venerdì 15 marzo 2013

Barry Lyndon

Regia: Stanley Kubrick
Origine: USA, UK
Anno: 1975
Durata: 182'




La trama (con parole mie): Redmond Barry, giovane di belle speranze irlandese, coltiva in cuor suo il sogno di affermarsi con le sue sole forze, e perduto il primo amore parte alla volta di Dublino per allontanarsi da tutto quello che l'aveva messo nei guai.
Quando viene rapinato dei suoi averi, inizia per lui una vita di avventure: diverrà un soldato, un giocatore, un abile truffatore, una spia, un affascinante gentiluomo e giungerà a sposare una nobildonna puntando tutto sul suo ingresso in una società che da sempre ha rifiutato i personaggi di dubbia fama - e venuti dal popolo - come lui.
Cambierà il suo destino il diventare padre, ed il dover affrontare l'inevitabile caduta che attende ogni uomo subito dopo una grande ascesa.
L'importante, sempre e comunque, alla fine, sarà di aver vissuto quanto e più a fondo possibile.





Avete presente quelle domande legate ai titoli che portereste con voi su un'isola deserta, che salvereste sempre e comunque, i film - o libri, o dischi - della vostra vita, che ad ogni passaggio si radicano nel cuore sempre di più, quasi fossero una parte di voi?
Barry Lyndon è senza dubbio uno di quelli che sceglierei per me, nonchè il mio preferito assoluto tra i film del Maestro: e non parlo della tecnica stratosferica che mai come in questa pellicola esplode dallo schermo fino agli occhi dello spettatore - la cura maniacale dei dettagli, i movimenti di macchina, la fotografia basata esclusivamente sulla luce naturale, i costumi ed i setting da dipinto -, dell'eleganza del racconto, della perfezione dello script o della produzione, di uno dei lavori più monumentali che il Cinema abbia mai conosciuto, ma del cuore di Barry Lyndon e dell'uomo che l'ha reso possibile e così grande, il Nostro Stanley.
Spesso e volentieri, nel corso della mia vita da cinefilo, ho ascoltato pareri anche illustri che dipingevano Kubrick come un freddo esecutore, un gigante incapace di infondere emozione alle sue opere, una specie di uomo di ghiaccio della macchina da presa: eppure se esiste un film che dimostra l'esatto contrario è proprio quello legato alle vicende di Redmond Barry, giovane irlandese che un giorno scopre di volere per lui un destino da gentiluomo che risponda alla sua grande ambizione e al desiderio di riscatto maturato in una vita da uomo di umili origini che solo con le sue forze si batte per vincere destino e condizione sociale per affermarsi come nobile.
Per raggiungere il suo obiettivo Barry è disposto a non guardare in faccia a nessuno, a battersi e sfruttare biechi sotterfugi, a comprare, adulare, ingannare, giocare tutte le sue carte.
Non è un personaggio positivo, il suo.
Ma raramente ne ho visti sul grande schermo di così profondamente umani.
So che Julez mi detesterà per averlo anche scritto, oltre che detto, ma il buon Redmond resta, ai miei occhi, uno degli esempi più evidenti di quel "tenere i cavalli" che è uno dei miei motti.
Per chi non lo sapesse, il suddetto motto è rimasto nel cuore del vecchio Ford dai tempi della mia prima visione di Junior Bonner - o L'ultimo buscadero - di Sam Peckinpah, quando il suo protagonista - un mitico Steve McQueen -, promessa del rodeo che decide di farsi da parte per favorire l'ascesa del fratello, interrogato a proposito di questa scelta da una donna risponde proprio "qualcuno deve pur tenere i cavalli".
Eastwood potrebbe affermare che chi tiene i cavalli è destinato "al nulla e all'addio", Neil Young lo dipingerebbe come uno dei suoi eroi solitari in attesa che il tempo mieta il suo raccolto, Warren Zevon giocherebbe in bilico tra le passioni ed una "splendid isolation".
Perdenti di lusso e di cuore, insomma, quelli che tengono i cavalli. Goonies cresciuti.
Barry Lyndon è proprio così. Un uomo imperfetto portato in scena alla perfezione. Un figlio del popolo che è e sarà sempre più gentiluomo di chi gli si professa superiore per lignaggio - tensione alle stelle a parte, ne è l'esempio perfetto lo straziante duello finale con il figliastro, una sequenza che ad ogni visione riesce a mettermi i brividi come poche altre - e che, per quanto pronto a sfruttare senza ritegno, è capace di provare passioni e sentimenti così forti da risultare incontrollabili come quelle per la cugina che è causa dei suoi primi guai, per il padrino che vede morire in battaglia, e soprattutto all'indirizzo del figlio Bryan, che regala uno dei passaggi più intensi che la mia storia di spettatore abbia potuto sperimentare - la prima volta che vidi Barry Lyndon fui sul punto di spegnere il videoregistratore nel corso dell'ultimo racconto di Barry a Bryan delle sue passate imprese militari, con il fiato corto per la commozione -.
E Kubrick accompagna il suo antieroe attraverso la scalata al successo e l'inevitabile, rovinosa caduta, senza dimenticare quell'ironia di fondo che ha sempre accompagnato le sue opere, lo sdegno per un certo tipo di Potere e le critiche alla Chiesa e alla guerra - Redmond conosce il suo "lato oscuro" proprio negli anni passati nell'esercito - pagando ad un tempo il tributo ad un destino che regola le esistenze di tutti coloro che vivono, amano, odiano, lottano, crescono e qualunque cosa si possa pensare di provare sulla pelle e sotto, da una parte e dall'altra dello schermo, e che di fronte a quel momento ci renderà uguali, inesorabilmente.
Tutti.
Uno schiaffo alle differenze di classe che è una zampata in coda ad un film straordinario poggiato sulle spalle di un protagonista unico, così umano e vivo da apparire come uno specchio per noi che ne ascoltiamo rapiti i racconti delle gesta: e torna una volta ancora in mente Neil Young, che canta "ho la mia linea da arare nel campo del tempo, e quando verrà la mietitrice io sarò saldo nel sole, e saprò che sarà giunto il momento di dare quello che è mio", e penso a Redmond Barry che combatte per diventare Barry Lyndon fino a perdere tutto, a un padre con il figlio, a un Maestro del Cinema che porta sullo schermo un Maestro della vita vissuta a fondo e pienamente, sempre, in tutte le sue sfumature e conseguenze.
E come Barry ingaggio il mio duello con l'esistenza, guardo negli occhi il mio avversario, tengo forte i cavalli e armo la pistola: non so se e quando sparerò a terra e concederò l'onore delle armi, quando lo farò per fare del male e quando per mostrare tutto il mio orgoglio di Uomo che vive, quando per vedere gli occhi di mio figlio brillare ai miei racconti o quando sarà semplicemente finita, ma io sarò lì.
Come Barry Lyndon.
E anche senza una gamba sarò sempre pronto a tornare in piedi.
Almeno fino a quando non verrà il momento di essere tutti uguali.


MrFord


"But me I'm not stopping there,
got my own row left to hoe
just another line
in the field of time
when the thrasher comes,
I'll be stuck in the sun
like the dinosaurs in shrines
but I'll know the time has come
to give what's mine."

Neil Young - "Thrasher" -





36 commenti:

  1. "Vedere gli occhi di mio figlio brillare ai miei racconti" è la frase più bella del post.

    RispondiElimina
  2. Altro capolavoro, altra opera del Maestro. Non so dire se è il suo che preferisco, perché quasi tutti i suoi film, da "Il dottor Stranamore" in poi, hanno una bellezza a sé stante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giacomo, qui secondo me il Maestro ha dato il meglio. Tecnica e cuore insieme, pazzesco.

      Elimina
  3. Aspettavo questa recensione con trepidazione, che soddisfazione i 4 bicchieri!
    Non è il film più... cool di Stan (vuoi mettere la guerra, la violenza, il sesso, la fantascienza!?), ma è quello che preferisco in assoluto:un personaggio incredibile che si fa amare e detestare allo stesso modo, un film che ti procura un malessere strisciante per come descrive le miserie i vizi i difetti i sogni infranti di ognuno di noi...
    Tecnica registica, fotografia e recitazione di una bellezza imbarazzante... Film imperdibile!
    Massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimiliano, inutile aggiungere altro: film immenso.

      Elimina
  4. grandissimo film, che piaceva moltissimo a mio fratello che ormai non c'è più e che tante volte abbiamo visto insieme, grandissimi i costumi e le luci settecentesche, la fotografia sembra un quadro del settecento, magnifico, sono contentissima dei 4 bicchieri ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto possa essere doloroso, un ricordo importante è importante in quanto tale, come sono importanti i film che lo riportano a galla.
      Grandissimo.

      Elimina
  5. Alla fine lui è un po' tutti noi, no?

    RispondiElimina
  6. sarà difficile tornare a vedere film normali:)

    RispondiElimina
  7. Il Suo mio preferito.

    (Dove K*%%¤O e' il quinto bicchiere??!?)

    RispondiElimina
  8. anche io se dovessi scegliere un Kubrick da portarmi sull'isola deserta opterei per questo...anche per questo riempirei il banner di bicchierini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, questo per me è fuori scala.
      Il Kubrick della mia vita senza dubbio.

      Elimina
  9. non mi sorprende sia il tuo preferito.
    tra i kubrick "recenti" è invece quello che ho amato di meno. rispetto ai due capolavori assoluti precedenti e alle altre perle che ci regalerà in seguito, qui manca il colpo di genio.
    insomma, un kubrick che gira con stile impeccabile, ma comunque un kubrick "minore", per quanto ciò significhi che sia meglio di gran parte del resto del cinema.

    e poi, dai, questo è il film di kubrick più da alessia carmicino eheh :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente non potevi che snobbare il film che è la sintesi perfetta di Kubrick, tecnica impareggiabile e cuore pulsante: una lezione di Cinema che forse, quando sarai un Barry Lyndon e non solo un Redmond Barry, comprenderai anche tu. ;)

      Elimina
  10. Per una volta ci vorrebbero i cinque bicchieri! Amo questo film, ricordo che lo vidi con mio papa', grande conoscitore cinematografico, ma lo compresi appieno solo con una visione più adulta. Grande grande grande, con un Ryan O'Neal nel ruolo della vita, senza dubbio. Sarà dura tornare ai film "normali" dopo Kubrick...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sonia, inutile aggiungere altro.
      Grande, grande, grande.

      Elimina
  11. Che sfoggio di film qualitativamente fighi...

    RispondiElimina
  12. Un uomo imperfetto portato in scena alla perfezione.
    Non si potrebbe descrivere meglio Barry Lyndon, bravo :)

    Anita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero, Anita.
      E grazie a Barry. :)

      Elimina
  13. Non il mio preferito tra quelli di Kubrick ma sicuramente uno di quelli a cui sono più legata dai tempi dell'Università e uno di quei film che più lo guardi più diventa bello.

    E per entrare meglio nell'atmosfera aulica e forbita che la pellicola richiede, parafraso lo stile della nuova serie di Maccio Capatonda "Barry Lindon è un film che non mi pentirei di definire ESIMIO!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babol, un film che è una lezione di Cinema dal primo all'ultimo minuto, e che coinvolge sempre e comunque. Esimio davvero!

      Elimina
  14. Eccolo qui. No, mi dispiace Ford, ma questo film mi porta al sonno in meno di un quarto d'ora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, per questo verrai bottigliato nei secoli dei secoli! ;)

      Elimina
  15. Ford,non glissare: Perche' non 5 bicchieri? Va motivato,suvvia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè il massimo è quattro, anche per Kubrick. E non si scappa! ;)

      Elimina
  16. sentito e commovente il film e il post, in cui ho letto l'amore che hai per il Maestro e per il Film, ma soprattutto quanto sia per te, parabola della vita e dell'umanità, che per volontà di emergere scava e che per farlo perde l'unico suo successo, il figlio.
    Anche per me è il top film di Kibrick, un genio in grado di far recitare bene, per questa volta, il mediocre e melenso Ryan O'Neal.
    Grande Ford!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jenny, sono contento che ti sia arrivata l'intensità che questo film riesce a trasmettermi.
      Film immenso, arricchito da un personaggio indimenticabile, il migliore - per me - della Storia del Cinema.

      Elimina
  17. Non vedevo l'ora di leggere questa recensione da che ho visto la foto su Instagram! E devo dire che non sono rimasto affatto deluso ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, con Barry Lyndon è impossibile rimanere delusi.
      Capolavoro indiscutibile.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...