giovedì 14 febbraio 2013

Thurday's child

La trama (con parole mie): come di consueto, ad una settimana ricca di uscite clamorose come la scorsa succede una decisamente più povera, all'interno della quale troveremo film italiani inutili e film inutili e basta.
Fortunatamente, però, non tutto il male viene per nuocere, e addirittura per il secondo weekend di seguito troverete un film talmente ben fatto da riuscire a mettere d'accordo perfino il sottoscritto e Peppa Kid.
Roba da non crederci.
Tant'è che perfino Ratzi ha deciso, a seguito di questo miracolo, di dare le dimissioni da Papa.

"Cannibal, oggi è un buon giorno per morire."

Noi siamo infinito di Stephen Chbosky


Il consiglio di Cannibal: noi siamo infinito, Ford tu sei finito
Papa Ratzinger ha annunciato le sue dimissioni da pontefice. Forse ha saputo che ultimamente Padre Ford si è dedicato sempre di più alla religione e vuole lasciargli spazio?
Anche se così fosse, spero che la nostra rivalità possa continuare. In fondo, se Natzi, ehm Ratzi ha lasciato per dedicarsi all’attività di twittatore a tempo pieno, anche Papa Ford potrà tenere il suo blog, no?
Noi siamo infinito e un film che a noi, dove con noi per la prima e spero ultima volta nella mia vita intendo me & Ford, è piaciuto e pure parecchio. E a voi?
Film già inserito nella top 10 dei miei preferiti del 2012 (http://pensiericannibali.blogspot.it/2013/01/cannibal-movie-awards-2012.html) e recensione cannibale coming very soon…
Il consiglio di Ford: Ford è infinito, il Cannibale un po’ meno.
Per la seconda settimana di seguito, e per l'ennesima volta quest'anno - ma cosa sta succedendo all'ordine delle cose? - giunge nelle sale un film che riesce nell'impresa di mettere d'accordo perfino il blasfemo Ford ed il Papa Boy Cannibale, una pellicola di formazione con uno sguardo sull'adolescenza e gli anni del liceo di una bellezza da brividi e disarmante. Inutile dire che questo è il film della settimana, e forse anche uno di quelli dell'anno.

"Ragazzi, festeggiamo! Il nostro film è piaciuto sia a Ford che a Peppa Kid!"

Die Hard - Un buon giorno per morire di John Moore


Il consiglio di Cannibal: Die Ford, volevo dire… Dai Ford!
Sono secoli ormai che l’idolo Bruce Willis non azzecca più un action davvero degno di nota, forse dalle precedenti dimissioni di un Papa, e dubito che questo ennesimo remake possa cambiare la tendenza.
Il precedente Die Hard - Vivere o morire era anche guardabile, però era del tutto inutile e non aggiungeva nulla alle avventure di John McClane. Se in quello c’era la figlia, in questo nuovo (?) capitolo hanno tirato fuori il figlio di McClane. Certo che questi sceneggiatoroni di Hollywood ne hanno davvero tanta di fantasia.
Quasi quanta Ford: dopo Beasts of the Southern Wild, anche il suo prossimo header sarà dedicato a Zero Dark Thirty? ;)
Il consiglio di Ford: un buon giorno per il Cannibale per morire potrebbe essere quello di decidersi ad incontrare Ford di persona!
Ennesimo capitolo delle avventure dell'inossidabile McClane, che ormai pare effettivamente aver dato tutto quello che poteva al Cinema. Da queste parti, però, si vuole un gran bene sia a Bruce Willis che alla saga, quindi ce ne fregheremo bellamente e saremo in prima linea per goderci qualche sana esplosione nonchè sparatoria nonchè action movie in barba a tutti i Peppa Kid del mondo.
Ce n'è uno solo? E meno male! ;)

"Hey Ford, ma non mi avevi detto che sarebbe stata una serata tranquilla?" "Cannibal, questa è una serata tranquilla! Vuoi o non vuoi diventare un Expendable!?"
Promised Land di Gus Van Sant


Il consiglio di Cannibal: un bel film, promesso
Grazie. Per una volta grazie alla distribuzione italiana, per non aver tradotto il titolo di questo film con qualcosa che avrebbe potuto far affiorare inquietanti ramazzottiani ricordi…
Ho già visto questo film e devo dire che mi è piaciuto. Qualcuno lo potrà accusare di buonismo o altro, ma per me raccontare bene una bella storia non significa per forza buonismo. Certo, non aspettatevi un capolavoro di originalità o qualcosa di rivoluzionario, ma un solido film diretto dalla garanzia Gus Van Sant che unisce impegno con una buona dose di intrattenimento. Questo ve lo posso promettere.
Una cosa che non vi posso promettere è che io e Ford ci daremo battaglia su questo film. Anche se, considerati i suoi gusti mistico-spirituali degli ultimi tempi, il Ford Sant potrebbe arrivare persino a rinnegare Van Sant.
Recensione cannibale prossimamente.
Il consiglio di Ford: ve lo prometto, lo guardo e cerco di fare la guerra al Cannibale!
Il buon Gus, che mi pareva alla canna del gas dopo aver realizzato quella robetta radical chic tutta forma e niente sostanza di Paranoid Park potrebbe riscattarsi con un titolo che mi ricorda in qualche modo il buon Will Hunting - sarà per Matt Damon? -. Al Saloon non è ancora arrivato, ma vedremo di provvedere a breve in modo da contrastare la presenza in rete della recensione cannibalesca, che sarà come di consueto frutto dei deliri egomaniaci del mio antagonista.

"Abbiamo fatto proprio bene a venire al Saloon da Ford! Stare con il Cannibale è una rottura di palle infinita!"
Blue Valentine di Derek Cianfrance


Il consiglio di Cannibal: Blue Ford
Davvero ironica la scelta di far uscire un film così disperato e così poco romantico proprio a San Valentino. Peccato solo che probabilmente non si è trattata di una scelta ironica…
I distributori nostrani hanno portato nel nostro Belpaese questo film con un ritardo fordiano di giusto qualche anno, ma se non altro può essere l’occasione buona per ripescare il lavoro dell’interessante regista Derek Cianfrance prima dell’uscita di Come un tuono (The Place Beyond the Pines), ancora con l’ottimo Ryan Gosling. Blue Valentine è una perfetta visione per un San Valentino alternativo, mentre se siete dei romanticoni smielati come Mr. Ford, è meglio se girate al largo.
La mia recensione, vecchia di ormai due anni ma non ancora andata a male, la potete recuperare qui
Il consiglio di Ford: volete un San Valentino da incubo che vi permetta di liberarvi di una metà sconveniente? Scegliete un film consigliato dal Cannibale!
Tralasciando i consueti commenti a proposito della distribuzione italiana, devo ammettere che questo film ormai piuttosto datato non è mai riuscito ad incuriosirmi abbastanza da affrontarne la visione: può essere, però, che l'imminente uscita di The place beyond the pines possa farmi cambiare idea e mettermi nell'ottica di una doppietta dedicata a Cianfrance. Staremo a vedere. Nel frattempo, io salto a piè pari S. Valentino e continuo a consigliarvi di essere a breve tutti infinito.

"Katniss Kid, mi dispiace, ma devo proprio mollarti. Non sopporto più quel coniglio che sta in camera nostra tutto il giorno!"

Il principe abusivo di Alessandro Siani


Il consiglio di Cannibal: il film abusivo
Alessandro Siani non è che non lo sopporto. Non capisco quello che dice. Non so quindi dire se faccia ridere o meno, so solo che io non lo capisco.
Qui, oltre ad essere protagonista, esordice alla regia e naturalmente, per non farci mancare nulla, firma pure la sceneggiatura. Ho come l’impressione quindi che questo film… non lo capirò. Almeno so che visione recuperarmi quando vorrò davvero farmi del male. Altrimenti un’alternativa valida è sempre quella di guardare qualche pellicola caldamente consigliata da UaitRascian.
Il consiglio di Ford: dovrebbero essere abusivi i consigli di Principino Kid!
Trovo che Alessandro Siani sia uno dei fenomeni televisivi e cinematografici made in Terra dei cachi più sopravvalutati ed inutili degli ultimi anni. Dunque, quanto pensate possa interessarmi un film scritto, diretto ed interpretato da lui?
Avete indovinato.
Meno di un titolo consigliato da Peppa Kid.
E ho detto tutto.

"Katniss Kid, ora che Ryan Gosling ti ha mollato puoi uscire con me!"
La mia mamma suona il rock di Massimo Ceccherini

Il co
nsiglio di Cannibal: la mia mamma le suona al Ford
Il consiglio di Cannibal: Come se Siani non fosse già abbastanza, ecco arrivare anche un film diretto e interpretato da un altro comico (?) nostrano, Massimo Ceccherini. Non ho visto i suoi filmoni precedenti, e non credo che vedrò nemmeno questa perla, che vanta nel cast Cristina Del Basso, la tettona del Grande Fratello. E se fa l’attrice lei, vuol dire che in Italia chiunque può fare qualsiasi cosa. Non so, a spararla grossa, a questo punto oserei dire che Ford potrebbe persino proporsi come autorevole blogger cinematografico!
Il consiglio di Ford: io le suonerei volentieri a Ceccherini. E non solo.
E' il momento di una confessione.
Il mio acerrimo nemico, il personaggio che più odio e trovo discutibile al mondo non è il Cannibale. Neppure Lars Von Trier. O Silvio Berlusconi. E' Massimo Ceccherini.
L'ho sempre, sempre, sempre detestato.
Non fa ridere, è brutto da vedere, mi pare sinceramente anche un coglione.
Guardate un pò a cosa mi portano certi film distribuiti.
A proposito, se lo andate a vedere vi pesto con le mie mani. E le bottiglie, ovviamente.

"Cristina, meglio se beviamo, così quando Ford ci prende a bottigliate siamo già anestetizzati!"

Viva la libertà di Roberto Andò

Il consiglio di Cannibal: viva la libertà, abbasso Ford (troppo scontata questa, lo so, lo so)
Film su una campagna elettorale che per una volta dunque esce in maniera sensata nel momento giusto. Peccato solo che siamo già talmente spompati dalla campagna elettorale vera che non credo in molti vogliamo vederne una pure al cinema.
Viva comunque la libertà di scelta, che può portare qualcuno a sorbirsi questo film anziché un gioiellino assicurato come Noi siamo infinito, oppure a perdere tempo su WhiteRussian anziché su Pensieri Cannibali.
Il consiglio di Ford: ben venga la libertà. Quella di evitare certi film.
Come già ampiamente espresso la settimana scorsa, temo di averne le palle piene di elezioni politiche, presunti politici e presunti nani maledetti. A parte il momento in cui sarò solo con me stesso nella cabina per il voto, non voglio sentire nulla che riguardi lo scempio ed il teatrino che siamo costretti a sorbirci qui.
Soprattutto al Cinema.
Che se lo sciroppi il Cannibale, che tanto è abituato all'immondizia televisiva.

"Dovessi essere eletto, vi restituirò l'Imu... E abolirò Pensieri Cannibali!"

Quattro notti di uno straniero di Fabrizio Ferraro

Il consiglio di Cannibal: meglio quattro notti con uno straniero, o possibilmente una straniera, che con Ford
Pellicola che puzza di radical-chicchismo lontano un miglio persino al mio naso.
Figuriamoci a quello di Ford…
Il consiglio di Ford: meglio quattro notti da straniero in vacanza, che qui in Italia con film come questi.
Pellicola che puzza di radical-chicchismo lontano un miglio al naso del Coniglione.
Figuratevi al mio.

"Lo confesso, ero un radical chic: poi Ford mi ha guarito a suon di bottigliate."

Notre-Dame De Paris di (regista non pervenuto)


Il consiglio di Cannibal: ma basta con ‘sti film sulla danza
Ormai ogni settimana escono regolamente non solo dei filmetti italiani distribuiti in 2 o 3 sale, non solo dei filmetti di animazione che persino Ford è in grado di creare al computer, ma pure dei filmetti sulla danza che credo/spero nessuno vada a vedere. Se volete assistere a un’opera teatrale, andate a teatro, no?
Il consiglio di Ford: non voglio vederli danzare.
Ma con tutte le buone cose che escono ai quattro angoli del globo, è possibile che qui si sia ridotti così male da proporre in sala spettacoli teatrali riciclati!?
Sapete cosa dice il vecchio Jack Burton in situazioni come questa?
Il vecchio Jack dice "basta, adesso".

"Basta, adesso."
Vietato morire di Teo Takahashi


Il consiglio di Cannibal: oddio, a Ford non lo vieterei buahah
Documentario ambientato in un centro di recupero per tossicodipendenti.
Buone le intenzioni, lascio a voi il piacere o dispiacere di scoprire il risultato.
Io, sinceramente, c’ho meno voglia di vederlo di un film scritto, diretto e interpretato da Mr. James Ford con la partecipazione straordinaria di Alessandro Siani e Massimo Ceccherini.
Il consiglio di Ford: vietato vivere (chiusi in una stanza infestata da conigli giganti a Casale Monferrato).
E pensare che questa settimana era partita bene.
Ora mi sento così depresso che quasi quasi corro a guardarmi qualche
film consigliato da Katniss Kid.
Che è tutto dire.

"Ogni volta che Ford e Cannibal si incontrano, mi tocca portare il Kid al pronto soccorso!"

41 commenti:

  1. concordo con ford e detesto ceccherini, ma sarei curioso di vedere il suo invisibile film su berlusconi fatto qualche anno fa e mai uscito, anche solo per bottigliarlo di gusto. siani non solo non fa ridere, in più commette un gravissimo peccato mortale: credersi troisi. e questo me lo rende ancora più odioso. inqualificabile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dantès, direi che sono una coppiata terrificante, per la quale non sprecherei neanche le bottigliate! Una vergogna! :)

      Elimina
  2. Se non altro a torino il film(?) di ceccherini(?) non è uscito, almeno evito anche di vedere la sua faccia da cazzo sulle locandine. E scusa se ho scritto faccia.
    Non è uscito nemmeno Blue Valentine, nè tutta l'altra roba inutile. A parte siani, sempre restando nel settore inutilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che per questa volta, dunque, Torino si è (quasi) salvata.
      Recupera quelli che meritano, e ignora il resto. Che poi, a questo giro, è quasi tutto!

      Elimina
    2. ah, ma è quello che faccio sempre!
      e questa settimana con promised land e brusuillis me la cavo pure in fretta.

      Elimina
    3. Brusuillis è una garanzia, e secondo me Van Sant merita. Quindi direi che va anche di lusso, oltre che di fretta!

      Elimina
    4. visto che siamo in tema di outing, confesso: brusuillis io non lo reggo quasi mai. tranne quando fa robe strane, tipo la colazione dei campioni o moonrise kingdom. e va beh, troppo facile, il sesto senso. quello di van sant mi sembra troppo compitino, ma sicuramente lo vedrò. blue valentine sta nel mio hard disk da un annetto: che dite, merita di più al cinema?

      Elimina
    5. Dantès, sei il solito snob.
      più che strana, la colazione dei campioni era una roba brutta. E brutta non rende nemmeno abbastanza l'idea.

      Elimina
    6. trasformare un romanzo di vonnegut in film è cosa estremamente difficile. ci vorrebbe uno altrettanto strano, tipo wes anderson

      Elimina
    7. eh ho capito. appunto. mica nessuno ti obbliga a trasformare in film qualunque cosa, eh?

      Elimina
    8. Questo mi pare un dialogo un pò troppo radical chic! ;)

      Comunque brusuillis sempre e comunque, anche quando ha i capelli un pò più lunghi ed è inguardabile. Forse l'unico film che non ho proprio digerito con lui fu The jackal, ma era davvero una roba brutta.

      Elimina
    9. io radical chic? tsk! ;)

      Elimina
    10. Ma dai che non lo sei, altrimenti ti avrei già bottigliato come faccio di solito con il Cannibale! ;)

      Elimina
  3. Settimana di carnevale, tra Clown Festival e Controfestival, devo trovare il tempo per il Cirque du Soleil....mi annoto Promised land e me ne vo....mica che inciampi nelle vostre scarpette da danza, due scriteriati che siete ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorella, ti consiglio vivamente anche Noi siamo infinito, bellissimo.
      E poi non vorrai snobbare il mitico Bruce!?

      Elimina
    2. Io dei Die Hard non ne pooooosssso piú!!!!

      Elimina
    3. Sorella, questa è una pugnalata al cuore. Sappilo. ;)

      Elimina
  4. Ma Emma Watson ha guardato "Titanic" prima di girare "Noi siamo infinito"? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sailor, Emma Watson ha guardato Titanic, ma nella versione in cui Rose era interpretata dal Cannibale! Ahahahahahahah!

      Elimina
    2. E chi interpretava Jack? :)

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. I segreti di Titanic Mountain :D

      Elimina
  5. Hai visto Ceccherini e non Blue valentine?
    O non ho capito bene?
    Ad ogni modo, il film con Gosling a me era piaciuto, ma forse sono di parte...ehehe. No, tornando seri, secondo me l'unico peccato del film è non aver mostrato (o almeno a me è sfuggito) il motivo della rottura, come sia stato possibile che un amore come il loro diventasse un inferno. Succede, certo, ma non credo sia mai per caso. Non credo all'amore che finisce all'improvviso. Forse la sceneggiatura era volutamente mancante in questo punto...scelta per me non condivisibile.
    Per il resto lui è il solito nato per recitare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho visto nessuno dei due: la differenza è che Ceccherini non lo vedrò mai e poi mai, mentre Blue valentine lo recupererò a breve! ;)
      Comunque grande Gosling!

      Elimina
  6. Keep it up per Noi siamo infinito! bellissimo e coinvolgente.
    Spero proprio che Die Hard non deluda.. Bruce non può deludere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorant, d'accordissimo su Noi siamo infinito. Una bomba.
      Die hard non deluderà, non fosse altro per il divertimento! ;)

      Elimina
  7. Beh! Gus Van Sant ogni tanto butta lì qualcosina che merita, magari non frizzante nelle trame, però...
    Un momento di silenzio per il cinema italiano... che tristezza. Proprio da inizio quaresima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, il Cinema italiano purtroppo è messo male da tempo.
      Van Sant, a parte qualche scivolone come Paranoid Park, è una discreta garanzia. Io rischierei! ;)

      Elimina
  8. "Noi siamo infinito" fa bene agli occhi e al cuore. E a tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e anche alle orecchie.
      la soundtrack è spettacolare

      Elimina
    2. Per una volta siamo tutti d'accordo.

      Elimina
  9. direi che gli italiani a sto giro ne escono male male...
    alla wats che mi diventa donnino e non mezzosangue's girl non avrei dato una cicca, mentre voi due lo elogiate alla grandissima... e allora che così sia, me lo andrò a vedere, ma perché dalle mie parti hanno segato Blue Valentine?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patalice, mi ero perso il tuo commento: so che hai visto Noi siamo infinito, mentre per Blue Valentine a questo punto non ti resta che recuperarlo come tutti noi sappiamo!

      Elimina
  10. Forse verrò proclamato nemico del saloon anche io, ma voglio spezzare una lancia, anche se piccola in favore di Ceccherini. All'inizio, se devo essere sincero, non era affatto male. In quel gran filmone che porta il titolo "Benvenuti in casa Gori" fa un figurone incredibile, così come in alcuni dei primi titoli di Pieraccioni (anche se far un figurone accanto a Pieraccioni...).
    Ora non è da prendere neanche in considerazione, però prima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesa, riflettici bene: con Ceccherini rischi di giocarti tutti i bonus che ti guadagni con Clint! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...