mercoledì 9 maggio 2012

Una spia non basta

Regia: McG
Origine: Usa
Anno: 2012
Durata: 97'



La trama (con parole mie): FDR e Tuck sono due agenti speciali spesso e volentieri in giro per il mondo alle prese con criminali e missioni impossibili, nonchè amici per la pelle sempre pronti a coprirsi e proteggersi l'un l'altro.
Il primo è uno sciupafemmine che non si è mai legato, il secondo ha un matrimonio fallito alle spalle ed un figlio con il quale non riesce a trovare un rapporto vero e proprio.
Quando entrambi conoscono Lauren, una single in cerca della metà del suo cielo, e senza saperlo si innamorano della donna, comincia tra loro una vera e propria battaglia per il suo cuore che non lesina colpi bassi, sfruttamento delle risorse della CIA e tecniche di seduzione che paiono uscite dal manuale della spia provetta.
Peccato che questo duello rischi di mettere a rischio l'amicizia, il lavoro, e soprattutto, le loro vite.




A volte capita di ricredersi, e da buono sportivo sono sempre pronto ad accettare di essere sorpreso anche a scapito di un pregiudizio che avrei perseguito con piacere, dato che si trattava di un titolo tutto sommato promosso dal mio arcinemico Cannibale.
E invece Una spia non basta - adattamento italiano agghiacciante dell'originale This means war - non solo non si è rivelato la schifezza assoluta che credevo fosse, ma è stato in grado di riempire una serata di relax e zero neuroni sul divano di casa Ford senza troppa fatica, divertendo e scivolando via liscia sfruttando anche un ritmo discreto.
Merito principalmente di un approccio assolutamente senza pretese del regista McG - già creatore della simpatica Chuck -, di una leggerezza molto ben giocata tra l'action pura e la commedia romantica e dell'approccio dei protagonisti, pronti a considerare l'autoironia come base per la loro interpretazione: certo, Tom Hardy risulta un pò imbrigliato in un ruolo lontano da quelli che sono i suoi standard rispetto agli altri due protagonisti, e riesce difficile ripensare allo squilibrato Bronson o all'imminente Bane del nuovo capitolo della saga del Batman nolaniano, eppure anche lui riesce a prestarsi al gioco arrangiandosi e supplendo - soprattutto per il pubblico femminile - con l'indubbio fascino che è in grado di esercitare, mentre Chris Pine e Reese Whiterspoon risultano decisamente in parte, divertenti e divertiti come forse mai nelle loro carriere - soprattutto il primo -.
McG, inoltre, pone rimedio ad una certa mancanza di estro ed originalità con una massiccia dose di ironia in grado di ricordare più le commedie di Apatow che i film di spionaggio ed azione e qualche trucchetto giusto giusto per stuzzicare l'attenzione degli appassionati di Cinema un pò più difficili - come il piano sequenza strutturato attorno al balletto di Lauren nell'attesa dei pop corn preparati al microonde con FDR e Tuck intenti ad installare microspie nel suo appartamento.
Il risultato è un mix decisamente godibile perfetto per una serata di coppia, sia che vogliate puntare ad una fanciulla che ancora non siete riusciti a conquistare, sia che vogliate farvi due risate - con qualche parentesi romantica per lei e di esplosioni per lui - ben consapevoli del vostro legame affettivo.
La cornice resta di chiara ispirazione rispetto alla già citata serie Chuck, che ebbe il merito di lanciare il regista verso grosse produzioni come questa o il precedente Terminator: salvation, con una sorta di parodia dei servizi segreti statunitensi a farla da padrona assumendo una connotazione quasi esclusivamente comica rispetto a quello che è lo standard che normalmente la riguarda.
Decisamente divertenti gli scambi tra i due rivali in amore, così come l'idea di porre, per una volta, una donna al centro di una disputa senza svilirla o farla risultare banale - al contrario, Lauren riesce senza troppi problemi a tenere testa ad entrambi i suoi pretendenti -: in particolare, gli "apprezzamenti" sulle mani piccole di FDR ed il doppio colpo basso della presentazione alla nonna da una parte e al figlio dall'altra risultano degni di esperimenti molto riusciti nel campo della commedia "di coppia" come Amici di letto o Crazy, stupid, love, senza contare tutto il "bromanticismo" che circonda la coppia di infallibili agenti dentro e fuori dal campo.
Certo, la sceneggiatura non osa e non rischia proprio nulla, e anche la risoluzione del triangolo risulta piuttosto prevedibile ed assolutamente in linea con un approccio assolutamente all'interno degli schemi, eppure la pellicola regge, si fa perdonare le ingenuità grazie alla leggerezza e tutto sommato diverte a trecentosessanta gradi dall'inizio alla fine.
Considerato che l'avevo bollato come un film già pronto per essere gettato fuori dal saloon a gran colpi di bottiglie, direi che è molto più di quanto potesse sperare il suo regista anche nei sogni più gloriosi.


MrFord


"Double trouble--that's what my friends all call me
(double trouble)
I said, double trouble
T-R-O-U-B-L-E."
Lynyrd Skynyrd - "Double trouble" -


28 commenti:

  1. allora dovrò riconsiderarlo. Avrei scommesso una pinta d'amaro che lo avresti bottigliato selvaggiamente e invece...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne avrei scommesse anche due, di pinte d'amaro.
      E invece è godibile, tipico relax di coppia da zero neuroni. Divertente.

      Elimina
  2. lo sapevo che hardy non mi deludeva manco questa volta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hardy in realtà non risulta troppo in parte, ma il film si lascia guardare, e la pagnotta la porta a casa.
      Perfetto per una serata relax con fidanzata o aspirante tale. ;)

      Elimina
  3. anch'io ero convinta che l'avresti bottigliato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, sinceramente.
      Invece mi ha divertito, con tutti i suoi chiari limiti.

      Elimina
  4. Irriverent Escapade9 maggio 2012 11:57

    Sai che io invece non mi aspettavo bottigliate? Piuttosto indifferenza...
    Non ci investiro' i soldi del biglietto ( poi con la bella stagione divento super selettiva) ma me lo terro' come home vision di scorta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent, sui soldi del biglietto siamo assolutamente d'accordo. Per il resto, viene buono come visione in una serata in cui si necessita un pò di stacco senza impegno.

      Elimina
  5. Per fortuna è un film da serata di coppia, allora me la scampo!!
    No, è che il trailer non rende molto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elle, il trailer è terribile, ma il film, tutto sommato, ci sta come distensivo senza alcun impegno cerebrale.
      E strappa più di una risata.
      Considerate le premesse, era difficile chiedere di più.

      Elimina
    2. E allora accontentiamoci, e poi due risate non fanno mai male!

      Elimina
    3. Mi sembra lo spirito giusto!

      Elimina
  6. il cannibale ha sempre ragione!
    prima lo capirai, prima raggiungerai la Saggezza Interiore ;D

    cannibal kid - pregiudizi di ford 1 - 0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Cannibale è un egomaniaco! ;)
      Ma la cura fordiana è pronta a lavorarti ai fianchi.
      E anche di dare una ripassata all'ego, già che c'è! :)

      Elimina
    2. Cannibale anche lei in quanto a pregiudizi però... e si spari un bel "Cobra" ogni tanto no? ;)

      Elimina
    3. Defe, parole sante.
      Anche qualche Van Damme ci starebbe di brutto. ;)

      Elimina
  7. Mi sa che questo genere spy-action/comedy sta prendendo sempre più quota. Sono un divertito fruitore della serie cult "Chuck" e recentemente ho goduto non poco con "Red", commedia corale con spie d'eccezione quali Bruce Willis, John Malkovich, Helen Mirren.

    A naso questo "Una spia non basta" non credo mi piacerà quanto il sopra citato "Red", resta il fatto che se è piaciuto a mr Ford in quel senso lì (quello scarsamente rilevante sul piano neuronale) credo che sollazzerà anche a me. Il problema è uno: e il tempo? :)

    Darò precedenza ad "Hawai five-0" mi sa, sempre per quel che riguarda il segmento "ignoranza con la panza".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Defe, Red è sicuramente più nelle nostre corde, essendo clamorosamente action.
      Questo è la sua versione "da coppia", e mi ha ricordato parecchio Chuck.

      Ad ogni modo, ottima la scelta ignoranza con la panza di Hawaii Five-O. E' roba da Expendables della nostra risma. ;)

      Elimina
    2. Molto bene, alla grandissima.

      Elimina
  8. E io che pensavo di trovarmi davanti all'ennesima commediucciola sdolcinata. Lo metterò nella coda del mio Mulo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, invece è divertente, tutto sommato.
      Metti pure in coda, che il Mulo difficilmente delude! :)

      Elimina
  9. Il trailer, visto qualche tempo fa, mi aveva fatto una buona impressione e messo una discreta voglia di vederlo.
    E poi come sottolineato da Frank, c'è Tom Hardy, che come tutti sanno è il CAPO DEL MONDO, quindi potrei anche recuperarlo.

    Fratello per venerdì tutto confermato, mangio dai miei e ci vediamo lì da te per le 9 e 30/45. ok, o troppo presto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so, secondo me è ancora Sly il CAPO DEL MONDO, però si può pensare a Tom Hardy come un suo possibile erede. ;)

      Per venerdì va bene, mi farò trovare mangiato! :)

      Elimina
    2. Le voglio molto bene mr Ford, lo sa? Belle parole, le apprezzo moltissimo. Sly è leggenda.

      Elimina
    3. Anche io ti voglio bene, Defe. Ormai sei ufficialmente un Expendable fordiano. :)

      Elimina
  10. Il trailer e la presenza di lei mi han fatto desistere fin da subito. Magari quando passerà su Sky una occhiata, se proprio quella sera non ci sarà nulla di meglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Newmoon, come visione distensiva in coppia con i pargoli a letto ci sta.
      Anche se la Whiterspoon ti da così fastidio. ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...