venerdì 30 maggio 2014

La mafia uccide solo d'estate

Regia: Pif
Origine: Italia
Anno: 2013
Durata: 90'





La trama (con parole mie): Arturo, un ragazzino che vive nel cuore di Palermo, attraversa le tappe fondamentali della crescita - il rapporto con i genitori, la scuola, il primo amore - sotto il segno degli omicidi che la Mafia ordinò ed eseguì nel ventennio che corse tra l'inizio degli anni settanta e dei novanta, che culminò con le stragi che portarono alla morte i giudici Falcone e Borsellino.
Il sentimento per Flora, dai banchi di scuola all'impegno lavorativo, sviluppato accanto ai sogni di una carriera giornalistica, porteranno Arturo a sfiorare e vivere sulla pelle anche una delle stagioni più sanguinose e terribili della nostra Storia, figlia di governi dal silenzio assenso e di atti barbari compiuti per le strade.
Riuscirà il ragazzo, cresciuto e pronto a non arrendersi, a raggiungere i suoi obiettivi? Il cuore di Flora ed una nuova vita a Palermo rimarranno miraggi o diverranno possibilità concrete?







Ricordo ormai vagamente, e me ne dispiaccio, la stagione del terrore del millenovecentonovantadue: ero ancora un bambino, preso dall'inizio della quasi adolescenza e dalla recita in teatro che portammo in scena con la scuola proprio alla fine di maggio, nei giorni appena precedenti la morte di uno dei più grandi eroi della Storia Italiana, Giovanni Falcone.
Non passarono neppure due mesi, e toccò al suo amico e collega Paolo Borsellino: ero in montagna con i miei e mio nonno, e l'avvenimento mi parve lontano, incredibile, cinematografico, distante anni luce da quella che era la quotidianità di un quasi tredicenne milanese.
Soltanto tempo dopo mi accorsi dell'importanza che quegli eventi e le persone che avevano perso la vita negli stessi - non dimentichiamo le scorte, come giustamente non dimentica Pif - ebbero nel panorama non solo del Bel Paese, ma internazionale.
E come, fin dai tempi di Dalla Chiesa, fossimo tutti coinvolti in quello che accadde a Palermo, in Sicilia e a Roma: gli anni del terrore furono e rimangono una ferita aperta per l'Italia, il segno di tempi che dovevano e dovranno continuare a cambiare, a partire dagli esponenti politici fino ad arrivare ai criminali di strada.
Ma non voglio perdermi in un pistolotto retorico, pensando a La mafia uccide solo d'estate: in fondo, l'ironia e l'intelligenza - e di nuovo chiamo in causa il regista - sono strumenti decisamente più utili, in alcuni casi.
Certo, l'esordio cinematografico di Pif, ex Iena ed ottimo conduttore de Il testimone, non è esente da difetti, dalla recitazione alla scelta di un ibrido tra fiction e documentario, e sfrutta in parte il ritorno emotivo dell'indignazione che ancora oggi, a distanza di vent'anni e più, si prova rispetto a tutto quello che portò ai massacri di quel periodo, dalle indicazioni di Totò Riina al silenzio assenso della classe politica - neanche fossimo tornati all'epoca di Aldo Moro -.
Eppure il lavoro di Pierfrancesco Diliberto è di quelli venuti dal cuore e dalla pancia, che qui al Saloon godranno sempre e comunque di stima, pur se non riusciti e confezionati come un qualche grande cosiddetto Capolavoro del Cinema d'autore: il mosaico che il buon Pif confeziona, a partire da una rappresentazione che mescola Ovosodo a E' stato il figlio per giungere all'inchiesta di In un altro paese - splendido documentario che raccontò proprio l'escalation che condusse alla morte di Falcone e Borsellino -, funziona e coinvolge, risvegliando anche nel pubblico non solo una certa dose di coscienza sociale e politica, ma anche e soprattutto la sensazione di appartenere ad un luogo e alla sua cultura, sia essa bagnata di sangue, oppure no.
Personalmente, non credo avrei mai avuto la forza di fare ciò che hanno fatto persone come Falcone e Borsellino: sono un individuo dedito all'istintività, e senza dubbio la mia indole è più egoista ed oscura, che non onesta e votata al sacrificio.
Eppure non posso rimanere indifferente di fronte alla forza di chi si è opposto fino alla fine ad un corso delle cose che pareva non si potesse cambiare, ed ha continuato per la sua strada: e credo che, in una situazione estrema come quelle che si sono vissute in Sicilia in quegli anni, avrei finito per essere ammazzato anche io, troppo lontano dal silenzio che certa gente - seduta in Parlamento o in un'aula di tribunale come imputata - continua a sponsorizzare.
E continuo a pensare, come racconta Pif nel finale, che sia un'importante responsabilità, quella di mostrare ai nostri figli cos'è accaduto, e dare loro gli strumenti affinchè possano, in futuro, avere la possibilità di scegliere se vivere con la bocca cucita o alzare la mano e dire la loro.
Anche a costo di pagarne il prezzo.
In fondo, è quello che facciamo anche noi tutti, qui, scrivendo ogni giorno.
E quello che hanno fatto, in misura enormemente maggiore, Falcone e Borsellino.
Gli uomini e le donne che erano al loro fianco, e quelli che li hanno preceduti.
Pif non avrà portato sullo schermo un film perfetto, ma ha trovato il modo migliore per risvegliare i miei ricordi ed i sentimenti rispetto a tante cose.
E per questo va ringraziato anche lui.



MrFord



P. S. Questo post è dedicato ad Agnese, alla quale non avrò la possibilità e la responsabilità di insegnare ad alzare la mano e dire la sua, ma che non dimenticherò - e non dimenticheremo - mai.



"Quanti giardini di aranci e limoni
balconi traboccanti di gerani
per Pasqua oppure quando ci si sposa
usiamo per lavarci
petali di rose
e le lucertole attraversano la strada
com'è diverso e uguale
il loro mondo dal mio.
Vivere più a sud
per trovare la mia stella
e i cieli e i mari
prima dov'ero."
Franco Battiato - "Giubbe rosse" -





28 commenti:

  1. Adoro Pif, e Il testimone credo sia uno dei pochi programmi televisivi che ancora seguo. Questo film come dici tu non è perfetto, ma è realizzato con ironia e, soprattutto, intelligenza. Mi è davvero piaciuto! Ma soprattutto, l'ho amato anche per i suoi difetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo: un film assolutamente non perfetto, ma bello così com'è. Bravo Pif.

      Elimina
  2. Mi hai commosso, al di la' del film che ho visto ed apprezzato.
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. L'ultima riga mi ha assassinato il cuore. Vi abbraccio.
    Margheresa

    RispondiElimina
  4. come ho già scritto, avendo vissuto quel periodo in pieno, da palermitano e coetaneo di Pif, vedere questo film è stata una esperienza devastante. bel post, sono contento ti sia piaciuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento anche io. Bravo Pif a toccare certe corde.

      Elimina
  5. il film mi è sembrato cinematograficamente un po' troppo deboluccio e acerbo, nonostante le buone intenzioni di pif. il tuo post parecchio sentito però mi ha quasi convinto a dargli mezzo voto in più.
    mezzo... adesso non esageriamo, facciamo un quarto di voto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' già qualcosa.
      Evidentemente questo per noi è l'anno dei miracoli. ;)

      Elimina
  6. A me è piaciuto molto, fermo restando tutti i difetti che si possono trovare in un'opera prima: però è un film sentito, toccante, fatto col cuore. E nel finale credo sia impossibile non commuoversi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Acerbo e decisamente non perfetto, ma davvero sentito: e Pif è stato bravo a trasmettere proprio questo.
      Ottima partenza.

      Elimina
  7. Pif è davvero bravo. Ha una bella sensibilità, un bello sguardo: ci avevo fatto caso guardando qualche puntata a random di Il testimone, su MTV. Il film non è perfetto, concordo con te, ma l'ho sentito molto. Sono troppo piccolo per conoscere bene quel preciso periodo storico, ma in quegli anni i miei genitori venivano trasferiti proprio a Palermo, che praticamente - per quanto splendida - era un campo minato. Sarà per quello che mi ha fatto tanto effetto. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo: il film non è assolutamente perfetto, ma Pif è riuscito a trasmettere sensazioni forti con partecipazione ed intelligenza.
      E se tu sei giovane, io ai tempi vivevo quel periodo a distanza, essendo a Milano - che era molto diversa dalla Palermo degli attentati -: eppure Pif è riuscito a parlare ad entrambi. Bravo.

      Elimina
  8. Il film avrei voluto vederlo al TFF ma a malincuore non ci sono riuscita. Pif però mi piace e, aldilà delle imperfezioni, credo abbia realizzato un prodotto importante per il messaggio che vuole trasmettere. Vedrò di recuperarlo...
    Per il post, vi mando un forte abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda il film, un recupero ci sta tutto. Pif ha fatto un ottimo lavoro, con tutti i suoi limiti.
      Per il resto, ringraziamo.

      Elimina
  9. La penso esattamente come te: un film imperfetto, con i suoi difetti, ma che sa colpire alla pancia, al cuore e anche alla mente. E non è poco.

    Avendo letto Julez, un abbraccio fortissimo a tutti e due!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo. E ricambiamo.

      Elimina
  10. Questo lo devo recuperare, pif mi piace molto. All"epoca ero adolescente e tutto sembrava così distante dal Nord. .. ho letto anche julez. Un forte abbraccio a tutti e due.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche in questo caso ricambiamo.
      Capisco, comunque, per quanto riguarda quei tempi: qui a Milano pareva tutto stranamente distante. E invece non lo era.

      Elimina
  11. a me è piaciuto parecchio passando oltre in difettucci che ci sono qua e là...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Ottimo esordio, nonostante - o forse anche per - i difetti.

      Elimina
  12. M'incuriosisce molto. Domani, mi accatto il dvd.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho come l'impressione che ti piacerà.

      Elimina
  13. l'ho visto al cinema, nonostante la voce di Pif, che è una cosa indecente, mi è proprio piaciuto moltissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un film dal grande cuore, giusto che colpisca.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...