martedì 3 giugno 2014

X-Men - Giorni di un futuro passato

Regia: Bryan Singer
Origine: USA, UK
Anno:
2014
Durata: 131'





La trama (con parole mie): in un futuro non troppo lontano le terrificanti Sentinelle, robot adattabili e programmati per lo sterminio dei mutanti, mietono vittime a profusione, lasciando dietro di loro soltanto cadaveri ed un mondo oscuro e terribile. I sopravvissuti, guidati dai vecchi rivali Xavier e Magneto, decidono di inviare nel passato la coscienza di Wolverine in modo che possa convincere le loro controparti di cinquant'anni prima ad intervenire impedendo l'omicidio dello scenziato Bolivar Trask, inventore delle Sentinelle caduto per mano di Mystica, divenuta a sua volta una cavia per quello che sarebbe stato l'esperimento in grado di rendere gli stessi robot armi così devastanti.
Riuscirà Logan a convincere i giovani Professor X e Magneto a lavorare fianco a fianco per garantire un futuro alla razza mutante? E i pochi sopravvissuti del futuro resisteranno abbastanza affinchè l'artigliato canadese abbia la possibilità ed il tempo di agire?








Fatto tesoro della lezione degli Avengers e del loro universo cinematografico, pare proprio che Mamma Marvel stia affinando sempre più la sua abilità nel confezionare prodotti di altissima qualità ed intrattenimento del pubblico garantiti, sfruttando cast di prim'ordine e pietre miliari degli albi a fumetti dai quali trarre ispirazione.
X-Men - Giorni di un futuro passato è l'esempio perfetto di questa nuova rotta, sequel del già più che discreto First class di qualche anno fa e pellicola di raccordo di tutto il mondo mutante passato in sala fino ad ora, dagli esordi firmati dallo stesso Bryan Singer alle meno convincenti avventure in solitaria del quasi protagonista assoluto Wolverine, da sempre uno dei personaggi di maggior successo del brand: sfruttando la spettacolare saga firmata, all'inizio degli anni ottanta, da Claremont e Byrne, il già citato Singer e soci riescono nell'intento di creare un giocattolone emozionante - in più di un'occasione i brividi del caso passano volentieri lungo la schiena -, ottimamente girato - il montaggio alternato del climax finale in bilico tra la battaglia nel passato e quella nel futuro è un pezzo di bravura notevole - e, perchè no, molto divertente - su tutti, il personaggio di Quicksilver, vera e propria sorpresa della pellicola -, riuscendo a far passare oltre rispetto a qualsiasi scivolone nell'organizzazione dello script legata a viaggi nel tempo e tentativi di assestamento dell'intero universo dei "film mutanti".
Come fu per il già citato X-Men - L'inizio, poi, il tema del doppio approccio di Xavier e Magneto riesce a smuovere e far riflettere, sfruttando la sempre splendida Jennifer Lawrence e la sua Raven/Mystica, vero e proprio ago della bilancia tra i due rivali: accanto a questo, interessanti le licenze poetiche storiche - dall'assassinio di Kennedy al Vietnam - così come la metafora costituita dalle Sentinelle, di fatto armi "preventive" destinate a divenire lo strumento perfetto per un genocidio di massa.
Ma non si parla solo ed esclusivamente di dramma o massimi sistemi, rispetto a questo Giorni di un futuro passato: raramente, infatti, di recente - e parlo anche di proposte action e blockbusteroni -, centotrenta minuti sono corsi via a questa velocità, sfruttati al meglio sia quando si è trattato di affrontare momenti di grande impatto - Magneto che mobilita un intero stadio muovendo l'assedio alla Casa Bianca -, sequenze quasi comedy - l'evasione dal Pentagono grazie all'apporto del già citato, irresistibile Quicksilver - o drammi che, sulla carta degli albi così come ora in pellicola, non divengono altro che metafore di situazioni che l'Uomo ha tristemente conosciuto perchè provate sulla pelle per mano di altri uomini.
Il confronto tra i due "sopravvissuti" Logan e Magneto, in questo senso, diviene fondamentale per comprendere il lato selvaggio del primo e le scelte sempre estreme del secondo, così come il ruolo di mediatore di Xavier, probabilmente uno dei mutanti più potenti del pianeta ed al contempo una sorta di Gandhi per quanto riguarda approccio ed assertività: impossibile, in questo senso, non sentirsi toccati nel profondo da quel "il dolore si supera per prepararsi a qualcosa di migliore, e questo viene dal potere più grande ed umano di tutti, la speranza", che potrà suonare smielato o retorico, ma che, di fatto, caratterizza nel profondo non solo quelli che sono i più Goonies tra i supereroi - gli X-Men, per l'appunto - ma anche noi "semplici" umani, con tutto il nostro bagaglio di esperienze, dolori e ferite che continuano, inesorabilmente a farci andare avanti grazie ad ogni singola, piccola gioia.
Considerato che, probabilmente, se fossi un mutante mi troverei con maggior probabilità dalla parte di Magneto - almeno quando è l'istinto a prendere il sopravvento -, il punto di vista del Professor X è affascinante e decisamente più coraggioso ed arduo da portare avanti ed affrontare: chissà che, dunque, io stesso non stia ancora attraversando quella parte di vita in cui si è più allievi che maestri, e chissà se si finisca mai davvero di imparare, anche quando, di colpo, veniamo catapultati dall'altra parte, a dare una qualche lezione di Storia che noi stessi dobbiamo ancora finire di imparare e di scrivere.
Ma il bello, in fondo, è proprio questo.
Non smettere mai di apprendere. Ed emozionarsi nel farlo.
Un pò come il brivido che mette, al termine dei titoli di coda, vedere all'orizzonte il sopraggiungere di Apocalisse, probabilmente la nemesi per eccellenza degli Uomini X.
Qui al Saloon non vediamo già l'ora.



MrFord



"They've been spending most their lives
living in a pastime paradise
they've been spending most their lives
living in a pastime paradise
they've been wasting most their lives
glorifying days long gone behind."
Stevie Wonder - "Pastime paradise" - 



28 commenti:

  1. marvel e altissima qualità nella stessa frase?
    ma che è, uno scherzo? :)
    nonostante il precedente non fosse malaccio, se non ci fosse jennifer lawrence non prenderei manco in considerazione l'idea di vedere il milionesimo film supereroistico/superfordistico uscito quest'anno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti è piaciuto il primo, dovrebbe quasi quasi piacerti anche questo.
      E io spero proprio di no! ;)

      Elimina
  2. Piaciuto molto anche a me :D finalmente la Marvel impara come si fanno i film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. La Marvel sta davvero producendo gran bella roba!

      Elimina
    2. Beh, dopo tutta la cacca che ha rifilato era il minimo XD

      Elimina
    3. Se continua così, comunque, ci aspettano un sacco di cose interessanti! :)

      Elimina
  3. Bello bello bello in modo assurdo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E bello bello bello in modo assurdo vederlo nel nostro day off insieme! :)

      Elimina
  4. Se ne dice un gran bene ovunque. Dovrò capitalizzare la settimana senza figli andandomelo a vedere al cinema... mica si potrà farselo mancare, no? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, questo ti piacerà quasi senza dubbio: capitalizza! :)

      Elimina
  5. Fantastico! Sono una superfan della saga ed ero rimasta delusissima da x-Men3... poi first class mi è piaciuto, ma qui siamo tornati alla grandissima con Bryan Singer!! Non vedo l'ora di vedere il prossimo! E poi, ciliegina sulla torta, James McAvoy in versione 70s e capello lungo me fa impazzì...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in tutto e per tutto: direi il migliore della saga, utile a far dimenticare il pessimo X-Men 3.
      McAvoy mi sta molto simpatico, anche se non sono motivato allo stesso modo delle donzelle! ;)

      Elimina
  6. Come ho scritto anch'io, ci piace e non poco! yes!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente: davvero una pacchia!

      Elimina
  7. si si james, ci è piaciuto molto!!!

    RispondiElimina
  8. Qualche buchetto di sceneggiatura e qualche castagna qua e là ci sono, ma, se si rallenta un po' il cervello per 130 minuti, credo sia un bellissimo film che ti cattura e ti trascina fino al traguardo facendoti divertire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Divertente e coinvolgente. Prodotti di questo genere è questo che devono fare.
      Per il resto, si perdonano anche i buchi.

      Elimina
    2. Speriamo che anche il terzo continui su questa strada.

      Elimina
  9. Bene, allora è piaciuto anche a te! ^^
    "Ma che tutti sian d'accordo?" (cit. rossiniana)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando i film sono ben fatti, di solito succede così! E noi non possiamo che esserne contenti! :)

      Elimina
  10. Dovrei vederlo a breve, da quello che avevo letto in giro mi aspettavo 3 bicchieri...
    Evidentemente non è tutto 'sto filmone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, il film è una bella bombetta, e guarda che anche Avengers si era preso due e mezzo! ;)

      Elimina
  11. a me è piaciuto molto, ma tu ben conosci la mia becera natura consumista e populista, ergo la cosa non penso ti sorprenda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, è piaciuto molto anche qui: quando un blockbuster è ben realizzato, non vedo perchè non se ne debba godere! :)

      Elimina
  12. Sono stata grande fan degli X-men da giovane,ho letto per anni i fumetti e questo film è stata una meraviglia per gli occhi e per il mio cuore di fan.Realizzazione meravigliosa,effettoni splendidi,in media buona recitazione,con la Lawrence che abbassa la media(e Rebecca Romjin-stamos era MOLTO + bona come Mystica,sarà stata pure lei una cagna,ma la perdonavo + volentieri) e James McAvoy che la alza di brutto.Felicissima del poco screentime dedicato a Tempesta,che mi piaceva nei fumetti ma Halle Berry mi sta troppo sulle OO,meno male che era incinta così hanno tagliato un pò della sua parte.E che dire della scena di Quicksilver che corre sulle pareti?Vale il film.Sono ipercuriosa di vedere l'altro Q in Avengers,questo era caratterizzato meravigliosamente.E poi torna Jean,personaggio che adoro!!!!La saga della fenice nera era una delle mie preferite,peccato l'abbiano stuprata vergognosamente nel film del 2006(http://www.imdb.com/title/tt0376994/?ref_=nv_sr_6).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film indubbiamente notevole, forse il migliore dedicato agli X-Men, che anche io ho seguito per anni con i fumetti.
      La Stamos non si discute, ma la Lawrence resta l'attrice più figa e talentuosa della sua generazione, quindi bene così.
      Peccato, invece, che il terzo film della trilogia precedente sia stato, effettivamente, una schifezza vergognosa.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...