domenica 16 novembre 2014

The counselor - Il procuratore

Regia: Ridley Scott
Origine: USA, UK
Anno: 2013
Durata: 117'




La trama (con parole mie): un avvocato di successo, messo all'angolo da problemi di liquidità, avidità e voglia di confrontarsi con il lato oscuro che, di norma, finisce per osservare solo in tribunale, si inserisce in un affare di droga con il Cartello messicano grazie ad un losco socio d'affari ed un altrettanto poco raccomandabile intermediario.
Peccato che, dopo aver recuperato i venti milioni necessari per entrare nel giro, il carico giunto dal Messico sparisca nelle mani sbagliate, mettendo in moto il meccanismo spietato del Cartello e dei predatori rispetto a tutti i protagonisti dell'accordo dall'altra parte del confine: ma se per alcuni significherà soltanto perdere la vita, per altri vorrà dire continuare a respirare con il peso sulle spalle di aver sacrificato tutto quello che aveva davvero valore al mondo.
Qualcosa ben oltre i diamanti, i soldi e la prospettiva di un successo.








E' curioso, a volte, quanto il gioco delle aspettative possa incidere sulla visione di una pellicola: ai tempi della sua uscita in sala, The counselor - Il procuratore, realizzato da quello che, nonostante gli alti e bassi degli ultimi anni, è considerato una sorta di mostro sacro, Ridley Scott, e scritto nientemeno che da Cormac McCarthy, uno dei più importanti scrittori viventi americani nonchè figura più che fordiana, fu massacrato praticamente in ogni dove, qui nella blogosfera e non, collezionando una serie da record di recensioni che definire negative risulterebbe quantomeno ottimistico.
Allo stesso tempo risultò curioso, almeno per il sottoscritto, che i critici più pane e salame finirono per prenderlo a bottigliate sui denti e quelli radical - fatta eccezione per la mia nemesi Cannibal Kid - addirittura lo promossero quasi a pieni voti, mentre almeno sulla carta e forte della visione avrei detto che sarebbe potuto accadere l'esatto opposto.
Detto questo, devo ammettere di essere uscito piuttosto perplesso dalla visione, ricca di momenti davvero al limite del ridicolo come la questione della temperatura o l'ormai considerata divertentissima - e non in senso positivo - spaccata di Cameron Diaz sul parabrezza della Ferrari gialla di Bardem ed una costruzione non sempre limpida in fase di scrittura ma anche paradossalmente piacevole e molto ritmata, tipica di quei titoli da divano senza impegno per alleggerirsi dal lavoro.
In un certo senso, mi è parso di vedere Scott e McCarthy colti dalla stessa sindrome che colpì Stone e Winslow - altri due che qui in casa Ford tendenzialmente amiamo molto - con Le belve: due uomini considerati assoluti professionisti nel loro settore ma decisamente non più giovanissimi travolti dalla voglia di apparire cool e alla moda, quasi le pulsioni sessuali e la prestanza dei loro protagonisti sullo schermo simboleggiassero il desiderio degli autori di tornare ad un'epoca in cui anche loro potevano considerarsi "giovani e belli", come canterebbe Guccini.
Peccato che il Tempo passi per tutti, e l'effetto di titoli come questo finisca per essere lo stesso dei sessanta e settantenni lampadati pronti a tatuarsi fuori tempo massimo ed indossare le Beats sfoggiando camminate neanche fossero usciti dal liceo: eppure, a mio parere, non parliamo di una pellicola inesorabilmente brutta - allo stesso modo di quanto si potrebbe pensare del già citato Le belve -, ma godibile e molto meno autoriale di quanto non si possa pensare, inserita più nel filone che alimenta l'esaltazione dei ragazzini che sognano di essere Tony Montana che non in quello della ricerca e dell'analisi dei massimi sistemi attraverso una storia action/crime.
La cosa migliore, rispetto a The counselor, resta per me un approccio molto ignorante ed inconsapevole, proprio come se il regista non fosse Ridley Scott - anche se il suo stile tecnicamente impeccabile si riconosce comunque - e lo sceneggiatore Cormac McCarthy: in questo modo questa vicenda di corruzione, droga, sesso e morte finisce per assumere i connotati di una sorta di versione di grana grossa e metanfetaminizzata di piccoli cult come City of god o serie Capolavoro come Breaking Bad.
Certo, i paragoni non reggono neanche per scherzo, eppure era da parecchio che non mi capitava di passare due ore senza pretese schiantato in poltrona godendomi il circo di uno dei miei generi preferiti senza considerare alcuna conseguenza, o rimediare un'incazzatura.
Ho lasciato che il buon Fassbender ed il suo avvocato desideroso di un confronto con il Lato Oscuro e la sua innocente metà Penelope Cruz diventassero gli agnelli sacrificali di una serata all'insegna del pacchiano e del sopra le righe, neanche fossi un boss del narcotraffico che si diverte ad osservare cosa racconta il dorato mondo hollywoodiano di quelli come lui.
Con tanto di Brad Pitt e Cameron Diaz - rispettivamente per signore e signori, anche se non è certo dettto, o una regola - inclusi nel pacchetto.
Direi che non è poco, anche quando dall'altra parte, più che il peso della delusione, si trovava quello per l'inguardabile look di Bardem e la fuga dei ghepardi neanche fossimo nella versione dei poveri di Collateral.



MrFord




"I'm hiding in Honduras
I'm a desperate man
send lawyers, guns and money
the shit has hit the fan."
Warren Zevon - "Lawyers, guns and money" - 



26 commenti:

  1. Il film mi è piaciuto, tuttavia non capisco perchè l'hanno chiamato "Counselor" visto che è tutt'altro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente non lo so. E non me lo sono chiesto troppo! ;)

      Elimina
  2. L'abbiamo mollato dopo credo 20-25 minuti,di una verbosità ammorbante.Fa il paio con quella palla atomica di Under my skin XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In confronto ad Under the skin, questo è praticamente un filmone! :)

      Elimina
  3. io ce l'ho lì a prendere polvere da tempo immemore convinto dalla stroncatura praticamente unanime che ricevette...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato lo stesso per me, eppure pensavo di trovarmi di fronte a qualcosa di peggio!

      Elimina
  4. giusto te potevi salvare questo autentico insulto all'intelligenza, oltre che al cinema.
    una pellicola che sì, è inesorabilmente e indiscutibilmente brutta.
    e giusto te, mr. boring, potevi non annoiarti con questa infinita lagna con 2 ore di dialoghi senza senso.
    noto se non altro con piacere che sei tornato il vecchio ford di una volta, quello che di cinema proprio non ne capisce una mazza manco per sbaglio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infinita lagna di due ore!? Parli del succitato Under the skin!? ;)

      Comunque non è sicuramente un filmone, ma di certo neppure una schifezza.

      Elimina
  5. mi ha incuriosito la spaccata sul parabrezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è una delle scene più brutte e trash che abbia visto negli ultimi anni.

      Elimina
  6. Vabbe' ormai il salvataggio di certe cosacce a neanche grana direi sezione grossa da parte tua son scontate..Ma l'analisi iniziale e' lucida e sensata..C'e' poi il problema di Cormac che in realta' non e' mica capace a scrivere, e qui a differenza di N.E.U.P.P.V. Non ha avuto nemmeno l'idea originale.

    Giustissimo il paragone con Le Belve...infatti non so davvero quale dei due faccia piu' schifo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non parliamo certo di filmoni, ma sia questo che Le belve si possono tranquillamente guardare a tempo perso. Meglio questa roba senza impegno, comunque, che pretesi polpettoni d'autore! ;)

      Elimina
  7. Per me rimane una delle cantonate più grosse degli ultimi anni, e non solo per tutte le aspettative del caso. Non salvo nulla, anche perchè a parte qualche scene scult, l'ho già rimosso dalla mente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io partivo dalle stroncature ricevute praticamente ovunque, quindi mi sono ritrovato di fronte a qualcosa di non così terribile.

      Elimina
  8. anche a me non è dispiaciuto il film ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo perchè tu di Cinema ne sai, al contrario del Cannibale e di molti presunti professoroni! ;)

      Elimina
  9. Questo è un film che mi sono perso. A mia figlia non ispirava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perderlo non è così grave, in fondo! :)

      Elimina
  10. no decisamente sono anni luce da questo film...
    l'ho visto la stagione scorsa al cinema, e sono uscita con l'amaro in bocca dalla sala... tra attori dai nomi altisonanti che non mi hanno comunque soddisfatta, ed una storia troppo pretenziosa, che probabilmente, sono troppo tarda per apprezzare al mille x mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è sicuramente un film memorabile, ma senza dubbio è migliore di tante altre schifezze! :)

      Elimina
  11. Io l'ho disgraziatamente visto. L'unica che ha salvato la baracca era la Camerona Diaz famelica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me non è così terribile: e la Diaz, per quanto in gran forma, è protagonista di una delle scene più ridicole che ricordi! ;)

      Elimina
    2. Ho sicuramente capito quale. Sono stati gli unici minuti in cui ho recuperato le capacità cognitive.

      Elimina
    3. Probabilmente sono quelli in cui gli autori le hanno completamente smarrite! ;)

      Elimina
  12. McCarthy dovrebbe scrivere romanzi e basta: in quello è insuperabile.
    Chissà se in futuro si troverà mai il regista giusto per trarre un film da quel capolavoro immenso di "Meridiano di sangue".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eastwood o il Malick dei tempi migliori, per me, sarebbero perfetti per Meridiano di sangue.
      Anche se un giudice diverso dal Marlon Brando di Apocalypse Now non ha senso! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...