mercoledì 14 maggio 2014

Grand Budapest Hotel

Regia: Wes Anderson
Origine: USA, Germania
Anno: 2014
Durata: 100'





La trama (con parole mie): uno scrittore ospite del leggendario Grand Budapest Hotel, affascinato dalla sua struttura decadente e dagli ospiti curiosi, incontra il suo proprietario, Zero Moustafa, ed avuta l'occasione di cenare con quest'ultimo finisce per diventare il testimone del racconto della vita dell'uomo, preso sotto l'ala protettrice, nel periodo tra la prima e la seconda guerra che sconvolsero il continente, dal mitico consierge Gustave H., cuore del Grand Budapest stesso ed amante di molte facoltose e vecchie signore. 
Alla morte di una di queste, Gustave finisce al centro di un complicato intrigo legato alla cospicua eredità della donna, nel mirino di parenti più o meno lontani capeggiati dal figlio Dmitri e della sua guardia del corpo Jopling: carcere, fughe e rischi più che concreti di morte diverranno dunque pane quotidiano per Gustave e Zero, pronti a lottare l'uno accanto all'altro per sopravvivere e costruire il futuro delle loro vite, bene o male possano le stesse finire.









Wes Anderson è uno dei paladini ufficialmente riconosciuti del radicalchicchismo.
Praticamente da sempre.
Tutto, nel suo Cinema, dalla fotografia curata maniacalmente ai carrelli laterali che paiono correre nei corridoi di una casa di bambole, dai colori pastello al gigioneggiamento selvaggio dei suoi attori, grida al radicalchicchismo.
Senza se e senza ma.
Eppure, allo stesso modo, dietro l'apparenza ed il piglio, i lavori del regista texano - il meno texano del pianeta, mi viene da aggiungere - traboccano cuore e sentimenti neanche ci trovassimo nel pieno di uno dei film pane e salame che tanto piacciono al sottoscritto: ricordo bene quanto riuscì a sovvertire sensazioni e valutazione Moonrise kingdom, penultima fatica del buon Wes, che iniziai a recensire pensando di sfoderare le bottigliate delle grandi occasioni e finii per riscoprire come una delle parabole migliori del Cinema grottesco recente, neanche i Grimm avessero incontrato un delirio di colori pastello e di profonda critica sociale.
Con Grand Budapest Hotel, probabilmente sogno segreto del regista da anni, album di fotografie con soggetti principali tutti i suoi attori feticcio - da Owen Wilson a Willem Defoe, passando ovviamente per Bill Murray, fino allo spazio concesso a nuove promesse come Saoirse Ronan -, Anderson poggia invece sul bancone del Saloon un cocktail che pare un mix abilmente dosato di romanticismo tedesco, stile narrativo russo - un pò Anna Karenina, un pò La figlia del capitano -, ironia nera, avventura vecchio stile in grado di richiamare addirittura qualcosa dell'espressionismo ed una fiaba nera da far impazzire dall'invidia gente come Tim Burton.
Le vicende di Gustave H. e Zero Moustafa, charachters che non avrebbero sfigurato in pellicole vintage d'alta scuola come i lavori d'ambientazione indiana di Fritz Lang o i grandi classici dell'avventura made in USA, senza contare il fascino dell'atmosfera mitteleuropea da spionaggio - e nonostante il bianco e nero c'entri poco o nulla, finisce per tornare a galla il Welles de Il terzo uomo e quello di Quarto potere -, sono un piacere per gli occhi, il cuore ed il cervello, ed il curioso mosaico di immagini e figurine in cui si muovono si rivela composto da tessere dai colori quasi accecanti - il rimbalzare delle telefonate della setta segreta dei consierge -, altre di bruciante ironia - i riferimenti al nazismo e gli uomini al servizio del regime - ed altre ancora velate di malinconia, che conducono lo spettatore per mano ad un finale in cui si incontrano il Woody Allen di Ombre e nebbia ed il gusto per il romanzo ottocentesco, carico di passione ed energia eppure in qualche modo segnato dall'inevitabile sconfitta dell'Uomo per mano del Destino.
La doppia narrazione, inoltre, dell'autore e di Moustafa, regala una struttura ad incastro che convince senza riserve, e nonostante l'intero lavoro dia l'impressione di un divertissement senza altro scopo se non intrattenere il regista stesso ed i suoi collaboratori, il risultato è quello delle grandi occasioni, ed il sentimento messo da Anderson in questo racconto è quanto di più lontano possa essere pensato rispetto al concetto di radical chic ed alle conseguenze che, di norma, l'esserlo porta agli autori ospiti di queste pagine.
E mentre sfilano davanti alla macchina da presa scenografie da sogno e si assiste ad intrighi da Dieci piccoli indiani, fughe da penitenziari neanche ci trovassimo in un Classico con Clint Eastwood, storie d'amore più o meno realizzabili o consuete, prende corpo un film che è una piccola perla per gli occhi ed il cuore, ennesima conferma di un Autore con la a maiuscola, capace di raccontare attraverso un'estetica da urlo storie che pare lo stesso abbia la necessità di portare sul grande schermo a prescindere dal fatto che sappia farlo con uno stile personale, unico e convincente.
In un certo senso, Grand Budapest Hotel rappresenta una summa del percorso compiuto da Anderson fino ad ora, all'interno del quale è possibile ritrovare tutti i temi cari al regista accanto ai suoi attori favoriti, pronto raccogliere e sfruttare la vena ironica e surreale de I Tenenbaum accanto alla delicata e spietata magia di Moonrise Kingdom e all'impatto esplosivo di Fantastic Mr. Fox: avercene, di Indiana Jones versione radical come questo.
E lo dico con tutto il cuore di un paladino del pane e salame.



MrFord



"Sleep on the left side
leave the right side free
hope gets salted
as those around you leave
we're gonna let it up like India House on fire
we're gonna let it go
and let it go higher
let it go."
Cornershop - "Sleep on the left side" - 





41 commenti:

  1. ADORABILE! Un film che sta mettendo d'accordo tutti :D

    RispondiElimina
  2. Ok, è nella lista dei film da vedere subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente una delle cose più interessanti di questa scialba primavera in sala!

      Elimina
  3. Lo sapevo che capitolavi! :P

    RispondiElimina
  4. bella recensione! quanto al film, sai cosa penso: esteticamente ineccepibile, molto divertente, girato da dio, ma stringi stringi... boh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è parso davvero interessante e ben fatto. E per niente boh! :)

      Elimina
  5. Su questo siamo d'accordo caro Ford. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E meno male! Altrimenti mi sarei preoccupato molto per te! :)

      Elimina
  6. Io non ho mai capito come fosse fatto un hipster, questo mi è piaciuto altri no e Fantastic mr. Fox mi ha fatta innamorare definitivamente
    Alla fine un film carino come molti scrivono e visto al cinema ha sempre il suo plus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mr. Fox è davvero una piccola perla, e questo non è da meno: sala o no, è da recuperare!

      Elimina
  7. questo post è la lampante dimostrazione della tua trasformazione in un radical-chic.
    il mio lavoro di conversione ormai è finito :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con tutti questi pareri concordi finiremo per scoprire di esserci influenzati a vicenda, maledizione! ;)

      Elimina
  8. Ecco che manca la sottoscritta a recensire sto film, bene è ora di vederlo sto film, programmato o no, chi se ne frega, lo vedo e lo recensisco olè :)

    RispondiElimina
  9. non so perchè ma io vedo in Willem Defoe come se fosse il Sergente Elias. qualsiasi film che faccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte capita, con certi attori: a me continua a stare un pò sul cazzo, se devo dirla tutta! ;)

      Elimina
  10. molto incuriosita cercherò di vederlo! Un solo appunto caro Ford... concierge (odio i francesi ma amo la Francia e la sua lingua)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorry per il "francesismo": si vede che mi sono fatto influenzare dal mio odio per i francesi! ;)

      Elimina
  11. Io ci ho provato e riprovato con Wes Anderson ma proprio no, non ce la faccio. L'unico che mi ha toccato il cuore e' stato Moonrise Kingdom, per il resto capisco tutto (la bravura, la simmetria, la fotografia, il cast, le storie, l'amore, il surreale e la rava e la fava) ma niente, non fa per me.
    Linciatemi pure.
    (ciao dalla vele)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte capita che con un regista - o un artista in genere - semplicemente non scatti la scintilla: l'importante è che non si confonda il tutto con stroncature a priori. Quindi ti va male, linciaggio scampato! ;)

      Elimina
  12. Tu la chiami "summa del suo percorso", io ti dico che un regista del genere che fa un lavoro del genere non ha più voglia di rischiare, di sperimentare, oppure gli hanno semplicemente dato troppi soldini.. Da Wes Anderson mi aspettavo MOLTO di più, non questo lavoretto da pilota automatico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ero abbastanza libero dalle aspettative, e me lo sono goduto proprio tanto: per me un film azzeccatissimo, pur se assolutamente "Anderson style" e senza rischi, come dici tu.

      Elimina
  13. Se Anderson conquista anche il Saloon, ha vinto tutto :)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura!? ;)
      Beh, senza dubbio anche quest'anno farà la sua figura ai Ford Awards!

      Elimina
  14. Ho adorato questo film che, confesso, é il primo che io abbia mai visto di Anderson! Adesso vedrò di recuperare gli altri... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul serio!? E' l'ora che tu corra a recuperare tutti gli altri!

      Elimina
  15. Questa tua recensione mi rende ancora più incazzosa. Avevo adorato Moonrise Kingdom e questo volevo vederlo rigorosamente al cinema, piuttosto che sul divano, peccato che nel cinema della stupida cittadina vicino a casa mia non c'abbiano pensato neppure per un istante a metterlo in programmazione, Grrrrr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto, incazzatura a parte, direi che urge un recupero per vie alternative: la visione chiama!

      Elimina
  16. Ne ho letto un gran bene anche io, lo sto già recuperando.
    Sembra molto interessante. E radical chic.
    :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente radical chic, Fratello. Ma di quelli belli. :)

      Elimina
  17. Del resto non possiamo condannarlo se i radical chic lo amano!
    Eccellente recensione, as usual!

    RispondiElimina
  18. Mi è piaciuto un sacco, proprio come mi era piaciuto Fantastic Mr Fox; comincio a sospettare che I Tenenbaum meritino una seconda occasione. Ce la farò?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Bert, a questo punto direi proprio di sì! :)

      Elimina
  19. Ho visto un film di Wes Anderson per la prima volta quest'anno. Ho iniziato con the Royal Tenenbaum, che mi ha sorprendentemente sorpreso. Adesso tocca a Il treno per darjeling e poi a Moonrise Kingdom... e infine a Grand Budapest Hotel, se per te è un cult, vuol dire che merita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Darjeeling è quello che mi è piaciuto meno: ti consiglio, però, di recuperare anche Fantastic Mr. Fox e Rushmore!

      Elimina
  20. davvero bello.. l'inseguimento di Willem Dafoe ad Harvey Keitel è da antologia.. cosí come la fuga dalla prigione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto, molto bello davvero. Bravo Anderson.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...