martedì 26 aprile 2016

Il cacciatore e la regina di ghiaccio

Regia: Cedric Nicolas-Troyan
Origine: USA
Anno: 2016
Durata:
114'







La trama (con parole mie): Eric il cacciatore, ormai da tempo in pace nel regno di Biancaneve, si trova al centro di una nuova guerra legata alla minaccia di Freya, regina del Nord responsabile dell'apparente morte di sua moglie sette anni prima e del suo addestramento fin dai tempi dell'infanzia. Coinvolto nel recupero dello Specchio magico, rubato dai goblin ma preso di mira proprio da Freya, Eric scoprirà non solo che sua moglie è viva, ma che l'illusione della Regina del ghiaccio ha convinto la stessa a motivare un odio profondo per lui.
Riuscirà dunque a ricucire il rapporto e compiere la sua missione?
E quando, proprio attraverso lo Specchio, la terribile e spietata ex regina Ravenna tornerà in vita, riuscirà l'uomo, aiutato dai suoi compagni di viaggio, a debellare ancora una volta la minaccia che rappresenta la matrigna di Biancaneve?











La vita dura dei sequel è da sempre una delle grandi certezze del Cinema, pronta a regalare più delusioni che non successi: quando, poi, il film originale non rappresenta certo una pietra miliare nella Storia della settima arte la situazione si fa anche più difficile.
Biancaneve e il cacciatore, uscito qualche anno fa sulla scia della nuova moda della trasposizione delle favole su grande schermo, pur non essendo niente di meritevole di essere ricordato, risultò quantomeno più piacevole di versioni da incubo della storia di Biancaneve come quella firmata da Tarsem Singh, e finì per non essere stroncato come si sarebbe convenuto qui al Saloon.
Con questo secondo capitolo, si cerca di mantenere un'atmosfera simile sfruttando il fascino della regina malvagia Ravenna - decisamente più carismatica di Biancaneve, e decisamente più bella da vedere, considerato l'impietoso confronto Charlize Theron/Kristen Stewart - affiancando a quest'ultima una versione piuttosto sciapa della protagonista di Frozen interpretata da Emily Blunt - che non poteva essere pesce fuor d'acqua più di così - opposte alla coppia Hemsworth/Chastain - che pare un omaggio non dichiarato alla sempre disneyana eroina di Brave, oltre che un gran bello spettacolo per la vista del pubblico maschile - testimoniando una ricerca, da parte degli autori, in termini di estetica piuttosto che di profondità o fascino della storia.
Per il resto, il risultato è un mix ancora meno interessante del precedente capitolo delle immagini ed atmosfere de Il signore degli anelli e Lo hobbit, con qualche schermaglia amorosa divertente tra i già citati Hemsworth e Chastain ed un paio di momenti spassosi con i nani che li accompagnano e richiami a Once upon a time, nel complesso, però, troppo poco interessante per risultare brutto o giustificare una stroncatura come si conviene: non bastano, comunque, l'alto coefficente di fascino femminile ed un ritmo tutto sommato scorrevole per non rimpiangere cose come Willow che, nel corso degli anni ottanta, risultavano magiche dall'inizio alla fine e che ancora oggi sanno imporsi senza neppure troppa fatica su cose inconsistenti come questa.
Quantomeno l'utilizzo del prequel come parte introduttiva della pellicola non risulta troppo indigesto, e riesce a legarsi e giustificare quello che accade nello svolgimento e nel finale della pellicola: senza dubbio, resta un popcorn movie poco significativo buono per una serata di svacco totale, per far contente le vostre signore ed essere sicuramente contenti anche voi - e non parlo di settima arte, ovviamente - e far salire ulteriormente l'hype per l'imminente nuova stagione di Game of thrones, che in ambito fantasy offre spunti, emozioni ed orizzonti decisamente più ampi delle favole rivisitate più per mancanza di idee che per esigenze - fossero anche solo economiche -.





MrFord





"You're like ice
I-C-E,
feels so nice
scorching me,
you're so hot hot
baby, your love is so hot, hot."
Kelly Rowland - "Ice" - 





14 commenti:

  1. Onestamente, mi è piaciuto abbastanza e non pensavo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che a me era capitato con il primo. ;)

      Elimina
  2. Ce lo guarderemo con il manopolone dell'hype al minimo,così tutto quel che arriva è in + ;)

    RispondiElimina
  3. Mah, non so neanche perché sprechi tempo dietro a 'ste merdatine...sei un martire ;) c'è di buono che la rece nomina Willow e così mi si è scaldato un poco il cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Willow mitico.
      Per il resto, le novità che recupero me le sparo tutte. Per la causa. ;)

      Elimina
  4. Lo salterò senza rimpianti, come del resto ho già fatto col primo capitolo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso rimpiangerai la scelta. ;)

      Elimina
  5. Risposte
    1. Effettivamente è vero. Ma c'è anche di molto, molto meglio.

      Elimina
  6. Non te perdi una di queste baracconate commerciali, vero Ford?
    Detto questo, prima o poi lo guarderò anch'io, non fosse altro che per Jessica Chastain.
    Anzi, sarà di certo solo per quello. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, mi pare un motivo più che valido. ;)

      Elimina
  7. Il primo credo sia una delle cose peggio scritte che ho visto negli ultimi tempi - superato solo da Batman v Superman. Questo lo salto volentieri.
    Però il fattore gnocca mi tenta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il primo non era sembrato così terribile.
      Ad ogni modo, Jessica Chastain mezza nuda vale da sola la visione. ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...