venerdì 3 aprile 2015

Spongebob - Fuori dall'acqua

Regia: Paul Tibbit
Origine: USA
Anno:
2015
Durata: 92'





La trama (con parole mie): approfittando della lotta che vede protagonisti Plankton e Krusty Krab, un diabolico pirata dedito a raccontare storie ai gabbiani ruba la formula segreta per la realizzazione dei Krubby Patty, alimento principale della popolazione di Bikini Button, per farne un piatto vincente sulla Terra. A questo punto il curioso e colorato mondo in fondo al mare si trasforma in una vera e propria versione dell'Apocalisse, e mentre la popolazione impazzisce a causa della mancanza degli stessi Krubby Patty, Spongebob ed i suoi amici, insieme all'avversario Plankton, dovranno fare fronte comune per cercare di capire chi si cela dietro la sparizione della formula e fare tutto quello che è in loro potere per recuperarla: perfino giungere per la prima volta sulla terraferma con superpoteri donati da un delfino spaziale e lavorare come un team.








Prima della visione di Spongebob - Fuori dall'acqua, conoscevo lo spugnoso personaggio solo grazie al successo della sua serie animata ed al culto - apparentemente assurdo ed immotivato - che alcuni nerd alternativi professavano proprio in riferimento al giallo e scombinato charachter.
Ora, alle spalle quest'esperienza assolutamente unica e surreale, posso dire di comprendere i motivi di tale curiosa ed insolita passione: Spongebob e la sua truppa sono, infatti, protagonisti di una storia e di un mondo attraversato da sprazzi di assoluta genialità, surrealismo ed assurdità assortite che non è possibile descrivere o rendere al meglio senza averle vissute sulla pelle dalla prima all'ultima.
Senza dubbio il lavoro di Paul Tibbit non è per tutti, a partire dai più piccoli - che probabilmente non coglieranno tutte le sfumature, le citazioni, i giochi metacinematografici messi in scena dall'allegra brigata marina capitanata dalla spugna più famosa del piccolo e ora anche grande schermo - fino al pubblico adulto - che in parte bollerà questo coloratissimo trip come robetta da bambini, errore che ho commesso anche io in principio, ed in parte troverà assolutamente ridicoli e grotteschi alcuni passaggi, se non la maggior parte -: eppure, riuscendo ad andare oltre le difficoltà che offre una visione assolutamente grottesca dal primo all'ultimo fotogramma, ci si trova di fronte ad una vera e propria chicca, un instant cult che mescola la fascinazione dei cartoni animati di natura disneyana, l'ottovolante dopato degli anni ottanta senza risparmiare per questo colpi proibiti neanche fossimo centrifugati attraverso i nineties, gli action e gli anni zero insieme.
A fare da collante nonchè parafulmine trash del tutto un Banderas pronto a gigioneggiare sbeffeggiando Jack Sparrow che è una vera chicca, simbolo della rinascita degli ultimi anni - nonostante i tristissimi spot del Mulino Bianco - dell'attore spagnolo, attivo su più fronti e pronto a sperimentare anche cose insolite come questa: ma i veri protagonisti sono Spongebob e i suoi, esilaranti in ben più di un momento ed in grado di condurre per mano il pubblico attraverso sequenze a dir poco strepitose come il viaggio all'interno del cervello dello stesso Spongebob intrapreso dal suo "nemicoamico" Plankton, un trip psichedelico allo zucchero filato con tanto di strepitosa citazione di Shining che pare essere uscito dal Terry Gilliam dei tempi migliori.
E proprio ripensando al regista di Brazil, effettivamente l'approccio di Tibbit e di questa divertentissima e caotica avventura pare proprio quello che guidò, ormai trent'anni or sono, i Monty Phyton, sempre in bilico tra divertissement puro, intrattenimento a trecentosessanta gradi ed una certa satira sociale che nessuno si preoccupa di celare più di tanto.
Una visione, dunque, che a conti fatti rappresenta una delle sorprese più gradite di questo inizio anno, una rivelazione in tutto e per tutto che a questo punto mi costringe ad un approfondimento rispetto a Spongebob e soci, personaggi irresistibili e caricaturali in grado di far riflettere anche nei momenti di più sbragato nonsense neanche fossero i Simpson dei tempi d'oro: se, inoltre, a questo si aggiungono un paio di riferimenti pittorici notevoli ed un finale action neanche fossimo catapultati in una versione molto, molto caricaturale degli Avengers, il gioco è fatto.
Ora voglio anch'io essere parte del team della spugna più gialla di tutti i mari ed ingozzarmi di Krubby Patty come se non ci fosse un domani.




MrFord




"Let's go surfin' now
everybody's learning how
come on and safari with me
(come on and safari with...)"
Beach Boys - "Surfin' safari" - 




29 commenti:

  1. mmmh me lo devo segnare, non ho mai preso in considerazione questo sponge bob, forse è il caso che inizi...
    Ps: x la rece a quattro mani, ti va magari di scegliere un altro titolo? Perchè Tommy lo devo recensire per cambiare la grafica del blog ok? Magari un titolo scelto insieme dimmi se sei daccordo ok? Un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato una vera rivelazione anche per me. Mitico!
      Per la recensione, va bene. Nessun problema per una nuova scelta!

      Elimina
    2. ok grazie forduccio, così sistemo tutto, appena sei pronto fammi un fischio o mandami una email okappa? smack smack ^_^

      Elimina
    3. Perfetto. A presto allora!

      Elimina
  2. è proprio un personaggio che mi sta sui cabbasisi ! :-) peggio solo Shrek

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure è a tratti non solo irresistibile, ma geniale.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Mi unisco/ci uniamo agli Spongebob haters.Malgrado il nostro essere Nerd,non riusciamo proprio a trovarlo simpatico!
      Però gli spot del Mulino con Banderas mi inteneriscono.Povero Antonio!tutti a dargli addosso per quegli spot con tanta roba peggio che c'è in giro,tipo Costner che si sdilinquisce per il tonno in scatola !!!

      Elimina
    4. Il buon Antonio sta molto simpatico anche a me, mentre da ora in poi sarò parte dei sostenitori selvaggi dello spugnone! :)

      Elimina
  3. Non mi è dispiaciuto, ma ho preferito il primo titolo.
    Almeno Spongebob prosegue sempre dritto per dritto per la strada del demenziale. Per fortuna non cambia mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un bene che esistano personaggi così: demenziali al massimo e fedeli a se stessi! :)

      Elimina
  4. te l'avevo detto che Spongebob merita!

    RispondiElimina
  5. pensavo fosse una vaccata cosmica....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io. E invece è stato una vera sorpresa.

      Elimina
  6. Io l'ho trovato assolutamente fantastico, fusissimo e pieno di citazioni che mi hanno fatto esaltare, condivido il tuo entusiasmo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fuso davvero, ma il suo bello è proprio quello!

      Elimina
  7. Perché? Perché non ho trovato nessuno che volesse venire a vederlo con me?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potevi andare anche da solo: secondo me è una di quelle esperienze che quasi in solitaria vale più che in gruppo! :)

      Elimina
  8. Spongebob è un cult da anni in casa, però un po' di delusione con questo film c'è stata: poche risate -soprattutto nella prima parte- in confronto al suo esordio al cinema, quello sì ancora più geniale e assurdo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che non lo conoscevo, ma io le risate me le sono fatte, eccome! :)

      Elimina
  9. Evviva evviva! Son sempre felice di trovare nuovi fan di Sponge! :D
    Io ne sono malata ormai da anni ahaha

    Concordo con te la scena del trip nel cevello è davvero forte, ma anche quella con il delfino è meravigliosa! io non riuscivo a smettere di ridere!!

    Devi assolutamente recuperare il primo però perchè è ancora più epico!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, il delfino spacca!
      E a questo punto il primo lo devo recuperare per forza!

      Elimina
  10. Penso di aver odiato solo i libri di Federico Moccia più di quella stramaledetta spugna gialla e la sua serie. Tanto che con quei Crabby Parry ce lo vorrei strozzare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, ormai sono tutto per il vecchio Sponge! Forza Krubby Patty!

      Elimina
  11. Mi era già bastato il film precedente.
    Non sarà (solo) una bambinata, ma è comunque una roba allucinante che si può vedere esclusivamente sotto stupefacenti...
    ma a te Ford non servono. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli stessi stupefacenti che ti permettono di seguire Braccialetti rossi!?!? Quello sì, che è una roba allucinante! ;)

      Elimina
  12. Sai che anche io, come te prima della visione di questo film, lo conosco solo di fama? Non mi ha mai ispirato, eppure, osservandolo su google immagini, non sembra nemmeno un personaggio antipatico. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che antipatico, a me sembrava inutile. Invece è assolutamente mitico.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...