giovedì 30 agosto 2012

Toccato!

Regia: Jeff Kanew
Origine: Usa
Anno: 1985
Durata: 101'




La trama (con parole mie): Jonathan, studente di veterinaria dedito al gioco chiamato "Toccato!" che imperversa in tutto il campus, approfittando delle vacanze di primavera parte per l'Europa accanto al suo amico Manolo, sognando di visitare la Spagna e di riuscire finalmente a portarsi a letto una ragazza.
Giunti a Parigi, prima tappa del loro viaggio, i due amici si separano a causa delle conquiste continue di Manolo, e Jonathan, solo ed impacciato, conosce per caso Sasha, una donna affascinante proveniente dalla fu Cecoslovacchia, che lo seduce e si dedica a lui in tutto e per tutto.
Quando arriva il momento della partenza per la penisola iberica, però, il ragazzo è convinto ad abbandonare il progetto iniziale per partire insieme a Sasha alla volta di Berlino in modo da starle accanto durante un incarico di lavoro: ma appena giunti in Germania le cose cominceranno a farsi pericolose, e Jonathan si troverà coinvolto in un affare di spionaggio che da oltre cortina finirà per seguirlo - con tutti i guai che ne conseguono - fino al suo ritorno a Los Angeles.





Approfittando dell'estate, continuo senza ritegno a cavalcare l'onda del passato e dei film che, ormai qualche secolo fa, ero solito guardare a ripetizione in compagnia di mio fratello, ai bei tempi in cui si facevano tre mesi di vacanza e non c'erano pensieri che non fossero "cosa mangio come snack davanti allo schermo" o "chissà quali ragazze ci saranno stasera al parchetto": Toccato!, scoperto per caso grazie alla videoteca dell'ormai leggendario Paolo - personaggio cardine della mia giovinezza di spettatore -, fu per anni nella top five dei titoli più passati nel videoregistratore dell'allora casa Ford, complici la trama totalmente inverosimile ed il gioco che da il titolo al film, che sognavo di poter praticare anche io una volta giunto il momento dell'Università, ignorando di fatto che i campus in stile americano qui ce li sognamo e che in realtà gli anni di lettere - perlomeno quelli che ho fatto - furono anche discretamente noiosi.
A metà strada tra il paintball attuale e le pistole ad aria compressa che impazzavano ai tempi - ricordo che i miei mi proibirono espressamente di comprarne una, così finivo spesso e volentieri a casa di un compagno di scuola che nel giardino organizzava vere e proprie battaglie con il fratello maggiore ed i suoi amici -, il "Toccato" è stato uno dei cult di tutto il periodo che intercorse tra la fine delle elementari e l'inizio delle medie, quando ancora l'idea di viaggiare da solo per l'Europa sognando la prima volta era praticamente fantascienza - ma più che altro, non ci si pensava neppure -.
Le vicende di Jonathan, comunque, mi conquistarono da subito sia nella loro componente scanzonata - il confronto con lo spocchioso cameriere parigino a proposito del Pernod, impagabile, e che sarebbe divenuto un anticipo del mio primo viaggio in solitaria a Parigi, qualche anno dopo, o la rocambolesca caccia degli agenti della CIA alla ricerca del protagonista protetto dall'amico Manolo e la sua gang - sia nella parte più drammatica ed action - ricordo con quale timore assistevo alle disavventure del ragazzo nella Berlino Est ancora oltre la cortina, e tenevo il fiato sospeso ogni volta che facevano la loro comparsa i terribili agenti del KGB -: tipico prodotto anni ottanta figlio della Guerra Fredda girato per mostrare quanto cool e pieni di risorse erano gli States ed i suoi figli rispetto ai grigi emissari della Madre Russia, Toccato! si pone a metà strada tra il film action tamarro e la pellicola dal gusto teen, azzeccando il protagonista - un Anthony Edwards ancora con i capelli e lontano dal Green di E. R. - e la sua partner - Linda Fiorentino, che ai tempi risvegliò parecchie fantasie nel sottoscritto, specie nel suo ruolo di "nave scuola" per l'inesperto Jonathan - ed una serie di sequenze assolutamente improbabili eppure divertenti ed ancora oggi piacevoli da vedere, specie se figlie di un amarcord selvaggio come quello che in periodi di stanca in sala come questo finisce per attanagliarmi.
Sicuramente, tra le pellicole anni ottanta divenute oggetto di culto per gli spettatori giovanissimi di allora ormai cresciuti, questo lavoro di Jeff Kanew ha conosciuto un successo decisamente minore, ed anche qui in Italia sono in pochi ad aver potuto approfittare di una visione cui si resta inevitabilmente legati, un pò come per perle del quasi trash come Howard e il destino del mondo o Weekend con il morto.
Non saprei davvero come potrebbe apparire agli occhi di qualcuno che non l'abbia visto da bambino, e le reazioni potrebbero passare dallo stupore divertito all'incazzatura da bidone, eppure mi è praticamente impossibile non voler bene a questo film, così come non consigliarvi una visione se non l'avete mai visto o un recupero se non vi ricordavate di averlo passato sui vostri schermi.
Sarà una gioia dal sapore fanciullesco poter affermare con fare sicuro da pseudo agente segreto: "Toccato!".

MrFord


"Your eyes pierce my heart
let's play spies in the dark
I want you now, more than ever boy
and it's not my style to wait for long
Gotcha!
Gotcha where I want
just too late to talk right now!
Gotcha!
And you getcha, getcha, got me."
Theresa Bazar - "Gotcha!" -


20 commenti:

  1. quanti ricordi gotcha! eh, la fiorentino, peccato sia sparita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanti ricordi davvero, Dantès! Film culto della mia infanzia!

      Elimina
  2. film che italia 1 passava sempre la mattina, l'avevo visto una volta che avevo fatto chiodo da scuola per saltare un'interrogazione...
    certo che ormai whiterussian è diventato un portale per tornare indietro nel tempo, in particolare negli anni '80. qui mi sa che il donnie darko che parla con i coniglioni sei tu ahahah :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto direi che WhiteRussian è diventato il tuo blog preferito, considerato il tuo legame con gli anni del coniglione!
      Certo, sempre che non lo fosse già! Ahahahahahah!

      Elimina
    2. Tra l'altro, non mi sembravi il tipo da saltare le interrogazioni!

      Elimina
    3. Irriverent Escapade30 agosto 2012 21:34

      Ohi ohi il Fine Young Cannibal che saltava le interrogazioni???
      Il crollo di un mito: anch'io ti credevo secchia.....

      Elimina
    4. l'ultimo anno di liceo l'ho fatto più al bar (ma non al saloon come te) che in aula.
      le prof di matematica e fisica non mi ha praticamente mai visto tutto l'anno. andavo bene solo nelle materie umanistiche e letterarie...

      Elimina
    5. A parte che anche io ti credevo secchia selvaggia, stranamente abbiamo avuto un destino simile: nonostante fossi allo scientifico sono arrivato alla maturità con bel nove in italiano ed un bel quattro in matematica.

      Elimina
  3. Ah ah, è molto bello questo tuo usare i film come link verso il passato. Anche a me questo "toccato" fa lo stesso effetto: ricorda l'estate, le serate sul divano con fratello e cugini (una sera da noi e una sera da voi, no, domani il nonno guarda il calcio, in agosto? Che palle). Credo che visto ora (per la prima volta intendo) sarebbe giudicato per quello che è. Forse anche allora. Ma a 15 anni sogni l'università americana e te ne freghi del resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me diverte molto scrivere post legati a film con un significato particolare rispetto alla mia vita, da un senso molto maggiore a quello che si scrive, rispetto ad una "fredda" recensione.

      Elimina
    2. siamo qui per questo no? altrimenti saremmo tutti critici cinematografici( prezzolati aggiungo io). invece siamo qua a farci trasportare dalla passione e a cercare continui links col nostro vissuto...

      Elimina
    3. Bradipo, concordo in pieno.
      E comunque credo avrei la stessa inclinazione anche se fossi un critico prezzolato! ;)

      Elimina
  4. visto una mattina su italia uno ai tempi della scuola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ai tempi lo vidi un miliardo di volte! Mitico!

      Elimina
  5. Irriverent Escapade30 agosto 2012 21:39

    Mai visto....ma ci sta visto il gap generazionale..

    Con piacere scopro che abbiamo in comune il Pernod: j'adore!!!!!

    Mi diverte comunque molto leggere gli eighties (anni che non rimpiango particolarmente ma che ho piacevolmente vissuto) con i tuoi occhi, Fratellino ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorella, il Pernod regna! :)

      Detto questo, recuperalo! E' un ottimo dinosauro eighties!

      Elimina
  6. Il titolo mi ha colpita dal blogroll...lo avrò visto da piccola? Probabile, ma faccio fatica a ricordare. Ricordo vagamente qualcosa, ma proprio vagamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me la nostra generazione l'ha visto tutta, anche quando non se n'è resa conto!

      Elimina
  7. Linda Fiorentino una magnifica ossessione e donna vera !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Harmonica, tra questo e Fuori orario è stata mitica per la mia formazione!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...