martedì 12 febbraio 2013

Million dollar baby

Regia: Clint Eastwood
Origine: USA
Anno: 2004
Durata: 132'



La trama (con parole mie): Frankie Dunn è un allenatore di boxe veterano di centinaia di combattimenti vissuti accanto ai suoi atleti, ai quali insegna come fosse un padre a proteggersi sempre, perchè dato che la vita è tosta ed il pugilato un'espressione "al contrario" della stessa, occorre tenere la guardia alta prima di ritrovarsi con il culo al tappeto.
Accanto al fido Scrap l'uomo conduce la sua palestra con piglio burbero ed una curiosa affezione per il gaelico, mentre attende che un giorno la figlia, da tempo lontana, possa rispondere ad almeno una delle sue lettere destinate a tornare sempre al mittente.
Quando Maggie Fitzgerald, venuta dal profondo Missouri, si presenta alla sua porta chiedendo di essere allenata, Frankie rifiuta fermamente: ma la determinazione della donna li porterà a costruire un rapporto che andrà ben oltre i successi sul quadrato, e darà ad entrambi la possibilità di vivere il legame tra padre e figlia che hanno perduto.




Nella penombra della stanza di una clinica, con un peso sul cuore che probabilmente nessuno di noi vorrebbe mai essere costretto a portare, il vecchio Frankie Dunn rivela alla sua protetta, la boxeur Maggie Fitzgerald, il significato della parola gaelica divenuta il soprannome della ragazza nel corso della sua breve ma folgorante carriera: Mokusha.
Lo fa con un groppo in gola a soffocare le lacrime, prima di spiegare quello che sta per fare, augurarle una buonanotte eterna che seppellirà anche lui in qualche posto tra il nulla e l'addio.
E' questa scena il punto focale di uno dei più grandi film sulla boxe, sull'amore che lega padri e figli, sulla lotta che è questa vita mai girato, uno dei vertici assoluti della straordinaria carriera da regista di Clint Eastwood, il manifesto di uno struggimento che fa il paio con quello di un'altra pellicola fondamentale per la Storia del Cinema, Città amara di John Huston, uno dei grandi ispiratori dell'ex "spietato" che lo stesso omaggiò in Cacciatore bianco cuore nero: Millon dollar baby è una parabola sul prezzo da pagare per cercare di arrivare ad ottenere qualcosa, sull'importanza del "proteggersi sempre" e sulle contraddizioni che la vita riserva, proprio come il pugilato, che prevede spesso e volentieri che i suoi combattenti corrano incontro alla ragione e all'istinto per poter portare un colpo vincente o evitare quello del KO.
Le vite di Frankie, Maggie, Scrap e Danger sono così: una lotta continua, una battaglia ai margini che permette di osservare le luci ed i grattacieli della grande città solo da lontano, da quella via secondaria dove pare quasi sdraiata la palestra che vede iniziare il cammino di una giovane donna venuta dalla campagna verso un sogno inseguito tutta la vita, quello di battersi e liberarsi di ogni suo demone.
Il demone di un padre morto troppo presto, di una famiglia che Famiglia non è, di un destino da cameriera e avanzi lasciati dai clienti del ristorante, di un fallimento che pare scritto a chiare lettere, marchiato a fuoco sulla sua pelle, nella sua anima.
Maggie che ama stenderli tutti al primo round, che va dritta per la sua strada anche di fronte ai rifiuti di Frank, alle parole di chi non crede in lei, all'età che avanza e che spesso e volentieri significa l'abbandono dei sogni di gloria per ogni sportivo.
Maggie che non è solo cuore, "perchè un pugile solo cuore le prende, e di brutto", e che ha nella determinazione e nella predisposizione al duro lavoro le risorse che il tempo ed il talento possono averle negato.
Maggie che è il riscatto di Frankie, che porta nel cuore la colpa della separazione dalla figlia ormai praticamente sconosciuta, che mostra a Scrap le luci della ribalta che il vecchio ex pugile mezzo cieco non ha mai avuto occasione di avere puntate addosso nel corso dei suoi centonove - anzi, centodieci - incontri, che da un senso allo scombinato sogno di Danger di battere, un giorno, un campione ritiratosi da anni.
Maggie che è il simbolo di una volontà tutta umana di vivere e battersi dal primo all'ultimo giorno, e non mollare neppure di fronte al match che tutti, prima o poi, siamo destinati a perdere: quello con la morte.
Maggie che non affronta questa sfida con la paura del conto di dieci, ma che alza gli occhi e chiede aiuto a Frankie "e non a Dio": perchè quando senti il tuo sogno realizzarsi e l'esistenza prendere un senso, è impossibile tornare indietro e scomparire lentamente perdendo se stessi e tutto quello che si era guadagnato con sudore e sofferenza.
Ed è lì che torniamo, a Mokusha.
A Frankie in quella stanza, che spiega a Maggie cosa accadrà, come arriverà la pace che lei ha chiesto, l'ultimo ed estremo sacrificio che un padre potrebbe fare in nome dell'amore per sua figlia.
Proteggerla lasciandola andare, scegliendo di portare un fardello che, Fede oppure no, è destinato a schiacciare ogni Uomo del mondo, anche il più tosto, ruvido e cattivo.
Il fardello che porta in quei posti "persi tra il nulla e l'addio", dove neppure la più gustosa tra le torte con la crema di limone fatta in casa potrà riportarci indietro alla vita, e al mestiere più duro cui la stessa può metterci di fronte: quello di essere padri che vogliono proteggere i loro figli.
E potrei parlare del rigore della regia di Eastwood, delle interpretazioni pazzesche dei tre protagonisti, della fotografia magistrale firmata da Tom Stern e dello script perfetto di Paul Haggis - che da regista non riuscirà più a trovare lo stesso stato di grazia -, del fatto che la pellicola sia stata girata in trentasette giorni - una cosa da fantascienza -, del climax emotivo che parte come una pacca sulla spalla e finisce tra le lacrime - come accadrà anche con un altro Capolavoro del vecchio Clint di qualche anno dopo, Gran Torino -: ma poi torno con la mente a quella stanza, a Frankie che soffoca il pianto e a Maggie che sferra l'ultimo colpo. Quello del KO.
Perchè è così che le piace fare. Stenderli tutti al primo round.
Mokusha.
E non serve nient'altro.


MrFord


"I stand in front of you
I'll take the force of the blow
protection
I stand in front of you
I'll take the force of the blow
protection."
Massive attack - "Protection" -



47 commenti:

  1. i 4 bicchieri!
    non avrei mai creduto di riuscire a vederli.
    pensavo si trattasse di una leggenda metropolitana, invece esistono realmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esistono eccome.
      Il fatto è che Clint è una leggenda. ;)

      Elimina
  2. un gran bel film!
    Baingiu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un gran, gran, gran bel film. Senza dubbio.

      Elimina
  3. Due delle cose che meno amo: la boxe e Clint alla regia...
    Ah ah ah ah

    Confesso (ed è un giochino che faccio sempre, azzardare quali e quanti, fra bicchieri e bottigliate) che mi sarei giocata dei soldi su tre bicchieri. Non avevo tenuto conto dei poteri della paternita :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente paternità, in questo caso.
      Questo è un Capolavoro, Sorella. Pochi cazzi. :)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Dici bene, nient'altro da dire. Gigantesco.

      Elimina
  5. Non me l'aspettavo una recensione di questo peso così all'improvviso! '0'
    Bellissimo film e bellissimo post, nient'altro da dire.
    Anzi... ora mi hai fatto pure venir voglia di rivederlo Ford.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film come questo andrebbero rivisti almeno una volta l'anno.
      Indimenticabile.

      Elimina
  6. Filmone.
    Bellissime parola.
    Bellissima citazione dei Massive attack.

    RispondiElimina
  7. buon film, però i 4 bicchieri mai visti no.
    sono troppi pure per un eastwoodiano! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un film come questo non sono mai troppi.
      E comunque si sarebbero visti anche per Un tram che si chiama desiderio, che tu ovviamente hai tanto detestato.

      Comunque a breve ne vedrai ancora. ;)

      Elimina
  8. evidentemente, pure tu sei stato contagiato dalle proposte shock di berlusconi e dalle dimissioni del papa e hai voluto fare lo sborone per fare notizia! ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha in realtà ho deciso di rivederlo quando è nato il Fordino, ma sarebbero stati quattro bicchieri comunque!

      Elimina
  9. che emozione! ho visto i quattro bicchieri tutti assieme e stamattina ancora non ho toccato nulla...quindi sono veri! Beh lasciatelo dire, speravo proprio di vedere i quattro bicchieri lucidati in occasione di un capolavoro e per me Million dollar baby lo è!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non poteva che essere così.
      Film clamoroso, che nonostante le numerose visioni ogni volta mi strappa emozioni incontrollabili.

      Elimina
  10. Sarà un repubblicano, ma East tocca delle corde nell'anima che solo dio sà.... Tanto pianto per questo film. Tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene. Clint non si tocca.
      Film grandioso.

      Elimina
  11. Lacrimoni e singhiozzi nel finale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso darti torto. Ogni volta che ascolto il significato di Mo'kusha devo trattenere le lacrime.

      Elimina
  12. Grandissima recensione per un grandissimo film, non si deve aggiungere nulla, basta solo il titolo.
    E non immagini l'emozione nel vedere i quattro bicchieri! E ho dovuto ricontarli un paio di volte per essere sicuro fossero realmente quattro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesa, so che tu mi puoi capire.
      Clint una leggenda. Come questo film.

      Elimina
  13. 4???Allora sono veri!!Scherzi a parte...concordo su tutto, mi hai quasi commossa. Grande, grandissimo film. Forse il migliore di Clint.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non il migliore, tra i migliori.
      Del resto Clint ci ha abituato bene.

      Elimina
  14. lacrime! lacrime! fiumi di lacrime...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dirlo forte. Con film come questo non si scherza.

      Elimina
  15. Pochi film mi hanno coinvolto in questa modo. Al colpo al collo mi uscì un "nooo" a bassa voce di tristezza sincera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maste, pochi film sono così potenti. Ogni volta mi distrugge. Grandissimo.

      Elimina
  16. questo è di una tristezza infinita ma è magnifico
    non so se preferire Clint come regista o come attore.
    devo dire che mi manca un callaghan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suara, Callaghan l'ho recensito in toto un paio d'anni fa: recuperalo!
      Comunque senza dubbio Clint regista. Il John Ford dei nostri tempi.

      Elimina
  17. anche secondo me è un film di una tristezza infinita, gli ultimi 30 minuti sono un pugno(!) nello stomaco.
    Cmq grandissimo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultima parte, effettivamente, mette a dura prova.
      Film enorme.

      Elimina
  18. Quando uscì me lo persi per strada. Recuperato in Homevideo in uno dei momenti più difficili della mia vita ho fatto davvero fatica a finirlo. Troppo doloroso.
    C'ho riprovato più tardi, dopo che era nata Maria, e lì lo ammetto, la lacrima è scesa. Hai fatto bene a riperscartelo ora che sei papà. Credo che amplifichi tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, posso capirti. E' un film tosto e doloroso, ma anche profondamente umano e perfetto per fotografare alcuni aspetti del rapporto tra genitori e figli.
      Grandissimo.

      Elimina
  19. vabbè mi devo pure esprimere?!? caposaldo irresistibile!

    RispondiElimina
  20. Caposaldissimo, Lorant. Bomba totale.

    RispondiElimina
  21. Questo è una pietra miliare...
    Non può essere ne paragonato ne giudicato.
    Eastwood non è mai stato più pregnante di così, e la Maggie che c'è in me, la lottatrice, lo adora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dirlo forte.
      Un film indimenticabile, che è un manifesto per chi lotta.

      Elimina
  22. Forse uno dei film che mi fa piangere di più in assoluto. Ogni volta che lo vedo mi deprimo, ma è troppo bello per non farlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, effettivamente è un colpo al cuore.
      Ma con film così, vanno bene anche le lacrime.

      Elimina
  23. Meritatissimo il salto indietro di quasi un decennio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo film merita un pò di tutto! :)

      Elimina
  24. Un film che ti stende dal primo all'ultimo round. Uno dei drammi sportivi più emozionanti. Quattro bicchieri per Clint ci stanno tutti. Altri 4 direi solo per la grande Hilary. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina, sottoscrivo tutto, in pieno.
      Grande Clint, grande Hilary, grande film.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...