venerdì 17 giugno 2011

Film de paura (Parte II)

La trama (con parole mie): Tenute a stento a bada le risate suscitate dall'involontariamente comica lista del Cannibale, passiamo finalmente ad una panoramica horror decisamente più complessa, profonda, variegata e pronta ad inquietare come questo genere vorrebbe. Le dieci pellicole di genere fordiane, elencate in ordine cronologico, esploreranno le paure che teniamo ben nascoste dentro di noi, e che, a volte, esplodono come una furia all'esterno.
Exit light, enter night.

Finalmente, dopo le fregnacce della lista del Cannibale, arriva qualcosa che fa paura davvero! Parola di Bob.

È venerdì 17 e arriva la spaventosa classifica di Mr. James Ford: spaventosamente noiosa!
Cercate di rimanere svegli, mentre io intanto vado a schiacciare un pisolino che questi film sono talmente emozionanti che proprio non riesco a smetterla di sbadigliare...
Ieri vi ho presentato i miei film dell’orrore preferiti, quelli che personalmente mi hanno spaventato e divertito di più, oggi Mr. James Ford ha scelto i suoi migliori del genere, anche se a me sembra più che altro abbia voluto fare una fredda e asettica carrellata horror da corso di Storia del Cinema. Va bene, c’è qualche film ottimo (quelli presenti anche nella mia lista), qualcuno decente, qualche schifezza e qualche film mooolto noioso (d’altronde la noia è una costante quando c’è Ford di mezzo, do you remember Guccini, King Crimson e Weather Report?), però - e magari mi sbaglio, visto che non sono uno psicologo né un fottuto indovino - ma di scelte personali e sentite non ne vedo molte… E, soprattutto, i suoi film (a parte i 2 presenti anche nella mia lista) non mi fanno nemmeno un po’ paura.
Tu Ford invece sì che mi preoccupi perché riesci a gasarti con certe mattonate di pellicole e per questo mi fai paura. Molta paura!
Cannibal Kid

Passata la ben poco spaventevole - anche se a tratti apprezzabile, quando non teen - lista cannibalesca di ieri, eccoci pronti a prendere davvero sul serio un genere apparentemente sottovalutato che è stato in grado di regalare, nel corso dei decenni, alcuni veri e propri Capolavori a tutti gli appassionati di settima arte e non solo.
A differenza del Cannibale, come potrete vedere, io non guardo soltanto film da ragazzine stanche dell'ennesimo Twilight, ma spazio selvaggiamente attraverso tutto il secolo scorso - e non solo - cercando di mostrare più incarnazioni possibili dei mostri che possono turbare i nostri sonni.
Dunque rimboccatevi bene le coperte, perchè il vecchio Ford è arrivato per turbare tutti i vostri sonni!
Mr. James Ford

Perfino Bob è sconvolto dalle bestemmie contro il Cinema che state per leggere grazie al Cannibale.
1) Nosferatu di F. W. Murnau (1922)

Mr. James Ford Inutile presentare quello che, ancora oggi, a quasi un secolo dalla realizzazione, è ancora uno dei Capolavori inarrivabili del Cinema tutto. Murnau si ispirò al Dracula di Bram Stoker creando, con i mezzi praticamente antesignani di allora, il primo, vero film ad effetti speciali della Storia: sequenze in negativo, la telecinesi del vampiro realizzata tagliando la pellicola a mano e saltando i fotogrammi, magie di montaggio e regia. Un genio assoluto, che qui tocca uno dei vertici della sua arte.
E la prima comparsa del figlio della notte mette i brividi ancora oggi.
Cannibal Kid E meno male che poi il radical-chic e quello di nicchia sarei io, quando dubito che in molti abbiano visto parecchi film della tua lista, Shining a parte…
Il difetto di questa tua lista non sta (non solo, almeno) nella qualità dei film scelti, ma nel fatto che mi sembra impersonale e asettica, come la lista di un professore di cinema Sapientino che assegna i film fondamentali nel genere ai suoi studenti. Ma sono davvero questi quelli che ti hanno spaventato di più, o hai solo voluto dare uno sfoggio (inutile e non richiesto) di cultura cinematografica?
Forse l’hai fatto per mostrare le mie lacune, ma io ad esempio questo (noiosissimo) film della preistoria horrorifica l’avevo visto per un corso di Storia del Cinema: esame passato con 30, tra l’altro l’unico 30 della mia carriera universitaria (la lode non l’ho mai presa perché qualche imperfezione, negli esami come in qualsiasi altra cosa, io la devo sempre mettere).
Comunque, visto che hai voluto fare il figo con l’Espressionismo tedesco e con Murnau, grazie per averci almeno risparmiato quell’altra menata che è Il gabinetto del dottor Caligari, altro film con cui sicuramente ti sarai divertito un mondo. 100 anni fa magari queste pellicole al mio trisnonno che andava a vederle al cinema facevano paura, adesso fanno solo ridere facendo venire in mente Aldo Baglio che dice “Sono il conte Dracula, Minchia!”
E poi lascia stare Nosferatu, tanto lo sappiamo tutti che il tuo vampiro del cuoricino è Edward Cullen! uahahahah
JF A Edward Cullen con i tuoi amici emoteen cago volentieri dritto in bocca, per dirla come Randall Graves.
Nosferatu è un Capolavoro inarrivabile, capace di inquietare ancora oggi, ed espressione di un genio come nessuno dei tuoi piccoli registi di poco conto potrà mai neanche immaginare di girare.
Una cosa di questo genere, allora, non solo era horror, ma anche fantascienza, dati i mezzi dell'epoca.
Più che uno sfoggio, è un omaggio.
E chiunque ami il Cinema davvero, non dovrebbe dire proprio nulla su questa meraviglia. Sarebbe come bestemmiare contro la vita.
Ma in fondo, tu ci sei abituato.
CK Piccoli registi di poco conto Tarantino, Kubrick, De Palma?
Ma tieniti pure i tuoi Murnau, Rob Zombie e Marshall (chiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii???????)...
JF Kubrick è anche nella mia lista, come ben sai. Tarantino non lo tocco. Parlo di Craven o Verbinsky (chiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii????)


2) Vampyr di C. T. Dreyer (1932)

JF Quello che Murnau non potè fare grazie al sonoro riuscì a Dreyer solo dieci anni dopo.
Vampyr riprese il discorso di Nosferatu trasformando una storia classica in un Capolavoro moderno, per un film che, a tutti gli effetti, farebbe venire i brividi a Lynch, oggi.
Siamo di fronte ad un altro Maestro del Cinema, autore di alcuni tra i più grandi film mai proiettati - Gertrud, Dies Irae, La passione di Giovanna d'Arco -, eppure mai ho visto tutta la potenza di Dreyer espressa come in questo film.
Inquietudine, solitudine, vita e morte mescolate in un quadro che pare dipinto davvero da un figlio della notte. Magia pura.
CK Questo ammetto che non l’avevo visto e ti odio per averlo consigliato. Capisco che tu voglia sempre sottolineare in ogni occasione il tuo essere un fan delle cose noiose, siano dischi o film. È una cosa più forte di te, lo so, ma questa pellicola è davvero allucinante, nel senso di: due palle allucinanti! Meno male che sei contro il suicidio. E questo film allora cos'è se non il più esplicito invito a voler morire piuttosto di finire di vederlo?
Questa tua voglia di dimostrare cultura cinematografica da corso scolastico quindi mi sembra alquanto spaventosa e mi pare un grido di allarme per attirare l’attenzione: ché per caso Miss Ford vuoi diventare una nuova “scream queen”?
Come diceva poi un tipo che probabilmente odi: i professori sono quasi tutti fuori dal tempo. E tu non fai parte del quasi, mio caro spocchioso aspirante professorone di Cinema: soltanto una persona dissociata dal presente come te può considerare “moderno” una roba del genere. Per la prossima volta ti invito quindi gentilmente a mettere dei film più divertenti, visto che se c'è una cosa che non sopporto ancor più dei film brutti (di cui con La casa del diavolo e The Descent c'hai comunque dato 2 perfette diapositive) sono i film noiosi. Altrimenti per protesta lascerò il commento in bianco!
JF C'è poco da essere o spacciarsi per professori: chiunque al mondo abbia passione per il Cinema - quello vero -, leggendo questo tuo commento, potrebbe avere manifestazioni di vomito selvaggio da far apparire il fantomatico L'esorcista la pubblicità dell'innocua zuppa liofilizzata da supermercato.
Sparlare di Vampyr è un pò come andare in giro a raccontare che Quarto potere è sopravvalutato o che 2001 fa cagare. Ma del resto, a te è piaciuto The fountain!


3) Gli invasati di R. Wise (1963)

JF The others, Il sesto senso, Poltergeist, The grudge, The ring e via dicendo. Dimenticatevi ogni film giocato sui rumori e le sensazioni.
Robert Wise, montatore di Welles in quel film poco noto chiamato giusto giusto Quarto potere, realizza la ghost story perfetta sfruttando praticamente solo le suggestioni sonore, e creando una tensione paragonabile soltanto ai grandi Capolavori di Hitchcock.
Crescendo della trama da paura, finale agghiacciante.
La robetta "moderna" del Cannibale sbianca dalla paura senza neppure arrivare a metà di questo pezzo di bravura ancora oggi insuperato.
CK Per la prima volta in assoluto non ho trovato del tutto terribile un film da te consigliato (vedi robaccia immonda tipo Valhalla Rising). Gli invasati non è assolutamente il capolavorone che tu cerchi di spacciarci da aspirante venditore di fumo, è appena una buona pellicola dal gusto classico che si lascia vedere in maniera tranquilla. Ma certo che solo un piscialletto come te può spaventarsi per due rumorini del genere…
JF Non è spavento, è inquietudine. E poi, detto da qualcuno che rimane sconvolto da The village, i rumori de Gli invasati sono praticamente da infarto fulminante!


4) Non aprite quella porta di T. Hooper (1974)

JF Il capostipite degli slasher movies, incubo senza fine girato con due lire ed assolutamente inquietante, soprattutto nella sua ultima mezz'ora.
Faccia di cuoio, primo, vero mostro della generazione che sarà dominata dai Jason, dai Mike Myers e dai Freddy Krueger, senza troppi fronzoli, gioca al gatto col topo con il consueto gruppo di studenti pronti ad essere massacrati.
Straordinarie le sequenze del passaggio al fratello di Leatherface, della morte del ciccione in carrozzina e dell'agonia dell'ultima superstite nella casa.
Per non parlare della morte del primo malcapitato passato per le mani del vero mattatore - in tutti i sensi - della pellicola: un colpo secco e via, senza troppi fronzoli. Qui non si scherza, antagonista: questi sono i cannibali veri.
CK Sarà anche un classico del genere orrorifico, avrà pure un sottotesto politico e tutto, però è un film troppo estenuante, più che pauroso, per rientrare tra i miei preferiti. Troppa angoscia e poco divertimento rendono Ford un Mister noioso! E poi ormai la famiglia protagonista per quanto fuori di testa non è niente in confronto ai Misseri… Comunque lo salvo perché è l’unico della tua lista vagamente “teen horror” e poi perché ci sono i cannibali, che il Ford se lo magnano in un sol boccone e poi lo gettano fuori con un fragoroso rutto!
JF Ti vanti di essere un cannibale degno di Leatherface e parenti vari, ma in un teen film dei tuoi, saresti la prima vittima, paurosetto come sei.
Che ci provino, a mangiarmi, questi mostri reali o immaginati.
Troveranno pane per i loro denti.


5) Zombi di G. A. Romero (1978)

JF Che Romero sia un grandissimo non ci sarebbe neppure bisogno di scriverlo, così come che La notte dei morti viventi sia uno degli horror "sociali" più importanti della Storia del Cinema.
Ebbene, con Zombi, sequel di dieci anni successivo al primo capitolo della saga, il vecchio leone dell'horror sfodera la zampata decisiva che lo separava dal Capolavoro: l'ironia nerissima e i risvolti etici del film precedente assumono una connotazione ancora più importante all'interno del centro commerciale che ispirerà innumerevoli imitazioni in innumerevoli altri film horror.
Ma come questo, non ce n'è.
CK Ottime musiche dei sempre inquietanti Goblin e Romero è un maestro indiscusso degli zombie-movies, però non rientra tra i miei preferiti un po’ per il fatto che il filone zombie non mi fa impazzire (sarà per una sorta di rivalità cannibale??), sarà che George A. è molto incasellato nel genere, quando io preferisco registi che sanno sì toccare le corde dell’horror ma poi spaziare anche in altre cose, come Tarantino, De Palma o Kubrick tanto per citare alcuni nomi della mia magnifica lista di ieri.
E poi, chiedo da zombie-profano, di Romero non è meglio l’esordio La notte dei morti viventi di questo che a me personalmente non ha fatto impazzire e di cui -eresia- ho preferito il libero remake di Zack Snyder L’alba dei morti viventi?
JF Almeno ammetti l'eresia. Evidentemente qualche passo avanti lo stiamo facendo.
L'alba dei morti viventi di Snyder è un discreto omaggio, e trovo sia la cosa migliore fatta dallo stesso regista di cose repellenti quali 300 e Sucker punch.
Ma Zombi è Zombi. Un vero Capolavoro sociopolitico.
Oltre ad essere uno degli migliori esempi di horror umano, il mio prediletto.


6) Shining di S. Kubrick (1980)

JF Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca. Il mattino ha l'oro in bocca.
Cannibale? Dove sei, Cannibale!? Sono il Ford cattiiiiiiivo!
CK Almeno su Kubrick siamo d’accordo. Poi anche del Maestro ognuno di noi avrà le sue preferenze personali, però vedo che Shining ci trova come l’UNICEF uniti per la pace.
Piccolo spazio consiglio: capisco che ci sia gente che gli horror li evita come la peste, per paura di incubi o persino traumi (d’altronde lo scopo di un film horror davvero riuscito è proprio questo), io ad esempio per paura evito di fare bungee-jumping, però questo è un capolavoro cinematografico che tutti, e dico tutti, dovrebbero vedere.
Comunque dagli anni ’80 tutto qua? Niente Sam Raimi? Io me ne sbatto alla grande, ma qualche fordiano (quei due o tre seguaci che inspiegabilmente ti ritrovi e a cui rinnovo l’invito per passare tra le forze cannibali) non rimarrà per caso deluso e con le lacrime agli occhi?
JF Raimi è un grande, ma ho dovuto scegliere, e dieci erano proprio pochi. Inoltre, non ho certo bisogno di trucchi da campagna elettorale come i tuoi.
Chi mi conosce lo sa, come diceva il saggio.
CK Il problema è: ma chi 'tte conosce? Uhaahaha


7) Il seme della follia di J. Carpenter (1995)

JF Senza dubbio, il Carpenter più incredibile che mi sia mai potuto gustare dal primo all'ultimo minuto.
Al contrario dei filmetti che dovrebbero essere divertenti ed ironici indicati da Cannibale, qui abbiamo davvero un regista che si intende di umorismo nero mescolato al terrore. E come se non bastasse, ci mette pure quel tanto di meta-Cinema per trasformare la ricerca di Sutter Caine in un vero e proprio viaggio nell'incubo.
Il bambino che invecchia sulla bicicletta nel buio e la proprietaria dell'albergo ancora oggi riescono ad inquietarmi quanto basta.
CK Oltre a Shining e Kubrick, pure questo film di John Carpenter mette (sorprendentemente) d’accordo sia Ford che il Cannibale, quindi se ancora non l’avete fatto recuperatelo ORA!


8) Shaun of the dead di E. Wright (2004)

JF La pellicola horror - perchè, a conti fatti, è di un horror che stiamo parlando - più irriverente, spassosa e geniale dell'ultimo decennio non poteva mancare dall'arzilla e varia lista fordiana.
Wright e la premiata ditta Pegg&Frost prendono tutto il meglio della mitologia romeriana e lo filtrano attraverso il più caustico degli humour britannici, infilando una scena memorabile dopo l'altra senza dimenticarsi dei clichè del genere.
L'assedio al pub con Don't stop me now in sottofondo è un pezzo da antologia.
Per non parlare del fatto che tutto il talento visivo che il regista esploderà nei film successivi passa da qui.
Una delle visioni obbligatorie per ogni amante di Cinema che si rispetti.
Anzi, una visione obbligatoria per tutti. Altrimenti sono bottigliate!
CK Oh, finalmente un film divertente! Persino in un genere in genere spassoso ed esaltante come l’horror sei riuscito a rifilarci della mattonazze allucinogene con il tuo solito barboso fordismo al gusto di Valium. Qui almeno hai scelto di fare il simpatico con un’ottima e notevole pellicola british, con un solo difetto: levate gli inascoltabili Queen dalla colonna sonora che sulle note di “Don’t stop me now” sembra di stare in Notte prima degli esami! E questo sì che è pauroso lol.
JF I Queen in quella scena ci stanno dai dio. E per quanto strasdoganati e commerciali, restano comunque mitici, e un pezzo grosso dell'infanzia di un'intera generazione.
Se poi tu temi che la virilità del buon Freddy metta in ombra la tua, allora temo dovrete risolverla a colpi d'asta (di microfono, ovviamente).
CK Sarebbe più corretto dire: una grossa vergogna dell'infanzia di un'intera generazione. Di cui io, per fortuna, non faccio parte!


9) The descent di N. Marshall (2005)

JF Neil Marshall è l'orgoglio del Cinema horror europeo attuale. Un tizio rozzo e cattivo, con attributi da vero braveheart scozzese.
Sono anche certo che possa bere parecchio e sia di compagnia.
Un sacco di pregi molto apprezzati da queste parti, dunque.
Ma soprattutto, è l'autore di uno dei più tosti horror mai visti dai tempi d'oro degli anni ottanta, un incubo in cui il peggio è figlio delle scelte e delle follie delle sue protagoniste.
Oltre al fatto che riesce a fare saltare sulla sedia con una discreta facilità.
E quando non è così, è una sinfonia di ossa rotte, sangue ed aria rubata ai polmoni del pubblico.
Roba da grandi, insomma. Cannibale, copriti gli occhi o vai a nanna.
CK Ford, se riesci a spiegarmi in maniera chiara cos’ha di speciale questo film ti dico che sei bravo per la prima (e unica) volta in questa sfida bloggare! La prima scena è molto ben girata, poi le cose degne di note nella carriera di questa presunta stella cometa già precipitata del cinema inglese che è Marshall (orgoglio del cinema europeo attuale, ma sei ubriaco???) sono finite e si sprofonda in un buco nero (anche a livello di contenuti) insieme alle protagoniste spericolate e idiote più del James Franco di 127 ore, nonché in un mare di noia condito da mostri improbabili e da una disperata lotta alla sopravvivenza. Niente che non si sia già visto e fatto molto meglio in altri film ancora più claustrofobici come ad esempio il notevole Cube - Il cubo, il “padre” di Saw – L’enigmista.
Che poi i film horror fanno leva sulle nostre paure interiori e a me sinceramente situazioni extreme come queste non mi coinvolgono per niente, sarà perché io non andrei mai a calarmi dentro una caverna quindi di ‘ste squilibrate che per divertirsi si vanno a rintanare (rintronare) in una caverna me ne sbatto le palle! Se vuoi vacci te Mr. Ford, laggiù in fondo. E restaci pure insieme alle tue lagne di film da catalessi.
Io dopo averlo visto (anzi, già mentre lo guardavo) sono andato a nanna tranquillamente: paura zero, solo tanta ma tanta noia tipicamente fordiana!
JF Non c'è bisogno di una caverna, per muovere alcuni sentimenti. Quella è solo una cornice.
E la cosa spaventosa e terribile di questo film è proprio il lato selvaggio dell'Uomo che viene fuori. Un pò come per Haneke.
Solo un pò più gore.
Ma se non l'hai visto, meglio per te. Goditi la tua infanzia, finchè dura.
CK Tu invece goditi la tua vecchiaia, che un piede (ma forse anche due) ce l'hai già nella fossa, mio caro (rob) zombie!
JF Me la godo eccome, sulla mia veranda con il fucile puntato sulla tua testolina!


10) La casa del diavolo di R. Zombie (2005)

JF Io sono il diavolo, e sono qui per fare il lavoro del diavolo.
La frase culto pronunciata da Otis pare quasi il monito di Zombie, che prende il meglio di Tarantino e Rodriguez, lo mescola al già buon lavoro sul precedente La casa dei 1000 corpi, e lo trasforma nel road movie più massacrante - e stiamo parlando di vittime - della Storia del Cinema recente, in cui tutto pare andare in una direzione e poi ci si ritrova a parteggiare per i mostri in fuga dalle autorità violente.
Un paradosso della società neanche fosse Romero, con una colonna sonora da urlo, un cast che più in parte non si potrebbe, ironia - questa sì, mica A prova di morte! - ed un finale sulle note di Free bird che è una manna dal cielo per ogni Ford che si rispetti.
Bye bye, Cannibale!
CK Rob Zombie sia in campo musicale che cinematografico vale davvero poco e di arrivare ai livelli di Rodriguez, per non citare nemmeno Tarantino che sta proprio su un altro pianeta, di sacrifici satanici ne deve ancora fare molti! Con questo filmetto (tra l’altro un sequel e io odio i sequel, soprattutto quelli pessimi di film già in partenza brutti assai) almeno hai abbandonato il vestitino da professore per indossare lo smanicato da tamarro metallaro (con tanto di clown mascherato, altro segno fordiano distintivo), e infatti si vedono i risultati ahahah. Questo film è davvero inconsistente, con una cattiveria stereotipata e tra l’altro una puntata di Settimo cielo fa molto più paura! Però certo che se a te The descent e questo La casa del diavolo sembrano tra i miglior film de paura dell’ultimo decennio, quando già The House of the Devil che IO ti ho consigliato è 1000 volte superiore, te credo che poi ti vai a rifugiare nei film di 100 anni fa…
Comunque sto ancora aspettando: quali sarebbero i film davvero spaventosi della tua lista? Questo è solo qualitativamente spaventoso ahahah!
JF Evidentemente anche se sono un tamarro metallaro con smanicato ho un occhio per il montaggio, la regia e l'utilizzo della colonna sonora migliore del tuo e più simile a quello del vecchio Quentin, che un film del genere non solo l'avrebbe voluto girare al posto di quella cagatina di A prova di morte, ma se l'è sognato ogni secondo per tutti gli anni del suo oblio precedente ai Bastardi.
La cattiveria stereotipata di Rob Zombie non è nulla rispetto a quella ridicola del tuo amico Wes Craven e dei suoi Scream da facce slavate.
Ghostface finisce in una pozza di sangue e poi ben centrifugato nella lavatrice di violenza orchestrata da Spaulding e la sua indimenticabile famiglia.
The house of the devil è carino, ma se La casa del diavolo ti sa di già sentito, non so cosa pensare: in fondo il film che TU mi hai consigliato è un sapiente mix de L'esorcista e Rosemary's baby - altri due Capolavoroni rimasti fuori per il rotto della cuffia -.
E giusto per mettere le cose in chiaro: solo con Machete Rodriguez si è avvicinato al Rob Zombie di questi due film.
CK Tarantino è il più grande regista vivente, Rob in quanto Zombie è al massimo il più grande cretino senza talento non vivente! Un paragone tra loro due è impietoso un po' quanto quello di Kurt Cobain con Kid Rock. O Cannibal Kid con Mr. James Ford ahahahahah
JF Tarantino è il più grande regista vivente quando ci sono in giro Scorsese, Eastwood, Malick, Kitano, Sokurov, Bela Tarr, Haneke, giusto per citarne alcuni, è davvero una bestialità degna di un reietto del Diavolo. Complimenti, Cannibale, la tua conversione è ormai avvenuta! Aahahahahahahahah!
CK Ah dimenticavo: ti ringrazio per non avere inserito nel tuo elenco (noioso più di quello telefonico) anche quel “capolavorone” de L’esorcista, che mi aspettavo visto che secondo me è uno dei film più pallosi di sempre (e non solo in ambito horror) ed è quindi un perfetto manifesto del Fordismo. E moh adesso mi prendo una vacanza, perché per un po' dei tuoi film da coma non ne voglio più sapere!
JF Puoi andare anche nello spazio, ma non fuggirai alla mia fantalista di fantascienza!


Il prossimo appuntamento sarà con un altro genere cinematografico (forse la fantascienza?) e io prego affinché 'sta volta Mr. Ford ci risparmi le sue menate di film e ci regali qualche pellicola più divertente e godibile, un po' come le mie. Anche se ahimé ne dubito...

Io, invece, non prego per nulla: tanto, ormai, si è capito che di Cinema il mio sempre fastidioso antagonista non capisce una beata fava. Spazio oppure no!

34 commenti:

  1. Mi spiace JF ne conosco pochissimi. Non metto in dubbio che facciano veramente cagare sotto ma non li ho visti. L'unico che mi fa paura solo vedere il titolo è "Non aprite quella porta" che ho visto anni fa ed è davvero micidiale. Adesso non mi metterei mai a vedere un horror.

    RispondiElimina
  2. Maestro, mi dispiace... Cannibale 1 - MrFord 0.
    Anche se Shaw of the Dead è un capolavoro immenso!

    RispondiElimina
  3. Ecco, forse mi ritrovo più con questa lista, con qualche limite mio - mi manca Dreyer - e con gli ultimi due titoli che no. The descent è quello coi mostri "indefiniti" che ti entrano dentro? Se è quello boccio! Mentre brucerei ogni copia de La casa del diavolo, nonostante un finale claustrofobico eccellente che fa rimpiangere l'ora trascorsa a sentire i discorsi di una famiglia di invasati.
    Adesso che però ho mostrato più simpatia per la lista, Ford, dove sono le ragazze?

    RispondiElimina
  4. Gae, secondo me adesso che i figli vanno in vacanza potresti concederti un paio di horror da brividi!

    Pesa, sappi che hai tradito Pegg, Frost, Wright, e soprattutto il sottoscritto. Sarai preso a bottigliate da Faccia di cuoio. Tante, tante volte. ;)

    Marco, The descent è quello delle ragazze che fanno speleologia e finiscono scappando dai mostri per ammazzarsi tra loro. Ed è una bomba.
    Come La casa del diavolo.
    Ad ogni modo, le ragazze arriveranno direttamente a casa tua, senza passare da Cannibale. :)

    RispondiElimina
  5. lista di tutto rispetto. si sente un pochetto la mancanza di film italiani, ma comprendo il limite di 10.
    Ottimo Gli Invasati di Wise, film angosciante e senza l'uso di una sola goccia di sangue o altre menate, tutto creato con inquadrature e montaggio.
    E per piacere non mi toccate Rob Zombie! Non vedo poi perché continuare a fare paragoni con Rodriguez o Tarantino. Di tratti in comune i 3 registi ne hanno veramente pochi. Mah!

    Non capisco manco perché tirare in ballo The House of the Devil che a parte l'avere in comune il titolo, ma solo nella versione italiana, non c'entra una beneamata mazza col film di Zombie. Due film horror agli antipodi. Sinceramente non capisco neanche la sciorinata circa i sequel, come se fare un sequel sia qualcosa di blasfemo. Che significa? Che siccome è un sequel un film è per forza brutto o fatto male? Che non è degno di essere fatto ne tanto meno visto?

    RispondiElimina
  6. Lista di tutto rispetto, anche se i primi 3 non li ho mai visti. Alla grande descent, casa del diavolo e non aprite quella porta. La scena quando danno il martello in mano al nonno è aggiacciante.
    Effettivamente anche profondo rosso ci poteva stare bene. Quella cazzo di vecchia pazza mette davvero paura.
    Ford ma Eden lake come lo classifichi?

    Anche io non capisco il discorso sui sequel, anche the dark knight(tanto per citarne uno) è un sequel eppure è un capolavoro. Anche se ti do ragione sul fatto che esistano sequel fatti solo per monetizzare il momento, senza metterci un po' di cuore.
    Pirati dei caraibi?

    RispondiElimina
  7. *el gae
    d'altra parte certi film poteva tirarli fuori dal sarcofago giusto ford... :)

    *ford
    ford, i tuoi capolavoroni a quanto pare non li hanno visti in molti a parte te e - purtroppo ora anche - me :)

    *pesa
    pesa rules!
    ormai hai bisogno di un nuovo maestro e io se vuoi sono a disposizione

    *marco
    mi sa che hai fatto confusione, più che ragazze qui puoi giusto trovare dei palestrati bombati smanicati hahaha :D

    *frank
    hai ragione: tarantino e rodriguez sono registi e quindi non sono minimamente da paragonare a rob zombie, che è un metallaro che si crede regista solo perché tiene una mdp in mano.. ahahah :D

    the house of the devil lo citavo solo in quanto esempio di ottimo horror dell'ultimo decennio, con questa porcheria niente ha a che vedere.

    e di sequel buoni ce ne sono anche, ma quando già il film di partenza come in questo caso era pessimo e nessuno se l'era filato, direi che l'utilità di farne un sequel era pari allo zero. e infatti si sono visti i risultati... :)

    RispondiElimina
  8. Bob..il mio incubo più grande!!

    RispondiElimina
  9. Frank, inutile dire che sono tutto dalla tua parte. Del resto, è ormai assodato quanto poco il Cannibale capisca di Vero Cinema! ;)

    Dembo, Profondo rosso ci stava tutto, ma anche Suspiria o La maschera del demonio di Bava, che era un vero maestro - Mario, non Lamberto - e che forse meritava uno spot nella lista.
    Eden Lake è una ficata, non l'ho inserito soltanto perchè ho cercato di lasciare spazio ai miei film del cuore, e pensa che ho dovuto tagliare anche La casa!
    Il discorso dei sequel non ha senso, come molte delle cose che dice Cannibale, del resto. ;)

    Cannibale, ti faccio un breve riassunto di tutte le tue castronerie:
    1) i miei capolavoroni sono capolavoroni del Cinema tutto, ma è naturale che non tutti possano averli visti. In fondo, si tratta di film che non viene naturale schiaffarsi tutti i giorni. Neanche io guardo i muti così spesso.
    E poi non eri tu quello delle scelte di nicchia!? ;)
    2) stai pur tranquillo che le ragazze non sono mai mancate nel saloon, e di certo Marco troverebbe più soddisfazione in mezzo al casino fordiano che non nella stanzetta protetta dalla campana di vetro cannibale. ;)
    3) Rob Zombie è un regista con i controcazzi, nonostante i due Halloween siano dimenticabili. Forse gli invidi la moglie! ;)

    RispondiElimina
  10. Chicca, Bob è l'incubo di un sacco di gente! Anche io l'ho temuto per anni e anni, e ancora oggi fa il suo effetto!

    RispondiElimina
  11. No, allora The Descent mi manca e l'ho scambiato con un altro. C'è stato un periodo in cui la speleologia è apparsa in 2-3 film fotocopia.
    Rinuncio alle ragazze e ai palestrati, mi tengo Murnau, forse recupererò The descent. Vampyr sicuramente.

    RispondiElimina
  12. No, ma dico,,, come si fa a scartare un filmone come "It" (che a me da piccolo terrorizzò :P), come si fa?!

    La selezione non è affatto male, ma mi sei caduto su un classico ormai, Maestro.
    Ora mi faccio un drink per smaltire la delusione... eheheh... :P

    RispondiElimina
  13. *chicca
    bob troverà spazio tra i telefilm...
    ;)

    *ford
    a forza di dirti da solo che ne capisci di cinema solo tu, magari alla fine ti autoconvincerai aahahah

    un conto sono le scelte di nicchia personali, un conto è voler fare lo spocchioso con film da aspirante prof di cinema...

    di rob zombie ho visto 3 film (halloween 2 me lo sono risparmiato volentieri) e tutti e 3 mi hanno fatto tanto ma tanto schifo. un po' come la sua musica... e la moglie è buona, ma come attrice è una cagna e solo lui può farla lavorare! uaahah :D

    *vince
    ormai ford continua a deludere persino voi..
    passate dalla mia parte, è la cosa migliore che possiate fare! :D

    RispondiElimina
  14. Non sto manco a discutere Rob Zombie come musicista... che è tutta un'altra cosa e lasciamo stare!

    Però vorrei capire da cosa si deduce che Rodriguez e Tarantino (che poi adoro!) siano registi e lui invece no. Posso comprendere che non ti siano piaciuti i suoi film (i gusti personali seguono delle regole tutte loro), ma da qui a dire che non è capace, che ci sia qualcosa di sbagliato mi sembra esagerato.

    House of the Devil poi proprio esempio del decennio non ce lo vedo. È un film riuscito solo a metà... per poi finire in un banale quanto scontato torture, con trama satanista campata in aria.

    Per i sequel sei il solo che parla dell'inutilità del La Casa del Diavolo (da tutti considerato il migliore dei 2!), così come sei il solo a dire che La Casa dai 1000 corpi non se l'era cagato nessuno. Informati e scoprirai che non è assolutamente vero, tant'è che quando uscì fu accolto molto, ma molto, bene. Poi se le tue fonti di informazione sono il Cioè, Girl Power o la trasmissione di Marzullo, allora mi scuso in anticipo.

    RispondiElimina
  15. *frank
    vabbè ma quando dico che non è un regista scherzo. (oddio neanche tanto!!! aaahah)
    comunque per me non c'è paragone con tarantino, che è di tutto un altro pianeta rispetto allo zombie del cinema: la stessa differenza che passa in musica tra i Radiohead e... lo stesso rob zombie.
    la casa dei 1000 corpi aveva anche avuto qualche buona recensione in ambito horror, ma da qui a sentirne il bisogno di fare un sequel ne passa, considerando come gli incassi siano stati misery e a parte una parte della stampa horror (tra cui considererei anche cioè) non è che si siano tutti strappati i capelli per il suo avvento cinematografico. quindi perché farne addirittura un sequel? stessa cosa per halloween in versione rob zombie, che pure qui si è messo a fare un seguito utile quanto un buco di culo su un gomito... :D

    RispondiElimina
  16. Marco, The descent e Vampyr meritano alla grande. E prova a spiegare a Cannibale perchè ci teniamo così tanto a Murnau!

    Grande Vince, mi faccio un drink anch'io per dimenticare tutte le stronzate che racconta il Cannibale! E tu sai che allo stesso non piacciono i clown come il nostro amico Pennywise?

    Io non dico che capisco di Cinema solo io, solo che tu non ne capisci una fava! ;)
    Poi, scelte di nicchia e personali sarebbero l'equivalente dei tuoi Smiths e Joy Division musicali? Qualsiasi titolo stiamo qui a difendere è abbastanza famoso per non essere di nicchia, mi pare. Che sia in una mia o in una tua lista. E prima che tu dica che faccio il professore, ti dico che quello che conosco di Cinema l'ho imparato guardando e guardando e guardando, senza scuole. Un pò come il tuo amico Tarantino. :)

    Frank, meno male che ogni tanto interviene qualcun'altro a bottigliare il Cannibale, che altrimenti mi annoio a bastonarlo sempre e solo io! Aahahahahaahahh! Forza Frank, forza Rob Zombie, forza Cap. Spaulding!

    RispondiElimina
  17. Cannibale, mi dispiace, ma io ho giurato, in ogni caso, fedeltà eterna al Maestro. :D

    Maestro, qui mi s'insinua... Provvediamo! :P

    RispondiElimina
  18. *mr. ford
    in tal caso tanto peggio per te, perché vuol dire che hai subito l'ennesima umiliante sconfitta con uno che non ne capisce una fava :D

    *vince
    rispetto la fedeltà, però ormai ford sta più bollito di berlusconi, quindi fossi in te un pensiero (cannibale) ad abbandonare la sua barca prima che affondi lo farei...

    RispondiElimina
  19. Gran bella lista, a parte quello di Dreyer che ancora devo vedere e La casa del diavolo, che mi era piaciuto ma fino a un certo punto.
    Dawn of the Dead stupendo!

    RispondiElimina
  20. proprio a voler parlare di incassi de La Casa dei 1000 corpi, che tu chiami miseri e che non giustificherebbero un sequel ti dico, dati alla mano, che alla fine di tutta la trafila (cioè in giro per il mondo) il film ha guadagnato quasi 17milioni di dollari. Essendone costato "solo" 7 milioni, mi pare che ci fossero ben 10 milioni di motivi per farne un sequel.
    Considera che in Italia il film uscì a fine Giugno (cioè in bassa stagione cinematografia) e si è portato a casa (ti ricordo che stiamo sempre parlando di un horror) ben $797,746 uscendo in sole 110 sale.
    Forse abbiamo una concezione diversa della parola miseria.

    fonte:
    http://www.boxofficemojo.com/movies/?page=main&id=houseof1000corpses.htm

    RispondiElimina
  21. io non posso vedere 'sti film! Con tutti gli sforzi e il bavaglio, comincio a rompere le scatole ogni volta che vedo qualcosa di assurdo e non riesco a tenere la bocca chiusa. Tranne che per i primi (quelli antichi per intenderci) gli ultimi sono fonte di grasse risate. Perdonate l'ignoranza. Buon fine settimana a tutti.

    RispondiElimina
  22. Vince, io lo so che ci sei sempre, giovane Padawan. Nonostante le tentazioni vuote di Cannibale. :)

    Cannibale, l'umiliante sconfitta sarà sempre la tua, che cerchi proseliti così disperatamente da fare tenerezza - un pò come i tuoi film presunti horror! - ;)

    Ottimista, sapevo che avresti apprezzato. Del resto, non sono mica tutti come il mio antagonista, fortunatamente! :)

    Frank, così ti voglio, bello combattivo! Giù legnate al Cannibale! :)

    Petrolio, posso capire che l'horror non rientri nel canonico o più artistico approccio al Cinema, eppure, se visti con il giusto approccio, anche i più recenti possono suscitare riflessioni importanti. Fidati dei due rivali in stereo! ;)

    RispondiElimina
  23. *frank
    non mi sembrano certo cifre da capogiro... se adesso si deve fare un remake di ogni film che supera i 10 milioni di incasso, ci troveremmo con una hollywood piena di inutili sequel senza idee.
    ooops, è proprio quello che sta succedendo!

    *mr. ford
    io lo dicevo solo per il loro bene, visto che anche all'interno del tuo limitato fordismo continui a fare scelte che li deludono...

    RispondiElimina
  24. Ma io non sono un presuntuoso messia come te, Cannibale, e non sento il bisogno di deludere o soddisfare nessuno. I miei compari sono tutti liberi di seguire o no i miei consigli, e restano miei compari dalla bottigliata all'abbraccio da compagnoni.
    Quindi la (tua) chiesa e i suoi ridicoli assunti li ignoro bellamente. Ahahahahah!

    RispondiElimina
  25. @MrFord: Non sarei un buon giovane padawan, sennò... no?! :)

    @Cannibale: Sentiamo... cosa mi offriresti? ... Ahahah... :D

    RispondiElimina
  26. *vince
    vedo che cominci a ragionare eheheh
    ci sarebbe un bell'assegno a tuo nome in banca che ti aspetta, però lascio perdere perché se no povero ford rimane proprio senza nessuno che lo segue... :)

    *mr. ford
    a quanto pare i tuoi padowan stanno per cedere alle tentazioni della mia Chiesa buahahaha

    RispondiElimina
  27. Vince, io so che tu ci sei. Quindi mi fido a dispetto di qualsiasi offerta cannibale. ;)

    Cannibale, guarda che il mio giovane padawan per eccellenza sei tu, anche se continui a rifiutare la cosa! ;)

    RispondiElimina
  28. Mmmmhhh... Cannibale, ti ringrazio per l'allettante offerta... ma noi giovani padawan, come saprai, abbiamo un profondo rispetto del nostro codice d'onore. Mi spiace, ma non posso tradire il Maestro! :)

    Maestro, dove lo trovi un giovane padawan più devoto di me?!? ;P

    RispondiElimina
  29. ford, rassegnati: io sono un animale indomabile e non ho bisogno di maestri.

    "io sono il padrone del mio destino:
    io sono il capitano della mia anima."

    RispondiElimina
  30. Vince, sei indubbiamente il miglior padawan esistente. Bravissimo!
    Altro drink in arrivo per te! :)

    Cannibale, ormai citi Eastwood a ripetizione, rassegnati. Sei diventato fordiano anche tu! :)

    RispondiElimina
  31. prima di diventare fordiano mi suicido!
    ti sembra una cosa da ford pure questa uahahah :) ?

    RispondiElimina
  32. niente bottigliate mr Ford...ma a parte "The descent" che ho visto e trovo un capolavoro assoluto, nada de nada!Non ne ho visto nulla.. Su Rob Zombie ho qualche riserva....ho visto "Halloween" e francamente mi è sembrato eccessivo....

    RispondiElimina
  33. Newmoon, non hai visto neanche Shining!?!?!
    Quello va recuperato obbligatoriamente!
    Ma anche gli altri non scherzano!
    Capisco le riserve su Rob Zombie, con i due Halloween ha tirato fuori il suo peggio, ma La casa dei 1000 corpi e La casa del diavolo sono uno meglio dell'altro!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...