domenica 15 aprile 2012

Il ladro di orchidee

Regia: Spike Jonze
Origine: Usa
Anno: 2002
Durata: 114'



La trama (con parole mie):  Charlie Kaufman è uno sceneggiatore molto apprezzato cui è stato appena dato l'incarico di lavorare all'adattamento cinematografico del successo letterario Il ladro di orchidee, un libro scritto da una giornalista a proposito dell'esperienza avuta nel seguire, intervistare e scoprire John Laroche, trafficante di orchidee rare e uomo capace di appassionarsi rispetto a molteplici e curiose attività. La chiusura dello sceneggiatore stesso rispetto al mondo e la sfida di uno script basato sulla non-fiction metteranno in crisi profonda Charlie, che si troverà costretto a confrontarsi con il poco sopportato gemello Donald, che divide con lui l'appartamento, si mostra esplosivo e sempre aperto all'esterno ed aspira a portare sullo schermo un thriller che Charlie giudica banale e ridicolo. 
Ma pare essere l'unico.
L'impresa di portare a termine Il ladro di orchidee sarà più dura del previsto, e non sarà priva di conseguenze in grado di cambiare l'intero mondo dello scrittore.




Esistono pellicole di cui si è sempre sentito parlare, e in ogni modo - dal più lusinghiero alle tempeste di bottigliate -, che, inspiegabilmente, restano lontane per anni dai nostri schermi, senza una spiegazione ben precisa.
Il ladro di orchidee è una di queste.
Letteralmente osannato da uno dei disegnatori che conobbi nel mio periodo da sceneggiatore di fumetti dei poveri, osteggiato da alcuni compari appassionati di Cinema ed assolutamente venerato da altri, nonostante mi fosse capitato di incrociarne il dvd in più di un'occasione non ebbi mai lo stimolo per confrontarmici, lasciando questo lavoro di Spike Jonze nel limbo delle eterne promesse senza preoccuparmene troppo.
La recente visione dell'incredibile Synecdoche, New York però, ha stimolato la mia curiosità rispetto all'operato di Charlie Kaufman, sceneggiatore tra i più interessanti che gli anni zero abbiano riservato al pubblico, autore di opere destinate, con il tempo, a divenire - se non lo sono già - cult della settima arte come Eternal sunshine of a spotless mind: così, sono tornato indietro nel tempo ripescando questo lavoro assolutamente acerbo e traboccante difetti che, ugualmente, riesce a comunicare allo spettatore tutta la potenza ancora inespressa del linguaggio dello stesso Kaufman, per l'occasione - e per mano di Nicholas Cage e del suo parrucchino, in grande spolvero in questo ruolo - sullo schermo in prima persona - almeno figurativamente parlando - e pronto a mettere il suo io, le ansie, le esperienze e le delusioni al servizio di un film totalmente e completamente dedito alla non fiction.
Sfruttando l'ideale vicenda legata all'intervista di una reporter in carriera  - una Meryl Streep senza particolari acuti, nonostante il Globe che ebbe per la parte - ad un trafficante di fiori rari, uomo appassionato ed appassionante - grandissimo Chris Cooper, che la maggior parte di noi ricorda principalmente per il suo ruolo in American beauty -, Kaufman costruisce un confronto con se stesso, le proprie paure ed i propri limiti, creando al contempo un personaggio memorabile come Donald, alter ego del protagonista, specchio dello sceneggiatore e fulcro attraverso il quale innescare le grandi e piccole rivoluzioni di una vita passata a rifugiarsi dal un mondo che pare aggressivo quanto e più dei predatori che lo popolano, siano essi animali o inequivocabilmente umani.
In questo senso, risulta ottima la prima parte, legata a doppio filo alle ansie del protagonista neanche ci trovassimo nel pieno di un Woody Allen sotto acido, con le splendide parentesi dedicate a Laroche e alla storia dell'evoluzione del nostro pianeta, bizzarre escalations di quello che avrebbe potuto essere - e non è stato - The tree of life, pippone formato gigante di Malick vincitore del Festival di Cannes 2011, e meno incisiva la seconda, nel corso della quale la riscossa e la rinascita di Charlie passate attraverso un'impennata di "realtà" - all'interno del film stesso - risultano quasi dispersive rispetto all'apparente caos delle prime sequenze: il risultato, sempre in bilico sul sottile filo che separa un giudizio tutto sommato positivo dalle già citate bottigliate, è curioso ed instabile come i personaggi che lo popolano, e giustifica appieno i pareri discordanti che negli anni ho visto avvicendarsi in merito.
Quello che, però, non va sottovalutato, è il talento innegabile di Spike Jonze e soprattutto di Charlie Kaufman, da solo in grado di risparmiare critiche eccessive ad un film incostante, bizzarro e spesso debole come questo e rendere lo stesso, a suo modo, un piccolo, grottesco cult di inizio millennio.
E come se non bastasse tutta questa arte - o presunta tale - il parrucchino di Nicholas Cage non è mai stato al suo posto come ora: scusate se è poco.


MrFord


"Imagine me and you, I do
I think about you day and night, it's only right
to think about the girl you love
and hold her tight, so happy together."
The Turtles - "Happy together" -


8 commenti:

  1. alla buon ora hai scoperto il genio di kaufman, autore indiscutibilmente re dei radical-chic, insieme all'altro radical-chic superstar spike jonze!
    in questo film sono riusciti a far recitare decentemente persino non uno, bensì due nicolas cage, quindi è un miracolo.
    il miracolo di farti ricredere su the tree of life, non a caso vincitore dell'edizione più notevole di cannes degli ultimi anni e forse di sempre, avverrà invece magari tra 50 anni... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kaufman è un grande, l'ho sempre saputo.
      Uno dei pochi radical chic che salvo! ;)
      Per quanto riguarda The tree of life non ci sperare, è un miracolo che non avverrà mai! Ahahahahahah!

      Elimina
  2. Non sono arrivata ad adorarlo come ho fatto per Being John Malkovich e The Eternal Sunshine of the Spotless Mind ma l'ho trovato bellissimo, interessante e (ohibò!!) con un Nicolas Cage finalmente in parte e credibile come personaggio!!!
    Un film da vedere almeno una volta nella vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babol, concordo. Un film non perfetto, eppure interessante e di sicuro fascino.
      Cage credibile, poi, è praticamente un miracolo! :)

      Elimina
  3. Irriverent Escapade17 aprile 2012 07:19

    Aaah Ford che parla quasi bene di Cage e gentile parrucchino.
    Nei miei ricordi di spettatrice semplice c'era questo film e nemmeno io me lo ricordavo cosi malaccio. Oh la la

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent, effettivamente credo sia una delle cose migliori che Cage e il suo parrucchino abbiano fatto.
      Giusto riconoscerlo a entrambi! :)

      Elimina
  4. Recuperato ieri sera dopo averne rimandato la visione per ANNI.Adoro Kaufman e le sue storie fuori di testa(ho visto ed apprezzato anche Essere John Malkovich ed Eternal sunshine è uno dei miei film preferiti di sempre!),e qui Nicolas Cage è la dimostrazione che quando ci si mette sa pure recitare ;) Mi è piaciuto molto!Una storia particolare ed interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo: Cage bravissimo, storia a suo modo unica.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...