sabato 16 maggio 2015

L'isola del tesoro

Autore: Robert Louis Stevenson
Origine: UK
Anno: 1883
Editore: Feltrinelli





La trama (con parole mie): Jim Hawkins, giovane figlio del gestore di una locanda nei pressi di Bristol, si ritrova affascinato ed intimorito dall'ultimo ospite dell'Ammiraglio Benbow - questo il nome del locale di proprietà della sua famiglia -, il navigatore e pirata Billy Bones.
L'uomo, scontroso e solitario, è in realtà in fuga dai vecchi compagni perchè in possesso della mappa che condurrebbe al tesoro del leggendario Capitano Flint, uno dei predoni dei mari più terrificanti di sempre: quando, dopo alcune settimane, Bones viene raggiunto e minacciato dai suoi, per Jim inizierà un'avventura che lo porterà lontano dalle coste inglesi dopo aver seppellito il padre e lasciata la madre alla ricerca del famigerato tesoro dall'altra parte del mondo, facendo esperienza come mozzo e crescendo come uomo nel momento in cui l'ambiguo Long John Silver, cuoco di bordo della spedizione, si rivelerà essere l'unico che, ai tempi d'oro, teneva testa a Flint, nonchè il più determinato ad impadronirsi del tesoro stesso.








Di recente, grazie al vero e proprio colpo di fulmine che è stato imbattermi nel personaggio di Long John Silver, il mio amore - mai sopito - per le avventure marinaresche ed i charachters legati profondamente alla vita è rifiorito neanche fosse la primavera del secolo, spingendomi a recuperare il Classico responsabile ed ispiratore del già indirettamente citato La vera storia del pirata Long John Silver: L'isola del tesoro.
Evitato a causa delle imposizioni ai tempi delle superiori e mai più recuperato - al contrario di altre pietre miliari del genere come La linea d'ombra o Tifone -, il lavoro di Stevenson è uno dei più grandi romanzi - e non solo d'avventura o di genere - che mi sia capitato di leggere dai tempi del Capolavoro La figlia del capitano, un classico che si presta a letture ed interpretazioni da angolazioni anche diametralmente opposte tra loro, un magistrale esempio di tensione narrativa costante ed uno spirito che è stato modello per innumerevoli romanzi e film di formazione dall'epoca in cui fu pubblicato agli anni ottanta dei Goonies.
Tutto questo, senza neppure considerare Long John Silver.
Il pirata portato sulla pagina da Stevenson, privo di una gamba eppure agile come la più veloce delle scimmie, amichevole e pieno di attenzioni eppure crudele e selvaggio, gioviale e cortese ed in grado, con la sola voce, di mettere a tecere anche gli uomini più temibili che il mare possa offrire, è uno degli esempi più clamorosi di antagonista - o protagonista? - perfetto, delineato alla perfezione e mostrato con uguale passione dai suoi momenti di trionfo a quelli di sconfitta.
In fondo, è così che va, quando di affrontano il mare, e la vita: "a volte sei tu che mangi l'orso, e a volte è l'orso che mangia te", si sarebbe recitato in un film fondamentale per il sottoscritto più di un secolo dopo la stesura dell'incredibile avventura del giovane Jim Hawkins.
Ed è proprio questo che accade, nel corso dell'epopea volta al ritrovamento del tesoro del leggendario Capitano Flint, terrore dei mari in grado di essere messo all'angolo dal solo Silver, suo quartiermastro ed in qualche modo confidente: si assiste ad un continuo ribaltamento di fronti, ad eventi tanto clamorosi ed eccezionali quanto umani e semplici nello svolgimento, alla rappresentazione unica in parole di sapori, odori, sensazioni, ed alla capacità di uno scrittore di trasportare letteralmente i suoi lettori ove desidera, o dove è necessario che siano.
Dalle brume della provincia di Bristol ai paesaggi tropicali dell'Isola del tesoro, passando per le rappresentazioni dell'Hispaniola e del fortino sulla spiaggia dell'isola stessa, il dono più grande della prosa di questo Capolavoro è il potere di trasmettere il brivido dell'avventura, il sapore di una terra che si scopre per la prima volta, dell'ignoto, della sfida: L'isola del tesoro è paragonabile alla prima sbucciatura, o al morso ed alla scoperta del sapore del cocco, o del mango, o del rhum la notte della vostra prima sbronza.
Fortunatamente per Jim Hawkins, a dispetto delle apparenze, al suo fianco e come sua nemesi il ragazzo avrà il privilegio di confrontarsi con Long John Silver, che con le sue luci ed ombre, probabilmente, rappresenta l'esempio migliore di quello che potrebbe essere un Uomo per un giovane pronto ad affacciarsi sull'oceano della vita: perchè nel corso della nostra esistenza, nessuno di noi è esente da colpe o errori, risulta impermeabile ai sentimenti, alle sensazioni e all'istinto, alla voglia di confrontarsi con l'ignoto e, perchè no, anche con il proprio lato oscuro.
Ma a prescindere da quanto di me stesso possa mettere in questa interpretazione di Long John Silver e de L'isola del tesoro, questo romanzo andrebbe recuperato semplicemente per il suo spirito romantico e votato all'esplorazione, alla vita, al desiderio di muovere sempre un passo oltre, anche quando quello stesso passo apparirà avventato e lontano da ogni logica.
Un barbarico YAWP della Letteratura ingenuo e volenteroso come Jim, passionale ed oscuro come John Silver.
Quasi come se il Bambino e l'Uomo si incontrassero davvero, uno di fronte all'altro, per una volta nella vita.
Come un viaggio nel tempo.
Come il viaggio.
Quello che ognuno di noi compie.
A prescindere dal tesoro destinato ad essere ritrovato.




MrFord




"Mondo di uomini,
fatto di uomini
pronti a rincorrere il vento.
Partono deboli,
tornano uomini;
erano mille e son cento.
Mondo di uomini,
fatto di uomini soli.
Dimmi la bianca balena stasera dov'è;
nella tempesta infinita non c'è.
Mondo di uomini
fatto di uomini soli."
Enrico Ruggeri - "Bianca balena" - 





20 commenti:

  1. Smettila di farmi voglia di comprare libri.Smettila.Sono indietro di una cinquantina di titoli già in mio possesso,per non parlare della lista di roba che ancora non ho ma vorrei assolutamente XD XD XD
    Questo per l'effetto "imposizione alle superiori e bla bla bla" probabilmente l'avrei scacato,ma adesso ho voglia di leggere anche questo,uffa XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è una bomba, che fortunatamente La vera storia di Long John Silver mi ha "costretto" a recuperare.
      Vedrai che non ti pentirai di una lettura così!

      Elimina
  2. Ecco: ho di nuovo dieci anni, quando leggevo di notte, sotto le coperte, alla luce di una piccola torcia.:) Gran bella recensione di un classico senza tempo, uno di quei libri di formazione che ci ha fatto diventare ciò che siamo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissimo romanzo davvero, che riesce ad evocare luoghi ed atmosfere come pochi altri.
      Muchas gracias!

      Elimina
  3. concordo
    è uno dei romanzi meglio scritti dell'Ottocento e (secondo me) resiste all'usura del tempo molto meglio dei suoi coetanei (ad es. LA FRECCIA NERA, dello stesso autore, non lo legge quasi nessuno)
    il fatto è che molti di noi si sentono Jim, pronto a sfidare una ciurma di canaglie col coltello tra i denti... per non parlare di Long John

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un romanzo davvero strepitoso, che non mi è parso invecchiato neppure per sbaglio.
      E sarà che ormai sono più vecchio, ma mi sono sentito ancora una volta profondamente Long John Silver.

      Elimina
  4. Questi sono poderosi ricordi di gioventù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stato un recupero, ma che recupero, ragazzi! Stupendo.

      Elimina
  5. Il primo libro che ho letto nella mia vita, assegnatomi dalla maestra delle elementari come lettura insieme a Capitani Coraggiosi e Zanna Bianca. :-)
    Lacrime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un gran bel modo per iniziare la propria esperienza da lettore! :)

      Elimina
  6. E va beh, se mi scrivi "barbarico YAWP", citando il più grande poeta americano, allora vinci tutto ;)
    Il prossimo sarà Moby Dick?
    Comunque mi piace molto quando parli di libri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlerei più spesso di libri, se avessi più tempo per leggere! ;)
      Comunque no, per il momento mi fermo qui.
      Da domani riprendo con i film, anche se rimarrò in tema "marinaresco"! :)

      Elimina
  7. Ottima recensione di un vero classico, uno di quei libri che dovrebbero leggere tutti, e che tu sei riuscito ad omaggiare alla grande, complimenti ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Bara.
      E un brindisi per i Classici senza Tempo come questo! : )

      Elimina
  8. i goonies <3
    l'isola del tesoro la conosco solo perchè più volte riproposta sul grande schermo, ma è tra i libri che mio padre mi ha sempre consigliato di leggere, e prima o poi si finisce sempre per ascoltarli i consigli dei propri genitori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tuo padre pare proprio una persona saggia.
      Segui il suo consiglio e recupera questa meraviglia.

      Elimina
  9. Ma ancora???
    Odio pirati, marinai, storie d'avventura e i tuoi presunti capolavori, Ford, per non parlare del ridicolo Ruggeri...
    Navigherò quindi in acque ben lontane. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E di nuovo per fortuna! Un pusillanime del tuo calibro non potrebbe certo pensare di imbarcarsi con gente come Long John Silver! ;)

      Elimina
  10. Sbandieriamo l'ignoranza: non l'ho letto.
    Recupererò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che c'è sempre qualcosa che ci manca, che si parli di letture o di vita: permette sempre di arricchirsi con qualcosa di nuovo! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...