sabato 21 aprile 2012

Pirati! Briganti da strapazzo

Regia: Peter Lord, Jeff Newitt
Origine: Uk
Anno: 2012
Durata: 88'



La trama (con parole mie): Capitan Pirata, spinto dall'ammirazione della sua ciurma e dal desiderio di rivalsa dopo tanti anni da outsider, decide di candidarsi per l'ennesima volta al premio come "Pirata dell'anno", prestigioso riconoscimento che prevede il conteggio del bottino ottenuto nelle razzie in tutti e sette i mari.
Peccato che trovare dell'oro non sia affatto semplice, e lo sconforto sia dietro l'angolo: quando, però, il Capitano ed i suoi uomini si imbattono in Charles Darwin che rivela loro che quello che credono un pappagallo in carne è in realtà l'unico esemplare di dodo ancora in vita, le possibilità di arrivare al successo aumentano esponenzialmente.
Tutto questo, ovviamente, sempre che la terribile Regina Vittoria non ci metta il suo zampino, mossa dall'odio atavico per i pirati che la caratterizza.




Ricordo quando, poco prima dell'uscita e in occasione della rubrica settimanale che condivido con quello scellerato e per nulla piratesco mio antagonista Cannibale, bollai un pò troppo in fretta questa pellicola come trascurabile manco fosse l'ultimo dei Dreamworks di turno: niente di più sbagliato.
Corretto quasi subito dal vecchio lupo di mare - più o meno - Tom, finii per tornare sui miei passi quando scoprii che Pirati! Briganti da strapazzo doveva essere imputato ai ragazzacci responsabili di gioiellini come Galline in fuga e Wallace&Gromit, che in casa Ford godono di grandissima stima.
In effetti, il tocco ricco dell'ironia che pervade le avventure della coppia più improbabile dell'animazione in stop motion - sempre Wallace e Gromit, ovviamente - si sente fin dalle prime sequenze, conquistando con una maggiore facilità il pubblico adulto rispetto a quello "da proiezione pomeridiana", cui prontamente gli autori pensano sfoderando una serie di inseguimenti vertiginosi che sono un prodigio di tecnica e comicità slapstick - come l'incredibile sequenza ambientata nella villa di Darwin, uno dei pezzi forti dell'intera pellicola -: il mondo dei pirati, da sempre irresistibile per gli appassionati di Cinema d'avventura, è portato sullo schermo con un piglio che ricorda quello dell'indimenticabile serie di videogiochi Monkey Island - che tutti noi residuati degli anni ottanta e novanta ricordiamo bene e con immutato affetto -, senza contare un ritmo decisamente sostenuto che rende la visione piacevole come poche altre nel passato recente dell'animazione.
Pur non arrivando ai livelli del già citato Galline in fuga o di La maledizione del coniglio mannaro, comunque, questo lavoro risulta decisamente più riuscito di un altro prodotto di questo team di artisti - il da me non troppo amato Giù per il tubo -, e non lesina momenti assolutamente da ricordare: dall'inseguimento in casa Darwin cui accennavo poco fa all'utilizzo perfetto di London calling ad introdurre l'arrivo a Londra della ciurma di Capitan Pirata, senza contare le parentesi riuscitissime degli spostamenti sulla mappa - che mi hanno ricordato Indiana Jones - e l'impareggiabile aiutante dello stesso Darwin, uno scimpanzè dalle mille risorse che nel suo "mutismo" risulta espressivo quanto i grandissimi interpreti dell'altrettanto grande The Artist.
In un panorama che comincia ad essere intasato da inutili sequel, spin-off e prodotti non all'altezza come quello dell'animazione, un film come questo è una boccata d'aria fresca in grado di far respirare il pubblico di ogni età, intrattenere e lasciare che qualche sana risata intelligente possa con piglio da pirati far definire questo genere come "per tutti": e per una volta, non ci si può affatto lamentare anche del doppiaggio, con un ottimo Christian De Sica a prestare la voce a Capitan Pirata - ma ha mai pensato, il buon rampollo di Vittorio, di dedicarsi al doppiaggio invece che ai Cinepanettoni!? - e una tutto sommato sopportabile Luciana Littizzetto nel ruolo dell'arcigna Regina Vittoria, nemesi divertente e grottesca per questa banda di squinternati avventurieri di mare.
E proprio gli uomini del Capitano regalano anche spunti decisamente interessanti sia in termini di divertimento - il dodo Polly è magnifico, così come la serata del prosciutto - che di riflessione - il Pirata sorprendentemente procace è un omaggio azzeccatissimo sempre alla commedia slapstick -, per un piccolo gioiellino in grado di sorprendere con poche pretese e parecchia intelligenza.
Per un mucchio di pirati da strapazzo - e senza rhum - direi che è un risultato da elogiare in tutti e sette i mari.

MrFord


"Rolling the wave rolling the wave around the whale 
rolling the wave rolling the wave around the whale
della tempesta non s’importa
tanto sa sempre nuotare
è un gigante di forza, è la regina del mare!
Uhm che la smetta quel tuono,
a che ci serve un tuono?
uhm non vogliamo dei tuoni, noi vogliamo del rhum
uhm uhm
date un bicchiere di rhum!"
Vinicio Capossela - "L'oceano Oilalà" -


16 commenti:

  1. questo me lo guardo quattro volte!!
    Pirati e stop-motion...yuhuh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincent, ti divertirai come un matto! Io me lo sono goduto dall'inizio alla fine!

      Elimina
  2. Irriverent Escapade21 aprile 2012 11:00

    E qui ti aspettavo. Quando ti avevo letto sulle uscite della settimana avevo temuto un inizio di Cannibalizzazione.Bentornato tra noi, Mr Ford

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me ne sono mai andato, tranquilla. ;)

      Elimina
  3. C'è crisi anche nel mondo dei pirati.. dove andremo a finire!
    Sembra divertente, non conosco questi film stile Wallace ecc..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elle, Wallace e Gromit sono da recuperare assolutamente, così come Galline in fuga!
      Questo è un gradino sotto, ma ugualmente divertentissimo ed intelligente.

      Elimina
    2. Accipicchia, ne segno uno e diventano tre! Ma quanto sono indietro? Ecco fatto ;)

      Elimina
    3. Vedrai che non te ne pentirai!

      Elimina
  4. Carino eh??Alla piccoletta e alla mamma è piaciuto tantissimo (come già scritto dalle mie parti, d'altra parte io ho adorato Galline in Fuga, il grande ha sopportato un pochino più stoicamente.
    p.s. finalmente visto "The woman" di Mckee...caspita....appena l'ho metabolizzato vedo di scriverne qualcosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Newmoon, molto carino davvero, mi sono proprio divertito.
      Del resto, Wallace e Gromit e Galline in fuga mi avevano fatto impazzire.

      The woman è una bomba. Verrò a leggere quando ne scriverai.

      Elimina
  5. Sapevo che ti saresti ricreduto! Missione compiuta! ;) Alcuni momenti davvero esilaranti ("il petto delle signore!") e nota di merito a De Sica, peraltro già ottimo in Ortone e il mondo dei Chi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tommy-boy, concordo su tutto.
      Tra l'altro, anche Ortone mi piacque assai!

      Elimina
  6. solita bambinata fordiana + pirati?
    io navigo al largo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei davvero un mozzo di terra senza speranza! ;)

      Elimina
  7. Ford io l'ho amato tantissimo questo film, come forse non mi succedeva da molti anni nel campo dell'animazione. Ho peraltro definitivamente capito che per me la plastilina in movimento vale 100 volte la computer grafica, o meglio, è questo mix fra le 2 cose che mi ha deliziato dal primo minuto all'ultimo. Pensare a cosa fanno questi artisti, lavorando certosinamente fotogramma per fotogramma, mi spiazza e mi affascina allo stesso tempo. Questi sono pazzi, malati, geni.

    I pirati di questo film sono in pratica la versione solare di un "Nightmare before Christmas", il capolavoro del genere. Che delizia, che bomboniera. E poi "Monkey Island"...vabè va, mo mi metto a piangere. Peraltro recentemente ho rigiocato per l'ennesima volta a quel giochino, insuperato ed insuperabile capolavoro nel mondo videoludico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Defezionario, posso capirti.
      Non gli ho dato un voto più alto soltanto perchè è venuto dopo Wallace e Gromit e Galline in fuga, entrambi bellissimi.
      Nightmare before Christmas insuperabile.
      Come Monkey Island. :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...