lunedì 20 luglio 2015

Kung Fury

Regia: David Sandberg
Origine: Svezia
Anno: 2015
Durata: 31'




La trama (con parole mie): siamo nel millenovecentoottantacinque a Miami, e Kung Fury, il più tosto poliziotto della città, investito nel giorno della drammatica morte del suo partner dai poteri dell'eletto e divenuto il depositario della grandezza della disciplina ed il più grande combattente di arti marziali del mondo, è abituato a sgominare criminali e videogiochi impazziti come se niente fosse, ed alla velocità della luce.
Quando, dagli abissi del tempo, giunge la minaccia di un altro grande esperto di combattimento, Adolf Hitler ribattezzatosi Kung Fuhrer, le cose si complicano: deciso ad eliminare il leader della Germania nazista tornando indietro ai tempi della Seconda Guerra Mondiale aiutato da Hackerman, Kung Fury si ritroverà sbalzato all'epoca degli antichi vichinghi, ed aiutato da due amazzoni, un dinosauro parlante e Thor, dovrà viaggiare fino all'epoca giusta e sgominare la minaccia di Hitler.
Ma sarà davvero così semplice? 







Pensavo che, con il recente The Guest, o con l'indimenticabile primo capitolo di Sharknado, la settima arte avesse regalato al suo pubblico addirittura più di quanto non fece con Drive una definizione perfetta del termine instant cult: evidentemente la perfezione del Cinema, in questo senso, non ha fine, perchè dalla Svezia a sconvolgere ogni spettatore è giunto per direttissima David Sandberg, sceneggiatore, regista e protagonista di quella che, al momento, è la chicca totale dell'anno, Kung Fury.
Al suo esordio - e che esordio con i controcazzi, seppur con un cortometraggio -, Sandberg porta sullo schermo un cocktail assolutamente perfetto di fascino ed amarcord anni ottanta, arti marziali, botte da orbi, teste esplose, dinosauri, guerriere vichinghe, divinità norrene, una lotta al Male identificato con Hitler degna del Tarantino di Bastardi senza gloria, una colonna sonora strepitosa trainata dal meraviglioso True survivor cantato da David Hasselhoff, richiami a videogiochi che hanno fatto la storia di un decennio che ancora oggi è una miniera inesauribile di chicche ed ispirazioni - da Double Dragon a qualsiasi platform a scorrimento da combattimento del periodo - e tutto quello che potreste immaginare fosse possibile inserire in trentun minuti che sono una goduria senza controllo per occhi, cuore e cervello.
Diventato già un fenomeno anche in rete - potete trovarlo nella sua versione integrale sottotitolata anche su Youtube -, Kung Fury diventa senza se e senza ma uno dei titoli dell'anno, esempio perfetto di come si possa realizzare un'opera originale, divertente, fresca ed irriverente pur partendo, di fatto, da atmosfere ed influenze che soprattutto noi che nel corso degli eighties siamo cresciuti e ci siamo formati come spettatori riconosceremo come se fossimo di colpo saltati su una Delorean per viaggiare indietro nel tempo.
Un "ritorno al passato" che Sandberg gestisce alla grandissima, e che regala emozioni, risate, momenti da neuroni zero, altri di affettuosa malinconia, ed altri ancora di hype incontrollato all'idea di vedere il giovane svedese alla prova più grande che si potrebbe chiedere ad un talento appena esploso, nella speranza che non tradisca le aspettative: una produzione adeguata per un lungometraggio vero e proprio, magari ispirato alle gesta del già mitico Kung Fury, charachter che si contenderà con Furiosa il premio di personaggio dell'anno.
Come se non bastasse, la grande ironia e lo spirito profondamente goliardico di tutta l'operazione - che mi ha ricordato un altro supercult di inizio anni novanta, L'armata delle tenebre - conferiscono il potere a Kung Fury di vincere la resistenza sia dei radical chic più convinti che del pubblico occasionale, di fatto portando sullo schermo un linguaggio comprensibile a più livelli e da molteplici angolazioni.
E tra tutte, quella che conta è senza dubbio legata al divertimento sfrenato ed alla grande inventiva che rendono Kung Fury qualcosa di più netto, tosto e definitivo di un instant cult, una perla, o qualunque entusiastico termine si possa considerare: un fottuto, strafottuto, strafottutissimo grande film.
Kung Fury è arrivato.
E nulla sarà più lo stesso.
Calci rotanti, viaggi nel tempo, rivisitazioni della Storia che siano.



MrFord



"Go we need some, go we need some action!
If we're gonna make it like a true survivor
we need some action!
If we wanna take our love away from here."
David Hasselhoff - "True survivor" - 





27 commenti:

  1. Veramente una gran chicca,e se è piaciuto a te che negli '80 eri bambino,figurati a me che ero una pre teen/teenager ;)
    Spero anch'io che se ne faccia un lungometraggio con produzione sazia!
    E a proposito di cultoni trash,hai visto che sta uscendo,prodotta da Starz,la serie di Ash vs Evil dead??Promette benissimo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero anche io che venga dato spazio, in futuro, a questo regista.
      Pare avere davvero gran numeri.
      E senza dubbio un'occhiata ad Ash vs Evil dead la darò!

      Elimina
  2. ancora mi manca ma lo recupero in un lampo!

    RispondiElimina
  3. Non so perchè ma ancora non l'ho guardato, rimedierò, dai, c'è anche The Hoff! ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimedia al volo: con una mezzora vieni proiettato in un mondo mitico!
      E poi Hoff spacca!

      Elimina
  4. Mamma mia, spero che il video di True Survivor abbia vinto scariolate di premi, li merita tutti, veramente veramente tremendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se li ha vinti, ma di certo li merita.
      A scariolate, giustamente. :)

      Elimina
  5. Dopo aver letto la tua esaltazione totale e oserei direi quasi mistica, comincio a rimpiangere di averlo apprezzato pure io... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetti che non vuoi ammettere, invece, che per una volta siamo totalmente d'accordo! ;)

      Elimina
  6. Mi vergogno a dirlo... Ma non l'ho ancora visto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cosa stai aspettando!? Corri a vederlo!

      Elimina
  7. Modestamente....Io (ed una cordata di altri prestigiosi investitori del settore cinema d'Autore) c'ho messo pure LI SORDI, chè c'ho creduto fortissimo fin da subito..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In che senso ci hai messo i sordi!?

      Elimina
    2. Nel senso che è stato finanziato tramite una piattaforma di crowdfunding,quindi probabilmente il buon Giocher avrà contribuito alla colletta ;)

      Elimina
    3. Quasi quasi la faccio anche per White Russian, una piattaforma di questo tipo! ;)

      Elimina
    4. Esatto Lazy..Ho visto il trailer, ho bombardato i Soci di sempre, ho scollettato ed inviato il quid..

      E ora m'atteggio a Producer la sera degli Oscar XD XD XD

      Elimina
    5. Se vai alla notte degli Oscar trovami un posto, specie se c'è l'open bar! ;)

      Elimina
  8. 31 minuti? Lo recupero tipo subito, o alla prima pausa disponibile.
    Hasselhoff è tamarissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vedrai che voleranno, questi trentun minuti.
      Goditeli.

      Elimina
  9. Inspiegabilmente, nonostante conosca bene il prodotto in questione, non mi era ancora venuta voglia di vederlo...ma questo era prima della tua rece...ora non posso più aspettare, mi hai alzato l'hype a livelli vertiginosi...lo recupero prima di subito now

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, questa è assolutamente roba per noi.
      Recuperala tipo ADESSO.

      Elimina
  10. Ford scusami se mi permetto,ma ho visto che ci sono diversi fan dello Hoff,penso possa interessarvi QUESTO ARTICOLO,ci sono un sacco di curiosità buffe su Supercar,inclusa la puntata col gemello cattivo di Michael Knight e quella con la sfida K.I.T.T vs Generale Lee(finto perchè non avevano i diritti) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Hoff è un grande per un sacco di cose.
      Da Supercar, a Baywatch, fino a Spongebob. Ma ci sarà modo di parlarne presto. ;)

      Elimina
  11. Io nella sua brevità l'ho trovato geniale (un film intero avrebbe stancato di brutto, 30 minuti sono perfetti). Se si è amanti degli anni 80 o si amano i vecchi film action non si può non vedere questa piccola gemma.

    Io lo consiglio anche solo per vedere il Kung Fuher in azione.

    RispondiElimina
  12. Il mio preferito personaggio preferito è Triceratops. Un grande. Mi sono sbellicato dalle risate. Inizialmente avrebbe dovuto essere un lungometraggio e credo proprio non avrebbe retto, ma Sandberg ha saggiamente virato sul corto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mitico il poliziotto triceratopo, e mitico questo film: corto o no, è stato un esordio fulminante!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...