sabato 9 marzo 2013

Orizzonti di gloria

Regia: Stanley Kubrick
Origine: USA
Anno: 1957
Durata: 88'



La trama (con parole mie): 1916. Siamo sulla linea di trincea francese nel pieno del primo conflitto mondiale. Le alte sfere dello Stato Maggiore transalpino vorrebbero che gli uomini del battaglione 710 conquistassero il Formicaio, assembramento tedesco molto ben protetto ed in posizione strategica in un paio di giorni per mostrarsi sicuri agli occhi della stampa e dell'opinione pubblica.
Il Colonnello Dax, comandante in campo del 710, obbedisce agli ordini del suo generale nonostante sia ben conscio del quasi certo insuccesso della missione: quando, com'era prevedibile, i soldati francesi battono in ritirata a seguito delle numerose perdite, lo stesso Stato Maggiore decide di punire il presunto atto di codardia facendo scegliere agli ufficiali in comando tre soldati da giustiziare come esempio.
Il Colonnello Dax, avvocato penalista da civile, si oppone strenuamente alla decisione dei suoi superiori e lotta per difendere gli sfortunati militi scelti di fronte alla Corte Marziale.





Sono passati cinquantasei anni, dall'uscita di Orizzonti di gloria, il film che consacrò Kubrick agli occhi non soltanto della critica - che l'aveva già ampiamente notato - ma anche del grande pubblico e dello stardom hollywoodiano che così poco gli regalerà nel corso della sua carriera - mai un Oscar, ricordiamolo bene, per quello che è indiscutibilmente uno dei registi più grandi della Storia del Cinema - e che ebbe nella persona di Kirk Douglas il primo, grande sostenitore "di nome" del Maestro, eppure la sua forza dirompente e la sua attualità risultano praticamente inalterate.
Quello che, senza se e senza ma, rappresenta l'equivalente cinematografico del Capolavoro letterario E Johnny prese il fucile di Dalton Trumbo - vittima illustre dell'epoca maccartista e grande teorico dell'antimilitarismo -, è ancora oggi, nel pieno del nuovo millennio, un titolo inarrivabile nell'ambito del Cinema di pace, più che di guerra, che sarà eguagliato decenni più tardi da La sottile linea rossa di Terrence Malick: ma Orizzonti di gloria non è soltanto uno straziante grido di denuncia contro gli abusi del sistema dell'Esercito e soprattutto del Potere, una pellicola di profonda rottura per i tempi - il soldato che schiaffeggia il prete venuto a "dargli conforto" prima dell'esecuzione incontrerebbe ostacoli con la censura perfino ora - ed un film commovente quanto doloroso, ma anche un saggio di tecnica sopraffina, dall'assalto al Formicaio del 710 ai carrelli vertiginosi all'interno delle trincee, dall'eleganza della fotografia al piano sequenza da salotto costruito in apertura attorno ai due generali che decideranno con le loro posizioni il destino dei soldati semplici mandati al massacro per una Gloria che è mera soddisfazione dell'esercizio delle loro posizioni e di un ego gigantesco.
Del resto, con questo suo terzo titolo Kubrick comincia ad esplodere il suo immenso talento, riuscendo ad unire cura maniacale dei dettagli e perfezione tecnica ad uno script di profondità disarmante, opera dello stesso Stanley di tutti noi come sempre coadiuvato da Jim Thompson e Calder Willingham, in grado di passare da momenti di struggimento - le ultime ore dei soldati, la loro esecuzione - ad un tono grottesco che avrebbe fatto impazzire di soddisfazione Bunuel tratteggiando gli elementi di potere dell'esercito come damigelle preda di capricci del momento neanche fossero le più sofisticate tra le cortigiane: dal generale Broulard con i suoi giochetti da eminenza grigia al suo ambizioso collega responsabile dell'attacco suicida e disposto addirittura a bombardare gli uomini per spronarli a non ritirarsi nel corso dell'offensiva contro il Formicaio, senza contare la fucilazione del prigioniero ormai in fin di vita, assicurato alla barella, ed il tenente che determina il suo capro espiatorio in base a vecchi rancori dei tempi della scuola, tutto pare venato di un umorismo nerissimo e spietato, in grado di rendere ancora più acuta la riflessione dell'intera opera.
Ovviamente i problemi con la censura - specialmente in Francia - furono molteplici, e se non fosse stato per l'ingerenza di Douglas anche gli States avrebbero rifiutato una distribuzione, segno che l'innovazione del Nostro era già nella prima parte della sua carriera scomoda per molti: questo, comunque, non fermò Kubrick che proprio grazie allo stesso Douglas e a questo Capolavoro staccò il biglietto per la notorietà ed ebbe l'occasione di affrontare l'audience delle grandi occasioni con il successivo Spartacus, che avrebbe comunque realizzato donando la sua impronta anche ad un genere che avrebbe in seguito praticamente "ripudiato".
Ma questa è un'altra storia.
Quella di oggi è legata ad Orizzonti di gloria, che forse molti non conosceranno quanto i successivi Capolavori di Kubrick, ma che è, di fatto, la prima grande traccia della sua grandezza, dalle esplosioni della battaglia alle ferite profonde di un finale straziante e ribollente di speranza.
Imperdibile.


MrFord


"Occhi di bosco contadino del regno profilo francese 
occhi di bosco soldato del regno profilo francese 
e Andrea l'ha perso ha perso l'amore la perla più rara 
e Andrea ha in bocca un dolore la perla più scura."
Fabrizio De Andrè - "Andrea" -



23 commenti:

  1. Evabbe', strozzami:
    ..Du' balle, sto' film...Il suo che meno ho apprezzato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi tu apprezzi PiGreco e mi dici du balle di Orizzonti di gloria!?
      Cominci a preoccuparmi più del Cannibale! ;)

      Elimina
    2. Cche' t'aggia' ddi'...e' il suo che meno apprezzo.

      Elimina
    3. Cche' t'aggia' ddi'... Dovrò bottigliarti! ;)

      Elimina
    4. questa volta e forse per la prima volta nella storia sono d'accordo con giocher.
      film non malvagio, ma davvero noioso.
      kubrick lontano anni luce dai futuri vertici...

      Elimina
    5. O.o Ma che state addì? Ma che davero davero?

      Elimina
    6. Frank, mi sa tanto che a questo giro Giocher e Cannibale si prendono un sacco di bottigliate! ;)

      Elimina
  2. immenso, unico, non ho nient'altro da dire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non c'è altro da dire. Grandissimo. :)

      Elimina
  3. appena ho visto che avevi postato la recensione di Orizzonti di gloria ho pensato "Beh, qui quattro bicchierucci ci possono anche stare" ...e mi hai accontentato...anche per me capolavoro assoluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, poche storie: questo è un film indiscutibile. Capolavorone.

      Elimina
  4. Capolavoro della storia del cinema nonché riflessione profonda come poche altre sulla follia della guerra. Con Kubrick non ce n'è per nessuno. Paradossalmente è stato l'ultimo suo film che ho visto 3-4 anni fa insieme a rapina a mano armata, completando la sua filmografia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucien, concordo in toto. Capolavorone incredibile.
      Uno dei film simbolo dell'antimilitarismo.

      Elimina
  5. Film enorme, ma nel complesso mi perde un po' (di pancia). Diciamo che è il film della consacrazione, ma anche quello che complessivamente mi prende un po' meno, e con alcuni momenti che non mi hanno soddisfatto del tutto (ad esempio non ho mai capito il perchè della sequenza finale alla tavola calda). Per me è, per ora, il suo "minore" (intendiamoci, gli ho dato comunque 8/10)...

    P.s. Quindi per Doctor Strangelove tirerai fuori 4 bicchierini e mezzo? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saix, il finale, secondo me, è davvero splendido: l'unità degli uomini che supera l'orrore della guerra.
      Per il Dottore non anticipo nulla! ;)

      Elimina
  6. Personalmente credo che nulla sia meglio della scena finale, uno dei maggiori culmini emotivi mai toccati dal cinema nel ventesimo secolo. Già solo questa dà senso al tutto.

    (scelta perfetta della canzone)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scena finale da brividi, ma tutto il film è magistrale. Un Capolavoro puro e semplice.

      E muchas gracias per Andrea, che ci stava da dio.

      Elimina
  7. Il film è bellissimo, anche se devo ammettere che come tutti i capolavori è inestimabile, tanto più perché sono tendenziosa, innamorata di Kubrick fin da quando, neanche adolescente, rimasi folgorata dalla fotografia e dalla regia di Barry Lyndon. Decisi che avrei sempre difeso Kubrick, l'artista trasversale, avrebbe potuto fare cagate, ma per me sarebbero sempre state cagate geniali e colossali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kubrick è il Maestro dei Maestri, senza dubbio.
      E Barry Lyndon il suo film che amo di più.
      Comprendo in pieno.

      Elimina
  8. E qui mi piange il cuore... Kubrick è il mio regista preferito da che ho 14 anni, ogni suo film, anche i minori, mi hanno scosso profondamente nell'animo.
    E questo non fa eccezione.
    Risentirà un poco degli anni, ma per l'epoca è stato una batosta colossale - è stato censurato in Francia per 15 anni, ho letto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giacomo, secondo me questo film non risente per nulla dei suoi anni: un inno all'antimilitarismo e alla follia della guerra come pochi altri ci sono stati.
      E se non ricordo male, in Francia fu censurato per molto più tempo!

      Elimina
  9. One part compost to two or three parts potting soil would be a sufficient combination.
    Due to the popularity of organic gardening, organic potting soil and
    compost are available at most garden centers.

    Grab a few bags of organic potting soil and lean them up against
    the sunny side of your garage or a brick wall of your home.


    My webpage industrious

    RispondiElimina
  10. With all due joys, this should be the period of utmost carefulness and conscious concentration on the vital issues affecting
    the future the nation and due attention of not being stabbed from the
    back. Products a man can purchase in the privacy of his own home, without having to take an excursion into some
    dark-alley porn shop, as if he was purchasing illegal contraband.
    There are many specialists that deal in printing press service online.
    Historical documentation of UFO sightings goes as far back as the
    Egyptian Pharaoh Thutmose III, who reigned Egypt around 1504-1450 B.
    This is standard cat behavior I'm probably preaching to the choir here.

    Also visit my weblog :: egyptian newspapers

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...