mercoledì 10 dicembre 2014

Lo sciacallo - Nightcrawler

Regia: Dan Gilroy
Origine: USA
Anno: 2014
Durata:
117'





La trama (con parole mie): Lou Bloom è un uomo ossessionato dal successo e dall'affermazione, nutrito dalla rete e dalla cultura "fai da te", protagonista di una sorta di american dream per il momento realizzato solo nella sua testa che vive di espedienti. 
Quando, per caso, si ritrova testimone di un incidente stradale, decide di gettarsi a capofitto nel mondo del giornalismo d'assalto, reinventandosi reporter per le strade di una Los Angeles abbracciata dalla notte.
Assunto un collaboratore ed avviato un proficuo rapporto con un canale televisivo locale, Lou si dedica con tutte le forze alla ricerca di servizi sempre più vicini al limite imposto dall'etica mettendo la sua realizzazione davanti ad ogni cosa, ad ogni costo: quando, una notte, giunge sul luogo di un omicidio prima della polizia riprendendo i due assassini, la posta in gioco si alza come non era mai capitato prima.








Una delle caratteristiche fondamentali di un'opera - sia essa letteraria, cinematografica, musicale o artistica in genere -, almeno per quanto riguarda questo vecchio cowboy, è sempre stata il cuore, quella scintilla che permette allo spettatore - parlando ovviamente di pellicole - di entrare in sintonia con quello che si trova di fronte: non è un mistero, in fondo, che quando un autore finisce per raccontare qualcosa che ben conosce, imbocca una sorta di corsia preferenziale rispetto a chiunque sia "dall'altra parte".
E non è un caso che i miei favoriti - i cosiddetti "fordiani" - siano tutti legati a questi concetti, da Eastwood - il rapporto tra padri e figli - a Cash - il conflitto tra la parte oscura e quella sacra -, da Nesbo - il fascino della dipendenza e la presenza per chi amiamo, sempre e comunque - a persone portate sullo schermo ma assolutamente reali - il Jean Dominique di The agronomist -.
Jonathan Demme, che firmò lo straordinario documentario appena citato, portò sullo schermo anche uno dei grandi Capolavori del Cinema USA moderno, Il silenzio degli innocenti: e perfino lì, in quella cella, o nell'agghiacciante telefonata che chiudeva la pellicola, si finiva quasi per empatizzare con il genio terrificante di Hannibal Lecter.
Come nella camminata claudicante divenuta fiera di Kaiser Soze.
O nella follia innevata di Tony Montana.
Tutti i grandi "cattivi" finiscono, in qualche modo, per affascinare almeno una piccola parte del "cattivo" che è in noi.
L'unica eccezione che ho potuto riscontrare nel corso della mia vita è rappresentata da Grenouille, protagonista indimenticabile dell'altrettanto indimenticabile Il profumo di Patrick Suskind, uno dei romanzi più importanti della mia storia di lettore e, probabilmente, uno dei dieci che porterei su un'isola deserta: le vicissitudini dell'assassino alla ricerca del profumo perfetto evocano ancora oggi immagini straordinarie, nonostante, ai tempi, per la prima volta mi accorsi del desiderio irresistibile di prendere le distanze da quel main charachter così rivoltante e disgustoso, tanto da comprendere il fastidio che lo stesso finiva per generare negli altri che incontrava pagina dopo pagina.
Dan Gilroy, al suo esordio dietro la macchina da presa - non proprio giovanissimo, considerata la classe cinquantanove -, è riuscito a farmi sentire per la seconda volta in quel modo con una sicurezza ed una padronanza del mezzo cinematografico spaventose, talmente salde da far dubitare non solo dell'esistenza di un concetto di fiction, ma di materializzare quello di giornalismo - ovvero cronaca dei fatti, non partecipazione - sostituendo, di fatto, con esso la magia del Cinema.
Lo sciacallo è un film profondamente odioso e disturbante, grottesco e caricaturale, forse perfino troppo facile nella cinica crudeltà di certi passaggi - i confronti tra Lou ed il suo aiutante Rick, l'ascesa dello stesso Lou -, che molto probabilmente non amerò mai e poi mai come un altro grande ritratto in notturna di L. A., Collateral, fotografato altrettanto bene eppure gelido come una scossa dritta nel cervello avendo ingoiato un boccone troppo grande di gelato, eppure a suo modo indimenticabile, rispetto alla stagione che volge al termine.
E dalla strepitosa performance di Jake Gyllenhaal - mai così bravo e diverso dalle sue incarnazioni precedenti, capace di rendere alla perfezione il lato quasi psicopatico, e non solo voyeuristico del suo personaggio, in bilico tra composta e falsa cortesia ed aggressività da predatore - a sequenze da brividi - l'inseguimento per le strade nel finale -, tutto pare ricondurre ad un'unica, terribile conclusione: Lo sciacallo non è Cinema, non è cuore, non è quella scintilla, ma resta e resterà clamorosamente grande.
Da fan del lato oscuro e da persona pronta spesso e volentieri a farsi tentare dallo stesso, onestamente non sono felice che sia così: perchè sapere che esistono pellicole come questa, in giro, e che in qualche modo finiscono per fotografare la realtà, riesce a fare paura più di qualsiasi horror.
Nello sguardo oltre la macchina di Lou che s'incrocia con quello del killer appena uscito dall'auto ribaltata c'è l'incontro di due predatori, neanche fossimo nel cuore della giungla (urbana) della vita: uno stringe una pistola, è coperto di sangue, è senza dubbio un carnivoro, ed aggredisce qualunque cosa rappresenti per lui un ostacolo, mantenendo il suo status di leone alfa; l'altro brandisce lo strumento principe della comunicazione moderna, vive tra le ombre, mangia quello che gli conviene mangiare, e quando vede un ostacolo, tiene ben salde le zampe che gli permetteranno di saltare all'ultimo secondo, da buono sciacallo.
Uno ha il cuore, pur se nero. L'altro no.
Uno scaglia fulmini e saette dalla sua arma, l'altro illumina il mondo che vuole sia mostrato al mondo per poterlo indirettamente controllare.
"Al mondo ci sono due tipi di uomini: quelli che hanno la pistola e quelli che scavano. Tu scavi.", recitava Eastwood in Il buono, il brutto, il cattivo.
Ma quello è Cinema.
Lo sciacallo è più simile a quello che troviamo quando le luci si spengono, usciamo dalla sala e veniamo vomitati nel mondo.
Niente più sogni.
Due predatori.
Chi pensate avrà vinto?




MrFord




"Straight out of hell
one of a kind
stalking his victim
don't look behind you
nightcrawler
beware the beast in black
nightcrawler
you know he's coming back
nightcrawler."
Judas Priest - "Nightcrawler" - 




 

36 commenti:

  1. mi hanno detto che meritava. nelle sale però c'è stato un cazzo ed anche meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita eccome. Recuperalo, in giro si trova.

      Elimina
  2. Non vedo l'ora di vederlo!Adoro Jake e mi sa che qua deve aver fatto una gran performance \m/ \m/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere che sia la migliore della sua carriera.
      Da vedere assolutamente.

      Elimina
    2. Eccoci qua!Finalmente recuperato,qualche sera fa.
      Jake bravissimo come me l'aspettavo,e tutto il film funziona perfettamente.Fa paura che sìa spietatamente vero,io ogni volta che vedo in tv certi servizi,con questi reporter che vanno dal genitore che ha appena perso il figlio a fare domande dalle ovvie risposte,mi incazzo come una bestia.Non è molto diverso(benchè ovviamente qui sìa estremizzato)da Louis che va a filmare le varie disgrazie più da vicino possibile.Mi è piaciuto molto il suo atteggiamento di superficie compostissimo,esageratamente cortese,che nasconde invece un cinismo ed un anima nerissima.
      Molto bello e calzante il tuo paragone fra i due predatori che si guardano nel finale!Ci sta tutto.

      Elimina
    3. Ci sta eccome, e sono contento ti sia piaciuto.
      Ottimo film davvero, con un Gyllenhaal pazzesco ed una regia davvero notevole.

      Elimina
  3. grande , grandissimo film e ottimo pezzo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Bradipo!
      E grande film, davvero.

      Elimina
  4. Film bellissimo, con un Gyllenhall mai così in parte.
    Non sbaglia mai, ma qui si è superato proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, forse la sua interpretazione migliore di sempre.
      Per un ottimo film, tra l'altro.

      Elimina
  5. grande Gyllenhall, ma il film manca un po' di sorpresa. è quello che ti aspetti che sia. punto. bello, ma mi aspettavo di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è colpa del distacco emozionale dal protagonista. Anche per me è stato così. Ma davvero ottima pellicola.

      Elimina
  6. in effetti in certo modo può sembrare un film documentario tipo "Mondo movie" (http://it.wikipedia.org/wiki/Mondo_movie)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il confine tra fiction e documentario è stato labile per tutta la visione. Bravissimo Gilroy a trasmettere questa sensazione.

      Elimina
  7. Disturbante e cinico come il suo protagonista. La mezz'ora finale adrenalinica che culmina con l'inseguimento, me la sono proprio goduta al cinema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La parte dedicata all'inseguimento è un pezzo di bravura allucinante.
      Ottimo Gilroy, e strepitoso Gyllenhaal.

      Elimina
  8. io invece da buon cattivone questo film e questo personaggio li ho amati.
    basta con i duri dal cuore tenero fordiani! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sei meno cattivo di quanto non sia io, comunque se fossi un attore in questa parte ti ci vedrei proprio bene! ;)

      Elimina
  9. io non lo ho visto. Ma tre bicchieri ben oltre l'invito a vederlo
    ciao
    Suara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suara, se ti capita recuperalo. Merita alla grande.

      Elimina
  10. Per me è in top 5 del 2014 insieme a Boyhood e Interstellar... Devo ancora stabilire quali saranno gli altri due film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me non sarà top 5, forse 10, chissà.
      Su Boyhood concordo, Interstellar, invece, mi sa tanto che sarà più in basso.

      Elimina
    2. Io con interstellar sono uscito pazzo... L'ho visto due volte, e forse andrò a vederlo pure una terza volta...

      Elimina
    3. Interstellar è un ottimo prodotto, ma sinceramente mi aspettavo molto di più. Bello da vedere, comunque, questo è sicuro.

      Elimina
  11. Un film che avrei dovuto vedere ma non ho fatto in tempo, penso che a questo punto lo recupererò in dvd.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vedrai che ti colpirà inevitabilmente. Non perdertelo di nuovo!

      Elimina
  12. Davvero una bella sorpresa questo film, mi è piaciuto tantissimo. Oltre al personaggio interpretato magistralmente da Jake ho particolarmente apprezzato anche la giornalista sanguinaria e il dipendente disperato.
    Baingiu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personaggi e comparto tecnico a parte, comunque, è il contenuto a colpire dove fa più male.

      Elimina
  13. Lo devo ancora recuperare... felice che merita molto!

    RispondiElimina
  14. È lì che mi guarda da due giorni, so che è una bomba ma ancora non l'ho visto... in compenso mi son sparato i primi 2 terminator ed ho goduto forte, così ci tenevo a dirtelo... ;-)
    Uno di questi giorni me lo guardo che Jake con la fazza da matto promette bene

    Fratello sto leggendo La vera storia del pirata long john silver, conosci? tostissimo, roba per noi fatta e finita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi devo recuperarli anche io, i primi due Terminator!
      Questo, comunque, devi recuperarlo presto, perchè è una piccola bomba!

      Non conoscevo il libro, mi sa che me lo segno!

      Elimina
  15. E se pure il Ford lo promuove, allora devo vederlo per forza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza se e senza ma. Gran film davvero.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...