martedì 28 giugno 2016

Bud Spencer (1929 - 2016)


Se penso a mio nonno, quello che mi ha cresciuto ed insegnato ad amare il Western, il ricordo corre subito a te, vecchio Bud.
Ricordo le serate nel suo salotto, pronto a fare molto più tardi di quanto non facessi quando dormivo a casa mia, solo due piani sopra, guardando un film dopo l'altro, appoggiato sulle sue gambe con un cuscino, pronto a tornare a chiamarlo una volta messo a letto proprio come fa il Fordino oggi con me e Julez.
Ricordo Trinità, le gag a ripetizione con Terence Hill, il ruolo del gigante invincibile e burbero, lo sceriffo poco extra e molto terrestre, e soprattutto Bomber: a quei tempi, per il piccolo Ford alle scuole elementari, Rocky era già diventato un mito, e quella versione all'italiana della favola dell'outsider e dell'allenatore saggio e spaccaculi fece breccia dalla prima visione.
Imparai solo anni più tardi, ben dopo la morte di mio nonno, delle esperienze con Olmi e della vita decisamente da film che hai vissuto, vecchio Bud.
Come Bud Spencer e come Carlo Pedersoli.
Hai vissuto, mi pare il modo migliore per descriverti.
Hai vissuto il Mondo, lo Sport, la Famiglia, il Cinema, la fama e la fame.
Hai vissuto e portato sullo schermo molti dei valori in cui credo, e molti dei modi in cui mi piacerebbe difenderli e rappresentarli.
Sei stato uno di quei personaggi che pensavo immuni al destino beffardo che accomuna tutti gli uomini.
Sei un pezzo della mia infanzia che se ne va.
Un pezzo di mio nonno che se ne va.
Un altro.
E mi pare di cominciare a vivere di ricordi, e di prendere coscienza del fatto che, per quanto anch'io ami la vita e voglia vivere fino a centrotre anni almeno, un giorno o l'altro dovrò deporre le armi.
E di quanta poca voglia abbia di farlo.
Voglio approfittare di questo momento per raccontarti un aneddoto che per tanti anni, nella mia famiglia, è rimasto sotto silenzio: il nonno Gianni cui ti associo, al quale devo una parte del mio nome, che ha avuto senza dubbio una vita cinematografica e che ancora oggi è tanto di quello che sono, non aveva legami di sangue con me.
Il padre di mia madre, infatti, morì in un incidente d'auto quando ancora lei era ancora più piccola del Fordino adesso: fu soltanto dopo qualche anno che mio nonno entrò nella vita di mia nonna, e di fatto nella mia.
Non aveva un carattere facile, lo ricordo agguerrito contro la gente per strada, quasi dispotico con mia madre - in alcuni casi -, pronto a far uscire dal seminato perfino mio padre, una delle persone più calme che conosca: soltanto un anno dopo la sua morte, quando finii il liceo, mia madre mi raccontò tutta la storia.
Ed è curioso come la reazione fu quella di farci quasi una risata: in fondo, per me non sarebbe cambiato - e non cambia ora - nulla.
Mio nonno è stato, è e resterà sempre lui. Il vecchio Gianni, come il vecchio Bud.
Anche lui era burbero, e anche lui era buono.
Almeno con me.
Io non sono un credente, quindi in questo momento mi sento più privato di qualcuno, che confortato dal fatto che possa essere da qualche altra parte.
Ma tutti quei ricordi, quelle emozioni, quella magia resteranno con me.
Fino a quando arriverà anche il mio ultimo round, Bomber.
E per allora, più che di una vita da film, spero di aver avuto la possibilità di lasciare quello che tu e il nonno Gianni avete lasciato dentro di me.
Grazie, Bud.
So long.




MrFord






31 commenti:

  1. Se sono cresciuto a "pane e western" è anche per merito suo, era come avere un vecchio amico a casa. Non riesco mai a scrivere i "coccodrilli", in genere li evito, ma questo tuo ricordo è tenerissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vecchio amico davvero.
      Peccato che, prima o poi, se ne debbano tutti andare.
      Grazie. :)

      Elimina
  2. Frase fatta se dico che è un pezzo di infanzia? Ciao Bud!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frase sacrosanta, Bara.
      Un pezzo d'infanzia di noi tutti.

      Elimina
  3. Altrimenti ci arrabbiamo, lo chiamavano
    Trinità, Banana Joe un pomeriggio al cinema parrocchiale con il nonno...un altro
    grande che se ne va...il 2016 non è stato
    tenero
    coi miti della nostra generazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Pezzi di storia personale e non che se ne vanno.
      Ma noi continueremo a ricordarli tutti.

      Elimina
  4. Sono devastato, continuo a piangere come un vitello. Tutti i miei attori preferiti e tutti i miei registi preferiti, messi insieme, non si avvicinano neanche al bene che ho voluto a quest'uomo.
    Ciao Bud

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dirlo a me, Fratello. Non dirlo a me.

      Elimina
  5. hai decisamente messo il video migliore che possa ritrarre il mio ricordo di Bud... come tutti quelli della nostra età, ho visto i suoi film, mai innamorandomene, ma sempre ridendo di gran gusto, lo ammetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono almeno due generazioni cresciute con lui e questi film.
      Un grandissimo.

      Elimina
  6. Mamma che tristezza, ieri sera ho quasi pianto, un pezzo di ognuno di noi se n'è andato :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dirlo forte. Un pezzo bello grosso.

      Elimina
  7. applaudo Bud e applaudo questo post

    RispondiElimina
  8. Un personaggio di una simpatia innata, lo ricorderò sempre col sorriso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante risate, da bambino.
      E se rivedo i suoi film, anche oggi.
      Lo ricorderò per sempre.

      Elimina
  9. Mi è dispiaciuto davvero un sacco... Hai ragione, è proprio come se fosse morto un nonno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non altro, il vecchio Bud con i suoi film ha avuto il merito di legare le generazioni dei nostri nonni, dei nostri padri e nostre.
      E speriamo dei nostri figli.

      Elimina
  10. quella scena di altrimenti ci arrabbiamo quand'ero bimbo mi faceva piangere dal ridere. RIP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne sono una marea, di scene mitiche.
      Mitiche quanto lui.

      Elimina
  11. Mi dispiace per il vecchio Bud,che però ha vissuto la vita bella lunga ed intensa,e come sgrunt applaudo io il ritorno di uno di quei tuoi post belli belli scritti di cuore e di pancia,che sono diventati(scusami,te lo dico col rispetto e la stima che sai)forse un pò rari,ultimamente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente da dire sulla vita di Bud, che sarà stato senz'altro felice di averla vissuta fino in fondo.
      E grazie per i complimenti al post: ultimamente effettivamente il blog ed il Cinema - ma su questo, colpa delle uscite - non mi stanno emozionando a dovere. ;)

      Elimina
  12. Un uomo dalla vita avventurosa, non c'è che dire, che è riuscito a dare tantissimo a tutti e sicuramente per questo si è guadagnato l'immortalità.
    Gran bel post sentito, Forduzzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Babol!
      E muchas gracias al grande Bud! :)

      Elimina
  13. Wow. Mi sono commossa. Grazie.
    In queste parole vedo anche io i miei nonni, ed è sempre un bel ed importante ricordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello di certi ricordi è che possono solo costruire cose positive.
      Meno male che esistono i nonni e Bud Spencer. :)

      Elimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Mi spiace per lui e per i suoi fans, ma personalmente non credo sentirò granché la sua mancanza, considerando che non ho mai visto un suo film (e mai desiderato farlo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sto ragazzo che infanzia ha avuto? *____*

      Elimina
    2. Fratello, un'infanzia tristissima, a quanto pare! ;)

      Elimina
  16. L'unica cosa bella della mensa era parlare dei film di Bud Spencer e Terence Hill il giorno prima. Mamma che anno orribile. ;-(

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...