lunedì 28 settembre 2015

Un disastro di ragazza

Regia: Judd Apatow
Origine: USA
Anno: 2015
Durata: 125'





La trama (con parole mie): Amy, che con la sorella minore Kim ha subito da bambina il trauma della separazione dei genitori, ha sviluppando crescendo lo stesso rapporto con la vita e le relazioni del padre, dedito a notti brave, alcool e sesso occasionale come se piovessero, incapace di credere nella monogamia.
Kim, al contrario, ha finito per sposarsi con un uomo già genitore a sua volta, continuando a credere nella solidità della famiglia come concetto.
Quando, parallelamente al peggioramento della malattia del padre, ad Amy viene assegnato un incarico dalla rivista per la quale lavora legato alla medicina sportiva ed in quel contesto conosce Aaron, la sua vita sentimentale subisce uno sconvolgimento: dopo aver rotto con il presunto fidanzato Steven, infatti, la donna dovrà fronteggiare l'evidenza della sua prima, grande, vera cotta, e considerare il fatto che una storia impegnata è possibile. Riuscirà nell'impresa?









Ho sempre pensato che realizzare un film sia un lavoro enorme, che richiede uno sforzo titanico a chiunque ne prenda parte, dai tecnici di supporto fino agli attori principali ed al regista: una specie di rappresentazione della vita in famiglia, o di un rapporto di coppia che sia o abbia qualche possibilità di essere duraturo.
E con duraturo non intendo rose e fiori, sia chiaro, quanto più "guns and roses": in questo senso, c'è una scena di Trainwreck - adattato come di consueto scandalosamente in Un disastro di ragazza - che mi ha colpito molto: Amy ed Aaron litigano, e mentre lei tenta di fare tutto il possibile per rendere la cosa irreparabile, il suo compagno risponde che è normale che stiano discutendo, che una volta passata faranno la pace e tutto potrà ricominciare.
Allo stesso modo, l'apertura con la splendida spiegazione del padre in procinto di lasciare casa a seguito della separazione intento a spiegare in forma molto personale il concetto di tradimento ha solleticato e non poco tutto il lato del mio carattere che deve tanto a casinisti come Hank Moody o, per l'appunto, Amy e il suo vecchio.
Questo perchè nella mia vita sono stato da entrambi i lati di queste barricate, e sento che, in un modo o nell'altro, entrambi mi appartengano e contribuiscano o abbiano contribuito a costruire, nel bene o nel male, quello che sono: in un certo senso, pensando al genitore di Amy e di sua sorella Kim, qualcuno che riesce benissimo ad essere uno stronzo, ma che ha la stessa capacità di diventare il preferito di qualcuno.
La cosa che rende Un disastro di ragazza ancora più interessante, almeno ai miei occhi di bestiale esponente del sesso maschile, è che a scriverlo sia stata la sorprendente Amy Schumer, che non è neppure lontanamente figa o simpatica - anzi, il più delle volte la sensazione che più suscita è quella di solleticare gran schiaffi in faccia, a meno che non si tratti di bere insieme - ma che come sceneggiatrice deve sapere proprio bene come si costruisce una commedia con le palle, e che trova in Apatow - uno dei re dell'approccio maschile al genere - un compagno ideale per regalare al pubblico quella che non solo promette di essere la proposta di genere più interessante del panorama USA di quest'anno, ma anche uno dei lavori migliori del regista, che prosegue nel suo percorso di esplorazione dei quarantenni o quasi dopo il già più che discreto This is 40.
Come se non bastasse, finiamo per trovarci nel bel mezzo di una romcom alla rovescia, con una protagonista femminile pronta a pensare solo alla soddisfazione del momento, alla scopata del giorno o alla sbornia che sarà preludio della stessa ed una serie di spalle maschili pronte a mostrare il loro lato romantico o vulnerabile, anche e soprattutto dal punto di vista dell'ironia sboccata e verace della protagonista: esempi perfetti, in questo senso, più che l'azzeccato Bill Hader, i due sportivi Lebron James - strepitoso nel ruolo dell'amico dell'innamorato che rischia di uscire a pezzi dalla storia con la schiacciasassi Amy - e John Cena - che non solo finisce per prendere per il culo alla grande se stesso in quanto bodybuilder e wrestler, nonchè esponente della categoria troppo spesso erroneamente considerata come quella dei maschi alfa, ma che regala una sequenza da lacrime quando nel corso di una visione in sala con tanto di partecipazioni di Daniel Radcliffe e Marisa Tomei impazzisce all'idea di essere paragonato a Marc Wahlberg -, pronti a mettersi alla berlina per dimostrare che, al cospetto di determinate dinamiche, regole e questioni sentimentali - e di sesso, ovviamente - siamo tutti sulla stessa barca, e più che come siamo, o quali siano le parti predominanti del nostro carattere, abbiamo la possibilità di poter costruire qualcosa, e non solo distruggere.
Un film dolceamaro che non riesce a deragliare neppure con la giusta quanto telefonata parte finale, e che permette di concedersi risate sguaiate ed una punta di commozione - la già indirettamente citata sequenza a proposito dell'essere, nonostante il proprio carattere, i preferiti di qualcuno -, scritto e diretto con onestà e mestiere, in grado di raccontare come funziona per certi versi la vita e di farlo senza avere pretese, ma al contrario trasmettendo ai suoi interpreti la voglia di divertirsi nel dialogare con il pubblico neanche fosse un primo appuntamento che si vuole sfruttare per fare colpo.
Poi, certo, personalmente non ho amato particolarmente Amy Schumer.
Personaggio o persona dietro il personaggio che dir si voglia.
Ma poco importa.
In fondo, i rapporti migliori li costruiamo tutti sui difetti che finiscono, un giorno dopo l'altro, per farci amare chi è destinato a diventare una presenza importante nella nostra vita.





MrFord





"I'm gonna try for an uptown girl
she's been living in her white bread world
as long as anyone with hot blood can
and now she's looking for a downtown man
that's what I am."
Billy Joel - "Uptown girl" -





19 commenti:

  1. Mi incuriosisce da matti,ne sento parlar bene a destra e sinistra!
    Anche se con Amy non ho molto in comune(tranne forse il lato alcolico dei miei wild days di gioventù),mi sa che il film dev'essere divertente ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film è molto divertente, ma anche profondo.
      Secondo me ti piacerà, e chissà, forse partirà anche qualche fazzoletto. ;)

      Elimina
  2. Lo vedrò più che altro per le Guest Star... Anche se alla fine i film di Apatow me li vedo sempre tutti, e di solito mi piacciono anche ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ad Apatow voglio bene, e con questo film un pò di più. :)

      Elimina
  3. Carino, senz'altro meno prolisso dei soliti di Apatow che a me, coi suoi personaggi vagamente patetici, proprio non piace. Mi è sembrata la solita romcom, con due parole zozze messe lì a caso per dimostrare che Amy - cavolo! - è una tipa trasgressiva. Lei è un vulcano, ma con la scrittura non va molto d'accordo secondo me, e solo i cameo valgono il prezzo del biglietto. Mitico John Cena, che quando seguivo il wrestling detestavo profondamente. Insomma, un Bridget Jones più scollacciato, ma con lo stesso finale. Un femminismo 2.0, o presunto tale, che la tivù, tra Shameless e l'irriverente You're the worst, ha già mostrato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me molto più di un novello Bridget Jones: una bella commedia che incrocia i toni maschili e femminili rovesciando i ruoli. Promosso.
      Cena, nel wrestling, ha avuto la sfortuna di avere cucito addosso il ruolo del buono per forza, ma negli anni ha dimostrato di essere un grande professionista e di essere migliorato enormemente sul ring.
      Senza contare che qui è esilarante. ;)

      Elimina
    2. La parola femminismo mi fa pensare che forse farei meglio a guardarmelo da sola ,prima che il Khal mi sfanculi XD
      (che poi all'F word io sono abbastanza allergica!)

      Elimina
    3. E' che il rovesciamento dei ruoli si è già visto, secondo me, anche sul piccolo schermo, quindi tutta questa "cosa" non mi è sembrata - non mi riferisco alla tua recensione, ma a quelle entusiastiche lette in giro. Si rovesciano, sì, ma alla fine la felicità è avere il fidanzato perfetto accanto, diventare donna di casa (o pon pon provetta). Alle donne piacerà? Se ti capita, dà un'occhiata, piuttosto, alla comedy You're the worst. Lì c'è tutto, ma scritto molto meglio. Anti-commedia romantica per eccellenza. :)

      Elimina
    4. Lazy, secondo me al Khal può piacere, fidati. Magari lui non tirerà fuori il fazzoletto, ma si divertirà di sicuro. ;)

      Ink, mi segno You're the worst. Basta che non sia una cannibalata. ;)
      Comunque, non mi aspettavo che tu avessi mai seguito il wrestling!

      Elimina
    5. Il Khal mi ha abbandonato sul divano dopo neppure venti minuti.
      Io ho finito di guardarlo stamattina e,se devo essere sincera,la sola parte che mi è davvero davvero piaciuta è stato il quarto d'ora finale,col riappacificamento via balletto da cheerleader che mi ha fatto tirare fuori i fazzoletti e ridere.Per il resto l'ho trovato davvero troppo lungo,lento,noioso,poco divertente.Mah.
      Forse è colpa mia,che mi aspettavo una roba da riderissimo e non una commedia dolceamara sulla difficoltà di lasciarsi andare ai veri sentimenti.
      Siamo così fragili quando amiamo completamente.
      E ci vuole coraggio per abbandonarsi ad un certo tipo di sentimento,anche se a volte,semplicemente, non se ne può fare a meno.

      Elimina
    6. Non è, in effetti, una roba da riderissimo, quanto più un film in stile Kevin Smith, in qualche modo.
      Anche se devo dire che io le risate me le sono fatte, eccome.
      Peccato non vi sia piaciuto. :)

      Elimina
    7. Diciamo così:nessuno dei due si è mai comportato come lei da giovane,a parte io forse per l'alcool,quindi empatia zero.Il Khal mi ha smollato con una frase tipo "non mi interessa vedere cosa succede a questa stupida troia ubriacona".Io ho apprezzato certe riflessioni sui sentimenti,la paura di impegnarsi/abbandonarsi perchè farlo ci rende vulnerabili,l'irrealismo del concetto di monogamia etc etc.Ma avevo affrontato il film aspettandomi una cosa divertente(sbaglio mio),e per quel tipo di film ho trovato mancasse davvero di ritmo.Se invece delle 2 ore passate che dura l'avessero sforbiciato un pò,io l'avrei apprezzato di più ;)

      Elimina
    8. Ahahah vedi, avendo io un passato da troia ubriacona mi ci sono ritrovato eccome! ;)

      Elimina
  4. Devo assolutamente cercare di conoscere meglio questa attrice, così a pelle sembra simpaticissima. Proverò sia questo film che la sua serie televisiva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me lei non sta particolarmente simpatica, ma in questo ruolo è assolutamente perfetta. ;)

      Elimina
  5. John Cena come attore è terrificante e secondo me, con tutti quegli steroidi che gli girano in testa al posto dei neuroni, non si è manco reso conto di essere stato preso per il culo. ahahh :)

    Pur nell'apprezzamento generale per il film, ci troviamo ancora una volta contro: Amy Schumer mi sta parecchio simpatica e, per quanto lontana dall'essere una classica bellona, anche fisicamente non mi dispiace affatto.



    MrCannibal

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amy Schumer è la classica non bellona che, dietro l'apparente simpatia, rosica forte e costruisce la sua ironia su questo. No bueno, da queste parti, anche se è comunque brava. :)

      Per quanto riguarda Cena, bombe a parte, se seguissi il wrestling capiresti cosa intendo: è un signor professionista, e secondo me non è neanche lontanamente così stupido come sembra. ;)

      Elimina
  6. Apatow in genere non mi piace molto... ma per John (vieni a) Cena potrei fare un'eccezione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cena secondo me spacca, in questo film. Recuperalo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...