giovedì 28 aprile 2016

Thursday's child

La trama (con parole mie): per una volta, nel corso di questa primavera decisamente scialba per quanto riguarda la settima arte, mi pare di trovarmi di fronte ad una settimana che, almeno in una certa misura, potrebbe regalare qualche soddisfazione.
Quello che, invece, continua a non regalarmene neanche per sbaglio è quello scellerato del mio acerrimo nemico nonchè co-conduttore di rubrica Cannibal Kid, che continua a tormentare i lettori di White Russian con le sue bislacche opinioni legate alla settima arte: uno sporco lavoro, quello di sopportarlo, ma qualcuno deve pur farlo.

"Penso proprio che gli scritti di Cannibal e Ford saranno i primi a venire bruciati dopo il mio ritorno."
La foresta dei sogni

"Così quello è Ford!? E' davvero mostruoso come diceva Cannibal!"
Cannibal dice: Nuovo film di Gus Van Sant con Matthew McConaughey e Naomi Watts. Sembrerebbe un film uscito dai miei sogni, gli stessi in cui quando digito su Google “WhiteRussian” mi escono solo le ricette per preparare il cocktail, e non dei presunti blog cinematografici. Eppure questa pellicola è passata piuttosto inosservata/criticata al Festival di Cannes dell'anno scorso e più che un lavoro da sogno, potrebbe rivelarsi un diludendo da incubo.
Ford dice: tipico film pronto ad alimentare aspettative enormi sulla carta ed altrettanto a fornire su un piatto d'argento la delusione.
Personalmente, spero che possa rivelarsi una gran bella visione, anche se i dubbi sono quasi più di quanti non ne nutra tutti i giorni rispetto alle recensioni di Cannibal Kid.



Lui è tornato

"Eddai, Adolf! Perfino Ford sa cos'è un mouse, ormai!"
Cannibal dice: Film su un cattivone del passato che si trova del tutto spaesato nel mondo del presente...
No, ma che avete capito?
Non sto parlando di James Ford, ma di Adolf Hitler!
Ford dice: un film che racconta il ritorno online del Cannibale dopo l'ennesimo weekend lungo. La storia di un blogger un tempo prolifico ed ormai radical figlio dei fine settimana bene passati al mare o in montagna.



The Dressmaker – Il diavolo è tornato

"Dovevo saperlo che per raggiungere casa Ford non avrei potuto prendere neppure un calesse!"
Cannibal dice: Abbiamo capito che il diavolo è tornato...
Ah, ma qui non si parla più di Hitler, bensì di un'affermata stilista interpretata da Kate Winslet che ritorna nel paesino australiano in cui è cresciuta?
Sembra una vicenda in grado di coniugare un personaggio radical-chic molto Cannibal style con un'ambientazione da bifolchi fordiani. Credo quindi che questo film potrebbe essere apprezzato sia su Pensieri Cannibali che su WhiteRussian, sebbene per motivi opposti.
Ford dice: titolo che potrebbe essere la sorpresa della settimana, accolto molto bene ed in grado, almeno sulla carta, di soddisfare sia i radical che i pane e salame. Sarà davvero così? Personalmente, considerata la carestia dell'ultimo periodo, spero bene.



10 Cloverfield Lane

"Quel mostro di Ford sta di nuovo cercando di abbattere casa nostra: ma per chi ci ha preso, per i Goi!?"
Cannibal dice: Il sequel/prequel/remake/spinoff/nonhocapitocosacazzoè di Cloverfield, una delle pellicole sci-fi più particolari degli ultimi anni. Non sarà ai livelli del primo, ma un'occhiata ci sta.
Ford dice: il primo Cloverfield era stato, a mio parere, una gran bella sorpresa. Questo qualsiasi cosa sia rispetto a Cloverfield non sarà certo ai livelli dell'originale, ma nonostante questo mi metta sulla stessa barca di Peppa Kid, penso che un'occhiata ci stia tutta.



Zeta

"Noi sì che siamo giovani, altro che quel vecchietto di Cannibal Kid!"
Cannibal dice: Film sulla scena hip-hop underground italiana, con protagonista Salvatore Esposito, il Genny di Gomorra – La serie, e con un sacco di rapper nostrani. Il pubblico sarà già pronto a massacrarlo, yo invece non vedo l'ora di vederlo e magari di combattere una nuova rap-battle contro lo scarsissimo James Ford, lo Sceminem della blogosfera.
Ford dice: la scena rap italiana spesso e volentieri mi delude, ma sono quasi curioso di affrontare la visione di questo Zeta. Se non altro per avere le basi per l'ennesima rap-battle che vincerei con Cannibal Creed.



La coppia dei campioni

"Coppia di coglioni! Certo che quel Ford è un comico più bravo di noi!" "Massimo, non ci voleva poi tanto!"
Cannibal dice: La coppia dei campioni siamo io e Ford, che cacchio vogliono Massimo Boldi (perché, esiste ancora?) e Max Tortora (ma chi è?)?.
Ford dice: più che una coppia di campioni, Boldi e Tortora paiono una coppia di coglioni. Meglio pensare ad una coppia decisamente meglio assortita come il sottoscritto ed il Cucciolo Eroico.



Infernet

Un film talmente importante, che più che la locandina non sono riuscito a trovare.
Cannibal dice: Infernet, il titolo del nuovo inquietante blog di James Ford.
Ford dice: Infernet, il titolo del nuovo inquietante blog di Cannibal Kid.



Benvenuti... ma non troppo

"Casa Goi? Ci manda Ford, ha detto che potevate ospitarci per un anno o due."
Cannibal dice: Benvenuto Ford qui su Pensieri Cannibali... ma non troppo. Anzi, per niente. Vattene subito via!
Quanto al film, una commedia francese giocata sul confronto tra ricchi e poveri, e non sto parlando del gruppo preferito dal vecchio Ford, credo che non si rivelerà troppo male.
Ford dice: il Cinema francese è sempre un'incognita, specie da quando ho scoperto la passione per lo stesso del mio rivale Cannibal Chic. Tutto sommato, però, proposte come questa potrebbero essere non del tutto da buttare.



Lo stato contro Fritz Bauer

"Lo stato contro di me, e nessuno contro Cannibal? E' un vero scandalo!"
Cannibal dice: Il cinema tedesco negli ultimi tempi sta offrendo buone cose, ja, però per questa settimana direi che è meglio puntare su Lui è tornato che non su questo, così come se si cerca un bel post è meglio scommettere su Pensieri Cannibali che non su WhiteRussian.
Ford dice: preferirei vedere lo stato contro Cannibal Kid, ma se dovesse capitare, una visione di questo titolo made in Germany potrebbe starci senza problemi.



Sole alto

"Mi pare quasi di essere la protagonista di un film di Malick!"
Cannibal dice: Film croato/serbo/sloveno che riflette sulla guerra nell'ex Jugoslavia. Mi sembra un po' un mattonazzo buono per l'ex Ford, quello che una volta fingeva di guardare pellicole impegnate e ora non finge manco più, troppo impegnato com'è a vedere unicamente delle schifezzone tamarre per gente tutta steroidi e niente cervello.
Ford dice: altra possibile scommessa autoriale della settimana, anche se, dai tempi di Kusturica, non ho più trovato un film o un regista in grado di raccontare con la stessa potenza le vicende dell'ex Jugoslavia. Le riserve restano, ma chissà. Rispetto a Cannibal, invece, nessuna riserva: è senza speranza da fin troppo tempo.



Cavallo denaro

"Non ti avvicinare a Cannibal Kid, è pericoloso!"
Cannibal dice: Lavoro portoghese che mi sa di autorialità eccessiva persino per un radical come me, e pure per il Ford più snob dei tempi migliori.
Ford dice: settimana ad alta concentrazione autoriale, il che non significa necessariamente garanzia di qualità. Un po' come quando si apre Pensieri Cannibali.



Appena apro gli occhi – Canto per la libertà

"Ed ora una ballad che dedico alla mia fan numero uno: Katniss Kid."

Cannibal dice: Ennesimo film impegnato della settimana. Ma i distributori italiani non farebbero meglio ad aprire gli occhi e vedere che sta arrivando la bella stagione e la gggente c'ha voglia di leggerezza?
Ford dice: dopo settimane di nulla assoluto, la settimana del radical chic!? È una congiura orchestrata da Cannibal?






Fuga dal pianeta Terra

"Hey Cannibal, vieni a fare il protagonista di un cartone animato con me?" "Ford, sei forse più ubriaco del solito?"
Cannibal dice: Se non esce almeno una pellicola d'animazione a settimana, la distribuzione italiana e Ford vanno in crisi. Io comunque, che sono più terra terra, mi accontento anche solo di una fuga dal pianeta WhiteRussian.
Ford dice: più che una fuga dal pianeta Terra, io propongo una fuga dal pianeta Cannibal.


10 commenti:

  1. Infernet? A parte queste discutibili pellicole italiane mi fa piacere che ci sia tanto cinema europeo in programmazione. Punto tantissimo su "Sole Alto", me lo sento che si tratta di un bel film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che Van Sant non deluda, per il resto una settimana quantomeno più interessante delle ultime.

      Elimina
  2. Forse forse di interessante solo The Dressmaker e Lui è tornato (tra l'altro programmato su Netflix)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dressmaker visto ieri, Lui è tornato spero presto.
      Ma secondo me non sono i soli interessanti.

      Elimina
  3. "Lui è tornato" è il film da vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto alle ultime settimane, questa è decisamente più interessante.

      Elimina
  4. A vedere il modo in cui rovini le mie formattazioni perfette, sul fatto che tu Ford sappia cos'è un mouse ho parecchi dubbi... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, so che potrei usarlo come un'arma e scaraventartelo in testa! ;)

      Elimina
  5. come ho già scritto dal tuo socio:

    Visto ieri sera lui è tornato. E il pensiero che se tornasse davvero ci sarebbe un sacco di gente disposta a dargli retta mi terrorizza.
    Visto anche the dressmaker al Torino Film Festival questo inverno, e mi era piaciuto un sacco, quindi mi sento di consigliarne la visione...
    La foresta dei sogni mi sembra una lamata col botto, ma temo che lo vedrà per l'antico affetto verso Gus Van Sant e l'immutato amore come sempre non corrisposto nei confronti di Matthew McConaughey

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel timore ce l'ho anch'io, anche se il film non l'ho ancora visto. ;)

      Visto ieri Dressmaker, non mi pronuncio fino al post di lunedì.

      Su Van Sant la pensiamo allo stesso modo.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...