venerdì 4 maggio 2012

Last friday night

La trama (con parole mie): settimana di uscite contate, questa, che vede il ponte dell'appena trascorso Primo Maggio farla da padrone con una delle pellicole che promettono di sbancare il botteghino in questa stagione di crisi.
Purtroppo, invece, io con la crisi devo fare i conti costantemente e non per una sola stagione, dato che come al solito mi ritrovo accanto quel folle patentato del Cannibale, come al solito co-autore di questa rubrica e come al solito pronto ad infestarla con i suoi allucinati commenti.
Ma penso di aver dato fin troppo spazio a quel manigoldo, dunque fuoco alle polveri e si dia inizio alle danze!


"Dacci dentro e sbronzati a dovere, tanto paga tutto il Cannibale!"
Hunger Games di Gary Ross


Il consiglio di Cannibal: benvenuti agli Hunger Games, ne resterà solo uno. E non sarà Ford!
Sto leggendo il libro, di Hunger Games. Ero partito un po’ diffidente, pensando di imbattermi nella solita storiella fantasy. E invece… tutt’altro! Niente vampiri, supereroi o maghetti vari, qui siamo più dalle parti di Battle Royale e 1984. Il romanzo è davvero coinvolgente e avvincente e se il film riesce a essere sugli stessi livelli, ne vedremo davvero delle belle!
Piccolo appunto: i vecchietti come Ford rimangano pure nel loro ospizio ed evitino di vederlo. Non è roba per loro… Mi riferisco solo a quelli come Ford, i vecchini arzilli come la nonna della pubblicità del McDonald’s invece potrebbero anche apprezzare!
Il consiglio di Ford: i vecchietti di Battle Royale si mangiano i giovani degli Hunger Games.
Come tutti voi saprete, ho appena finito di bottigliare questo nuovo finto cult promosso fin troppo dopo il successo al botteghino riscosso negli States - http://whiterussiancinema.blogspot.it/2012/05/hunger-games.html -, una copia buonista, sbiadita e noiosissima del filmone con protagonista Takeshi Kitano.
Peccato, perchè il cast non era male, e le premesse, a metà tra 1984 e Il signore delle mosche, c'erano. Il risultato, però - colpa di regia e sceneggiatura - è davvero una delusione.
Va giusto bene per i finti alternativi che si credono cool come il mio antagonista, che come la protagonista del film non si sporca le manine neanche per sbaglio, perchè lei è buona e pura, e la cocca di mamma e papà.
 
"Piccolo Cannibale, anche se mi paghi tutti i drinks del mondo, continuo a non cambiare idea: Ford è il migliore!"

American Pie - Ancora insieme di Jon Hurwitz, Hayden Schlossberg


Il consiglio di Cannibal: ancora? massì
I primi due American Pie sono dei cult assoluti della mia adolescenza. Ovvero ai tempi in cui Ford era già un vecchio scorbutico e faceva la richiesta per la pensione. Il terzo episodio, pur perdendo qualche colpo, era un’altra visione assolutamente godibile. Riguardo a un quarto capitolo, il rischio ormai è quello di apparire fuori tempo massimo. Un po’ come il Mister Ford ogni volta che apre bocca. Quattro risate da Stifler, Jimbo, Pausa Merda e gli altri in ogni caso sono sempre da mettere in conto, però poi a un certo punto basta sequel…
(sì, al contrario di Ford, considero i sequel la morte della creatività, a eccezione di quelle pellicole che nascono già con l’intento di avere vari episodi, ma poi ancora…)
Il consiglio di Ford: con l'american pie ci ingozzo il Cannibale!
Non ho mai sopportato questa serie, una versione bassa e poco ispirata dei grossi calibri come Animal House, degna giusto giusto dello spazio accanto ai nostri cinepanettoni.
Quindi lascio il giovane Cucciolo Eroico a divertirsi con i suoi amiconi di provincia e per una volta faccio io lo snob radical chic.

"Ma chi l'ha preparata questa torta, il Cannibale!? Fa veramente cagare!"
Gli infedeli di Emmanuelle Bercot, Fred Cavayé, Alexandre Courtès, Jean Dujardin, Michel Hazanavicius, Eric Lartigau, Gilles Lellouche. Con Jean Dujardin, Guillaume Canet, Mathilda May, Sandrine Kiberlain, Alexandra Lamy



Il consiglio di Cannibal: fedeli a Cannibal, infedeli a Ford
Film a episodi? Bah.
Girato da vari registi? Doppio bah.
Provenienza francese? Allora rischia di essere una figata.
Passando in rassegna i nomi dei registi la sensazione è che questa pellicola potrebbe fare benissimo il punto sull’eccellenza del cinema transalpino attuale. Si va infatti dall’Hazanavicius di The Artist al Guillaume Canet di Piccole bugie tra amici e c’è pure l’esordio dietro la macchina da presa dell’attore da Oscar Jean Dujardin.
Très bien!
Ford? Très scem!
Il consiglio di Ford: Jean-Pierre, tremiladuecento bottigliate sulla testa del Cannibalerre!
Normalmente eviterei come la peste un'accozzaglia di potenziali radical chic come questa, ma dato lo stato di salute del Cinema francese direi che si potrebbe effettivamente azzardare una visione, se non altro per scoprire come se la cava il buon Dujardin dietro la macchina da presa.
E approfittare del fatto che, nel frattempo, il Cucciolo Eroico sarà con gli amichetti al multisala a vedere American Pie!

"Paga il banco? No, paga il Cannibale! Ahahahahahah!"
Seafood - Un pesce fuor d'acqua di Aun Hoe Goh


Il consiglio di Cannibal: un Cannibal fuor d’acqua
E dopo tre proposte interessanti, eccola la solita fordianata buonista d’animazione della settimana. Immancabile tanto quanto l’irritazione che provocano i commenti del mio acerrimo blogger rivale.
Comunque per una volta tanto non c’è da lamentarsi, meglio tenere gli altri film e lasciare questo Alla ricerca di Nemo di serie B sprofondare negli abissi. Del mare e del cinema, giù dove vive Ford.
Il consiglio di Ford: Cannibale, vieni a pescare con noi, ci manca il verme!
Per una volta, nonostante il fastidio che la cosa mi provoca, sto con il mio rivale, ed effettivamente mi tengo alla larga da questa copia - brutta, probabilmente - malesiana dell'indimenticabile Nemo made in Pixar.
Devo dire, comunque, che in una settimana senza uscite italiane campate in aria, quasi mi pare interessante anche questo.
Al contrario del mio sempre insopportabile avversario! Ahahahahahah!


"Vieni pure, Piccolo Cucciolo Eroico, ti illustro un paio di idee per la cena!"

23 commenti:

  1. ma chi te le scrive le didascalie, enrico brignano? uhahahah :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent Escapade4 maggio 2012 10:41

      Effettivamente, Ford, le didascalie ( e spesso la scelta delle foto ) sono voti garantiti al Fine Young Cannibal.
      Sulle uscite concordo con te. Da quella vecchia babbiona che sono continuo a bypassare tutte le American Pies, passate e future, in attesa che la Nana cresca un po' e possa vedersi Animal House...
      Per il resto, butto gli Hunger Games (in pellicola) ma istigata da Cannibal comprero'il romanzo (non prima di essermi scaricata e letta l'opera prima di un giovane autore, tale Marco Goi.Ne hai sentito parlare, Mr Ford?).
      Seafood lo mangiamo stasera, che di venerdi ci sta bene...cosa rimane? Eh bien, ca va sens dire, Gli infedeli. Si, credo proprio che gli dedichero' una delle ultime matinee con le mie amiche carampane ;-)

      Elimina
    2. Cannibale, no: me le scrive un certo Cucciolo Eroico, lo conosci!? Ahahahahahahah!

      Irriverent, devo pur lasciare qualcosa al mio antagonista: in fondo, sui rap e gli inni lo straccio già abbastanza! :)
      Ora sto leggendo Sotto il vulcano, ma appena lo finisco mi dedicherò anch'io al libro cannibalesco, così potrò recensirlo da par mio! :)
      Per il resto, approvo le tue scelte per la sala, e anche quelle culinarie: stasera una vagonata di sushi ci starebbe alla grande! :)

      Elimina
    3. Ford lei non deve volermene, ma fino ad ora il premio "didascalia del secolo" per quanto mi riguarda lo vince il Cannibale.

      Sto parlando della immensa, geniale, superlativa didascalia: "Ciao Tom, sono di nuovo Tom. Chiamavo solo per ricordarti che ti amo", scritta nell'articolo su MI4.

      Ma perché non istituite un premio "miglior recensione"? Chiaro ormai sono migliaia quelle che avete buttato giù, però ecco, chi come me è un nuovo affiliato ha davvero molto piacere nel sfogliarsele una per una di tanto in tanto. Soprattutto per i film del recente passato che mi interessano particolarmente, mi stimola andare a confrontare il mio pensiero con il vostro, ed è anche parecchio divertente.

      "Ciao Tom, sono di nuovo Tom" = Genio puro.

      Elimina
    4. grazie defezionario per le belle parole, e grazie doppiamente per averle lasciate sul blog di ford ahahah :)

      tra le mie recensioni ti segnalo quella di the artist, la mia preferita
      http://pensiericannibali.blogspot.it/2012/01/artist-la-recensione-muta.html

      tra quelle di ford non saprei... nessuna uahahah
      vabbè, per fare il buono e dirna una, dico quella di drive
      http://whiterussiancinema.blogspot.it/2011/10/drive.html

      Elimina
    5. irriverent, recupera pure hunger games e soprattutto il mio libro! ;)

      Elimina
    6. Irriverent Escapade4 maggio 2012 13:33

      Ottima scelta, Cannibal, anche secondo me per The Artist hai tirato fuori il meglio...corro a recuperare Drive di Ford.

      Elimina
    7. Irriverent Escapade4 maggio 2012 13:39

      Ford: per seafood intendevo un rough fish & chips e birra.....
      sushi is so radical!!!!!!!

      Cannibal, anch'io ho sempre pensato che per The Artist tu abbia dato il meglio; corro a leggere Drive di Ford...

      Elimina
    8. Defezionario, figurati!
      Io, quando se li merita, i complimenti a quello scellerato li faccio eccome! :)
      Per quanto riguarda i post anche io tra quelli del Cannibale voto per The artist, mentre dalle mie parti, oltre a Drive, direi la prima stagione di Romanzo criminale - http://whiterussiancinema.blogspot.it/2011/04/romanzo-criminale-la-serie-stagione-1.html -.

      Cannibale, almeno sui post hai un gusto migliore rispetto ai film! Ahahahahah!
      Appena finisco quello che sto leggendo mi butterò sul tuo libro: preparati alla mia recensione! :)

      Irriverent, il sushi è buonissimo, e per nulla radical! Comunque mi va bene anche il tuo programma! :)

      Elimina
  2. Hunger Games non mi ispira ma mi trascinano a vederlo, so già che tornata a casa mi farò un'iniezione di Battle Royale per disintossicarmi da quel che mi pare una bufala modaiola.
    Però il libro vorrei leggerlo...!
    Quanto ad American Pie, la curiosità e tanta come la nostalgia, quindi lo recupererò in futuro, ma non in sala.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babol, io American pie mi rifiuto categoricamente di guardarlo, mentre per Hunger Games hai già trovato l'antidoto. :)

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Settimanona eh???Meno male che questa sera dovrei recuperare "The Avengers".Magari porto la piccola a vedere il pesce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Newmoon, il pesce me lo risparmierei. Meglio Laputa.
      E assolutamente Avengers!

      Elimina
  5. American Pie di nuovo nelle sale? Basta!!! Non si può basare il successo(?) di un film su uno che copre le sue vergogne con tutto ciò che trova sotto tiro... Metti che gli capita una torta ai fichi d'india!!! Passo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coffee, brava.
      Passo molto volentieri anche io. :)

      Elimina
  6. Beh...beh...quello francese col senno di ora mi ispira molto. Speriamo di non avere delusioni.

    P.s. Voi due mi fate schiattare dalle risateee!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Melinda, ci esibiamo più o meno orgogliosamente proprio per il vostro diletto! :)

      Per quanto riguarda il film, secondo me sarà una buona visione, quella francese.

      Elimina
    2. Gli Infedeli è una vera ciofeca...evitatelo se potete!

      Elimina
    3. Addirittura!? Speravo fosse piacevole da vedere.
      Comunque accetto il consiglio, eviterò.

      Elimina
  7. Mmmm... mi sa che se c'è il sole si gira in bici e alla sera grigliata a cielo aperto. Una cosa volevo dire su American Pie, Animal House o Porkys, la Rivincita dei Nerds... credo che siano tutti sostanzialmente delle gran schifezze che però, se hai avuto la fortuna di vederle all'età giusta, restano inevitabilmente delle perle nella memoria cinematografica personale. Aug, ho detto. Ciao e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, secondo me Animal house è spanne e spanne sopra gli altri, mentre concordo sul fatto che a volte l'età rende "mitici" alcuni film decisamente scarsi.
      Aug anche a te. :)

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...