domenica 20 maggio 2012

Once upon a time Stagione 1

Produzione: Abc
Origine: Usa
Anno: 2011/2012
Episodi: 22



La trama (con parole mie):  Emma Swan, donna tosta e sola che vive alla giornata, viene raggiunta e convinta dal piccolo Henry a seguirlo nella cittadina di Storybrook, Maine. Qui scoprirà non soltanto che il bambino è suo figlio naturale - che diede in adozione anni prima -, ma che lo stesso crede fermamente che proprio Emma sia la salvatrice destinata a liberare dal giogo di una potentissima maledizione i personaggi delle fiabe che noi tutti conosciamo, intrappolati nella nostra realtà.
Regina Mills, sindaco di Storybrook e madre adottiva di Henry, infatti, altri non è se non la Regina Cattiva che avvelenò Biancaneve, unica - o quasi - in città a ricordare il passato degli abitanti nel mondo della magia.
Emma si troverà combattuta tra il rimanere e fuggire, riscoprirsi madre o lasciare che Henry superi quelle che lei ritiene fantasie grazie alla crescita: nel frattempo imparerà a conoscere gli strani abitanti della città, da Tremotino ai Sette Nani.




Raramente capita che una serie riesca a rompere gli schemi ed affermarsi da subito come una delle visioni imprescindibili di casa Ford. Ovvero: per i film è più semplice, per durata ed immediatezza, fare breccia ed indurre il sottoscritto a recuperare al più presto il dvd o il bluray del titolo che è stato in grado di rompere il muro del file sull'hard disk esterno per finire all'interno della collezione a parete, mentre per i serial, opere più complesse, strutturate su numerose puntate - non sempre all'altezza di uno stesso standard - o stagioni, il processo è più complicato.
Once upon a time può essere considerata, di fatto, parte di quel ristretto circolo che, negli anni, ha accolto tra le sue fila titoli del calibro di Lost, Dexter, Six feet under e pochissimi altri: ma allora, vi starete chiedendo, come mai un voto solo discreto per un titolo apparentemente folgorante?
Perchè Once upon a time è stata clamorosamente adorata da Julez, ma a parere del sottoscritto ha espresso soltanto in parte le sue potenzialità, che spero davvero di poter vedere esplodere completamente il prossimo anno, data la recente conferma del titolo da parte della Abc, dato il successo riscontrato da questo esordio.
Certo, la struttura e l'approccio ricordano molto quelli che fecero di Lost la serie che più ho amato in assoluto, con continui salti dal passato al presente ed episodi incentrati sui singoli personaggi - ottimi i cambi nella schermata del titolo, a seconda del protagonista della puntata -, una trama complessa che ricorda un vero e proprio mosaico ed una varietà che permette ad ogni tipo di spettatore di trovare il suo - o i suoi - preferiti tra i charachters principali: eppure qualcosa, nella resa complessiva, non è riuscito a conquistarmi come avrebbe dovuto.
Sarà che la potenza e la qualità registica del prodotto non sono minimamente paragonabili a quelli di Game of thrones - altra recentissima serie di culto -, che l'uso degli effetti non riesce ad essere tamarro quanto in Spartacus e l'ironia non raggiunge i livelli delle prime due folgoranti stagioni di Misfits, o forse, semplicemente, che l'insieme del prodotto appare forse decisamente femminile per arrivare a toccare corde troppo fordiane per la delicata - e più di legno di Pinocchio, senza dubbio - Biancaneve, ma purtroppo non sono riuscito ad avvertire il tipico crescendo di tensione ed affezione che normalmente risulta travolgente per le serie destinate a rimanere nella Storia del piccolo schermo.
D'altra parte, sarei decisamente spocchioso e poco sincero a non affermare che a tratti le trovate degli autori sono state decisamente ottime - dal ruolo di Cappuccetto Rosso a quello dei Nani -, e che il parallelo tra le fiabe e la realtà risulta efficace, divertente e decisamente affascinante: inoltre, personaggi come il clamoroso Tremotino di Robert Carlyle - gigantesco - o lo Specchio interpretato da Giancarlo Esposito riescono a supplire anche alle carenze evidenti di protagonisti decisamente poco convincenti - Il Principe Azzurro su tutti -.
Tremotino stesso, per il suo spessore ed ambiguità, meriterebbe una serie dedicata, e si pone di gran lunga rispetto ad Emma, Biancaneve o il Principe come il vero cardine dell'intero prodotto, anche e più della vera "villain" Regina, spesso e volentieri messa all'angolo dall'enigmatico Gold/Rumplestiltskin con i suoi melliflui "please": fortunatamente l'ottimo season finale pare aver spostato la sua attenzione proprio sul personaggio interpretato da Carlyle - quelli a lui dedicati restano tra le altre cose gli episodi più riusciti della serie, a mio parere -, che a questo punto si suppone avrà un ruolo ancora più importante nel corso della prossima annata.
Dunque definirei Once upon a time come un tentativo ancora non espresso al massimo di andare a creare un nuovo standard di riferimento per i titoli caotici - dei quali Lost fu il capostipite - in grado di coinvolgere un bacino di pubblico ampio e diversificato, sognatori e pragmatici frequentatori della quotidianità, sentimentali in cerca di magia e amore o stronzi fatti e finiti sempre dalla parte dei "cattivi".
Resta da vedere se il secondo giro di giostra sarà un passo avanti verso la sua affermazione o una rovinosa caduta.
Dal canto nostro, non possiamo che associarci ad Emma e buttarci a capofitto: avere fede, a volte, può portare un caos che non sempre viene per nuocere.
Almeno, non del tutto.


MrFord


"Once upon a time I could control myself
ooh, once upon a time I could lose myself, yeah...
Oh, try and mimic what's insane...ooh, yeah...
I am in it...where do I stand?"
Pearl Jam - "Once" -

24 commenti:

  1. Irriverent Escapade20 maggio 2012 01:09

    L'imprinting di questa serie e' femminile e poi non ci sono wrestler o guerrrieri vari...
    Io non la trovo esaltante ma la nana si, di conseguenza, qualche volta la abbiamo vista insieme.
    Una serie "furbetta" che cerca di dare ad ogni spettatore quello che si aspetta di vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent, io un wrestler ce l'avrei piazzato comunque, per non sapere ne leggere ne scrivere! :)
      Per il resto concordo: ottime potenzialità ma molto, molto furba. Io sono ancora in fase di studio, Julez invece l'ha adorata.

      Elimina
  2. Insomma, tu vuoi che impari l'inglese a tutti i costi, no no no, non dirmi che il trailer in italiano non esiste, uff.. vabbe' ho guardato le figure..
    Dopo trama e trailer ho pensato: voglio essere adottata anche io dalla regina cattiva!! fiiicoooo! Poi ho iniziato a leggere e ho pensato: voglio anche io la collezione a parete!! uaaaauuuu!
    Mi sembra molto interessante, e come al solito non conosco le altre serie a cui paragoni questa (neanche Lost, esatto), quindi mi sembra una bella idea, perfetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ps. il principe azzurro non ce la può fare, oramai è il più fiacco di tutti i film fiabeschi in cui compare..

      Elimina
    2. Elle, direi che la mancanza di Lost è la prima da rimediare.
      Parliamo della serie più importante del dopo Twin Peaks.
      E ti dirò, visto che siamo in tema di inglese, vedere le serie in originale con i sottotitoli è sempre meglio, gli adattamenti spesso sono terribili!

      Elimina
    3. Allora, ricapitoliamo: devo recuperare Twin Peaks, Lost e questo, bene. Sui film in lingua originale son d'accordo, e se i sottotitoli son fatti bene non c'è paragone con l'adattamento (a partire dai titoli). Solo che io dopo l'italiano conosco solo il tedesco, quindi se non ho i sottotitoli, con l'inglese non ci siamo..
      Sono tentata di scrivere altre dieci righe sulle lingue straniere per distogliere la tua attenzione dal fatto che non ho mai visto Twin Peaks, per evitare bottigliate..

      Elimina
    4. Elle, le lingue straniere non possono evitarti le bottigliate! Compiti a casa: recuperare SUBITO Twin Peaks e Lost!
      Possibilmente sottotitolate!

      Elimina
    5. Compiti segnati sul diario..

      Elimina
    6. Brava. Così ti risparmi le bottigliate del professore.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Mah, secondo me i margini di miglioramento ci sono.
      Per ora non è così incredibile.

      Elimina
  4. L'ho guardato dall'inizio. Non ero molto convinta, ma alla fine l'ho seguito tutto. Avrei preferito una Regina con una faccia diversa e un Henry con una voce differente. A parte quello e gli orridi costumi delle fate (che paiono delle baldracche di una discoteca anni 90), il resto mi garba e attendo la prossima serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella delle fate è davvero niente male.
      Per il resto, secondo me potrebbe migliorare molto, ci sono un sacco di aspetti migliorabili: e molto meglio Rumplestiltskin della Regina!

      Elimina
    2. Estremamente incuriosita....

      Elimina
    3. Nella, benvenuta da queste parti.
      Provala, è una serie di sicuro fascino.

      Elimina
  5. Meravigliosa serie. Snobbata, da me, sul nascere e poi riscoperta (ahimè... ;)) grazie al tuo rivale. 2,5 è troppo poco. Vediamo la seconda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eddy, secondo me ha buone potenzialità, ma meravigliosa mi sembra un aggettivo eccessivo! ;)
      Pensa a Lost, giusto per avere un paragone! :)

      Elimina
    2. Echemminchia ;) Non puoi paragonarla a Lost, dai! Niente si paragona a Lost...
      Lost esce da qualsiasi canone. E' come far assaggiare il miele a uno che ha sempre mangiato patate. Se togliamo il miele, questa è una patata piuttosto buona.
      E poi, a me, la regina cattiva fa smuovere anche gli ormoni XD

      Elimina
    3. grande eddy!
      e la regina cattiva domina sia per cattiveria che per figosità :)

      Elimina
    4. Eddy, quindi mi stai dicendo che devo accontentarmi delle patate? ;)
      A questo punto direi che il due e mezzo ci sta tutto, perchè il quattro va solo al miele! :)

      Cannibale, la Regina Cattiva è cattiva quanto Katniss, il vero villain è Tremotino, una spanna sopra tutti.
      E la più figosa è Cappuccetto Rosso, se proprio vogliamo parlare di sommovimenti!

      Elimina
  6. una serie che invece ha espresso pienamente tutto il suo potenziale, con un crescendo pazzesco. una prima stagione compiuta con un finale talmente perfetto che potrebbe essere definitivo. non fosse che comunque andrà avanti...

    vedo che persino eddy si è dovuto ricredere, grazie a me :D
    ma tu evidentemente sei un caso proprio lost buahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un crescendo pazzesco!?!?
      A dire il vero ci sono alcune puntate totalmente inutili, e se non ci fosse stato il vecchio Tremotino con alcuni episodi da paura il mio voto sarebbe stato anche più basso.
      Senza contare che Biancaneve e il Principe sono al limite dell'insopportabilità.

      Elimina
  7. ..e comunque mi hai convinto.
    avevo snobbato.
    la vedrò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me potrebbe piacerti.
      In quanto mamma, sicuramente hai più punti di contatto con i personaggi principali di quanti non ne abbia un losco figuro come il sottoscritto.
      Fammi sapere poi com'è andata! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...