venerdì 2 ottobre 2015

Big game - Caccia al Presidente

Regia: Jalmari Helander
Origine: Finlandia, UK, Germania
Anno:
2014
Durata: 90'






La trama (con parole mie): Oskari è un quasi tredicenne finlandese figlio di un grande cacciatore, pronto al rito di passaggio che, nel giorno del suo compleanno, lo vedrà trascorrere ventiquattro ore da solo nelle foreste del Nord del suo Paese in modo da riportare un trofeo di una preda a chi lo aspetta al campo base.
William Moore è il Presidente degli Stati Uniti: l'uomo più potente dello Stato più potente del mondo.
In volo sull'Air Force One con destinazione Helsinki per una conferenza, però, non sa che una talpa nel suo equipaggio, pagata da un gruppo di terroristi che li attendono a terra, progetta di far precipitare il velivolo, uccidere la scorta e rapirlo per poi chiudere la pratica in diretta web.
Quando la capsula di salvataggio del Presidente viene trovata da Oskari, però, il copione già scritto dagli attentatori cambia: il giovane aspirante cacciatore, infatti, sarà una spina nel fianco più tosta del previsto.










Una delle cose che mi ricorderà maggiormente questo duemilaquindici cinematografico sarà senza dubbio il tentativo - voluto o no, nessuno lo saprà mai davvero - di tornare, almeno per quanto riguarda l'action ed i popcorn movies, ad una dimesione più vicina possibile a quella che ha reso noti gli anni ottanta: l'esagerazione sguaiata pane e salame senza ritegno alcuno.
Ai tempi dell'uscita in sala di Big Game, lo scorso giugno, bollai il prodotto come uno dei tanti fondi del barile che vengono raschiati per la stagione estiva in sala, non preoccupandomi troppo di recuperarlo, se non finendo per imbattermici praticamente per caso quando l'estate volgeva ormai al termine, in una serata per la quale avevo bisogno del minimo impegno e del minimo sforzo, considerato che avevo deciso di allenarmi durante la visione ed avere tempo, la mattina successiva, di prepararmi per il primo giorno di asilo del Fordino.
A conti fatti, il lavoro di Jalmari Helander, regista finlandese più noto come sceneggiatore relativamente giovane che non si sa con quali stratagemmi sia riuscito a guadagnare la direzione di un prodotto da lui anche scritto con un budget non da poco ed un cast che comprende nomi decisamente importanti come Samuel Jackson, Ray Stevenson, Felicity Huffman e soprattutto Jim Broadbent, uno più noto per il Teatro ed i film d'autore che per prodotti come questo, è una schifezzona trash che non avrebbe sfigurato nel pieno degli eighties in grado di mescolare Cliffhanger ai film di formazione per pre-adolescenti, eppure, devo ammetterlo, il suo sporco lavoro d'intrattenimento l'ha svolto alla grande.
Certo, se vi aspettate una cosa profonda legata alla formazione del piccolo protagonista - con un volto quasi felino che cinematograficamente funziona alla grande - o una logica dietro le scelte dello script avete sbagliato indirizzo - e anche di parecchio -, ma se l'idea è quella di spegnere il cervello e seguire l'evoluzione di un film d'avventura in campo aperto - bellissime le locations delle riprese bavaresi, nonostante la vicenda sia ambientata in Finlandia - allora avrete trovato pane per i vostri denti: piccolo protagonista in cerca di riscatto figlio di un padre troppo ingombrante, Presidente USA tendenzialmente vigliacco e dal poco carattere pronto a prendersi a sua volta una rivincita, un paio di villains da fumettone - Ray Stevenson ed il capo dei terroristi - ed un altro da film di spionaggio, esplosioni, battute, momenti di quasi epica action - il salto del giovane Oskari, il volo dentro il congelatore - e tutto quello che serve per lasciare che il cervello si prenda un ultimo weekend off prima di affrontare l'autunno e tutto quello che ne consegue.
Di fatto nulla, o quasi, nel corso dell'ora e mezza scarsa segue un filo logico che potrebbe mostrare un qualsiasi nesso con la realtà, ma in questi casi va benissimo così, alla facciazza del floppone che è stato negli USA questo film e della curiosa nuova tendenza del Cinema finnico, che pare più votato al trash che non all'autorialità come ai tempi di Kaurismaki.
Lasciati dunque a casa i lamentoni ed i radical chic, potrete mettere a letto i bambini - almeno quelli piccoli, perchè secondo me dalle elementari in poi roba come questa è una pacchia, considerato anche il protagonista - e godervi questa roboante - era parecchio che non vedevo così tante esplosioni in un film dove non comparisse un action hero dei miei - schifezzona dall'inaspettato potenziale d'intrattenimento: vi assicuro che sarà un toccasana almeno quanto quella volta in cui avete detto al vostro capo cosa veramente pensate di lui o vi siete presi, a sorpresa di chi vi sta intorno, un'inaspettata rivincita sul Destino.
O qualunque sua incarnazione convinta di poter avere la meglio su di voi.




MrFord




"There is no turning back from this unending path of mine
serpentine and black it stands before my eyes
to hell and back it will lead me once more
It's all i have as i stumble in and out of grace
I walk through the gardens of dying light."
H.I.M. - "The path" - 





27 commenti:

  1. A suo tempo volevo vederlo, poi è passato il momento come spesso accade.
    Ma gli fai un' ottima pubblicità perché oltre ai bei film a volte capita di aver voglia anche di una schifezza ma che inaspettatamente ti diverta

    RispondiElimina
  2. A suo tempo volevo vederlo, poi è passato il momento come spesso accade.
    Ma gli fai un' ottima pubblicità perché oltre ai bei film a volte capita di aver voglia anche di una schifezza ma che inaspettatamente ti diverta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte schifezzone così, senza troppi pensieri, ci stanno.
      Se lo vedi con aspettative zero, te lo godi e spegni il cervello. Fa un sacco bene, di tanto in tanto.

      Elimina
  3. Niente male se guardato con lo spirito giusto,ed anche a me era piaciuto molto il ragazzino protagonista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ragazzino è mitico! E ha un viso particolarissimo!

      Elimina
  4. Non l'ho ancora visto, non riesce ad attrarmi più di tanto nonostante gli action-popcorn mi siano sempre piaciuti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti capita una serata off, tenta il recupero: alla fine diverte e ci sta.

      Elimina
  5. io l'ho trovato assolutamente evitabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film non vale quasi nulla, ma io mi sono divertito lo stesso. ;)

      Elimina
  6. Lo trovi commentato anche dalla mie parti, il soggetto sembra un incidente frontale tra Joe Dante e John Carpenter (bene!), il problema che poi manca la ciccia, il rapporto tra i due protagonista è poca cosa, e l'azione un pò pasticciata, peccato Jalmari Helander aveva esordito alla grande ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca assolutamente la ciccia, ma, sarà che avevo aspettative sottozero, mi sono divertito come un bambino.
      Per me Helander va benissimo anche così. :)

      Elimina
  7. Ero curioso di leggerti a riguardo da quando è uscito. Sapevo che, a parte il livello tumbler, non avresti potuto stroncarlo tout court! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era impossibile: troppo sguaiato e oltre misura per stroncarlo totalmente! :)

      Elimina
  8. Non l'ho mai recuperato perché ne avevo letto maluccio in giro e dire che ero molto curioso dato il suo film precedente, Trasporto eccezionale, che era una bella bombetta con un babbo natale rapitore di bambini e in odore di pedofilia... magari ci butto un occhio a tempo perso.

    Ieri ho visto The Martian, molto bello anche se -frase odiosa da dire ma, come sempre è la verità- il libro è molto meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A tempo perso ci sta alla grande, anzi: è proprio la sua dimensione.
      Secondo me ti divertirai.
      Per The martian sono curioso, spero di vederlo presto.

      Elimina
  9. Risposte
    1. Anche a me non ispirava per nulla, eppure mi ha divertito.

      Elimina
  10. Risposte
    1. In effetti, hai già un sacco di action da vedere! :)

      Elimina
  11. facciamola a dicembre! Organizzati. Prendi ferie una giornata così mi fai fare un giro turistico-alcolico.
    Dove vuoi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabene. Allora vediamo di sentirci quando si avvicina il fatidico momento. ;)

      Elimina
  12. Esplosioni e fordianate a non finire...
    Direi che ho fatto proprio bene a risparmiarmi questa schifezzona trash a cui sarei anche potuto non sopravvivere! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente questa è proprio una fordianata DOC. ;)

      Elimina
  13. Devo decidermi a recuperarlo... So a cosa vado incontro, ma penso che a cuor leggero si possa vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente. A cuor leggero è intrattenimento fracassone puro.

      Elimina
  14. Credo proprio lo eviterò, questo film. Io e questo tipo di cinema ultimamente siamo ai ferri corti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, mi ci diverto sempre come un pazzo. :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...