lunedì 18 aprile 2016

Mr. Robot - Stagione 1

Produzione: USA Network
Origine: USA
Anno: 2015
Episodi: 10







La trama (con parole mie): un giovane ingegnere informatico, Elliot Alderson, solitario e disadattato, dipendente dalla morfina e lontano anni luce dal mondo e dalla vita normale dei suoi coetanei, è contattato da Mr. Robot, misterioso leader di una cellula rivoluzionaria che progetta di ribaltare il sistema dominato da banche, gruppi finanziari e multinazionali attraverso le moderne armi dell'hacking e della lotta "virtuale".
Superati i conflitti ed i dubbi iniziali, Elliot decide di entrare a far parte del gruppo e dare sostegno alla lotta di Mr. Robot grazie al suo talento ed al genio che lo contraddistinguono: ma la strada verso un nuovo giorno ed un nuovo mondo è lunga e certo non priva di ostacoli e momenti di difficoltà, siano esse dovute ai disequilibri di Elliot o ai pilastri di una società già saldamente formata proprio da quelli che sono - o sono destinati a diventare - gli antagonisti per eccellenza dell'hacker.











Fin dai tempi dell'apertura del Saloon, è capitato più di una volta di trovarmi di fronte a prodotti non solo ben accolti, ma in alcuni casi addirittura osannati dalle recensioni nella blogosfera e non, giunti su questi schermi spinti da un hype molto alto e rivelatisi delusioni cocenti: da The tree of life a It follows, passando per Innkeepers, alcuni piccoli e grandi cult figli della settima arte non hanno decisamente passato un buon quarto d'ora, dalle parti del sottoscritto, ma a memoria non ricordo una situazione analoga vissuta rispetto alle serie televisive.
Certo, ci sono stati titoli abbandonati senza alcun rimpianto - mi viene in mente lo sciapissimo Person of interest -, o altri finiti solo per dovere come Flashforward, ma a mia memoria non avevo mai provato una delusione ed uno sconvolgimento rispetto al successo riscontrato come per Mr. Robot, con ogni probabilità il serial più sopravvalutato - considerati l'insieme, le potenzialità e le ambizioni del prodotto - delle ultime stagioni: a prescindere dagli argomenti molto nerd e molto finto alternativi da pseudo rivoluzionari intellettualoidi che poco intrigano ed attraggono gli occupanti di casa Ford - non ricordo di una serie pronta a vantare il poco invidiabile record di avermi abbattuto con il sonno nel corso della visione di ognuno dei primi tre episodi tre -, ho trovato in Mr. Robot una mancanza di empatia dei protagonisti con il pubblico - un charachter come Elliot da queste parti si prenderebbe schiaffi in faccia e calci in culo dalla mattina alla sera -, una latitanza pressochè totale di ritmo - tre quarti d'ora che paiono quattro ore e mezza, una noia che mi ha fatto rivalutare in termini di scorrevolezza anche i più pesanti tra i miei cari mattonazzi russi -, un'atmosfera da fuori tempo massimo che grida anni novanta ad ogni piè sospinto ed una perenne sensazione da "vorrei ma non posso e me la meno pure" che ha reso davvero insostenibile la visione anche a fronte di alcune buone idee di fondo o delle sequenze più affascinanti.
Penso che quella di decidere di interrompere il rapporto dei Ford con Mr. Robot sia stata una delle decisioni meno sofferte rispetto al piccolo schermo di sempre, considerati poi i ritardi leggendari accumulati con le nuove proposte da sempre caratteristica del sottoscritto e la curiosità rispetto a prodotti certamente più vicini ai miei gusti di questo polpettone cybernerd incasinato e poco coinvolgente del quale non sentivo davvero la necessità: un peccato per il pur talentuoso Rami Malek - che preferisco ricordare come uno dei protagonisti del videogioco Until dawn, quello sì, davvero un supercult - e per l'idea di considerare la rivoluzione in rete come la nuova frontiera di tutte quelle che, nei decenni scorsi, sono state combattute per la strada o nella giungla, armati di megafoni o di fucili, con le azioni o con le parole.
Ma sinceramente, davvero poca carne al fuoco per permettermi di riconsiderare la decisione definitiva.
Mr. Robot è la delusione non solo dell'anno, ma del decennio, anche e soprattutto considerando il taglio dato alla serie, i premi raccolti - a posteriori, per quanto mi riguarda assolutamente da fantascienza - e l'enorme carico di aspettative dei suoi numerosi fan hardcore e degli autori stessi, che non possono certo negare di aver messo una certa presunzione nella loro creatura mascherandola - neppure troppo bene - da "rivincita dei nerd" assolutamente poco credibile, un pò come quei compagni di scuola pronti a piagnucolare alla fine di ogni compito in classe dandosi per spacciati salvo poi finire per essere sempre e puntualmente tra i quattro o cinque con i voti più alti.
Ora, non so se sia stato un problema di incompatibilità o di un punto di vista diverso da quello di tutti i radical e gli alternativi e i nerd pronti a sbavare drietro al signorino dal flusso di coscienza facile e sballato Elliot, ma sinceramente, avendo passato gli anni della scuola da un pezzo, ho finito per avere una riserva di pazienza molto più scarsa a fronte di chi piagnucola per portarsi a casa, alla fine, la sua brava medaglietta di primo della classe.
Vaffanculo, secchioncelli.
Vaffanculo, Elliot.
Vaffanculo, Mr. Robot.
Il Sistema non mi piace.
Ma non mi piace neppure il tuo sistema.





MrFord





"That's it, sir
you're leaving
the crackle of pigskin
the dust and the screaming
the yuppies networking
the panic, the vomit
the panic, the vomit
god loves his children, god loves his children, yeah!"
Radiohead - "Paranoid android" -





23 commenti:

  1. A noi è piaciuto molto,anche se il "colpo di scena"(che tu avendo abbandonato la serie non avrai visto)l'avevamo intuito già nelle prime puntate.Sono convinta che tu non fossi abbastanza nerd per questa serie,più che altro.Io col main character ho empatizzato un casino,ed anche se certi dialoghi andavano troppo sul tecnico,informaticamente parlando,me la sono goduta parecchio.E non l'abbiamo trovata manco lenta,ti dirò.
    Il che,a casa nostra,è tutto dire ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi stupisce, perchè io sono abituato a mattonazzi della madonna e questa roba mi è parsa quantomeno indigesta, oltre alla questione tecnicismi.
      Empatia zero, noia tanta.
      Adios! :)

      Elimina
  2. Io l'ho apprezzato molto, arrivavo alla fine di ogni puntata pensando "già finita?", main character strepitoso... sarò nerd pure io a questo punto... un solo appunto: ingegnere eh... ciao Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'appunto: evidentemente scrivere a tarda ora dopo una giornata piena comincia a pesare! ;)

      Per il resto, non so se non sono abbastanza nerd, ma questa serie ed i suoi personaggi mi hanno fatto davvero cagare.

      Elimina
  3. Anch'io, come Lazyfish, ho intuito i vari twist e, nonostante mi abbia parzialmente deluso, la regia freddissima e la bella voce del narratore mi hanno fatto fesso. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ci sono caduto.
      Mollata senza rimpianti.

      Elimina
  4. Hai fatto solo che bene a non continuare con la visione... anche io sono rimasto deluso, poco mordente, poco ritmo, Slater sprecatissimo...
    E poi quando arriva il twist, oltre che essere furbetto e poco onesto, non ci di capisce più un cazzo andando ad incasinare una trama che fino a quel momento, nonostante i tecnicismi, si lasciava seguire.
    Non guarderò la 2 stagione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Slater qua è la prima volta nella sua carriera che non mi sta sulle palle XD a parte forse l'isola dell'ingiustizia.Il twist in che senso furbetto e poco onesto?A me + che altro ha dato fastidio che si capiva moooolto presto,anche se in realtà la nostra teoria era appena diversa ;)

      Elimina
    2. Furbetto e poco onesto perché più di una volta fa vedere Slater che parla anche con altra gente che non sia Elliot, lasciando intendere che sia una persona reale, per poi improvvisamente uscirsene con un "no fermi tutti, scherzavamo, Elliot sta messo malissimo e vede la gente morta" boh, non mi è piaciuto.
      Slater a me non sta mai sulle palle, ma qui l'ho trovato davvero alle prese con un personaggio davvero insignificante. Cmq i suoi capolavori sono California skate e True romance, recuperali se hai voglia.
      (Più il secondo che il primo)

      Elimina
    3. Fratello, concordo in pieno: troppo anni novanta, ritmo e mordente non pervenuti, personaggi inutili.
      Davvero uno spreco di tempo. Ma io e te ci capiamo al volo. :)

      Elimina
  5. La più grande sòla dell'anno passato. Una supercazzola con il gusto per l'inquadratura, la recitazione vocale di Malek e poi solo seghe su seghe sul sistema che non funziona e blablabla.
    La seconda stagione però potrebbe - e prendiamo con le pinze il potrebbe - immaginare uno scenario interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Denny, parole santissime.
      Uno dei commenti migliori della storia del Saloon. :)

      Elimina
  6. a me è piacuto molto. si ok scopiazza e cita grandi cult qui e là, la prima parte è un po' apatica, ma sicuramente tecnicamente è sopra la media e su questo non si discute, il comparto attoriale è ok, e la storia ha un senso e ha grosse potenzialità per la prossima stagione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tecnicamente buona, ma davvero una roba sterile considerato il tanto parlare che se ne è fatto. La prossima stagione farò finta che non esista. ;)

      Elimina
  7. Sul serio? Eppure io avevo grandi aspettative, anche se già un'altra persona di fiducia non l'aveva promossa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io avevo aspettative alte, e forse proprio per questo sono rimasto così deluso.

      Elimina
  8. Di solito sono d'accordo con le tue recensioni, con questa invece proprio non concordo affatto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può succedere anche ai migliori! ;)

      Elimina
  9. E con queste bottigliate ti sei giocato anche l'ultimo briciolo di credibilità che ti era rimasta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se la mia credibilità dipende da una sòla come questa, me la gioco volentieri! ;)

      Elimina
  10. Per me uno dei capolavori della scorsa annata. Ma sta serie o la ami o la odi, le vie di mezzo sono me no credibili della neutralità della svizzera

    RispondiElimina
  11. Per me uno dei capolavori della scorsa annata. Ma sta serie o la ami o la odi, le vie di mezzo sono me no credibili della neutralità della svizzera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me questa roba è ben lontana dal poter essere considerata un Capolavoro: tutto fumo e niente arrosto, anzi. ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...