sabato 25 agosto 2012

40 anni vergine

Regia: Judd Apatow
Origine: USA
Anno: 2005
Durata: 116'




La trama (con parole mie): Andy ha ormai raggiunto il traguardo dei quaranta, vive solo dedicandosi completamente ad una lista infinita di hobbies da nerd e a serate passate con i vecchi coniugi del piano di sopra senza essersi mai concesso una sana, goduriosa, piacevole scopata.
Quando un gruppo di suoi colleghi scopre questa scomoda verità, tutti si prodigheranno per far compiere ad Andy il grande passo: Jay, dedito ad una lunga serie di tradimenti alla sua gelosissima fidanzata, gli consiglierà di dedicarsi alla cura del proprio corpo per fare conquiste, David, distrutto dalla fine di un rapporto, lo asseconderà rispetto alla mancanza di sesso invitandolo a sfogarsi con vagonate di porno, mentre Cal gli caldeggerà l'approccio dell'ascoltatore un pò stronzo che finisce sempre per andare a segno.
Ma le cose per Andy continueranno a non migliorare, ed il suo rapporto con Trish, l'unica che pare interessare davvero all'uomo, rischierà di essere messo in crisi proprio per la reticenza del protagonista nel rivelare il suo passato non passato sessuale.





Negli ultimi anni l'Apatow style ha di fatto reinventato lo stantìo standard della commedia romantica made in Usa o pseudo tale, conciliando le pellicole fino a qualche stagione or sono spesso e volentieri suggerite da mogli e fidanzate e sempre in grado di suscitare l'orticaria al pensiero nelle loro metà maschili allo stile sguaiato e sboccato reso celebre nel pieno degli anni novanta da Kevin Smith.
Personalmente, e pur avendolo scoperto in ritardo rispetto alla sua esplosione, ho apprezzato molto la spinta che il regista e produttore di Molto incinta e Funny people è stato in grado di dare al genere, e tendenzialmente ho quasi la certezza, quando si tratta di passare una serata in relax e scioltezza, che mi basterà scegliere un titolo tra quelli della sua scuderia per andare a colpo sicuro.
40 anni vergine era uno dei pochi film usciti dalla fucina di idee del clan del buon Judd che ancora mancava all'appello in casa Ford, e devo dire che il risultato rientra perfettamente in quello che ho appena scritto a proposito di questo tipo di proposta: leggero, divertente, piacevole come una serata tra amici che si ha profondamente voglia di passare senza troppi patemi o sforzi cerebrali, uno stacco dal lavoro e dalla vita quotidiana conciliante quanto la sensazione che sta tra l'essere brilli e ritrovarsi a vomitare sandwich ai gamberi in faccia alla gente.
Sicuramente al lavoro scritto a quattro mani dal regista e dal protagonista Steve Carell - già amatissimo dalle parti del Saloon per i suoi ruoli in Little Miss Sunshine e Crazy stupid love - mancano la verve e la volgarità di cose come SuXbad o Strafumati, così come le tematiche più profonde affrontate nel già citato Funny people, l'atmosfera è un pò troppo easy, forse circola in eccesso aria da "buoni" e la durata è decisamente importante - due ore piene - per una proposta di questo tipo, eppure 40 anni vergine si lascia guardare e scorre via che è un vero piacere, rivelandosi perfetto per un periodo di scarso impegno autoriale come questo e decisamente in grado di soddisfare sia il pubblico maschile che femminile, dosando al meglio sguaiatezza e romanticismo.
Gran parte del merito è sicuramente del cast, che raccoglie alcuni dei volti più noti ed amati dai fan di Apatow come Paul Rudd e Seth Rogen - curioso che il suo personaggio finisca per mettersi con quello interpretato da Elizabeth Banks, quasi un anticipo per quello che accadrà anche nel bellissimo Zack&Miri - ed un quasi esordiente Jonah Hill, tutti in grande spolvero e sempre pronti a mettersi in gioco con (auto)ironia descrivendo il clima da amicizia virile tra colleghi di lavoro - anche nell'eccesso di zelo, come accade con Andy "vessato" dai consigli dei suoi nuovi coach pronti a portarlo al successo nel rimorchio della sua prima donna - decisamente alla perfezione.
Non mancano le scene esilaranti - dall'uscita nel locale con tanto di vomito ai gamberi, già citata, al colloquio nel consultorio -, eppure l'impressione che ho avuto da questa visione è che Apatow riesca a dare il suo meglio nelle vesti di produttore prima ancora che di regista: probabilmente la sua influenza, specie se rivolta a sceneggiatori e cineasti giovani e cazzoni quanto i protagonisti delle sue opere, ha il potere di scatenare il "peggio" rendendo i risultati finali ancora più divertenti e coinvolgenti.
Ma poco male: il risultato c'è e si sente, e non si potrà dire che la serata possa considerarsi un buco nell'acqua. 
Un pò come quando ci si incontra con i propri buddies più fidati: potranno saltare tutti i programmi, giungere sbronze devastanti e blackout a sopresa, piovere guai e situazioni al limite dell'assurdo, eppure il giorno dopo non si potrà negare di aver vissuto una "notte da leoni".


MrFord


"Cause it's the heat of the moment
the heat of the moment
the heat of the moment
the heat of the moment showed in your eyes."
Asia - "Heat of the moment" -


 

17 commenti:

  1. Mmm, quei film che non fanno né bene né male...leggero SI, divertente NI, piacevole NO!!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina, secondo me servono quando ci si vuole proprio lasciare un pò andare.
      Certo, poi, SuXbad e Strafumati sono tutt'altra cosa, ma comunque in estate anche questo ci sta alla grande!

      Elimina
  2. quei 116 minuti mi son sembrati 40 anni (da vergine): una noia mortale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jay, io non mi sono annoiato troppo, anche se certo non è dei migliori nel suo genere! :)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Si lascia guardare senza troppa difficoltà, ma di sicuro Apatow e soci hanno fatto di meglio!

      Elimina
    2. ah non lo metto in dubbio ^_^

      Elimina
    3. Io, fossi in te, farei una bella rassegna dell'Apatow style!

      Elimina
  4. ce l'ho in dvd comprato chissà quando nello scatolone delle offerte( mai preso un dvd a prezzo pieno e me ne vanto!) ma ancora non ho avuto il coraggio di vederlo...forse ho paura che mi diverto! ah ah ah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, per una serata zero neuroni ci sta tutto.
      Sicuramente, però, Apatow e soci hanno fatto di meglio! :)

      Elimina
  5. l'ho visto, lo so che l'ho visto perché a guardare il trailer le scene le ricordo. eppure per il resto è vuoto. evidentemente non m'ha lasciato granché. però carell è un figo. ah, se spaccava in the office us

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The office mi manca, però Carell è mitico.
      Mi da sempre l'idea dello zio simpatico.

      Elimina
    2. recuperalooooo! subito!

      Elimina
  6. filmetto medio, apatow non al suo apice, ma sicuramente meglio del bruttissimo zack & miri :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando Zack&Miri sarà un brutto film allora verrà il grande giorno in cui un certo Cannibale scomparirà dalla blogosfera! Ahahahahahah!

      Elimina
  7. There are only a few other items worth buying including" Cursed Elixir"," Meridellian Style Mashed Potatoes"," Psellias Blessing"," Shadow neopets dailies Armour"," Mistletoe Potion"," Fresh Fruit Goblet"," Fresh Fruit Goblet","!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...