martedì 16 dicembre 2014

The Babadook

Regia: Jennifer Kent
Origine: Australia
Anno:
2014
Durata:
93'





La trama (con parole mie): Amelia, madre single rimasta vedova lo stesso giorno della nascita del figlio Samuel, sette anni prima, vive faticosamente la sua quotidianità affrontando le difficoltà che provoca anche il carattere decisamente particolare del bambino, che spesso e volentieri dimostra di avere problemi relazionali a scuola e non solo. Quando il piccolo rivela alla donna un libro trovato in camera sua dedicato ad un misterioso essere chiamato Babadook manifestando il timore che il mostro raffigurato tra le pagine possa entrare nelle loro vite, Amelia liquida la cosa come la semplice paura di un bambino: peccato che l'ospite indesiderato non aspetti altro, prendendo lentamente possesso della casa e della quotidianità trasformando la stessa in un vero e proprio incubo.
Riusciranno Amelia e Samuel a fare fronte comune per sconfiggere il Babadook?
O il mostro avrà la meglio conducendo alla distruzione la famiglia?








Nel corso degli anni trascorsi dall'apertura del Saloon, più volte è capitato che alcuni titoli non distribuiti da queste parti diventassero dei veri e propri fenomeni della blogosfera: passaparola e recensioni entusiastiche hanno dunque finito per consacrare prodotti come Dogtooth, Enter the void, The troll hunter, Europa report, che in alcuni, isolati casi, hanno finito per avere il "privilegio" di giungere anche nelle nostrane sale.
Di recente, uno dei più discussi è stato The Babadook, piccolo gioiellino australiano scritto e diretto dalla promettente Jennifer Kent, ex attrice all'esordio su un lungometraggio, sdoganato da più angolazioni come un horror e presentato, in questo senso, come il titolo dell'anno: la realtà dei fatti, però, è senza dubbio più complessa di quanto non appaia ad una prima vista.
Dunque potrei quasi senza troppi pensieri affermare che The Babadook non è un film horror, quantomeno nel senso tradizionale del termine: è più un abile cocktail di indagine psicologica nello stile dello Spider di Cronenberg, atmosfere inquietanti che ricordano Il sesto senso, suggestioni derivate da omaggi al Nosferatu di Murnau e alla magia di Melies, una strizzata d'occhio ai film anni ottanta - quelli, effettivamente, di matrice horror - ed una cornice quasi burtoniana impreziosito da due interpretazioni da brividi offerte al pubblico rispettivamente dal bravissimo Noah Wiseman e dalla strepitosa Essie Davis, che probabilmente ha finito per giocarsi già il ruolo della vita.
Eppure la parte più interessante di questo lavoro risiede non tanto nella paura, quanto nell'inquietudine pronta a pesare sull'audience - soprattutto di sesso femminile, e soprattutto se si tratta di madri - fin dai primi minuti, a partire dalla condizione di genitrice single e vedova della protagonista, passando attraverso il delicato equilibrio del piccolo Samuel - che, almeno al principio, assume il ruolo di anello debole nella catena spezzata dall'arrivo del "mostro" prima di passare il testimone alla madre - fino all'analisi profonda e decisamente non banale del superamento del dolore di un trauma enorme come dev'essere la perdita del proprio compagno - o compagna, sia chiaro - nel giorno della nascita del proprio figlio, ed una vita consacrata allo stesso resa ancor più difficile dalle incombenze di norma divise più o meno equamente tra i due genitori.
Senza dubbio nel corso della visione qualche momento di deja-vù negli spettatori più navigati apparirà inevitabile, eppure il lavoro della Kent funziona, e superato lo scoglio dell'associazione ad un genere - superamento che avviene, paradossalmente, proprio nel momento della prima apparizione "fisica" del Babadook - tutto diverrà più profondo e complesso di quanto non ci si aspetterebbe al principio, entrando in territori più affini all'analisi che non al terrore puro e semplice: in fondo, i più abituati al confronto con i lati oscuri del Cinema - e non solo - ben sanno che la realtà è lo strumento più terrificante con il quale è possibile portare a galla le paure - io stesso considero il Bob di Twin Peaks ancora oggi il mio spauracchio più grande, proprio perchè rappresentato da un attore in carne ed ossa, non truccato e mascherato come un qualsiasi babau da horror "classico" -, e benchè la formazione della Kent possa essere decisamente accademica - citare in questo modo Murnau ne è la dimostrazione - la regista di questo piccolo cult ha finito per imparare bene la lezione - e chissà che non l'abbia fatto sulla propria pelle -, appoggiando sulle spalle della sua straordinaria attrice protagonista tutta la seconda parte della pellicola, svelando sequenza dopo sequenza il lato più reale ed umano del Babadook, le inquietudini ed i dolori di una madre, la forza ed il desiderio di battersi fino allo stremo per proteggere il proprio figlio e gli istinti dominati a fatica nei momenti più stressanti legati alla presenza dello stesso.
Le scelte che portano al finale, o l'epilogo stesso, inoltre, finiscono per essere intelligenti derivati legati all'atto di sezionamento del trauma operato dall'autrice, pronta a costruire una metafora dark di una delle situazioni più difficili che una madre possa vivere: la sfida di crescere un figlio - specie se maschio - da sola e senza alcun riferimento, vedendo lo spazio riservato a se stessa ancora più ridotto di quanto non sarebbe - e parliamo, comunque, già di molto - con un compagno.
In questo senso l'utilizzo del Babadook ed il parallelo con la gestione di un dolore custodito gelosamente con la promessa di rivelarlo al figlio solo una volta che quest'ultimo sarà cresciuto rappresenta un ritratto di quello che ogni genitore vorrebbe, ovvero preservare i propri piccoli da tutto il male del mondo, rimandando il più possibile il momento in cui lo stesso male verrà, inevitabilmente, a chiedere il conto.
Perchè non c'è verso di non affrontarlo.
E il Babadook lo sa.
Per questo negare la sua esistenza equivale a soffrire in misura sempre maggiore.




MrFord




"But for you
ooh, you
ooh, the Babadook
ooh, for you
ooh, you
ooh, the Babadook."
George Ezra revisited by Ford - "Budapest" - 





31 commenti:

  1. bella analisi complimenti :) mi viene da pensare a cosa può rappresentare davvero il babadook, c'è chi lo accosta al lato oscuro che esiste in ognuno di noi, e c'è chi al mostro nascosto dentro l'armadio, ma bene o male prima o poi dobbiamo fare i conti tutti con quel mostro ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi proprio di sì.
      E' un mostro che, seppur con incarnazioni diverse, tocca ognuno di noi.

      Elimina
  2. sono contento che ti sia piaciuto...per me fino ad ora l'horror dell'anno e per distacco....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, con gli horror usciti quest'anno non era così difficile, per quanto il film meriti! ;)

      Elimina
  3. Che gran bel film! (Eh si, ho riso molto al George Ezra rivisitato)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello, concordo. E mi sono divertito a rivisitare la canzone! ;)

      Elimina
  4. Risposte
    1. l'ho visto, l'ho visto. è per quello che dico boh...

      Elimina
    2. Sei il primo che leggo a non esserne convinto.
      Cosa ti ha lasciato perplesso?

      Elimina
    3. deluso. partito con mille buoni propositi, si sgonfia a due terzi e non si riprende più

      Elimina
    4. non si vede, ma c'è un link alla mia recensione...

      Elimina
    5. Io, invece, ho trovato più interessante il crescendo della prima parte, che è un pò più convenzionale.
      Comunque, posso capire la tua posizione.

      Elimina
  5. Grande Ford, anche tu ti sei fatto catturare dal Babadook!! :) Sono contenta che ti sia piaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto efficace, bravi gli attori, interessante il tema. Promosso.

      Elimina
  6. se Ford e Cannibal concordano su un horror-psico-thriller vuol dire che ne vale la pena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tendenzialmente direi proprio di sì. ;)

      Elimina
  7. anche per me lo spauracchio più grande resta bob di twin peaks.
    seguito da te, ford uahahah

    quanto al babadook è sicuramente un buon film, però non è diventato un mio nuovo cult personale.
    e dal tuo parere positivo ma non entusiasta mi pare sia così pure per te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbene sì, questa volta siamo fin troppo in linea.
      Speriamo che con le classifiche di fine anno ci si discosti un pò, che così non va bene! ;)

      Elimina
  8. Molto bello. Lei mostruosamente brava.
    Concordo con te, e ottima analisi al solito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Ink.
      E comunque, lei davvero pazzesca.

      Elimina
  9. L'horror non fa per me, lo salto volentieri

    RispondiElimina
  10. Davvero un buon film e il libro del babadook è una delle cose più fottutamente paurose che io abbia mai visto... poi c'è Lei che è una roba pazzesca, un mostro di bravura, mi è sembrata una prova alla Daniel Day Lewis per quanto si è persa nel personaggio

    ps: davvero un bel post, complimenti
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Fratello! :)
      Concordo: buon film e lei strepitosa.

      Elimina
  11. A me ed il Khal ha annoiato da morire.Lei è davvero molto brava ma la storia non ci ha coinvolto per nulla,paura zero,tensione molto poca.Non un brutto prodotto,ma decisamente non nelle nostre corde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che la paura, secondo me qui si esprime il disagio.
      Forse vi aspettavate un horror più "canonico".

      Elimina
  12. Pienamente d'accordo, non è solo un film dell'orrore! Ma l'orrore era necessario dati i temi trattati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo.
      A volte nascondiamo nella realtà un orrore ben più grande di quello mostrato dai film.

      Elimina
  13. forse un po' lento all'inizio e un po' veloce alla fine, ma è cinema buono, di sicuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buono senza dubbio, pur non esente da difetti. :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...