stravolta da questo nuovo ingresso nella sua vita.
Tra i due nascerà una gestuale amicizia in grado di lasciare un segno profondo nelle scelte e nel futuro di entrambi, passato attraverso un poliziotto di dubbia morale, un amore negato ed un futuro in un Paese di cui non si conosce nulla, neppure la lingua.




Ringrazio il Cinema che a volte, sulla strada lastricata di tamarrate, visioni che passano e vanno e film d'autore più o meno validi, si permetta a noi pellegrini della settima arte di incrociare il cammino con pellicole come questa.
Cosa piove dal cielo?, vincitore all'ultimo Festival di Roma, è uno di quei film che potrebbe apparire - e io stesso quasi ci cascai, ai tempi delle anticipazioni sulle uscite in collaborazione con il Cannibale - come radical chic estremo da saletta d'essai e che, al contrario, risulta pienamente pane e salame, nonchè onesto, diretto e confortante come una coperta di Linus trasformata in fotogrammi: la vicenda di Roberto e Jun, ambientata in una Buenos Aires fattasi piccola piccola, e giocata tutta sulla semplicità del microscopico malgrado i suoi orizzonti si allarghino all'universalità del macroscopico, risulta essere una delle più appassionanti storie di amicizia che gli ultimi mesi abbiano offerto agli schermi di casa Ford, ironica e leggera quanto profondamente drammatica nell'analizzare due delle più importanti tematiche della società attuale, l'immigrazione e la solitudine.
La prima, trasmessa all'audience dal giovane Jun, esule in terra straniera, incapace di parlare una sola parola di spagnolo, sfrutta il lato comico e grottesco dell'incomunicabilità per raccontarne il dramma, senza mai cedere un istante alla facile retorica legata al sociale e all'alternativismo di prendere a priori le parti di qualcuno che non si prenderebbe, nella realtà, mai sotto il proprio tetto.
Esattamente il contrario di quello che fa Roberto, che ha vissuto tutta la vita onorando una madre che non ha mai conosciuto spinto dal senso di colpa legato alla perdita del padre - ottimo il flashback che rivelerà la sua storia -, e proprio come lui spegne la luce ogni sera alle ventitre in punto, senza sgarrare di un solo secondo.
Roberto che ha origini italiane, e da una pagina de L'Unità ha iniziato la sua raccolta di storie assurde, quasi una prova che l'esistenza non sia altro se non una burla del Destino rispetto alla quale siamo tutti pedine sacrificabili.
Eppure, nonostante questo, lui continua a lottare: lotta nel mandare dove meritano - affanculo - clienti poco sopportabili e fornitori furbetti del suo negozio di ferramenta, nell'accogliere Jun a casa sua, e con l'ospite quella nobiltà d'animo che tanto gli decanta la spasimante Mari, nel colpire un poliziotto limitato e prepotente dove fa più male, nell'accettare che la stessa Mari continuerà ad amarlo proprio per l'uomo che è, e non per quello che potrebbe essere.
Il lavoro di Borensztein e la genuina, straordinaria umanità dei suoi protagonisti rende Cosa piove dal cielo? un film "contro" efficace come raramente se ne riescono a trovare, portatore di quella forza di cui noi che come Roberto e Jun viviamo negli angoli nascosti delle grandi città - e dell'esistenza - avremmo bisogno ogni giorno per fronteggiare l'isolamento e la solitudine, l'incomprensione dei Poteri e quella della burocrazia - esemplare la sequenza della disavventura di Roberto all'Ambasciata cinese -.
Il tutto portando la settima arte ad una dimensione più umana, lenta e "piccola" anche se solo nelle apparenze, perchè in grado, nei "porca puttana" di questo eroico ferramenta e nei silenziosi disegni del suo timido apprendista, di affrontare le domande che neppure il Cinema "alto" osa fronteggiare senza alcun trucco, divenendo così a tutti gli effetti una sorta di nuovi Don Chisciotte e Sancho Panza del grande schermo.
Avercene, di combattenti così.
Rudi, solitari e nobili.
Fragili, spauriti e indifesi.
Ognuno con una sensibilità che completa quella dell'altro.
Avercene, e soprattutto, trovare il nostro ideale, che sia dall'una o dall'altra parte.
Così sapremmo scovare sempre il coraggio di portare fino in fondo ogni nostra piccola rivoluzione.


MrFord


"Don't know what's comin' tomorrow,
maybe it's trouble and sorrow;
but we'll travel the road, sharin' our load,
side by side."
Ray Charles - "Side by side" -


26 commenti:

  1. Ottimo, già mi ispirava, ma dopo avere letto la tua recensione SO che dovrò recuperarlo!
    Alla faccia dei pregiudizi radical - chic :PP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babol, alla facciazza dei radical chic come il Cannibale, recuperalo! :)

      Elimina
  2. oh, finalmente non siamo d'accordo!
    l'ho trovato un filmetto inutile e prevedibilissimo, oltre che registicamente irrilevante. ma ne parlerò presto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente!
      Cominciavo ad avere paura che avessi iniziato ad intendertene di Cinema! Ahahahahahahahahh!

      Elimina
  3. Wow, sembra meritare, ne avevo letto da qualche parte e già mi aveva incuriosito, ma ora dopo la tua rece lo voglio assolutamente vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratellino, merita eccome.
      E' un film dei nostri, un pò da Hap e Leonard. Ma senza ammazzamenti.
      Quando ci si vede?

      Elimina
  4. io l'ho trovato molto piacevole ma anche piuttosto esilino però vedere film come questo ti fa sentire meglio, ti fa apprezzare le cose che hai e che detesti ogni minuto della giornata.Vogliamo parlare del titolo italiano di un'idiozia irrimediabile? A questo punto era meglio Piovono mucche 2 (visto che il primo già c'è...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, tralasciando la spinosa questione sui titoli italiani - ormai ci ho messo una pietra sopra -, ti dirò: avercene, di film esilini così! :)

      Elimina
    2. Ce ne vorrebbe almeno uno al giorno:sarebbe un'ottima terapia!comunque ti ho messo nei miei link di amici di cinema e d'altro, ormai sei diventato un appuntamento quotidiano!

      Elimina
    3. Bradipo, concordo!
      Ti inserisco anche io, sei stato un'ottima scoperta!

      Elimina
  5. Bene, questo è in programmazione, non ho nemmeno da fare i salti mortali per recuperarlo!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elle, conviene che tu faccia un salto al volo a vederlo, prima che lo tolgano! :)

      Elimina
  6. Ultimamente non mi sbagli un colpo... Il trailer fa venire voglia di vederlo e la recensione pure. In ogni caso sembra sufficientemente leggero per i due miei neuroni superstiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, secondo me potrebbe piacerti molto.
      Mi pare sia un film giusto per quelli del nostro stampo.

      Elimina
  7. Contento che ti sia piaciuto, e meno male che il pregiudizio non ha avuto il sopravvento ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, mi è piaciuto davvero molto. Film così fanno benissimo.

      Elimina
  8. Irriverent Escapade28 marzo 2012 15:19

    L'ho visto da radical chic o da frequentatore di cinema Xrated: al mattino. Una piccola delizia. Ho trovato meraviglioso il personaggio di Roberto straordinariamente simile al mio ferramenta, quando mi tratta con sufficienza facendomi sentire una bricoleuse di infima categoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent, bricoleuse è davvero radical chic. :)
      Io sono più Betelgeuse, che è decisamente più pane e salame.
      Comunque questo film mette d'accordo tutti.

      Elimina
    2. Irriverent Escapade28 marzo 2012 19:34

      Nooooooooooo IO ODIO I RADICAL CHIC!!

      Elimina
  9. Ne avevo già sentito parlar bene, ma dopo questo post... wow! Devo correre a vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ester, secondo me ne vale proprio la pena.
      Aspetto la tua recensione!

      Elimina
  10. Con la tua recensione mi hai convinto...se avrò modo lo guarderò ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so per quanto resterà in sala, ma un modo si trova sempre!

      Elimina
  11. tutti ne parlano, nel bene e nel male... lo vedrò prestissimo!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorant, secondo me può piacerti.
      E' una cosa pane e salame per noi burberi lupi di mare, mica per quella fighetta del Cannibale! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...