mercoledì 6 maggio 2015

L'infernale Quinlan

Regia: Orson Welles
Origine: USA
Anno:
1958
Durata:
107'






La trama (con parole mie): Miguel "Mike" Vargas, ufficiale antidroga messicano, è in compagnia della moglie al confine con gli States quando un attentato dinamitardo toglie la vita ad un uomo d'affari americano. Interessatosi all'accaduto nonostante la dolce compagnia e la minaccia della famiglia Grandi, che ha appena messo alle corde grazie ad un'indagine, Vargas si trova a dover incrociare il cammino dell'enigmatico e corpulento Hank Quinlan, detective statunitense pronto a tutto pur di seguire il suo istinto e condurre ogni indagine secondo le proprie regole.
Scoperto che lo stesso Quinlan è avvezzo alla manomissione delle prove pur di inchiodare i suoi presunti colpevoli, l'agente antidroga si adopererà per smascherare e mettere alle strette il collega, proprio mentre i Grandi organizzeranno contro di lui una vendetta coinvolgendo nella stessa anche Quinlan.
Riuscirà Vargas a fare fronte alle due minacce? E cosa nasconde davvero l'oscurità di Quinlan?








Questo post partecipa alle celebrazioni dell'Orson Welles Day.





Il Cinema, per quanto profondamente lo si possa amare, raramente offre certezze assolute, o quasi.
La componente personale dell'approccio a questo splendido mezzo di comunicazione - così come all'Arte in genere - non permette praticamente mai di trovarsi di fronte ad una totalità di consensi: personalmente, sono pochi, in questo senso, i registi che, nel corso della loro vita ed opera, sono riusciti a convincermi sempre, e nel loro percorso non hanno concesso ai miei occhi neppure un passo falso - almeno rispetto alle visioni concesse loro dal sottoscritto -.
Fellini, Kubrick, Kurosawa, Chaplin, Murnau, Tarkovskij sono tra i pochi rappresentanti di questa sorta di Olimpo della settima arte: Orson Welles, che oggi celebriamo ad un secolo dalla sua nascita, è un fiero membro di quel ristrettissimo circolo.
L'infernale Quinlan, che come spesso accadde per i suoi lavori affrontò difficoltà di produzione e rimaneggiamenti in fase di montaggio che, probabilmente, ancora oggi nella versione "restaurata" ne compromettono, di fatto, l'effettiva portata e potenza come accadde per L'orgoglio degli Amberson, rappresenta senza dubbio uno dei vertici non solo del noir e del crime cinematografico, o della carriera del vecchio Orson - che si ritaglia, come di consueto, una parte da protagonista con un charachter memorabile, l'inquietante ed oscuro Quinlan -, ma del Cinema stesso.
A partire da un'apertura memorabile resa enorme da un piano sequenza da brividi fino al finale, amaro e malinconico ad un tempo, segnato dalla battuta di Marlene Dietrich a proposito di Quinlan, tutto in questo film trasuda intensità, passione, forza: una forza oscura, che si traduce in una vicenda a tinte fosche decisamente avanti rispetto ai tempi - sesso, eroina, attentati dinamitardi, complicazioni sul confine USA/Messico neanche fossimo ai giorni nostri - e che il suo protagonista rappresenta in tutto e per tutto, dalle prove manomesse al beffardo epilogo dell'indagine.
Come per ogni Capolavoro di questo calibro, comunque, è difficile scrivere senza finire per risultare spocchiosi o troppo accademici, o riduttivi, paradossalmente, di fronte all'esperienza di una visione che potrebbe, senza dubbio, cambiare la nostra vita di spettatori: L'infernale Quinlan - reso decisamente meglio dall'originale Touch of evil - non raggiunge i livelli di Quarto potere, o la struggente malinconia di Storia immortale - forse i due veri testamenti di Welles l'illusionista -, eppure in qualche modo riesce a fotografare la grandezza di un interprete della settima arte versatile e complesso, di quelli che nascono una volta per secolo se dovesse andare bene, un narratore dedito al piacere ed al disequilibrio graziato da una tecnica che è equilibrio puro - si veda, oltre all'apertura già citata, lo splendido pedinamento finale di Vargas/Heston alla ricerca di prove contro Quinlan/Welles -.
La potenza de L'infernale Quinlan, a prescindere dal valore artistico, del cast, della storia, è però da ricercare nello stesso Quinlan, anima nera che ognuno di noi si porta dentro, e simbolo di un'umanità imperfetta e claudicante: manomettere le prove per condannare un colpevole pronto ad ammettere la sua stessa colpevolezza è uno dei paradossi più ironicamente tristi della nostra condizione umana, fatta di istinto e sensazioni, compromessi e lotte, bassezze misurate, ugualmente, dalla capacità di essere, anche se in parte, anche se soltanto a volte, grandi uomini.
In fondo, Quinlan siamo tutti.
Zoppi, ingordi, legati a piaceri pronti a tenderci agguati, ad oscurità profonde, tendenti all'essere malvagi eppure ugualmente in grado di farci amare incondizionatamente anche da chi ci toglierà la vita, e da chi se la vedrà togliere da noi.
Orson Welles conosceva bene i suoi fantasmi, e conosceva bene come raccontarli in modo che il suo pubblico potesse specchiarvicisi.
L'abisso che racconta L'infernale Quinlan è noir come il genere, ma caldo come solo gli esseri umani possono essere.
Con tutti i limiti, i difetti, gli errori e gli orrori del caso.




MrFord




"In the night
come to me
you know I want your touch of evil
in the night
please set me free
I can't resist a touch of evil."
Judas Priest - "Touch of evil" -




Alzano i calici per Orson con il sottoscritto anche:

Solaris
Director's Cult
Pensieri Cannibali
Il Bollalmanacco di Cinema




23 commenti:

  1. Capolavoro assoluto. Uno dei migliori film visti nella mia vita!

    RispondiElimina
  2. Gran bella recensione, un regalo niente male per il mitico Orson Welles. Io ho comprato il DVD con la scusa dell'esame su Welles, sai, questioni didattiche... :-p
    Ho tutte e due le versioni: in VHS rimaneggiata, che smacco quando scoprii che il piano sequenza era stato pesantemente cambiato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la versione rimaneggiata non l'ho mai vista, ma mi ritengo fortunato. Già così il buon Orson ha dovuto fare i conti con un sacco di impedimenti! :)

      Elimina
  3. Diciamo che è un capolavoro grosso così e la chiudiamo qui? ;-) Uno di quei film che periodicamente vado a rivedermi, il piano sequenza iniziale "ma che te lo dico a fà". Gran commento! Cheers ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bara, parole sante.
      Filmissimo.
      E gracias! :)

      Elimina
  4. Dev'essere davvero una meraviglia, di cui ho sempre sentito parlare non bene... di più.
    E mi vergogno profondamente per non averlo mai visto ma sai che sono una cinefila d'accatto ç__ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bolla, è il momento di recuperarlo. Senza ombra di dubbio.

      Elimina
  5. Bellissimo ragionamento, lo stesso che, lateralmente, ho approfondito io quando ho prodotto l'antologia delle Stroncature dei Capolavori. E' forse il mio preferito di orsone, questo qui. E manca all'appello dell'indagine.Me lo segno per i prossimi capitoli ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ECCO! http://www.filmtv.it/film/8585/l-infernale-quinlan/recensioni/362263/#rfr:film-8585
      XD

      Elimina
    2. Se dovessi scegliere un preferito dell'Orsone, non saprei davvero dire. Ma questo è davvero una bomba totale.
      Vado a vedermi il link! :)

      Elimina
  6. non l'ho visto, purtroppo conosco pochino Welles, mea culpa, mea culpa, mea grandissima culpa. magari lo riprendo da questo film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riprendilo da Quarto potere.
      E recupera tutto il resto.

      Elimina
  7. Coff coff, non l'ho visto... :O
    Devo studiarmelo per bene questo regista...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo regista è uno dei grandi assoluti del Cinema.
      Studiatelo più che bene! :)

      Elimina
  8. Credo di non aver mai visto un film di Welles.

    *si nasconde in un angolo buio tagliandosi le braccia*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le braccia saranno tagliate se non recupererai presto quantomeno Quarto potere e questo! :)

      Elimina
  9. Nell'Olimpo della settima arte hai dimenticato Terrence Malick.
    Perché l'hai dimenticato, vero? ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malick non dovrebbe neppure portare le borse dei grandi che ho citato!
      Senza contare il tuo amico Inarritu! ;)

      Elimina
  10. Eh, purtroppo uno dei molti titoloni classiconi che mi mancano :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jacques, rimedia al più presto possibile. Welles è imprescindibile.

      Elimina
  11. Riesco a commentare solo adesso... e me ne scuso: innanzitutto grazie per aver ricordato insieme a me il grande Orson, e poi naturalmente complimenti per la recensione! Dico davvero: non era facile recensire e dire qualcosa di diverso su un film che ha fatto la storia del cinema ed è stato studiato e vivisezionato da legioni di cinefili (o aspiranti tali). Bel lavoro davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kelvin, grazie a te per aver organizzato l'omaggio ad uno dei più grandi del Cinema! :)
      E grazie anche per i complimenti, effettivamente non era facile confrontarsi con questo filmone!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...