sabato 14 giugno 2014

I miei miti calcistici

La trama (con parole mie): contagiato dal mio acerrimo nemico - almeno sulla carta - Cannibal Kid, e sfruttando l'onda d'urto dei Mondiali di calcio appena iniziati, approfitto per esplorare ricordi ed emozioni per definire la mia top ten dei calciatori che hanno, di fatto, definito la passione che ancora oggi provo per questo sport. Considerata la delusione dell'altra sera e la vittoria clamorosa della cosiddetta outsider Olanda sulla Spagna Campione del mondo uscente in una rivincita dell'ultima finale, forse, si può sperare in un cambio del vento.
Forse.
Ed io, personalmente, spero.







N°10: MARK HATELEY



A salvare il sottoscritto da un destino da interista - fortemente sponsorizzato dal nonno materno, lo stesso che fomentò il mio amore per il Western - giunse dalla Gran Bretagna questo ruvido attaccante che, ai tempi, per i capelli e lo stile non proprio elegante, riusciva a ricordare al sottoscritto Mark Landers di Holly&Benji.
Non proprio un talento, ma un lottatore come quelli che piacciono da queste parti.




N° 9: PAUL GASCOIGNE



Nel corso dei Mondiali del '90, forse quelli vissuti con maggiore trasporto insieme alla vittoria del 2006, esplose uno dei calciatori più scombinati ed estrosi della Storia del pallone, Paul Gascoigne. Geniale quanto disequilibrato, sopra le righe ed irresistibile, è uno dei ricordi migliori che mi abbia regalato l'infanzia a contatto con il calcio.




N°8: GEORGE BEST



Si conclude la "trilogia britannica" di questo inizio di top ten con uno dei più clamorosi artisti del calcio mai esistiti: George Best.
Sregolato, dedito all'alcool, alla bella vita e alle donne come nessun altro, pronto a sacrificare ben più di un fegato e gran parte dei suoi guadagni da calciatore per cercare il futuro - e la fine del suo spettacolo - sul fondo di un bicchiere.
Spesso e volentieri, posso capirlo.

 
                      

N°7: PAULO FUTRE




Considerato l'amore incondizionato del sottoscritto per gli outsiders, Paulo Futre non poteva non essere di questa partita: promessa assoluta del Portogallo, parte della Nazionale fin dai suoi esordi, colonna dell'Atletico Madrid a fine anni ottanta, superato solo da Gullit nella corsa al Pallone d'oro e dunque limitato clamorosamente dagli infortuni nella seconda metà della sua carriera ed una volta approdato in Italia - prima alla Reggiana e poi al Milan -, per quanto riguarda il Saloon resta uno dei talenti inespressi più importanti dei gloriosi eighties.


 
 
N° 6: MICHALIS KONSTANTINOU


Giusto per non smentire la passione per i Goonies del calcio, ecco Michalis Konstantinou, il calciatore cipriota più pagato - almeno ai tempi - da una squadra greca, per la precisione il Panathinaikos di Atene, che ai tempi - parliamo dei primi anni zero - delle mie peregrinazioni tra Cicladi e Dodecanneso rappresentò uno dei supercult del vecchio Ford, che ancora oggi conserva la maglia numero diciannove di quel semisconosciuto cannoniere che illuse i greci perfino al Camp Nou, segnando un gol al Barcellona che regalò - almeno per un pò - speranze ai tifosi ellenici.

                                    

                           
N°5: IL GRANDE TORINO


 


Fin da bambino rimasi affascinato dalla  triste storia della tragedia di Superga e del Destino del Grande Torino, probabilmente la più forte squadra mai esistita, stroncata da una serie di casualità che chiesero pegno il 4 maggio del 1949 sulle mura della Basilica.
Una Leggenda finiva, ed una cominciava ad esistere.





N° 4: RUUD GULLIT


Nel Milan delle meraviglie di Arrigo Sacchi e del trio olandese che regalò emozioni uniche ai tifosi rossoneri e al mondo del calcio tutto - ricordo una partita dell'allora Coppa dei Campioni vista a San Siro con la vittoria sul Real Madrid di Butragueno e Sanchez, Gullit era senza dubbio il mio preferito: rispetto a Van Basten e Rykaard, infatti, l'approccio pane e salame e la simpatia furono abbastanza per mantenerlo ad un livello decisamente superiore a quello che, probabilmente, è stato uno dei giocatori più forti della Storia, il già citato Van Basten.
N° 3: MICHEL PREUD'HOMME




Considerato che da piccolo sognavo di diventare portiere, ispirato dalle gesta di Ed Warner in Holly&Benji, non poteva mancare un estremo difensore nella mia classifica dedicata ai miti personali del calcio: vincendo la concorrenza di Zubizarreta e Chilavert, Michel Preud'Homme, storico estremo difensore del Belgio nonchè avversario del Milan di Sacchi in Coppa dei Campioni nella stagione che precedette i Mondiali del '90, balza sul gradino più basso del podio con l'agilità felina che lo contraddistinse. 
N°2: CARLO MAZZONE E BRIAN CLOUGH


 

E non poteva mancare, in questa lista, neppure un allenatore. E per non farmi mancare nulla, ne piazzo due. Considerati i trascorsi illustri del Milan - da Sacchi a Capello, fino ad Ancelotti - avrei potuto optare per nomi più noti e vincenti, ma con il cuore ho scelto il paladino assoluto del pane e salame Carletto Mazzone ed il genio incontrastato Brian Clough, antesignano molto più piacevole degli attuali Mourinho.
Due giganti dai destini non proprio vicini ai grandi club e ribalte internazionali a mio parere, però, inarrivabili.




N°1: ROBERTO BAGGIO




In cima alla lista non poteva che esserci lui.
Il Divin Codino, l'uomo dei sogni di Italia '90 e USA '94, il poeta per eccellenza del calcio italiano.
Ricordo che, nel corso dell'ottavo di finale dei suddetti mondiali americani, con un passo ormai verso il mesto ritorno in patria, proprio il buon Robi piazzò il colpo che decise che non era ancora giunto il momento di prendere l'aereo del rientro, regalandomi le prime - e al momento uniche, se non ricordo male - lacrime di gioia da tifoso.
L'assertività fatta persona sul campo, un campione dalla compostezza unica e dalla classe immensa, che come ogni buon Goonie ha raccolto decisamente meno di quanto avrebbe meritato.
Dovesse esistere un dio del calcio, passerebbe senz'altro dai piedi di quest'uomo illuminato dal pallone.





MrFord




14 commenti:

  1. Solo per aver citato Carletto Mazzone ti offrirei da bere ! Un grandissimo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grandissimo davvero! Ce ne vorrebbero di più, così! :)

      Elimina
  2. Mark Hateley lo ricordo benissimo in coppia con Ray Wilkins.
    Erano gli anni in cui proprio iniziai ad appassionarmi al calcio, bei tempi.
    Zico, Platini, Brady, Maradona, ecc.ecc.
    Anni fantastici, soprattutto perché fino al 1990 lo Scudetto era praticamente affare di tutti e non solo delle solite due, tre squadre.
    E lo dico da Juventino, eh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione da vendere. Anni fantastici davvero, tra giocatori e competizione, e non solo in campionato, ma anche nelle Coppe.

      Elimina
  3. mi sa che domani mi esibisco anche io in questa classifica...hai citato Mazzone e per questo come Blackswan ti offrirei un bicchiere di quello buono...Hatley mi era simpatico ma Blissett era di un altro pianeta...ah ah ah ah !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bicchiere in più è sempre meglio di uno in meno: alla salute di Carletto, allora! :)

      Ed effettivamente Blisset era di un altro pianeta! ;)

      Elimina
  4. Mazzone fantastico, la corsa sotto la curva avversaria rimarrà negli annali.
    Gascoigne genio assoluto, forse uno dei più forti di sempre.
    Roberto Baggio mito totale, secondo me al secondo posto dopo Maradona nella classifica dei più forti di sempre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, che dire!?
      Concordo in tutto e per tutto.

      Elimina
  5. Di questa lista conosco solo George Best (per i 2 fegati e la vita borderline), il Grande Torino e Roby Baggio (il suo codino ha segnato la nuca di molti, troppi miei coetanei nei lontani anni '90). Mi sa che tocca farmi una cultura...:)

    Vale A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi proprio di sì! Anche perchè sono tutti personaggi mitici!

      Elimina
  6. ieri quando hai detto che la tua lista sarebbe stata vicina alla mia avevo temuto il peggio.
    nonostante la presenza di gazza, best e baggio, per fortuna non è così.
    gli altri sono per lo più nomi che manco ho mai sentito.
    gullit mai sopportato, tra le pippe milaniste a questo punto meglio marco van dammen :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scandaloso che tu, pur da juventino, non conosca il mito del Grande Torino. Un pò come il fatto che tu possa non sopportare Gullit, uno dei giocatori più easy e pane e salame di sempre! ;)

      Elimina
  7. Con la storia di Hateley sei ufficialmente diventato il mio idolo bloggistico. Niente più sarà come prima. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura!? Beh, io e Hateley ringraziamo! ;)

      Ma perchè? Milanista residuato degli anni ottanta anche tu?

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...