martedì 2 febbraio 2016

The Vatican Tapes

Regia: Mark Neveldine
Origine: USA
Anno: 2015
Durata: 91'






La trama (con parole mie): Angela, giovane figlia di un pilota ex militare tutto d'un pezzo in procinto di sposarsi con il fidanzato Pete, a seguito di una banale ferita comincia a manifestare cambiamenti d'umore e problemi fisici che culminano con un coma che la porta ad un passo dalla morte.
Proprio quando le speranze paiono aver abbandonato i cari della ragazza, questa ha un miracoloso recupero delle sue facoltà fisiche e mentali: il ritorno alla vita di Angela, però, pare celare qualcosa di terribile.
La giovane, infatti, è in realtà posseduta da un'entità demoniaca ancestrale che, dopo aver turbato il cappellano dell'ospedale, Padre Lozano, attira l'attenzione del Vaticano, che invia uno dei suoi più importanti esorcisti in modo che possa eliminare la minaccia e salvare la sua anima sempre più in pericolo.
Come finirà il duello tra l'uomo della Chiesa e l'emissario del Diavolo?









Sono costretto ad ammetterlo: a volte, le grane cinematografiche finisco davvero per andarmele a cercare.
Del resto, se non ci fosse il peggio non ci sarebbe il meglio, e quando in alcune serate finiamo per essere troppo stanchi o troppo presi da altro per sfruttare la concentrazione delle grandi occasioni, pellicole come The Vatican Tapes finiscono per essere quasi perfette.
Quasi, perchè dal lavoro di Neveldine, in tutta onestà, mi aspettavo molto di più: del resto, il regista dei due Crank e del tamarrissimo e divertentissimo secondo Ghost Rider - e, certo, anche di quell'inenarrabile schifezza di Gamer - si è ormai costruito una discreta fama di uomo dietro la macchina da presa sopra le righe ed eccessivo nel senso buono del termine, e dunque da lui una cosa anonima, già vista ed inconcludente come questa finisce per apparire perfino peggiore di quanto già non sia.
Un vero peccato, perchè nonostante sia un genere assolutamente inflazionato, quello delle possessioni è un bacino inquietante il giusto dal quale attingere per poter regalare al pubblico un horror quantomeno divertente, e non basta un finale aperto quanto inutile per risollevare le sorti di un prodotto che non solo non spaventa, ma si presenta talmente uguale a tanti altri da far perdere qualsiasi interesse dello spettatore che non sia legato agli argomenti molto interessanti della protagonista Olivia Taylor Dudley, che, per dirla come Fabri Fibra, con le sue "bombe" quantomeno allieta una visione che, altrimenti, neppure un minutaggio decisamente abbordabile avrebbe facilitato.
Resta la curiosità a proposito di quanto, nel corso dei secoli, la Chiesa abbia marciato oppure no sull'influenza che il Diavolo o chi per lui hanno finito per avere in casi che, a mente fredda, paiono più associabili a forme molto gravi di schizofrenia che non a veri e propri atti di guerra del vecchio Satana - che poi, per quale motivo dovrebbe perdere tempo ed energie per possedere poveri cristi che non hanno alcuna influenza o potere nel mondo, invece, chessò, del Papa stesso!? - ed il pensiero che, come ogni cosa sovrannaturale, qualcosa di vero possa perfino esserci, da qualche parte.
La cosa grave, però, è che le suddette curiosità e riflessioni non vengono stimolate da un film come questo, davvero troppo esile non solo per intrattenere, ma anche e soprattutto per regalare un qualche spunto che vada oltre il suo svolgimento: dispiace, in questo senso, vedere caratteristi come Michael Pena o Djimon Hounsou sprecati almeno quanto il regista, che ha avuto come unica, grande intuizione quella di mettere spesso e volentieri le tette della Dudley in primo piano.
Ed anche in questo caso, si tratta di tutto tranne che di horror.





MrFord





"I'll take your breath away
and after, I'd wipe away the tears
just close your eyes dear
through this world I've stumbled
so many times betrayed
trying to find an honest word to find
the truth enslaved."
Sarah McLachlan - "Possession" - 






43 commenti:

  1. Non mi attirava manco per sbaglio,mi sa che ne faremo a meno ;)

    RispondiElimina
  2. Visto ma è talmente brutto che vorrei dimenticarlo, Mark Neveldine deve aver battuto la testa. Forte. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo: hanno rimediato solo le tette della Taylor.

      Elimina
  3. DIAVOLO PORCO BASTA CON STI CAZZO DI FILM A TEMA POSSESSIONE
    (ne esce uno decente ogni 15)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dembo ti adoro.
      Non avrei saputo dirlo meglio XD XD XD

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Lascia il Khal e abbandonati tra le mie possenti braccia, mi faccio crescere i ricci se vuoi!

      Elimina
    4. Ovvio che voglio XD(i ricci!)
      *scappano verso il tramonto su una moto,promettendosi vicendevolmente di non guardare mai più film sulla possessione diabolica.Tranne quell'uno su 15 che esce decente XD*

      Elimina
    5. Fratello, voglio anche io il ritorno dei ricci, anche se detto così suona fin troppo bromantico! ;)

      Elimina
    6. Tanto che siamo in argomento,di che colore sono i ricci?
      (scusa la curiosità tricologica,ma visto che sei ancora + misterioso del padrone di casa....)

      Elimina
    7. Potrei rispondere, ma lascio che faccia il diretto interessato. ;)

      Elimina
    8. Ahahaha, cmq castani con riflessi argentei e delicate pennellate di tonalità al miele
      (Ok ho mentito, solo castani)

      Elimina
    9. Non ti ci vedo con i riflessi argentei e le tonalità al miele. ;)

      Elimina
    10. Fiuuu meno male che non hai detto rossi!!!!

      Elimina
    11. A livello di tratti somatici, il mio fratellino non ha nulla del rosso irish. ;)

      Elimina
    12. Eppure un giorno io sono sicuro scopriremo che i rossi, come i piccioni, sono i veri dominatori dell'universo

      ...ma proprio nulla dell'irish, manco la tenuta alcolica, questo per dirti che sabato quando te ne sei andato stavo come i pazzi
      #grappadeldemonio

      Elimina
    13. Del mio universo sicuramente XD
      CMQ @Dembo tranquillo,io amo l'alcool ma,a furia di stare con un astemio,mi sono disabituata e non lo reggo un cacchio neppure io.Possiamo uscire ed ubriacarci marci con un paio di birre o poco più XD XD XD

      Elimina
    14. Ragazzi, siete proprio dei pusillanimi come il Cannibale. ;)
      Fratello, io sabato stavo una favola, e domenica mattina mi sono regolarmente allenato prima di andare al lavoro. ;)
      Dunque dovrete fare un pò di esercizio prima che vi porti fuori a bere seriamente.

      Elimina
    15. Ma non c'è niente di male a non reggere l'alcool!Ci si ubriaca prima spendendo meno ! XD

      Elimina
    16. Ma io non sono mai stato un buon risparmiatore! ;)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Lo so. A volte me le vado proprio a cercare. ;)

      Elimina
  5. Eh...beh...qualche sospetto fosse una schifezza c'era....passo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne avevo quasi la certezza, ma ho voluto rischiare comunque.

      Elimina
  6. Noooo, ma il regista è uno dei due tizi di Crank???

    Non lo sapevo. Da questo blog apprendo sempre delle brutte cose! :)

    A questo punto comunque sono quasi tentato di vederlo, giusto per assistere alla brutta fine che ha fatto senza il suo socio. Anche se immagino sia un po' come leggere la rubrica sulle uscite settimanali senza la mia presenza uahahahhh :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è uno dei due crankisti.
      Quello sbagliato, mi viene da dire a questo punto.
      Un pò come te! Ahahahahah! ;)

      Elimina
  7. Come farsi del male, eh Ford? :D

    RispondiElimina
  8. Il nome del regista mi aveva quasi spinto a guardarlo... poi per fortuna ho letto le recensioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, poteva trarre in inganno.
      Non cascarci anche tu. :)

      Elimina
  9. Non mi ispirava manco per sbaglio.
    Per fortuna, da quel che leggo...

    PS: ma che fine ha fatto Taylor? Quei due non sono una coppia di fatto artistica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sono documentato, ma spero una fine migliore del suo ex socio! :)

      Elimina
  10. Crank è la cosa più trash che abbia mai visto. Neveldine non saprei nemmeno come definirlo. Almeno, ci si fanno due risate involontarie mentre lo si guarda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo qui non si ride, è il trash sbagliato.
      La visione ha un senso solo rispetto al seno della protagonista. ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...