giovedì 24 maggio 2012

Naboer

Regia: Pal Sletaune
Origine: Norvegia
Anno: 2005
Durata: 75'



La trama (con parole mie): John, un normale impiegato, vive solo dopo la rottura con Ingrid, che ormai convive con un altro uomo. Il rapporto tra i due è ancora teso, in seguito al tradimento della donna che ha segnato la fine della storia e ad un superamento della stessa che pare non essere ancora avvenuto.
Un giorno, appena tornato a casa, John incontra per la prima volta Anne, che con la sorella Kim vive nell'appartamento accanto al suo: non si sono mai incontrati, eppure la ragazza pare conoscere dettagli della vita privata dell'uomo come se si frequentassero da tempo.
Quando un favore da nulla diviene una sorta di incubo ad occhi aperti, però, John scopre un passo alla volta che Anne e Kim nascondono ben più di quello che ci si potrebbe aspettare, e l'esplorazione forzata del loro appartamento diviene un terribile viaggio nella sua stessa anima.





Nell'ultimo anno, principalmente per "colpa" di quel losco figuro di Jo Nesbo, posso affermare che la Norvegia sia diventata una piccola succursale di casa Ford, affascinando il sottoscritto in misura sempre maggiore dopo anni di placida indifferenza.
Grazie anche alla segnalazione del buon Frank Manila, Naboer è approdato sugli schermi del saloon spinto proprio dallo scrittore artefice della saga dell'impareggiabile commissario Harry Hole - recuperate i suoi romanzi, subito! -, e nonostante non si possa parlare di miracolo, mi sento libero di affermare che si tratti di un'interessante visione in grado di recuperare molti elementi tipici del thriller psicologico senza, di contro, perdere eccessivamente nella resa definitiva, che seppur non originalissima resta interessante e ben presentata.
La vicenda di John - protagonista algido ed assolutamente lontano, empaticamente parlando, dal pubblico - richiama immagini e storie di cui Polanski e Lynch sono i Maestri assoluti, e non disdegna richiami decisamente più pulp ad opere come quelle del primo Fincher - Fight club, The game -: l'utilizzo, poi, della metafora di un appartamento come luogo geografico ma soprattutto mentale - ed anche decisamente fisico - affonda le radici in uno dei lavori meno conosciuti eppure più incredibili del vecchio Roman, quel Repulsion che fu il capostipite di una serie di film tutti giocati al limite dell'horror, per giungere agli exploit grotteschi di Raimi con la saga de La casa e Craven con il sorprendente La casa nera.
Sicuramente Sletaune avverte un certo qual bisogno di sconvolgere - la scena a metà tra sesso e violenza tra John e Kim ne è la dimostrazione -, e a tratti si ha l'impressione che l'eccesso sia dietro l'angolo, pronto a minare la credibilità dell'intera opera, eppure in qualche modo il regista riesce sempre ad evitare all'ultimo che le bottiglie avvertano il mio prodigioso sesto senso per le inutili esagerazioni, finendo per regalare una visione che, pur perdendo leggermente mordente nella seconda parte - l'inquietudine è molto maggiore quando non si sa ancora cosa si ha di fronte, e superato un certo limite all'interno dell'appartamento delle due ragazze la conclusione diviene tutto sommato prevedibile -, complice un minutaggio favorevole, risulti tutto sommato interessante, assumendo di fatto le sembianze di un omaggio ai grandi Classici del genere.
Curioso scoprire nel cast Michael Nyqvist, all'epoca pressochè sconosciuto al grande pubblico ed ormai sdoganato dalla saga made in Europe di Millennium e dall'ultimo Mission impossible, unico tra gli attori protagonisti ad essere di fatto uscito dalla realtà nordica - televisiva e cinematografica - per compiere il grande salto.
Interessante poi - e soprattutto -, l'uso dell'appartamento cui facevo riferimento poco sopra, con una struttura fatta di porte, serrature, armadi spostati ed oggetti accumulati a rappresentare un caos che va ben oltre l'apparenza dell'etichetta fino a costruire un vero e proprio labirinto che probabilmente in mano ad un regista di talento più spiccato sarebbe divenuto un maelstrom in grado di sconvolgere lo spettatore, più che solleticare soltanto qualche brivido d'inquietudine.
Ma non voglio affatto rendere meno incisivo l'impatto di Naboer, che soprattutto ai non avvezzi al genere provocherà ben più di quanto possa aver suscitato nel sottoscritto, sempre che gli stessi siano disposti ad andare oltre quelli che sono i perbenismi di noi europei figli di educazioni cattoliche ed abituati a sequele di Studio Aperto per accettare l'esistenza di un lato oscuro che neppure la quotidianità e l'apparente equilibrio potranno mai effettivamente spingere sotto il tappeto come polvere poco gradita.
E' la stessa che racconta le storie dell'apparente banalità del Male, quella che si specchia nei silenzi in ascensore o nei vicini dai segreti pronti a mangiarsi tutto quello che pensavamo potesse essere la vita come si è abituati a sognarla.
E' l'oscurità della porta accanto.
L'abisso che ricambia lo sguardo.
Siamo noi, che dentro portiamo un mostro, anche quando neghiamo disperatamente la sua esistenza.
  

MrFord


"Twice as hard
as it was the first time
I said goodbye
and no one ever want to' know
love ain't funny
a crime in the wink of an eye."
The Black Crowes - "Twice ad hard" -


16 commenti:

  1. Oddio questo genere di film - nordici, semiorrorifici, di breve durata - hanno scatenato in me sempre una sorta di ostilità e repulsione. Non capisco il perché, sul serio.
    Se mi permetti un consiglio, vai a ricercare un film spagnolo che a me è piaciuto tantissimo, dalle tinte horror ma che vive di una sana demenza che a noi piace sempre: Timecrimes.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesa, se il film di cui parli è quello che penso ce l'ho già in lista da un pò, soltanto che il muletto sta incontrando qualche difficoltà a procurarmelo.
      Spero di rimediare a breve!

      Elimina
  2. il plot sembra interessante, lo cercherò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' abbastanza interessante, anche se alla fine della visione non si è certo dell'idea di aver assistito a qualcosa di rivoluzionario! :)

      Elimina
  3. Irriverent Escapade24 maggio 2012 09:29

    Ho sviluppato, nel corso degli anni, una notevole idiosincrasia per tutto quello che " non puoi farne a meno". La letteratura e la filmografia nordica appartengono a questa categoria. Non che li abbia cassati a prescindere ma proprio non mi appassionano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent, posso capire questa tua idiosincrasia.
      Ma se Naboer può anche essere evitato, dovresti dare una possibilità a quel geniaccio di Nesbo, ormai mio culto totale.

      Elimina
    2. Irriverent Escapade24 maggio 2012 12:17

      Posso provare a trascinarti dalla mia parte?
      Te la butto la': Jean Claude Izzo ( trilogia marsigliese: Chourmo; Casino Totale e Solea) .Se parli francese, meglio in lingua originale; comunque con colonna sonora di GianMaria Testa e George Brassens.
      Atmosfere calde, sanguigne mediterranee di una citta' che ha un posto speciale nel mio cuore, come l'autore che ne scrive.
      Let me know :-)

      Elimina
    3. Me lo segno volentieri, ma in italiano.
      Diciamo che, a parte il Pastis e il Cinema, con la Francia non ho un rapporto proprio idilliaco. E soprattutto con i francesi. ;)
      Comunque leggerò con curiosità, sorellona. Tu però non dimenticarti Nesbo.

      Elimina
  4. mi sembra una fordianata norvegese ampiamente trascurabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è memorabile, questo è sicuro.
      Ma secondo me è abbastanza malato per intrattenere anche te. :)

      Elimina
  5. Non amo particolarmente il genere. Forse ho troppa paura del mio mostro (bellissima chiusura di post, complimenti). Sto per riprendermi Nesbo, comunque, altro autore che hai contribuito a "risvegliarmi" dopo Bunker.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, muchas gracias per i complimenti: anche io temo più quel tipo di mostro, che non il resto, quindi capisco.
      Riprendi Nesbo, mi raccomando. E' una bomba. E sono contento di avertelo "risvegliato". ;)

      Elimina
  6. Non sembra male, e da quel che ho capito la trama è abbastanza malata da potermi piacere.
    Me lo segno!

    Time crimes niente male, sono curioso di un tuo giudizio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, per essere abbastanza malato lo è.
      Sicuramente non sarà memorabile, ma si guarda.

      Time crimes spero di recuperarlo: al limite me lo passi tu?

      Elimina
  7. Ce l'ho in dvd, potrei fare uno strappo alla regola e prestartelo.
    Tanto so che i dvd con te sono in buone mani!
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura!? Altrimenti potremmo fare che vieni a (ri)vedertelo a casa mia, come ti sembra la cosa!?

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...