martedì 24 aprile 2012

Battleship

Regia: Peter Berg
Origine: Usa
Anno: 2012
Durata: 131'



La trama (con parole mie):  Alex Hopper, ventiseienne casinista e scombinato, viene arrestato mentre cerca di farsi bello con una ragazza che l'ha colpito al cuore mandando su tutte le furie il fratello maggiore Stone, che lo costringe ad arruolarsi in marina con lui.
Nel frattempo, cervelloni al lavoro su un complesso sistema di satelliti lanciano un segnale verso un pianeta che si direbbe in tutto e per tutto simile al nostro, dall'altra parte dell'universo.
Non troppo tempo dopo, mentre Alex è in procinto di essere buttato fuori dalla suddetta marina e cerca di trovare il modo per chiedere all'Ammiraglio Supremo la mano di sua figlia - la stessa per la quale si fece arrestare -, nel pieno di un'esercitazione piombano nel Pacifico le forze d'invasione aliene, pronte a fare polpette di chiunque sbarri loro la strada.
A quel punto Alex non potrà far altro che mettere da parte i suoi squilibri da testa calda e darsi da fare per salvare il mondo.




Mettiamo subito in chiaro le cose: Battleship è una tamarrata formato gigante, con pochissima logica, un sacco di sbruffonate all'americana - roba da far sembrare Independence day praticamente un film d'autore - e tanto di quel trash che pare quasi di essere ripiombati nel pieno delle improbabili perle figlie degli anni ottanta.
Eppure mi ha divertito, e neanche poco.
Perchè, con tutti i suoi difetti ed il suo essere un giocattolone sopra le righe, questo film ha una cosa che molti dei titoli dello stesso tipo passati sul grande schermo negli ultimi anni hanno pensato di poter lasciare a casa con leggerezza: l'ironia.
Dal regista Peter Berg - autore di un'altra baracconata simile che ugualmente mi divertì, Hancock, e della serie tv di superculto Friday night lights - al cast - il lanciatissimo Taylor Kitsch, tra i protagonisti della suddetta serie e del recente John Carter, Liam Neeson, Rihanna e Alexander Skarsgard -, dall'atmosfera all'ispirazione gentilmente offerta dalla Hasbro - lo stesso colosso che confezionava anche i G. I. Joe, per intenderci - rispetto alla sua battaglia navale, tutto sa di consapevole e divertito blockbusterone da zero neuroni, tante schifezze nello stomaco e grasse risate con gli amici.
Tolti i legami con il gioco da tavolo, infatti, quello che viene presentato sullo schermo è una sorta di cocktail divertito e divertente di quelle che sono state le pellicole più "larger than life" dell'ultimo ventennio - o poco più - di catastrofismo made in Usa, dal già citato Independence day a Titanic, da Top Gun a 2012, in un tripudio di patriottismo e gigionismo come solo i nostri cuginoni a stelle e strisce sanno tirare fuori dal cilindro.
Non mancano, in questo senso, le scene già cult per il livello di trash mostrato: dal confronto tra Stone e gli alieni al "tuffo" di Alex e Nagata - incredibile pensare che si tratti dello stesso Tadanobu Asano che anni fa mi fece impazzire con Ichi the killer - in pieno stile Winslet/Di Caprio fino alla clamorosamente ridicola sequenza del rinnovato arruolamento dei reduci della Seconda Guerra Mondiale tutto sa di "troppo", eppure non si ha neppure per un istante l'impressione che questo "troppo" sia sinonimo di tronfio, e lo spirito dell'intera operazione pare non sia altro che confezionare una giostra da godersi per quel giro che viene buono per farti girare la testa prima di dimenticartene appena sceso.
La cosa importante è dunque quella di lasciarsi alle spalle tutto quello che può essere il buon senso cinematografico, e godersi queste due ore piene come se si fosse ancora bambini - probabilmente i maschi finiranno per apprezzarlo di più, anche grazie alla loro voltairiana semplicità -, rimanendo a bocca aperta davanti alle esplosioni e alle sequenze più catastrofiche - realizzate comunque in maniera assolutamente ineccepibile - o esaltandosi a dismisura quando l'ex soldato spaccaculi depresso per aver perso le gambe in bilico sulle protesi scazzotta selvaggiamente l'alieno di turno, stimolando quel patriottismo recondito che ci porta in questi casi a dare contro a questi ospiti del nostro pianeta un pò come se fossimo tutti ammeregani sempre vigili e sempre primo bersaglio dell'invasione.
Lanciati dunque i popcorn in aria e festeggiato a suon di birroni e rutto libero l'inevitabile riuscita dell'impresa - con tanto di siparietto finale decisamente da action eighties -, potremo tornare a casa felici di aver resistito - quasi come se fossimo noi gli eroi - all'ennesimo assalto extraterrestre ed aver passato una serata in libera uscita dal buon senso e dal cervello, che a volte pretende davvero un pò troppo, giusto perchè pensa di essere il capo: fortunatamente ci sono film come questo, che ci ricordano che c'è un'altra consistente fetta di corpo che chiede ogni tanto un pò di tregua.
Che poi la stessa sia giocata su esplosioni di dimensioni sempre più considerevoli, poco importa.
Il giorno dopo potremo fare finta di niente, come quando ci si accorge di aver fatto qualche stronzata nel pieno di una sbronza.
Si può sempre fingere di essersene dimenticati.
Ma non si potrà dimenticare di essersi divertiti un mondo.


MrFord


"Sound of the drums
beatin' in my heart
the thunder of guns!
Tore me apart
you've been - thunderstruck!
Rode down the highway
broke the limit, we hit the ton."
AC/DC - "Thunderstruck" -

 

40 commenti:

  1. Irriverent Escapade24 aprile 2012 08:59

    Se avessero, in questo mare magnum di vaccate (perdona il francese) anche previsto un cameo di George Segal o Chuck Norris o Wesley Snipes ne sarebbe uscito un vero capolavoro di tamarraggine!!!
    Certo che a sprecarci gli AC/DC.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent, con George intentevi Steven Segal!?!?

      Comunque, anche senza queste comparsate, è un bel festival della tamarraggine, Ac/Dc compresi! :)

      Elimina
    2. ci fosse stato chuck norris il film sarebbe finito all'inizio dei titoli iniziali.

      Elimina
    3. Suara, ci fosse stato Chuck Norris, il film non sarebbe neppure esistito. ;)

      Elimina
    4. Irriverent Escapade24 aprile 2012 11:51

      Siiiiii scusa Mr Ford ma ero temporaneamente distratta da un amico che invecchiando assomiglia sempre piu' a Jason Statham.....;-)

      Elimina
    5. Immagino che questo amico riscuota un discreto successo, quindi! ;)

      Elimina
    6. Irriverent Escapade24 aprile 2012 13:00

      Non lo vedevo da tempo. Personalmene ne sono rimasta piacevolmente stupita. Non ho avuto il tempo di indagare (perche non spengo mai il telefono!!!!) ma suppongo raccolga molti piu consensi di vent'anni fa ;-)

      Elimina
    7. Irriverent, ad alcuni la maturità dona un fascino che da giovani si sognavano.
      E' una delle cose interessanti dell'invecchiare, in fondo. :)

      Elimina
  2. certo che se hancock era divertente... *____*
    questo lo sarà più o meno della corazzata potemkin? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima metà di Hancock è una ficata!
      Ma che te lo dico a fare!? Tu sei un fighetto radical chic! Aahahahahah!

      Elimina
    2. Hancock era divertente; è il cannibal che non si sa divertire.

      Elimina
    3. Parole sante, Suara. Forse dovresti risvegliarlo dal torpore con qualche colpo proibito di Kung fu. ;)

      Elimina
  3. comunque anche se gli hai dato 1 bicchiere e mezzo significa che è vedibile.
    temevo una porcata alla "skyline"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente guardabile, direi.
      Skyline era una schifezza globale totale.
      Questa è una tamarrata da pomeriggio con gli amici, quindi ci sta tutta.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Io non ci speravo troppo, e invece sono stato sorpreso in positivo dalla tamarraggine! :)

      Elimina
  5. Perché ancora non l'ho visto? xD Comunque, a prescindere dal tipo di film, non è sembrato anche a te che l'audio fosse un po' alto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me questo genere di film DEVE avere l'audio alto.
      Anzi, altissimo. :)

      Elimina
    2. Per quello ti avevo scritto "a prescindere dal tipo di film".......

      Elimina
    3. Forse l'audio troppo alto mi ha rintronato! ;)
      O forse l'età.
      O l'alcool.
      O tutto insieme. :)

      Elimina
  6. Buona cosa. Non ci ho il tempo di andare al cinema ma in qualche modo me lo vedo. Adoro ste porcate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eddy, sottoscrivo in pieno.
      Anche io adoro queste porcate! ;)

      Elimina
  7. Visto settimana scorsa al cine, incredibile! Tamarrata colossale, è vero, ma ci si diverte come non mai. E in più ci sono due o tre scene che quando le ho viste mi son messo a fare la ola.
    E quando reclutano i vecchietti e parte Thunderstruck è impossibile non avere un erezione.
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il momento Thunderstruck è pazzesco.
      Ma la cosa che mi è piaciuta di più - oltre al soldato cazzuto con le protesi che prende a pugni l'alieno - è stata l'ironia di fondo di tutta l'operazione.
      Mi sono divertito di brutto anche io. :)

      Elimina
  8. Volevo portarci il mio uomo (quello più basso)...ha visto i tre transformers, quindi può vedersi anche questo credo. In realtà è quasi più una scusa per andarlo a vedere io, visto che altrimenti non ho nessuno che mi accompagni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Newmoon, questo i tre Transformers se li mangia a colazione! Porta il piccoletto, subito! :)

      Elimina
  9. pensavo che bottigliavi selavaggiamente e invece hai pasteggiato a birra e popcorn...c'era pure la gara di rutti a fine proiezione? eh eh anche a me ogni tanto non dispiace vedere cinema tamarro, l'importante è che non si prendano troppo sul serio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, la cosa bella di Battleship è proprio il fatto che non si prende per nulla sul serio.
      Se ti capita di essere in vena di tamarrate, non perdertelo! :)

      Elimina
  10. Indipendence day l'avevo visto gratis al cinema all'aperto. Eventualmente farò lo stesso con questo, ma direi che se me lo perdo è meglio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elle, secondo me uno sguardo puoi darlo: in fondo ci sono Skarsgard e Kitsch che per il pubblico femminile sono sempre un bel vedere!

      Elimina
    2. Chi??
      no non mi convinci ;)

      Elimina
    3. Se vai a fare un giro in rete troverai un sacco di immagini dei due signori in questione.
      In fondo, anche l'occhio vuole la sua parte, e magari scopri che come tamarrata ti piace anche!

      Elimina
  11. Hanckok è stata una delusione immensa, questo robo qui non lo guarderò mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed ecco che torni in linea con quel tordo del Cannibale! Meno male! Ultimamente andavamo troppo d'accordo! :)

      Elimina
  12. ti dirò, a me queste tamarrate piacciono proprio...come mangiare un sandwich al burro di arachidi, pringles e cherry coke.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Harmonica, anche a me, un sacco.
      Specie se si prendono anche poco sul serio. ;)

      La cherry coke, però, me la ricordo davvero agghiacciante! :)

      Elimina
  13. una tamarrata di infinito cattivo gusto e volgarità... ma minchia se mi ha divertito!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno. Mi ha fatto tornare bambino.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...