mercoledì 24 maggio 2017

La bella e la bestia (Bill Condon, USA/UK, 2017, 139')




Se esistesse una classifica dedicata ai film più inutili mai realizzati, o dei quali non si sentiva certo il bisogno, con ogni probabilità questa versione live action di La bella e la bestia - splendido film d'animazione Disney che segnò il cambio di marcia del colosso fondato dal vecchio Walt negli anni novanta - si batterebbe con le unghie e con i denti - da vera bestia, per l'appunto - in modo da conquistare una posizione di rilievo: del resto, quando dietro la macchina da presa c'è Bill Condon - che molti ricorderanno per il suo "esemplare" operato nel corso della saga di Twilight - una certa garanzia pare evidente, e se a questo aggiungiamo una Emma Watson più cagna maledetta del solito, un Dan Stevens che fa rimpiangere a tutti i suoi fan dei tempi di The guest ed un Ian McKellen pagato per cinque minuti di faccette neanche fosse Depp in Alice in Wonderland, il gioco è fatto.
Certo, quasi nulla è stato modificato rispetto all'originale, ma questo non fa che rendere il paragone ancora più impietoso: questa noiosissima versione, infatti, pare essere stata totalmente privata della magia che il buon, vecchio cartone animato riesce a regalare ancora oggi, esempio lampante di quanto importante sia il cuore in qualsiasi produzione, a prescindere dagli scopi commerciali per i quali è stata biecamente e banalmente creata a tavolino - come questa -.
Un fallimento su tutta la linea che mi è costato un paio delle ore più noiose di visione degli ultimi mesi, nel corso delle quali con Julez abbiamo sfiorato più volte l'idea di premere stop e porre fine alle nostre sofferenze e di cercare di restare svegli stando dietro ai Fordini sempre più scatenati ed alla giostra delle faccende di casa nel momento più caotico della giornata, quello della preparazione della cena.
Una produzione inutile, finta e posticcia, trionfo di effetti creati ad uso e consumo del 3D e della retorica senza alcuna scintilla che rende un film ancora peggiore di quanto in realtà non possa essere.
Ed affidandomi al nuovo corso del Saloon più spiccio e senza troppi giri di parole, mi pare di avere già scritto fin troppo.




MrFord




23 commenti:

  1. Aggiungo solo amen. Questo è a mani basse il "Bottigliate awards" del 2017, speriamo di non vedere film che scendano più in basso di così. Cheers!

    RispondiElimina
  2. Premesso che l'originale è IL capolavoro Disney indiscusso...

    Sarà che l'ho visto al cinema ma a me non è affatto dispiaciuto, tolto il doppiaggio/adattamento da galera e un paio di aggiunte inutili. Ma d'altronde io adoro i musical quindi mi lascio trasportare facilmente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me i musical non dispiacciono, ma questo mi è parso davvero poca cosa, privo di idee e personalità.

      Elimina
  3. Ancora una volta, concordo pienamente.
    Con il senno di poi, mi è piaciuta la canzone che lui canta quando va via dal castello, Evermore. Bella, se non fosse che il doppiaggio la trasforma in Un altro po'.
    Sulla Watson, calorosa come un congelatore a pozzetto, stendiamo rotoli di veli pietosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ink, che dire!?
      Concordo in pieno su film e Watson.

      Elimina
  4. Ma perchè guardi certe pellicole? Devi espiare qualche colpa? XD
    Cmq la Watson ha detto no a La la land (che ho visto l'altro giorno e devo ammettere essere STREPITOSO) per girare 'sta puttanata Disney.... genio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma fortunatamente, Dembo.
      Lei mi farebbe odiare TUTTO a suon di smorfiette. :-D

      Elimina
    2. Fratello, meglio così: La la land con la Watson avrebbe perso parecchio! :)

      Elimina
  5. Bottigliate anche da parte mia, finalmente siamo d'accordo.
    Salvo solo la splendida voce di Ewan McGregor con accento francese, e le canzoni, che restano splendide.
    Il resto, dalla trama agli effetti per niente speciali (Mrs Pot chi l'ha progettata, chi?!) all'insopportabile Emma, meglio dimenticarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio dimenticarlo davvero.
      Come trasformare un film magico in un film senza magia.

      Elimina
  6. Sono d'accordo sull'inutilità e sulla noia di questa versione.
    Non sono invece d'accordo sul fatto che la pellicola d'animazione fosse splendida, visto che era già una lagna, oltre che una banale disneyata, pure quella... :)

    E soprattutto non sono d'accordo su Emma Watson!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peppa, lo so che hai una cotta per la Watson, ma come attrice è proprio cagna forte! ;)

      Elimina
  7. Ero curiosa,ma confesso che l'antipatia per la cagna me l'ha fatto saltare senza troppi rimpianti.
    Magari un domani su Netflix.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre spentolo guardo foffa anche molto peggiore di questa!

      Elimina
    2. Non voglio sapere neppure cosa sia questo peggio! ;)

      Elimina
    3. Si vede che ho rimosso, allora! :)

      Elimina
  8. Vista l'antipatia per la Watson non ne avevo la minima intenzione, ma da brava mamma avevo chiesto alla bacarospetta...la risposta è stata "scherzi mamma??non ci penso neanche"...alla fine siamo andate a vedere "Kong skull island"....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non che Skull Island sia un filmone, ma mille volte meglio di questa palla mortale! :)

      Elimina
  9. Davvero troppa apparenza, per un film con pochissima sostanza... Peccato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente vero. Peccato, perchè l'originale è molto, molto bello.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...