lunedì 29 febbraio 2016

Intervista a Klaverna

La trama (con parole mie): come consuetudine quando qui al Saloon viene presentato il lavoro di un giovane autore, diamo spazio alla "voce" dell'autore stesso grazie ad un'intervista che racconti qualche retroscena sulla realizzazione del film recensito e sul percorso umano e cinematografico dell'uomo dietro la macchina da presa.
Ecco dunque sedersi al bancone la firma di Paese per nessuno, Klaverna.








Ford: Ciao Klaverna, e benvenuto al Saloon. E' consuetudine, da queste parti, iniziare con una domanda rigorosamente alcolica: quali sono i tuoi drinks preferiti? Cosa ti andrebbe di ordinare potendo riprendere fiato al bancone di questo luogo di Frontiera?
Klaverna: Ciao James, vorrei bermi un doppio whisky scozzese e se possibile proveniente dalle Ebridi o dalle Orcadi.

F: Archiviate le fondamentali questioni alcoliche, ecco una domanda clamorosamente convenzionale: parlaci di te, del percorso che hai compiuto per giungere a Paese per nessuno, di come è nata la passione per il Cinema e anche di questo nome d'arte che ho trovato curioso fin dalla prima volta.
K: La passione è antica… Riverberano ancora nella volta cranica le luci dei primi film che ho visto… I veri pionieri del mio immaginario (mi rivedo bambino in una grande sala al buio, un fascio di luce da un foro e  il suono meccanico del proiettore… Gli occhi puntati avanti e di fianco la presenza confortante di mio padre che profuma di tabacco).
KLAVERNA è il mio alias artistico, prima musicale poi anche registico;  il nome proviene da “American Tabloid”, un romanzo di James Ellroy (si vede per un attimo una sua foto in cornice nel film).
Per creare Paese per nessuno sono stato mosso dall'incrollabile convinzione di volerlo portare a termine, l’essenziale è crederci!… Chiaramente si attraversano paesaggi-passaggi (interiori) problematici e a volte anche disperanti, ma devono restare intimi e devono durare poco… I problemi vanno risolti (meglio spostati) uno dopo l’altro… Il fine è finire il film! 
Nel concreto ho cercato una piccola storia che potessi filmare con zero budget, una storia intima ma universale e contemporanea che potesse prescindere anche dai testi, in cui le immagini e le loro suggestioni potessero portare da sole il film stesso.

F: Altra domanda di rito, considerata la tua appartenenza al Cinema di nicchia italiano lontano dalla grande distribuzione: riesci a campare con la macchina da presa, o sei costretto a ripiegare su lavori "normali" come tutti noi comuni mortali?
K: Sono al primo film e  per me il Cinema non è un lavoro… E' una forma di miglioramento…
Una terapia di matrice ossessiva,  fondamentalmente  è un modo di guardare la realtà e di viverla… Anche quando non filmo e sto “solo” vivendo, ecco anche allora sto facendo “solo” Cinema.

F: La gestazione di un'opera non è mai - o quasi - lineare ed immediata: raccontaci la genesi di Paese per nessuno, la sua evoluzione e realizzazione, magari impreziosendo il tutto con qualche aneddoto curioso.
K: Non penso mai lo scritto (leggi sceneggiatura) come qualcosa di intoccabile, ma piuttosto come qualcosa da cui poter divergere… Si deve voler rispettare il caso che poi è anche il caos…
Prima e durante le riprese è buona norma assicurarsi che i venti sconosciuti possano permeare l’aria del set…
Nel concreto di PPN, poco prima di iniziare le riprese, la persona a cui avevo affidato un ruolo importante nella seconda parte del film (nella casa a picco sulla frana), si era reso irreperibile, tanto da spingermi a cercare un sostituto: ecco! La persona che ho incontrato per la sostituzione, è poi diventato il fratello del primo attore (che poi si è reso disponibile) nel film!
Di fatto la seconda parte del film e la storia del (non) rapporto tra i due fratelli è stata creata grazie alla problematica generata dall’interprete che si era reso irreperibile!


F: Ho visto Paese per nessuno esattamente ad un anno di distanza - e senza pensare alla coincidenza - dal suicidio di uno dei miei migliori amici: come vivi il rapporto con il concetto, e cosa ti ha spinto ad analizzarlo attraverso la figura del tuo protagonista?
K: La società è la più grande fabbrica di suicidi al mondo… 
La famiglia spesso è il luogo dove si sperimentano le solitudini e le incomprensioni più laceranti per l’io… Credo che poi ci possa essere sempre una propria via, una propria possibilità di vivere o di saper superare gli ostacoli… C’è poi chi vuole consciamente la propria fine e la scelta è definitiva... 
La depressione è in costante crescita (“la crisi è nei cervelli”)… Non ci sono taumaturghi…
Scagliati nella fossa i demiurghi… I problemi sono per chi resta comunque. 
Nel film “il suicidio” è sicuramente il motore della storia, ma ancora di più mi interessa posare lo sguardo sulla solitudine e vedere come questa agisce deformando azioni e personalità.

F: Come gestisci il rapporto con gli attori ed i tecnici? C'è una fase della realizzazione che non sopporti, o una che, invece, ti fa sentire come a casa?
K: Quando sono sul set sto sempre bene, anche se persone e cose da gestire non sono facili… Anzi… Fare un film realmente indipendente è un'impresa titanica, è proprio come tentare di portare una barca sopra una montagna… Ogni fase va supportata e sopportata con rigore e convinzione totali…
Io filmo con una troupe inesistente… Ci sono solo io e gli interpreti, sicuramente perché ho zero budget, ma anche perché questa condizione di povertà mi aiuta a creare una situazione protetta ed intima con gli attori che ricerco alla prima esperienza.

F: Senza spoilerare selvaggiamente il destino di Jacopo nel corso della pellicola, per te il bicchiere rispetto alla vita è mezzo pieno o mezzo vuoto?
K: A parte Jacopo e la sua parabola… Il bicchiere è sempre mezzo vuoto per me, proprio perché questo cosmico-comico bicchiere lo dobbiamo voler riempire in continuazione e senza sosta… Se si è capaci e se si è conformato il giusto spazio, c’è sempre “ l’inatteso”  pronto a tuffarsi nel bicchiere …

F: La domanda di chiusura è un altro rito delle interviste al Saloon: scegli un film italiano, uno straniero ed uno che associ idealmente a Paese per nessuno che porteresti su un'isola deserta salvandoli dall'Apocalisse. 
K: In ordine:  “Accattone” di Pier Paolo Pasolini, “Workingman’s Death” di Michael Glawogger, “ Last Days” di Gus Van Sant.

E ringraziando Klaverna anche per essere il primo tra gli intervistati del Saloon a centrare tutti e tre i titoli scelti incontrando anche i gusti del sottoscritto, alziamo i calici al nostro ospite ed al suo Paese per nessuno.


MrFord

9 commenti:

  1. Grande Ford in versione intervistatore!

    Potresti ambire a sostituire David Letterman...
    o forse Silvia Toffanin a Verissimo eheheh :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avessi lo stipendio della Toffanin, penso andrei di corsa a lavorare anche a Verissimo! ;)

      Elimina
    2. ...credo che se fai le stesse cose della Toffanin nella vita privata quello stipendio arrivi a prenderlo anche tu ;P

      Elimina
    3. Ahahaha questo mi sa che è poco, ma sicuro! :)

      Elimina
  2. Buonissima intevista e valida segnalazione che proprio mai coperto,il titolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento: in caso contatta Klaverna, così puoi vederti il film!

      Elimina
  3. Testimonianza vivente delle offerte di prestito tra individui.

    Questa testimonianza è vera prestito. Io sono una donna con 3 bambini. Dopo la morte di mio marito, mi sono trovato in difficoltà. E aveva molti debiti da pagare prima della fine di gennaio e iniziare la mia azienda. Ho chiesto i miei vicini e ho la mia banca per aiuto, ma che la gente non vuole aiutarmi; Era in gravi difficoltà. Ho detto alcune offerte di prestito su Internet e sto facendo due volte sciocco. Ma per seguire la mia ricerca, ho letto una testimonianza di prestito che parlava di un uomo onesto e serio. EH Beh questo uomo contattato LUCAS di MARIO, che lo ha aiutato con un prestito di € 40.000. Ho garantito che ho ricevuto il prestito all'inizio del mese, grazie a questi fondi, si potrebbe pagare le mie bollette che non devo pagare dopo la morte del mio marie. È vero che ho accettato di pagare per i soldi ma non male per altri truffatori. Se si desidera rendere il prestito, medejar mi essere consigliato e guidato verso quest'uomo e non non è rimarrete delusi. Lì, la tua - smalto Indirizzo:
    -Hai bisogno di un incantesimo d'amore
    -Hai bisogno di soldi entro 48 ore attraverso incantesimo
    -Avete bisogno di una cura per l'HIV
    -Hai bisogno di un prestito
    -Vuoi essere famoso in vita
    -Vuoi vivere una vita lunga.
    -Bisogno di nuovo il tuo ex
    -Hai bisogno di un bambino
    -Hai un problema di cancro
    -Hai un problema Anier
    -Hai un problema di Ashmer
    Ecc non esitate a contattarlo al lucasmariolola@gmail.com; lucasmariolola@outlook.fr e blog: lucasmariolola.blogspot.com.

    Se non volete prendere lui per spiegare la loro situazione e la mia fiducia ha diritto ha portato 3 fuori su di esso se non si prendono i costi di elaborazione e contratto grazie. Ecco a me anche la mia e-mail: engel.nina588@gmail.com per ulteriore condotta e supporto buona occasione a voi.

    RispondiElimina
  4. Ciao Sono Sonia Stevens per nome, mi sto dando una testimonianza su Dr. Ben il grande Erboristeria, ha la cura per tutti i tipi di malattie, ha guarito la mia malattia da HIV, anche se sono andato attraverso il sito web diverso Ho visto diverse testimonianze circa diversi erboristi, ero come: "Molte persone hanno la cura di HIV perché sono persone ancora soffrono da esso" ho pensato di esso, allora devo contattare il Dr. Ben via e-mail, io non gli ho creduto più di tanto, volevo solo dargli una prova, ha risposto la mia posta e aveva bisogno di un po 'di informazioni su di me, poi li ho mandati a lui, ha preparato la cura e inviato a me tramite corriere UPS, mi hanno detto che ci vorranno 3-4 giorni prima che io 'll ottenere il pacchetto, 3 giorni dopo ho ricevuto il pacco e ho iniziato a prendere il farmaco come prescritto da lui, dopo 7 giorni di assunzione del farmaco sono andato per il check-up, mi è stato testato HIV negativi ... vado PER ASSISTERE QUALCUNO CHE LO contatto per aiutare, se si è sul serio sarai guarito !!! Egli può anche curare tutti i tipi di malattie come hypertities B, Diabities, Herpes.etc. contattarlo tramite: drbenharbalhome@gmail.com o WhatsApp |+2348144631509. È anche possibile raggiungere me e-mail: soniastevens1995@gmail.com

    RispondiElimina



  5. Voglio usare questo mezzo per dire grazie al dottor HUTH il grande mago per quello che ha fatto nella mia vita con il suo incantesimo. Ha portato il mio uomo torna da me con la sua magia quando meno me lo aspettavo e sono molto orgoglioso di scrivere su internet solo per far conoscere al mondo il grande aiuto che ho ottenuto dal dottore HUTH. Il mio uomo e ho rotto e non ho mai creduto che possiamo essere riuniti di nuovo fino a quando ho letto un articolo su internet di come dottore HUTH il grande mago ha aiutato così tante persone con il suo incantesimo così ho deciso di dargli una prova che era a mio favore e qui sto con coraggio celebrare e giubilo perché ho Dottore HUTH portato il mio uomo torna con il suo meraviglioso incantesimo entro 12 a 16 ore. Hai bisogno di aiuto di qualsiasi genere quindi contattare il dottor HUTH il grande mago via e-mail: wondersspellhome123@outlook.com

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...