martedì 14 giugno 2016

The Wire - Stagione 1

Produzione: HBO
Origine:
USA
Anno:
2002
Episodi:
13








La trama (con parole mie): nella parte più problematica di Baltimora, dominata dagli uomini dell'apparentemente intoccabile Avon Barksdale, la droga gira stabilmente per le strade, distribuita da più livelli, dai ragazzini pronti a fare il palo sui tetti dei palazzi fino allo stesso Barksdale, che attraverso un complesso sistema di prestanome, donazioni ed agganci risulta fondamentalmente incensurato pur dirigendo i giochi.
Quando il testardo e poco ligio alle regole detective Jimmy McNulty e l'ufficiale Cedric Daniels vengono posti al centro di un progetto che vede una squadra di "scarti" di altre unità o agenti problematici affrontare proprio la questione Barksdale, nessuno dei membri della stessa sa che darà origine ad un cambio epocale nella rotta alla lotta al crimine della città: grazie ad una serie di intercettazioni ed alla determinazione del team, infatti, l'impero del boss verrà messo a dura prova, nonostante i problemi politici e gli spargimenti di sangue.











Tornando indietro nel tempo al periodo della "rinascita" delle serie televisive dei primi Anni Zero, l'unico titolo considerato un vero e proprio cult imprescindibile che mancava all'appello qui al Saloon era The Wire, che potrebbe essere associato per influenza ed importanza a I Soprano - che rimpiango di aver finito prima di aprire il blog e dunque di non averne parlato a caldo - e reputato il "padre" di proposte successive ed altrettanto mitiche come The Shield.
Recuperato più o meno sei o sette anni fa e rimasto congelato anche a causa della scarsa attitudine di Julez al genere hard boiled, è tornato alla ribalta in questo periodo di orari sballati tra la nascita della Fordina, il lavoro ed i tempi stretti della quotidianità: l'impatto sul sottoscritto, considerato che da sempre adoro il genere, è stato ovviamente molto positivo nonostante un'atmosfera decisamente datata - sembra quasi di essere tornati agli Anni Novanta, più che ai primi Zero -, fatto di carne e sangue da strada, charachters decisamente umani nei loro pregi e difetti - dal testardo ed in cerca di sensi di colpa McNulty al combattuto D'Angelo, passando per la tostissima Kima al pezzo di merda con spirito di corpo Rawls - ed un incedere misurato ma ugualmente spettacolare, che rende senza dubbio questa prima stagione di The Wire un modello per tutto quello che il genere ha prodotto in seguito e che, probabilmente, deve ancora produrre.
Oltre a rappresentare, dunque, un ritratto piuttosto fedele dei quartieri difficili di una qualsiasi grande città americana - ma, a ben guardare, non solo - e a mostrare i riflessi e gli interessi che la politica ha e continuerà per sempre ad avere rispetto alle pubbliche relazioni, al successo, ai soldi ed anche al crimine, The Wire racconta vite di uomini e donne destinati a combattere quotidianamente "nella buona e nella cattiva sorte", a prescindere dal lato della barricata che hanno scelto di difendere, ma anche un crocevia per molte carriere già avviate o, ai tempi, ancora agli inizi: dai caratteristi noti come Dominic West, Lance Reddick, Wendell Pierce fino all'ormai decisamente famoso Idris Elba, passando per un giovanissimo Michael B. Jordan, sono tantissimi i volti riconoscibili e funzionali all'interno di questa prima stagione pronta a mantenere un profilo basso senza risparmiare, però, colpi duri e dritti alla bocca dello stomaco, ed a regalare un epilogo che ricorda uno degli assunti più importanti e veritieri de Il gattopardo, "tutto cambia per non cambiare".
Il destino dei protagonisti della lotta tra la squadra di Daniels e l'organizzazione di Barksdale riassunto nell'ultimo episodio, infatti, mostra tutte le contraddizioni ed assurdità della lotta alla droga ed ai giochi politici che, inevitabilmente, ne fanno parte, così come negli anni successivi sarebbero stati raccontati da prodotti divenuti immediatamente cult come il recentissimo Narcos.
La stoffa ed il valore di cui ho sempre sentito parlare rispetto a questo titolo, dunque, sono stati confermati, ed aumentano l'hype per la visione della seconda stagione che, onestamente, spero non giungerà su questi schermi con le stesse tempistiche che hanno caratterizzato la prima: le vicende di McNulty e soci ed il destino dell'impero di Barksdale, infatti, paiono essere solo al principio non solo della loro lotta, ma delle potenzialità che la stessa può esprimere.
E se il buongiorno si vede dal mattino, da queste parti si prospetta davvero una gran bella giornata: anche se la stessa sarà inevitabilmente segnata da pallottole, sangue, lotte di potere e di strada.
Speriamo solo di riuscire ad essere tra quelli che, alla fine, saranno ancora in piedi.





MrFord





"In I come and out you go you get
here we are again now, place your bets
is this the time
the time to win or lose
is this the time
the time to choose."
U2 - "Wire" -





10 commenti:

  1. Per me è la più bella serie tv della storia, non si discute, posso dirti solo una cosa, la prima stagione non è nemmeno la più bella ;-) Non vedo l'ora di seguirti per vedere il resto delle tue reazione alla serie. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curioso anch'io, dato che non sei il primo che la definisce la serie più bella di sempre. :)

      Elimina
  2. Una serie che guarderei, se avessi tempo.
    Il bello è che alcuni episodi li ha scritti Dennis Lehane *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi va recuperata, secondo me.
      Tanto, essendo finita, il tempo non conta. ;)

      Elimina
  3. Ecco, questa è una di quelle serie che mi riprometto sempre di iniziare perché ho letto anche io in giro che è tipo nella top 3 delle migliori serie ever... è che faccio fatica a recuperarla, tu l'hai presa dal mulo? Al limite me la passi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordo se ce l'ho ancora, comunque la trovi tranquillamente sul Mulo! :)

      Elimina
  4. Sta aspettando un po' di pausa alle serie attuali da un po', prima o poi ce la farò anch'io a recuperarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto di sapere che ne penserai, allora!

      Elimina
  5. Un recupero che pure io mi riprometto di fare da anni...
    Potremmo anche finire per essere d'accordo, ma il fatto che ti sia piaciuta mi porta a rimandare la visione di qualche altro anno.
    O forse millennio. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio che tu la rimandi: non vorrei sentire qualche tua sparata in proposito! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...