lunedì 22 maggio 2017

Scappa - Get Out (Jordan Peele, USA, 2017, 104')




Archiviati gli anni novanta e l'epoca d'oro di un certo tipo di thriller, riuscire nell'impresa di centrare il bersaglio con un film "dal fiato corto" - dello spettatore, ovviamente - è stato merce rara almeno quanto confezionare un horror che riuscisse davvero a spaventare.
In tempi recenti, di degni appartenenti a questa schiera ricordo soltanto l'Hush che fu sorpresa la scorsa estate e, pur considerandolo a tutti gli effetti un film dell'orrore, Eden Lake, e per il resto, principalmente robetta.
Il Get out di Jordan Peele, giunto dalle parti del Saloon in anticipo rispetto all'uscita italiana spinto da opinioni lusinghiere raccolte oltreoceano - dove ha avuto un successo clamoroso -, si poneva dunque di fronte ad una prova ardua, nonchè alla circospezione del sottoscritto: e devo ammettere con piacere il fatto che, pur non essendo perfetto, sia riuscito a superare la prova più che bene.
A prescindere, infatti, dall'assunto di base che qualcosa non vada e che sia palese il fatto stesso che non vada - ma, del resto, cose come Rosemary's Baby hanno insegnato che non è necessario mettere in dubbio l'evidenza per inquietare - Get out procede prendendosi il tempo necessario con piglio deciso - esempio lampante la sequenza bellissima con il protagonista intenzionato ad uscire in giardino per la sigaretta notturna - prima di esplodere in un'escalation finale che è riuscita in una certa misura a ricordarmi l'Haneke di Funny Games e che affronta in modo senza dubbio intelligente una delle tematiche più importanti degli States attuali, in bilico tra Trump e le ferite passate, ovvero la questione razziale.
Qualcosa, da una parte e dall'altra - così come nell'epilogo - viene concessa rispetto all'ottica della grande distribuzione -purtroppo-, ma il film funziona ed intrattiene a dovere, non pecca in logica e sfrutta la curiosità crescente dell'audience in modo da portare avanti un plot che, come già sottolineato, pare evidente fin dal principio e crea tensione principalmente grazie all'attesa del momento in cui la situazione esploderà divenendo a tutti gli effetti senza ritorno, senza per questo dimenticare alcune parentesi senza dubbio ironiche.
A dare supporto al tutto, un cast ben assortito ed in parte, un'atmosfera in bilico tra Eyes Wide Shut - anche citato - e Non aprite quella porta - privo della componente slasher - ed un naturale senso di straniamento e disagio nato per empatia con il main charachter, cataputato in un vero e proprio incubo ben lontano dall'idea di passare il weekend con i genitori della propria fidanzata - ed in questo senso, ho decisamente giocato con Julez al solo pensiero di quando la Fordina comincerà a portare a casa degli "accompagnatori" - e sentirsi a disagio nel confronto con gli stessi.
A prescindere, infatti, dalla parte scientifica dell'evoluzione della trama - comunque interessante, considerata l'esigenza e la presunzione di alcuni esponenti delle classi sociali "alte" di potersi permettere di vincere anche il Tempo e la Natura -, Get Out funziona come thriller e come survival, inchioda come si deve alla poltrona e tiene benissimo il campo - un campo difficile, come già sottolineato - dal primo all'ultimo minuto, senza sbruffoneggiare con ambizioni troppo alte ma allo stesso tempo mostrando tutta la solidità dei prodotti con le palle.
Di quelli che sopravvivono ai confronti ed ai pregiudizi.
Di quelli che gli appassionati cercano e bramano come l'aria.
Ed è bello, in questi casi, venire soddisfatti.
Anche se il prezzo è una visione a cuore non troppo leggero.




MrFord



14 commenti:

  1. Come sai, siamo d'accordissimo.
    Soprattutto su quel finale non troppo soddisfacente, considerando il resto. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, il finale abbassa il voto.
      Ma il film funziona.

      Elimina
  2. Molto d'accordo con te, non inventa nulla, ma usa alla grande tutti i suoi elementi (anche la commedia), ti tiene in tensione e fa satira dei tempi moderni, avercene di filmetti così ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avercene davvero: una più che discreta sorpresa. :)

      Elimina
  3. A me è piaciuto un botto, bello teso quando serve ma anche con soddisfacenti punte di black humor e qualche accenno gore..io sono a posto così ;)
    Premio pugni in faccia al fratello di lei, un coglione di prima categoria XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premio pugni in faccia all'unanimità al fratello di lei, terribile.
      Ma anche lei una bella stronza. ;)

      Elimina
  4. Anche su questo film siamo abbastanza d'accordo, purtroppo. :(

    Però io credo di aver apprezzato di più la componente umoristica. Quella più propriamente horror invece mi sa che ha spaventato di più un fifone come te. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah la componente horror mi sa che è data dall'ennesimo film sul quale siamo d'accordo! ;)

      Elimina
  5. Una bella sorpresa, sì, e rispetta le aspettative.
    Viste le tematiche capisco il clamore americano, il finale, infatti, lo pensavo meno scientifico e più razzista, ma non me ne lamento troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche io mi sono lamentato più di tanto.
      In fondo, film che funzionano, in questo genere, ce ne sono ben pochi.

      Elimina
  6. Un altro che ne parla bene, qua tocca muoversi a guardarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che una visione ci sta davvero tutta! :)

      Elimina
  7. Andrò nel weekend a vederlo, ho tante aspettative per questo film. E' la prima volta che mi capita per un horror..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me funziona ed è interessante, che per un horror è quasi un miracolo. :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...