venerdì 6 giugno 2014

Wolf Creek 2

Regia: Greg McLean
Origine: Australia
Anno:
2013
Durata: 106'





La trama (con parole mie): Mick Taylor, cacciatore e terrificante serial killer venuto dall'outback australiano, è ancora libero sulle strade apparentemente infinite di un Paese che vede migliaia di persone scomparire senza lasciare traccia ogni anno, prede della Natura o dei suoi predatori.
Dunque, nel territorio dell'area nota per il cratere di Wolf Creek, vedremo l'incontenibile Crocodile Dundee dell'horror entrare nelle vite - e nelle morti - di una pattuglia di poliziotti dal facile abuso di potere, di una coppia di fidanzati autostoppisti tedeschi e di un turista inglese capitato per caso tra il cacciatore e la sua vittima designata: sangue, morte, inseguimenti e violenza saranno dunque i connotati di un quadro che avrà ancora e sempre per cornice la stupenda e crudele wilderness del cuore dell'Australia.









Come gli storici - e non - avventori del Saloon ormai ben sapranno, in casa Ford l'Australia è ben più di una meta da sogno per un qualsiasi viaggio: il Paese "down under" è infatti un pezzo del cuore del sottoscritto e di Julez da ancora prima che si potessero percorrere quelle straordinarie strade in mezzo al nulla insieme, esattamente dal momento in cui, amici e colleghi, proposi per una serata horror il primo e fenomenale Wolf Creek, che da queste parti si era amato davvero parecchio.
Julez, ai tempi, risultò tiepidina rispetto alla visione, alimentando quella sorta di rivalità e gioco di provocazioni che fu il nostro forte ai tempi - e che, pur se in misura diversa, continua anche oggi -, mentre io rimasi in attesa di un sequel che rendesse ulteriore giustizia ad uno dei personaggi più interessanti che il genere abbia regalato agli appassionati negli ultimi dieci - e forse più - anni: Mick Taylor.
Interpretato da un roccioso John Jarratt - anche se, occorre ammetterlo, in questo secondo giro di giostra pare parecchio invecchiato -, il charachter considerato da subito una sorta di versione spietata di Mr. Crocodile Dundee assunse, infatti, le dimensioni di charachter cult totale, regalando perle a profusione riproposte dal regista Greg McLean anche in questo secondo capitolo sfruttando regole forse più facili - quelle del grottesco e della black comedy - ma senza dubbio utili a non trasformare lo stesso cacciatore in una sorta di fotocopia di se stesso, come spesso accade per i "mostri" dell'horror in genere.
L'atmosfera, infatti, inquietante e spaventosa del primo film è sostituita da un gusto decisamente sopra le righe per il gioco sporco del protagonista, che passa senza colpo ferire - o quasi - da una vittima all'altra neanche si trattasse dell'eroe di turno, finendo per prendersi gioco perfino dell'Australia stessa, dei suoi luoghi comuni - a dir poco geniale l'inseguimento in autostrada con tanto di canguri involontari vittime dell'alta velocità, o l'interrogatorio finale - e dei turisti che finiscono - giustamente - per trasformare quella meravigliosa terra in una sorta di realizzazione dei loro sogni, di viaggiatori o semplicemente di aspiranti fuggiaschi da una vita che la vecchia Europa si può solo sognare.
Andando comunque oltre alle questioni "alte" - che, senza dubbio alcuno, non farebbero certo impazzire il vecchio Mick - e alla sempre splendida cornice dell'outback - dal cratere di Wolf Creek al deserto, che è esattamente così come lo si vede, una strada a due sensi in mezzo al nulla -, l'intuizione di McLean di porre sul cammino di Taylor vittime completamente diverse tra loro in grado di farci prendere le parti dello psicopatico - i poliziotti -, provare compassione - i giovani fidanzati tedeschi, la coppia di anziani - o pura e semplice partecipazione cinematografica rispetto ad una fuga praticamente senza speranze - il turista inglese - risulta vincente, in grado di soddisfare sia i fan della prima ora di questa sorta di neonato brand ed i nuovi viaggiatori giunti ad incrociare il cammino di un assassino che pare mescolare Chopper e Jack lo squartatore, Mad Max e Le colline hanno gli occhi.
Non stiamo parlando certo di Cinema d'alta scuola, o di qualcosa che coccoli le visioni di puristi e pusillanimi - vero, Cannibal? - eppure Wolf Creek 2 riesce a convincere e divertire, sporcare i panni quanto basta perchè sembrino vissuti, dare l'idea e la percezione della Legge della giungla, seppur in versione umana e senza dubbio psicotica.
Potrebbe essere definito in molte misure old school, ed essere detestato per altrettante, eppure questo crudele giocattolo funziona alla grande, e pur non essendo destinato a cambiare la Storia del Cinema, resterà un ricordo più che piacevole per gli appassionati, quasi resi fiduciosi dal senso di inquietudine crudele e divertita della conclusione, fedele come quella del predecessore alla leggenda di Mick Taylor, che come un coccodrillo pare muoversi davvero soltanto quando ha la certezza di non lasciare scampo alla preda.
Del resto, lui è un vincente.
E chi gli capita tra le mani e il coltello, potete immaginare cosa sia.




MrFord




"Get your motor runnin'
head out on the highway
lookin' for adventure
and whatever comes our way
yeah Darlin' go make it happen
take the world in a love embrace
fire all of your guns at once
and explode into space."
Steppenwolf - "Born to be wild" - 




18 commenti:

  1. Daje mi segno questo e il primo, così me li vedo tutti e due xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una gran bella accoppiata! Recuperali!

      Elimina
  2. E' tra i film da vedere. Papà, l'altra sera, aveva iniziato a vederlo e dice che gli piaceva. Se riesco, rivedo un attimo il primo: l'ho visto nel periodo dell'uscita e mi aveva abbastanza colpito. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto puoi approfittare e vederli entrambi con il genitore! ;)

      Elimina
    2. Senza il genitore, però l'ho visto. Nel suo genere, un film bello e riuscito. Concordo. Il villain è colossale. Nel primo, non lo ricordavo mica così!

      Elimina
    3. Sono contento che tu abbia apprezzato.
      Villain pazzesco, assolutamente.
      E poi, l'outback australiano è fantastico.

      Elimina
  3. considerando che australia e versioni spietate di mr. crocodile dundee mi attirano ben poco, e soprattutto che devo ancora vedere il primo, per ora mi sa che continuerò a fare il pusillanime e a rimandare la visione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei proprio un pusillanime senza speranza: oltretutto, come si fa a non essere attratti dall'Australia!?!?

      Elimina
  4. Devo vederlo, ma ci credi che non ho ancora avuto il tempo per farlo? Ormai scimmia a mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che ti piacerà: è ben girato e divertentissimo.

      Elimina
  5. mi ha divertito parecchio, ci avrei giurato che ti sarebbe piaciuto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono divertito da matti anche io: gran bella visione!

      Elimina
  6. Mick Taylor con questo secondo capitolo è diventato davvero un villain immenso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo: e quasi quasi ora voglio anche il terzo!

      Elimina
  7. Bombetta! Posso dire che mi è piaciuto più del 1?
    I canguri e i 25 min finali sono strepitosi.
    L'unica cosa il finale finale, non mi ha convinto molto. ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è tutto dove dovrebbe essere: davvero una bombetta delle nostre! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...