sabato 2 aprile 2016

Fordina Unchained

Questa volta comincio dalla fine.
Dal momento in cui Julez, domato l'uragano dell'euforia dei nonni riuniti, mi ha passato tra le braccia la nostra secondogenita, Rebecca Demetra, che avevo già tenuto nel percorso tra il bagnetto delle infermiere e sua madre in sala parto, senza avere di fatto la coscienza effettiva che fosse arrivata tra noi.
Comincio dalla sensazione così curiosa di avere di nuovo tra le braccia un piccolo essere vivente così leggero e delicato da sentire quasi più il peso delle mie braccia che lo sorreggono, abituato agli ormai tredici chili del Fordino, che spesso e volentieri prende ogni contatto fisico come un'occasione di lotta o dimostrazione d'affetto, scordandosi di rimanere fermo anche solo un secondo.
Lei, che è nata di giovedì, come suo fratello maggiore, alla trentottesima settimana più due, come suo fratello maggiore, di un centimetro "più corta" e di sessanta grammi più pesante, con le orecchie ed il naso che paiono le copie di quelle che rendono ancora oggi AleLeo il più bello della famiglia, ed occhi quasi chiusi alla Bud Spencer lontani da quei fanali spalancati e profondi come la notte del primogenito del Saloon.
La seconda esperienza in sala parto è stata molto diversa dalla prima, da una Julez ancora più cazzuta - nonostante lei continuerà a dichiarare il contrario -, questa volta indotta dall'ossitocina eppure pronta a lottare senza la peridurale, con urli più acuti ma meno imprecazioni, strette alle mie mani e morsi alle sbarre di sostegno che quasi parevano cedere, un'ostetrica forse meno appariscente eppure altrettanto brava rispetto a quella che ci aveva seguiti nella prima, fantastica odissea da genitori, quattro ore contro ventitre, la coscienza del fatto che, in qualche modo, eravamo stati resi più forti dal vissuto precedente.
Anche ora, tornato a casa e solo come ai tempi, con il Fordino deciso a voler rimanere a dormire dai nonni, un White Russian a prendere il posto del Southern Comfort di tre anni fa, mi pare di poter rimanere saldo, quasi le spalle dovessero diventare ancora più larghe e granitiche in modo da sorreggere e sostenere una vita in più, Julez pronta a considerare che questa volta non passerò la notte a piangere come allora.
Eppure, ai tempi non avevo dovuto trattenere le lacrime come quando Rebecca è stata portata tra le sue braccia, pelle su pelle, dopo aver tagliato per la seconda volta un cordone ombelicale - che mi è parso anche più tosto rispetto a quanto mi ricordassi -, o avuto un momento di puro terrore mascherato dalla migliore disposizione possibile all'incoraggiamento quando, al termine di una delle contrazioni decisive, la piccola Ford ha finito per uscire con la testa rimanendo in attesa, colorito violaceo e niente pianto, pronta a ricordarmi immediatamente il giorno terribile della perdita della nostra Agnese, prima che la forza e la determinazione di Julez e la bravura dell'ostetrica Ida - curiosa l'assonanza cinematografica - facessero il resto, liberando la voce già lirica di quella che tanti tra i miei amici hanno già definito "l'unica donna della mia vita".
Negli ultimi mesi ho passato spesso il tempo a scherzare a proposito del fatto di aumentare la portata dei miei allenamenti in modo da essere pronto a cambiare i connotati a tutti quelli che usciranno con lei, considerato quanto, da stronzo patentato, conosca la portata dei danni che noi maschietti siamo in grado di fare, esortando spesso e volentieri anche il Fordino a prepararsi a "prendere a pugni" ogni amico della sorella, o a pensare a quanto impegnativo sarebbe stato non solo proporzionare il tempo in modo da poter dedicare attenzioni ed impegno ad entrambi i piccoli Ford allo stesso modo, o al fatto che, solamente cinque o sei anni fa, avere la macchina ormai inagibile ai passeggeri a causa dei seggiolini potesse risultare quasi fantascienza.
Eppure, nel momento in cui Julez mi ha passato tra le braccia Rebecca ed Alessandro ha chiesto di poterla prendere in braccio insieme a me, cercando di accarezzarla il più dolcemente possibile, dopo aver ascoltato i suggerimenti di noi "grandi" a proposito di come rapportarsi con la più piccola della famiglia, ho pensato che fosse tutto lì: abbiamo vissuto tre anni meravigliosi con un bambino che, probabilmente, esprime il meglio di quanto i suoi vecchi potranno mai fare nel corso delle proprie vite, curioso di sentire, osservare, toccare la sua sorellina come fosse il tesoro più prezioso mai esistito, senza dimenticarsi di vivere la sua innocenza aspettando di giocare appena concluso un momento che da questa parte della barricata si vive come epico.
E noi siamo ancora più curiosi.
Io lo sono.
Ed ho ancora più voglia di essere la roccia contro la quale si infrangeranno le onde che la vita riserva a noi tutti, e che riserverà anche a loro.
E continuo a sperare che mi permettano di esserlo per il tempo più lungo possibile.
Il mio piccolo uomo e la mia piccola donna.
Gli unici per cui mi sembra di aver dato un senso alla mia vita di scellerato.
Gli unici per i quali sacrificherei qualsiasi cosa.
Gli unici depositari di tutto quello che posso e potrò mai dare fino in fondo.
E oltre me stesso.
Gli unici per i quali sono ancora qui, tre anni dopo, a bere e piangere.
E se ho sempre sognato di poter avere la possibilità di vivere in eterno, gli unici per i quali ha senso morire, e pensare che possano raccogliere tutto quello che ho dato, che ho e che avrò da dare.
Benvenuta, Rebecca.
E grazie.
E come cercherò di farti imparare da vecchio, incallito cinefilo, "io sono tuo padre".





MrFord

53 commenti:

  1. Io sto bevendo una Soda sgasata, però una maledetta lacrimuccia vuole scappare lo stesso. Benvenura, Rebecca.
    E forte Julez, saggio il Fordino - io mio fratello di due anni più piccolo avevo proposto di buttarlo nella betoniera, ma amavo le betoniere quindi era una specie di cosa buona - e al solito, tu, dimostri che i papà sono sottovalutatissimi. Ma ce lo eravamo già detti. Siete belli e in espansione. Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Ink. Belle parole.
      Spero, un giorno, che anche Ale e Rebecca possano pensarla come te sui papà. ;)

      Elimina
  2. Ma che bella notizia! Benvenuta Rebecca! Da secondogenita, sii tosta e dai filo da torcere al fordino! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il Fordino è contentissimo, quindi direi che hanno già la strada spianata! :)

      Elimina
    2. Bene direi! Mia sorella invece all'epoca mi avrebbe 'spianata' volentieri! XD

      Elimina
    3. Benissimo, direi! Speriamo proseguano così! :)

      Elimina
  3. In alto il fondo e giù il collo delle bottiglie!!!!!!!

    SUERTE!!!!SALUD!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (ed oooooottima scelta del nome!) ;)

      Elimina
    2. Muchas gracias, Gioch! :)

      Elimina
  4. Benvenuta a Rebecca Demetra, avete scelto un secondo nome che mi piace da matti. Ho notato che nei tuoi discorsi hai omesso il fatto che il Fordino potrebbe a sua volta far soffrire qualche donzella in futuro! ;)
    Comunque ormai siete genitori esperti e navigati e la secondogenita non potrà che beneficiarne. Chi si troverà di fronte a un nuovo compito è proprio AleLeo, vedrai che ci sarà da divertirsi con le sue peripezie da fratello maggiore. Auguri a tutta la famiglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza dubbio avrà da divertirsi: per ora, direi che è un fratello maggiore fantastico.
      Con la piccola è delicatissimo!

      Elimina
  5. Graaaaaaaaandeeeeeeeeeeeee!!!!!!!
    Congratulazioni vecchio mio, stase recupero il socio che hai conosciuto e dedico un brindisi a Rebecca Demetra!!!



    Ps: è un gran nome spaccaculi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo. Dedicatene anche due o tre! ;)

      E grazie! :)

      Elimina
  6. Un bellissimo nome, che più cinefilo non si può! Buon sangue non mente: benvenuta Rebecca!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo possano essere cinefili anche loro, così potremo condividere un sacco di visioni! :)

      Elimina
  7. Che bello! Vi auguro ogni bene :)

    RispondiElimina
  8. Mannaggia, speravo sarebbe nata il 4 aprile, come Pensieri Cannibali, cosa che sarebbe risultata per te una beffa suprema del destino, e invece purtroppo no. :)

    Ma che nome è Rebecca Demetra???
    Ford & Julez, a scegliere i nomi siete peggio di Totti & Ilary! XD

    Comunque congratulazioni alla mamma e, però meno, anche al papà. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come Pensieri Cannibali, e come Mr. Ink (ma Mr. Ink Mr. Ink, mica il blog). C'ero prima io!

      Elimina
    2. Ahahah la beffa più grande sarebbe stata condividere il compleanno con Marco Goi, più che con Pensieri Cannibali! ;)

      Elimina
  9. Come sempre mi fai scendere la lacrimuccia, Ford! Benvenuta alla nuova Fordina, vista la lunga attesa, saprà come farsi desiderare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà la lunga attesa è stata per il Fordino.
      Rebecca è stata più veloce ed adrenalinica.
      Una specie di Point Break al femminile. ;)

      Elimina
  10. Tanti tanti auguri Ford, bella famigliuola :)

    RispondiElimina
  11. Auguri e benvenuta a Rebecca Demetra :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Arwen! Anche da parte della piccola! :)

      Elimina
  12. Auguroni Ford :D
    Un abbraccio alla famiglia :D

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Benvenuta piccolina :)
    Sono contenta per Julez che sìa durata molto meno,23 ore mi sembrano veramente allucinanti XD Vabbè a me tutta la gravidanza sembra una cosa allucinante,non faccio testo XD
    Anche a me piace moltissimo il secondo nome!!!! E riguardo al prendere a pugni i futuri pretendenti,non esagerate tu e Ale!Qualcuno potrebbe valer la pena di lasciarlo passare ;)
    Siete una famiglia bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, diciamo che qualsiasi pretendente avrà da sudare, con una squadra di questo genere! ;)

      Elimina
  15. Questa è la tua recensione migliore, Mr Ford.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando di mezzo ci sono quelle piccole meraviglie, non può che uscire il meglio di noi genitori. :)

      Elimina
  16. Complimenti e felicitazioni a tutta la tua splendida famiglia Ford!! Benvenuta Rebecca !!

    Senza ombra di dubbio questo è e rimarrà uno dei più bei post in assoluto!! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E speriamo di scriverne altri, forte delle emozioni dei due piccoli! :)

      Elimina
  17. Fra qualche anno ci mettiamo tutti in salotto e ci spariamo Rocky all'unisono.
    Mamma mia, ho già i brividi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, sarà una bomba.
      Propongo una maratona.

      Elimina
  18. Mi sono commossa...benvenuta Rebecca. Son sicura che sei un ottimo padre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che provo ad essere il miglior padre possibile. Difetti umani permettendo. ;)

      Elimina
  19. Mi sono perso questo post, causa settimana infernale, ma avevo seguito Julez e mi ero complimentato sui suoi 'lidi virtuali'.
    Bravissimi! Che bello vedere una famiglia come la vostra! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello davvero. Veder nascere e crescere un figlio è qualcosa che va oltre qualsiasi altra. :)

      Elimina
  20. Mentre leggevo ho rivissuto quei momenti, unici, interminabili. Di me in sala parto, dell'ostetrica con le unghie smaltate e le labbra rifatte - la prima, perché la seconda era solo molto "romanaccia de Roma", ma tanto semplice. Ho rivissuto tutte quelle sensazioni, ho ricordato di come la prima volta aiuti a superare la seconda. Eppure ancora tremo all'idea, ancora muoio di mille paure. Ora che aspetto mia figlia, che mi renderà madre per la terza volta... non potrei dire di aver visto lo stesso film e provato le stesse sensazioni se non ora. Davanti a questo post. Auguri Ford, congratulazioni alla mamma. A tutti voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di sapere a seguito di questo post che anche tu stai per diventare ancora mamma.
      Complimenti, e buon "nuovo viaggio"! :)

      Elimina
  21. Che bella notizia! Mega congratulazioni (un po' in ritardi) alla Ford family! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero, e tranquillo: qui a casa Ford si vive in ritardo! ;)

      Elimina
  22. Tutto bello, bellissimo, soprattutto voi quattro tutti insieme!
    Tantissimi auguri alla famiglia Ford!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Pesa!
      E a quando l'arrivo di qualche tuo piccolo erede?

      Elimina
  23. Ehi, leggo ora, vi stringo tutti e quattro <3

    RispondiElimina
  24. Congratulazioni Ford!! E auguroni a tutta la famiglia! :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...