mercoledì 6 gennaio 2016

The last witch hunter

Regia: Breck Eisner
Origine: USA, Cina, Canada
Anno:
2015
Durata:
106'






La trama (con parole mie): Kaulder, un guerriero che prese parte alla prima, grande spedizione degli umani volta ad annientare la minaccia della regina delle streghe ottocento anni fa, riuscì proprio in quell'occasione a colpire mortalmente la stessa, guadagnando una maledizione che l'avrebbe reso solo ed immortale, condannato per l'eternità a ricordare la moglie e la figlia, morte proprio a causa della peste scatenata dalla sua nemica.
Affiancato nei secoli da una misteriosa organizzazione legata a doppio filo alla Chiesa e da un assistente personale, Kaulder è stato l'arma dell'umanità ed il collante tra due mondi dopo l'accordo di non belligeranza stipulato dal Consiglio delle streghe e l'Uomo.
Quando, però, una misteriosa forza oscura torna a farsi sentire a New York proprio mentre sta avvenendo l'avvicendamento tra il vecchio ed il nuovo braccio destro di Kaulder, il cacciatore si troverà a dover affrontare un nemico che credeva sepolto, e a capire di chi si potrà fidare per affrontarlo.











In tutta onestà, ero quasi sicuro che la visione di The last witch hunter, action di matrice fantasy con protagonista Vin Diesel - che al di fuori dei panni di Dom Toretto e di Riddick e della convincente prova di Find me guilty di qualche anno fa, non mi ha mai detto qualcosa di più dello zero, come attore - si sarebbe rivelata un disastro delle proporzioni di quella di Hansel e Gretel, con tanto di incazzatura e post votato al massacro.
Al contrario di qualsiasi previsione, invece, ammetto di essermi discretamente goduto questa tamarrata firmata da Breck Eisner, una proposta senza particolari pretese, confezionata ad uso e consumo dello spettatore occasionale ed alla ricerca di un potenziale sequel, dal cast tutto sommato interessante per un prodotto di questo tipo - arma a doppio taglio che, nello specifico, è riuscita sia a valorizzare gente come lo stesso Diesel, la Igritte di Game of thrones Rose Leslie o Elijah Wood, che continuo a detestare, sia a non far apparire troppo assetato di soldi extra il vecchio leone Michael Caine, che personalmente è sempre un piacere vedere sullo schermo - e divertente abbastanza da non risultare troppo tronfia o appesantita - sia ringraziato un minutaggio normale, e non le sbrodolate da due ore e mezza che negli ultimi tempi paiono aver contagiato anche il Cinema di grana grossa -.
Senza dubbio non si potrà mai affermare che si tratti di qualcosa di memorabile o in grado di andare oltre la visione da popcorn e cervello spento, o di un film scritto dignitosamente - la sceneggiatura risulta quantomeno elementare -, eppure mi è parso di avvertire una leggerezza di fondo che ha permesso all'ingranaggio di funzionare sia nell'ambito del puro intrattenimento - la cornice e gli effetti fanno il loro lavoro -, sia nella costruzione di una vicenda vecchia come il mondo - l'eroe maledetto e solitario che scopre, di colpo, non solo la propria vulnerabilità, ma anche che chi avrebbe dovuto guardargli le spalle ha sempre approfittato per piazzarglielo dritto dove non batte il sole: una cosa che non si fa mai, ad un eroe maledetto e solitario, e che di fatto accompagna prevedibilmente dove ogni film di questo tipo deve accompagnare, quasi fosse una spalla per il protagonista che, in bilico tra tamarraggine sopra le righe - l'auto di Kaulder non poteva che essere degna di Dom Toretto - e sapore da tenebroso che viene sempre buono per rimorchiare la bella strega ovviamente non malvagia di turno - che, purtroppo, non regala neanche un "You know nothing, Kaulder Snow" -.
Anche la parte prevalentemente action funziona, dall'incipit che mescola Il signore degli anelli, Vikings e Il trono di spade al presente di narrazione nella parte "oscura" di New York - che penso sia il teatro più gettonato delle catastrofi cinematografiche di Hollywood -, grazie ad un'ottima resa del personaggio della Regina delle streghe e dell'oscuro Belial, che nel suo salmodiare ha ricordato agli occupanti di casa Ford le sequenze di parole senza senso che giochiamo ad inventare insieme al Fordino: e dunque tra un incantesimo ed un paio di cazzotti, colpi di fucile e di spada, tutto scorre agevolmente fino alla conclusione ed alla speranza di Eisner e dei suoi di avere la possibilità di ripescare l'allegra brigata di Kaulder, nonostante il botteghino abbia decisamente espresso il suo parere negativo in merito.
In un certo senso, però, questa potrebbe risultare addirittura un indicazione positiva: quando si tratta di trashoni da neuroni in vacanza, infatti, spesso il pubblico da multisala nel weekend finisce per capirne anche meno dei più inossidabili tra i radical chic.
Nel caso di insuccesso, comunque, il buon Kaulder potrà pigiare sull'acceleratore e tornare ai più sicuri - in termini di incassi e fama planetaria - panni di Dom Toretto.
Non troverà streghe e demoni di fronte a lui, ma di sicuro un certo vecchio cowboy davanti allo schermo.




MrFord




"Who's a heretic now?
Am I making sense?
How can you make it stick?
Waiting 'til the beat comes out
who's a heretic, child?
Can you make it stick, now that I'm on trial
waiting 'til the beat comes out."
Florence + The Machine - "Witch witch" - 





23 commenti:

  1. non gli avrei dato un euro a sto film... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche io, e invece come intrattenimento ignorante ha funzionato. :)

      Elimina
  2. Sembra buono per una serata spensierata,ce lo spareremo appena possibile! Anche a noi sta simpatico Vin Diesel,sebbene chiamarlo attore sìa un gran complimento XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preso con questo spirito, vi intratterrà senza problemi! :)

      Elimina
    2. Patatine e rutti sul divano,ci siamo divertiti!
      Gli effetti speciali però secondo me erano abbastanza scadenti...ho visto roba meglio in certi telefilm ;)

      Elimina
    3. L'importante è divertirsi, alla fine.
      Bene così! :)

      Elimina
  3. Pellicola di cui mi aspettavo esattamente ciò che descrivi, intrattenimento spicciolo. In una serata da rilassamento ci può stare la visione ;)

    Su Diesel sono d'accordo, non ho mai visto il film ti Lumet però, ci faccio un pensiero nel recuperarlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che spicciolo, ma per una serata in relax è perfetto.
      Il film di Lumet, per quanto non tra i suoi migliori, è interessante anche grazie alla prova sorprendente di Diesel.

      Elimina
  4. Ammetto di aver candidamente passato la mano, mi è sembrato un pò troppo... Il fatto che tu non lo abbia "Bottigliato" mi fa quasi venire voglia di buttargli un occhio ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io inizialmente avevo mollato il colpo, e invece è buono per una serata da rutto libero. ;)

      Elimina
  5. Se è piaciuta abbastanza a te, è probabile che dalle mie parti 'sta roba si becchi delle bottigliate.
    Una pioggia di bottigliate. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto probabile. Anche perchè di tamarrate tu non capisci nulla! ;)

      Elimina
  6. Ogni volta che ti sento dire male di Hansel&Gretel mi sembra di trovarmi in un universo parallelo con una versione di Ford che faccio fatica a riconoscere...
    Il film lo vedrò di sicuro, appena sarà disponibile in una versione che non mi faccia sanguinare gli occhi -almeno è così che fino ad ora l'ho recuperato- perché, insomma, un film con Vin Diesel si guarda a prescindere.
    Invece a me Wood sta parecchio simpatico, è un grande appassionato di horror e ultimamente si è buttato in cose enormi come il remake di Maniac e cose molto carine come Cooties, come mai ti sta sul cazzo?
    Dovrebbe esistere una legge che obbliga la presenza di Michael Caine in ogni film che viene girato

    Ps: un giorno riuscirò a farti rivalutare H&G
    ;/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, guarda che Hansel e Gretel fa davvero cagare. ;)

      Detto questo, a me che non importa troppo, l'effetto degli occhi sanguinanti non ha colpito. ;)
      Wood, non so perchè, mi ispira gran pugni in faccia.
      Ma invece, riesci a portarmi Last shift quando venite per il compleanno di Ale? Non riesco a trovarlo da nessuna parte! ;)

      Elimina
    2. Ma cagare come? Perché? Chi? Dove? C'è il nostro amico Renner, c'è quella spaccafiletti della Gemma, c'è del buon gore, dell'ottimo ritmo e belle trovate -hansel che si fa di insulina- il troll che è bellissimo.. dai cagare fa altra roba!
      Last shift l'ho cancellato, provo a riscaricarlo, ma anche io avevo fatto una fatica bestia
      ;)

      Elimina
    3. Secondo me è uno dei finti action più brutti degli ultimi anni. Non so che dire. ;)

      Grazie, però, per Last shift! :)

      Elimina
  7. E dire che "Hansel e Gretel" a me, come divertimento ignorante, era piaciuto. Questo invece non mi ispira per nulla...
    Vedrò di dargli una chance ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure a me non era dispiaciuto,a parte che non sopporto la Gemma,ma insomma!"divertimento ignorante" calza a pennello XD

      Elimina
    2. Divertimento ignorante all'ennesima potenza.
      Poi, Jean, tu che ultimamente sei peggio del Cannibale non so se sei pronto! ;)

      Elimina
  8. Orrendo Hansel e Gretel, questo l'ho evitato proprio perché mi sapeva di una porcata del genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece, ti dirò, questo è molto, molto meglio.

      Elimina
  9. Pur essendo uscito qualche mese fa, l'avevo totalmente rimosso.
    Pensa che a Dungeons & Dragons hanno creato una classe proprio dedicata al personaggio di Vin Diesel.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che come giocatore di ruolo tu non sia uno troppo, troppo fiscale e schematico! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...