mercoledì 20 aprile 2011

Pineapple express - Strafumati

La trama (con parole mie): Dale Denton, fumatore di marijuana appassionato che si occupa di consegnare ingiunzioni giudiziarie, assiste ad un omicidio che vede coinvolti una poliziotta corrotta e il fornitore del suo pusher Saul. Un mozzicone di canna con all'interno la pregiatissima erba Pineapple express sarà la traccia che il criminale seguirà per dare la caccia all'insolita coppia di fuggiaschi, che cercheranno di arrangiarsi come possono inanellando una serie di situazioni al limite del grottesco neanche fossimo nel bel mezzo di un film con protagonisti Jay e Silent Bob diretti da un Kevin Smith strafatto. 
E alla fine ci scappa pure la sparatoria, giusto per contentare noi vecchi appassionati dell'azione.

Questo Free drink è per Ginger.

Lo ammetto, era dai tempi di SuXbad a casa di Dembo che non mi divertivo così sguaiatamente con un bel film da amicizia virile virata sul cazzonismo.
Superato il trauma di un altro tra i titoli più imbecilli mai appioppati ad una pellicola nel suo adattamento - curioso che, di recente, sia accaduto lo stesso con un altra visione di "verde" argomento, Fratelli in erba -, da subito il lavoro della premiata ditta Apatow/Rogen mi è parso fresco e frizzante, scorrevole e a tratti irresistibilmente divertente, candidato ad essere uno dei miei personali cult di genere, quasi alla pari con il succitato Suxbad o Una notte da leoni.
Certo, non siamo qui a parlare di pellicole in grado di lasciare il segno nella Storia del Cinema, e probabilmente, con qualche accortezza in più nello script, il risultato sarebbe potuto essere certamente migliore, eppure sequenze come la notte nel bosco, la rissa improvvisata a casa di Red - divenuta in pochi istanti una delle mie scene cult di questo inizio duemilaunidici -, la cena a casa della fidanzata di Dale e l'incredibile inseguimento in macchina non si dimenticano facilmente, oltre a far pisciare sotto dalle risate neanche si fosse tornati di colpo adolescenti nel pieno esercizio della loro proverbiale demenza.
L'accoppiata Rogen/Franco, inoltre, sfodera simpatia e suddetto cazzonismo - sono in vena di neologismi, in questo periodo, ispirato da Julez - a profusione, suscitando immediata empatia nello spettatore, consumatore abituale di erba o no: i due compagni di fuga, a tratti simili ai protagonisti dei Classici Disney che si trovano, scoprono di essere legati, hanno un momento di difficoltà, rinsaldano la loro amicizia e sconfiggono i cattivi di turno, riescono a mantenere un livello di stupidità consolidato ed irresistibilmente divertente, scomodando nella mente del sottoscritto, in alcuni momenti, addirittura un paragone - pur se alla lontana - con i passaggi più surreali di Arizona junior o Il grande Lebowski.
Certo, siamo pur sempre di fronte ad un film super fracassone da veri e propri jackass legati gli uni agli altri come dei veri fratelli che non avrebbe perso nulla con una ventina di minuti in meno, ma ragazzi, me lo sono proprio goduto. 
L'unica, grande pecca sta nel fatto di non averlo programmato per una bella serata in compagnia con rutto libero, risate idiote e fidanzate e mogli che guardano allibite da lontano chiedendosi se sia realtà o fantascienza il fatto che si siano legate a rincoglioniti di proporzioni bibliche come gli scimmioni strafatti che ciondolano poco lontani da loro di fronte alla tv.

P.S. Non c'entra nulla o quasi, ma non resisto a non dirlo: McLovin!


MrFord

"They’ll stone ya when you’re tryin’ to make a buck
they’ll stone ya and then they’ll say, “good luck”
tell ya what, I would not feel so all alone
everybody must get stoned."
Bob Dylan - "Rainy day women 12&35"-

32 commenti:

  1. Lo sapevo lo sapevo che ti sarebbe piaciuto!
    :D
    Hai già detto tutto tutto tu, quindi non aggiungo altro tranne che alla fine del film resta una voglia di farsi un bel cannone! ;P

    RispondiElimina
  2. P.s= mea culpa, ho capito il riferimento a "Mc Lovin" perché ho visto il trailer, ma non ancora il film di Superbad.... recupererò!

    Grazie ancora!

    RispondiElimina
  3. film molto divertente, anche perché per fortuna io di parentele con il mondo dei coen non ne ho vista alcuna. altrimenti sarebbe stato una noia mortale :)

    *ginger
    eh proprio te non hai visto superbad? male!

    RispondiElimina
  4. Ginger, è stato davvero una bella scoperta, mi sono divertito come un pazzo!
    Devi ASSOLUTAMENTE vedere Suxbad!
    Forza McLovin!

    Cannibale, la nostra battaglia sui Coen continuerà a vita, a quanto pare! ;)
    Almeno sono contento che sui prodotti legati a McLovin e soci siamo d'accordo!

    RispondiElimina
  5. L'amicizia tra Dale e Saul, mi ha ricordato un pò quella tra Lloyd e Harris del film Scemo+Scemo. Le scene migliori di Strafumati secondo me sono quella finale della collana con il cuore da dividere in tre, e quella nel bosco dove vogliono far scomparire i cellulari:)

    RispondiElimina
  6. ottimo recupero james! questo è stato un'esperimento riuscitissimo, l'accomunare un genere come lo stoned-movie ad un più classico thriller action. il risultato è una bomba. aggiungerei oltre ai mitici superbad e una notte da leoni, anche il grandissimo e stupidissimo Hot Rod... se non l'hai visto me lo gioco come free drink!

    hem... le 10 e mezza!

    RispondiElimina
  7. magari lo recupero...
    Se passi da me più tardi c'è un mini sondaggino per il festeggiamento dei 50 followers (ok, non sono molti, ma ho girato la boa no??) ed un mio post su quella enorme boiata di Paranormal Activity...mi piacerebbe il parere di un esperto

    RispondiElimina
  8. Anche io mi sono divertito come un pazzo nel guardarlo, cazzo mi sarebbe piaciuto rivederlo assieme!!
    E poi come colonna sonora c'è un pezzo di Mya, -Paper planes- che ti fa mettere in ginocchio in segno di adorazione.

    Suxbad bomba totale.
    E McLovin ormai è una sorta di divinità.

    RispondiElimina
  9. Quoto in pieno Hot Rod di Frank. Questo me lo sono visto qualche tempo addietro e mi ricordo di essermi fatto qualche grassa risata ;) E poi, secondo me sono proprio questi film cazzoni a farci capire quanto bello sia il cinema!!

    RispondiElimina
  10. Affari, effettivamente la scena del cuore da dividere in tre è magica. :)

    Frank, Hot rod non l'ho visto, me lo segno come tuo free drink!
    Magari un giorno o l'altro noi expendables della blogosfera vediamo di organizzare una vera "notte da leoni"!

    Newmoon, recuperalo alla grande, e destinalo ad una serata in compagnia con tanto di rutto libero!
    Sono passato volentieri!

    Queen, MITICO.

    Dembo, prima o poi ce lo rivediamo insieme. Magari dopo una visita al nostro petroliere.
    Paper planes è un pezzo fantastico.
    E McLovin è la nostra religione.
    Anzi, pensa.
    McLovin con il deerstalker.

    RispondiElimina
  11. Eddy, concordo in pieno.
    I film cazzoni sono quelli che ti salvano la vita, certi giorni.
    E nel resto del tempo te la fanno godere.
    Vai con Hot rod, dunque!

    RispondiElimina
  12. Questo invece mi era piaciuto meno rispetto ai vari Suxbad, Molto incinta e compagnia bella... ma lo si guarda comunque volentieri. ;)

    RispondiElimina
  13. concordo con ottimista qui sopra: mi era piaciuto di meno rispetto ai "simili", ma ho riso comunque come un cretino tutto il tempo :D

    RispondiElimina
  14. Prometto che recupero Suxbad eh!

    RispondiElimina
  15. Ottimista e Einzige, ci sta il vostro parere, ma non si può negare che il divertimento sia assicurato!
    Molto incinta ancora mi manca, ma provvederò presto!

    Ginger, Suxbad va recuperato prima di subito.
    E mi raccomando, appena hai visto fammi sapere!

    RispondiElimina
  16. ce l'ho lì da un po'. dopo ciò che hai scritto mi toccherà vederlo, dunque.

    RispondiElimina
  17. me lo ricordo questo film, strafumato non solo nel titolo.
    è davvero divertentissimo... che risate mi sono fatta!!!!

    RispondiElimina
  18. Ciku, ti toccherà per forza.
    E come ho già scritto, dedicagli una serata tutta pane, salame e rutto libero!

    Pupottina, concordo in pieno. Ho riso sguaiatamente a più riprese, e senza neppure essere in stato alterato. Rimedierò alla prossima visione!

    RispondiElimina
  19. Sì sì, il divertimento c'è! :)
    Molto incinta è uno dei miei preferiti della serie di Apatow e soci. Bellissimo anche Forgetting Sarah Marshall, tradotto Non mi scaricare (!).

    RispondiElimina
  20. Molto incinta non l'ho ancora visto, ma ce l'ho in cantiere.
    Devo dire che i film di Apatow e soci hanno un record per quanto riguarda gli adattamenti dei titoli!
    Ad ogni modo, vedrò di recuperare anche quello!

    RispondiElimina
  21. **

    carino ma nulla più. però devo ammettere che stavo senza birra.

    RispondiElimina
  22. Ciku, non un Capolavoro, certo.
    Ma birra o no, non dirmi che non ti sei piegata con la rissa a casa di Red o l'inseguimento tra macchine della polizia!

    RispondiElimina
  23. ehm... no. i dialoghi son mediocri, i personaggi delineati frettolosamente (parlo dei cattivi anche se si salva nettamente craig robinson), la trama è misera. sa di visto e stravisto. ho passato mezzo film a cercare di capire quanto siano alti franco e rogen. e poi c'hai ragione, dura 20 minuti di troppo. o 30. forse 40. cmq nel complesso è guardabile. cioè, c'è di peggio.

    RispondiElimina
  24. Cazzo, Ciku, l'hai proprio massacrato.
    Forse occorre che te lo si faccia rivedere dopo una bevuta come si conviene!

    Ad ogni modo, credo che Franco e Rogen siano discretamente alti. Tra l'uno e ottanta e l'uno e ottantacinque, direi.

    RispondiElimina
  25. credevo pure io ma questa scena m'ha lasciata perplessa

    http://i52.tinypic.com/1fy5n7.png

    RispondiElimina
  26. Ciku, io credo che la spiegazione sia più o meno questa:
    - il tizio con la barba si spara un energy drink per affrontare la giornata.
    - l'impomatato crede di essere Don Draper, e non ha ancora realizzato che non è così.
    - il vecchio è imbalsamato.
    - l'altro tizio ha la tazza vuota tenuta al rovescio e verrà cazziato dal regista
    - Seth Roger si sta chiedendo perchè, essendo alto, è il più basso nell'ascensore.
    Come ti sembra!?

    RispondiElimina
  27. Dopo un'attenta riflessione, credo che Seth Rogen sia giunto alla conclusione che gli altri sono stati dotati delle scarpe col rialzo che usa il comico che guida il governo.

    RispondiElimina
  28. :-)

    ok, questa tua spiegazione mi fa rivalutare il film!

    (no, non è vero...)

    RispondiElimina
  29. Se non è bastata neanche questa, resta solo molto alcool! :)

    RispondiElimina
  30. Me lo sono sempre perso,non so se riuscirò a recuperarlo,ma mi piacerebbe.Anche se forse,vista l'antipatia del Khal per le droghe di ogni tipo,farei meglio a guardarmelo da sola ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un guilty pleasure totale, da queste parti: io ho riso come un pazzo dall'inizio alla fine.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...