venerdì 18 maggio 2012

In the electric mist - L'occhio del ciclone

Regia: Bertrand Tavernier
Origine: Francia/Usa
Anno: 2009
Durata: 117'



La trama (con parole mie): Dave Robicheaux, anziano investigatore dei dintorni di New Orleans, è al centro di un'indagine legata al ritrovamento del cadavere di una giovane prostituta orribilmente mutilata. La zona, distrutta dall'uragano Katrina, rigurgita visioni e personaggi che paiono usciti da un sogno e portano a tracce di un vecchio omicidio a sfondo razziale cui lo stesso Dave assistette da ragazzino e ai legami della giovane vittima con il boss della mala locale Baby Feet Balboni.
Dave, in bilico tra il credere in se stesso o in nulla, si troverà ad affrontare i fantasmi della Guerra Civile mentre il numero di vittime comincerà a salire e la lotta con l'assassino diverrà una pericolosa partita con in gioco ben più di una carriera ormai quasi al tramonto.





Non si dovrebbero mai sottovalutare i vecchi leoni come Tavernier.
Neppure quando si trovano lontani da casa a riscoprire vecchie passioni come quella per il delta del Mississippi e l'atmosfera rarefatta e brumosa delle paludi attorno a New Orleans, una delle città da sempre più affascinanti e misteriose degli States.
Soprattutto se, dalla loro parte, i vecchi leoni hanno altri vecchi leoni come Tommy Lee Jones, volto ormai leggendario ed associabile alla maschera scolpita nella roccia di Eastwood, che lo diresse e spalleggiò nell'ottimo e sottovalutato Space cowboys a inizio millennio.
In the electric mist, uscito in sordina in Italia - direttamente in home video, per intenderci -, pesca a piene mani dall'immaginario southern tipico della Louisiana mescolando come in un cocktail troppo forte per i fegati deboli le ferite ancora aperte di Katrina ed il legame con gli spiriti neanche fossimo in una puntata di True blood, o rivivessimo la vicenda in cui "La verità sta negli occhi di chi guarda: tu sai quello che credi di sapere, io quello che ho visto" di Mezzanotte nel giardino del bene e nel male - e di nuovo torna alla carica il vecchio Clint - senza dimenticare il disequilibrio del "bad lieutenant" firmato da Herzog ed un paese che non sarà per vecchi, ma resta ancora appoggiato a gente d'altri tempi come Dave Robicheaux o Hogman Patin con tutto il suo peso, come fossero gli unici in grado di sorreggerlo.
Certo, ad una prima snobistica occhiata questa recente fatica del regista dello splendido 'Round midnight potrà risultare stanca e quasi televisiva, grottesca e raffazzonata con il suo zoppicante alternarsi di visioni, voci fuori campo e realtà dei fatti, eppure - così come l'appena citato Cattivo tenente: ultima chiamata New Orleans - i pezzi di questo puzzle segnato dal sangue e legato ad una riflessione non dissimile da quella del magnifico La promessa - la prova migliore di Sean Penn dietro la macchina da presa - trovano ognuno il suo spazio con l'incedere dei minuti, costruendo un affresco forse non perfetto o esemplare nello stile, eppure funzionale e decisamente in linea con la cornice della vicenda narrata, in grado di lasciare interrogativi e riflessioni non banali nello spettatore, andando ben oltre la trama noir da crime story old fashion che ne costituisce l'ossatura.
Il legame con il Cinema, inoltre, regala alla pellicola il fascino che ai vecchi tempi era il pane quotidiano dei Marlowe o dei viali del tramonto, andando a scoprire storie legate ad attori preda dei vizi, produttori senza scrupoli, giovani attrici divenute vittime sacrificali e legami con la mala, che dai fumosi locali newyorkesi o le ribalte californiane si spostano tra le brume che circondano presente, passato e futuro in questa New Orleans decadente e ferita, eppure dai colori sempre accesi, oltre quel velo che non sapremo mai se sarà realtà, oppure soltanto frutto della nostra immaginazione.



MrFord


"Auntie Mame
has gone
inside
she lives in
the doorway of an old hotel
and the
radio's playing opera and
all she ever says
is go to Hell."
Tom Waits - "Cemetery polka" -

6 commenti:

  1. Promette di essere uno di quei film che piacciono molto a casa nostra.
    Si può pensare ad un recupero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Newmoon, effettivamente è molto interessante.
      Un pò perdizione, un pò saggezza.
      Recuperalo!

      Elimina
  2. pure questo è semi-finito nel dimenticatoio mentale, però ricordo che mi piacque.
    grandi pure i film citati, sia quelli di Clint (mezzanotte assieme a Un mondo perfetto sono i suoi che preferisco in assoluto) che l'ottimo La Promessa si Penn del quale, se non l'hai visto, ti raccomando caldamente il suo debutto Lupo Solitario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, i film che citi anche tu sono ottimi.
      Lupo solitario mi piacque moltissimo, anche se preferisco La promessa, più tosto e maturo, il migliore di Penn regista.

      Elimina
  3. Irriverent Escapade18 maggio 2012 13:13

    Round Midnight è uno dei film che ho amato di più in assoluto e Tavernier è uno che "compro quasi a scatola chiusa"....credo che solo le disavventure della maternità (inteso con simpatia, eh) mi abbiano distratto e fatto perdere questo film. Provvederò.

    Acci Bro ma quanti compiti a casa mi stai facendo fare?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sis, i compiti non finiscono mai! :)

      Questo è sicuramente un lavoro più amatoriale e "arcigno" di Round midnight, ma il fascino di Tavernier si sente tutto.
      E l'ambientazione in Louisiana merita sempre!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...