sabato 5 ottobre 2013

Extras - Stagioni 1 e 2

 Produzione: BBC
Origine: UK
Anno: 2005/2007
Episodi: 12




La trama (con parole mie): Andy Millman è un attore che cerca disperatamente di uscire dall'anonimato e dal suo usuale ruolo di comparsa grazie all'aiuto decisamente non troppo utile dell'agente Darren Lamb, che almeno in teoria dovrebbe occuparsi di piazzare un copione del suo assistito che porrebbe le basi per una sit-com. Nel frattempo, accanto all'amica attrice Maggie, Andy finisce per incontrare sul set, comparsata dopo comparsata, numerose celebrità di Hollywood e non solo pronte a rivelarsi ai suoi occhi per quello che sono oltre la facciata dei personaggi che interpretano.
E non sempre le cose andranno proprio nel migliore dei modi.



Questo post partecipa alle celebrazioni mancate per il compleanno di Jean Claude Van Damme divenuto a causa di un sabotaggio quello di Kate Winslet.


L'umorismo inglese, fin dai tempi dei mitici Monty Phyton, si è ritagliato un posto speciale nel cuore di questo vecchio cowboy, grazie alla sua verve nerissima ed ai toni spesso più sotto che sopra le righe: uno dei titoli che maggiormente è riuscito a rappresentarlo sul piccolo schermo nel passato recente è stato lo spassosissimo Extras, prodotto dalla BBC e responsabile del lancio verso la grande industria hollywoodiana del caratterista Ricky Gervais, che con il suo Andy Millman ha regalato al pubblico uno dei personaggi più antipatici eppure irresistibili della tv.
La condizione di comparsa dell'aspirante attore cui presta fisicità e lingua tagliente proprio Gervais permette allo spettatore di esplorare da dietro le quinte il mondo dorato del Cinema attraverso le opinioni che il protagonista si costruisce, lavoro occasionale dopo lavoro occasionale, a proposito delle personalità dello spettacolo con le quali si trova a lavorare, dal borioso Ben Stiller allo spaurito - ed allora profondamente bambino - Daniel Radcliffe, passando per David Bowie, Samuel Jackson, Ian McKellen e molti altri.
Il rapporto con la celebrità, gestito in maniera intelligente dagli sceneggiatori, porta ognuno di noi a ripensare a quelle volte in cui ci si è trovati ad avere a che fare con grossi nomi scoprendo che potevano rivelarsi una sorpresa o una delusione: io stesso, dagli abbracci di Joe Lansdale e Ben Harper alla capatina in bagno con Serj Tankjan fino all'avversione per Capossela, Devandra Banhart o Dani Filth ho potuto scoprire lati che non conoscevo di qualche "big", così come accarezzare la strana sensazione di stare tranquillamente chiacchierando con qualcuno in grado di toccare milioni di persone in tutto il mondo.
Parallelamente a questo più universale discorso, la rincorsa del successo da parte di Andy si traduce anche nel complesso - ed irresistibile - rapporto con il suo inetto agente, che regala alcune delle perle più divertenti della serie, mentre Maggie, sua spalla e compagna "sul campo", fornisce gli assist ideali per le migliori chicche del main charachter, specie quando si tratta di essere dissacranti e pungenti.
Ma dato che oggi stiamo celebrando un compleanno - anche se quello sbagliato, perchè nonostante la buona Kate Winslet sia da sempre una delle mie favorite, sia fisicamente che come attrice, non ci sarebbe dovuta essere neppure gara con il mitico, inossidabile, straordinario re dei calci rotanti, Jean Claude Van Damme -, il riferimento principale del post va ovviamente all'episodio della prima stagione all'interno del quale compare proprio la nostra festeggiata, protagonista di un film ad argomento Olocausto nei panni di una suora.
Il ruolo e le opinioni della pane e salamissima Kate, pronta a dare man forte a Andy nei momenti in cui si tratta di confrontarsi con Maggie a proposito delle telefonate spinte che la stessa riceve da un attrezzista con il quale ha appena iniziato una relazione - indimenticabile il momento in cui le loro prese per il culo vengono notate dall'interessato - e a dispensare consigli senza peli sulla lingua - "Vuoi un Oscar? Fai un film sull'Olocausto e vai tranquilla!", oppure "Ecco un altro bel modo per vincere la statuetta: interpretare un disabile" - agli aspiranti attori.
Accanto alle performance certamente sboccate della storica protagonista di Titanic - che, in effetti, avrebbe conquistato l'Academy proprio grazie ad un ruolo legato all'Olocausto con The reader - impazza Andy, reclutato per figurare come soldato nazista e protagonista di un tentativo di approccio rispetto ad una delle "suore" che si rivela essere una fervente cattolica, ostacolo non da poco per l'assolutamente ateo Millman - leggendaria la sequenza del confronto con i fedeli del circolo di preghiera, così come il primo "contatto" con la sorella del "bersaglio" di Andy, che porta i segni di una paralisi cerebrale -.
Un episodio tra i più divertenti, dunque, questo incentrato su Kate Winslet, simbolo delle potenzialità di una serie troppo poco nota qui nella Terra dei cachi ma che andrebbe recuperata fosse anche giusto per godersi l'altra faccia della medaglia delle celebrità.


MrFord


Si uniscono ai festeggiamenti mancati di Van Damme a favore di Kate Winslet anche i blog:

Bette Davis eyes
Combinazione causale
Director's Cult
Ho Voglia di Cinema
Il Bollalmanacco di Cinema 
In Central Perk
Movies Maniac
Pensieri Cannibali
Recensioni Ribelli
Scrivenny 2.0

"When I wake up in my makeup
it's too early for that dress
wilted and faded somewhere in Hollywood
I'm glad I came here
with your pound of flesh
no second billing cause you're a star now."
Hole - "Celebrity skin" - 



26 commenti:

  1. capatina in bagno con Serj Tankjan? la mia amica Sam potrebbe ucciderti per molto meno, se solo lo sapesse! Ma stai tranquillo, non le dirò nulla! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che te lo dico a fare!? I vecchi tempi di Virgin! ;)

      Elimina
    2. Grande Jervais,e mai fu così profetico: infatti la Winslet (ma quanto è brava?) ha vinto un Oscar proprio sull'Olocausto! Ed è così eclettica che saprebbe fare un film sui calci rotanti insieme al Gian Claudio Van! :-p
      Buon KWD! ;)

      Elimina
    3. Ora non esageriamo: i calci rotanti può darli solo lui! :)

      Elimina
  2. La mia ignoranza sulle serie tv (sulle quali sto cercando di rimediare questo ultimo anno) è improponibile, e infatti non la conosco...

    Buon Kate Winslet Day ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà questa serie è purtroppo molto poco nota: recuperala, è decisamente divertente.

      Elimina
  3. Però...mi manca questa serie tv! E dire che sono un'appassionata del genere...dovrò rimediare! Buon KWD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimedia pure, una visione se la merita!

      Elimina
  4. nonostante ricky gervais mi esalti parecchio, questa serie me la sono persa...
    così come van damme ha perso, e senza che ci fosse competizione, la sfida con kate winslet uahahah

    quanto alla battuta "Vuoi un Oscar? Fai un film sull'Olocausto e vai tranquilla!" mi sembra tristemente azzeccata, visto il pessimo the reader...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pessimo The reader lo dici giusto tu: roba che meriteresti un bel calcio rotante di Van Damme! :)

      Elimina
  5. Mai vista questa serie! Buon KWDay! Dai che con Van Damme vi rifarete! E comunque non c'è stato nessun sabotaggio, solo una leale vittoria di Kate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La serie merita, è molto leggera e divertente!
      Per il resto, io continuo a gridare al complotto radical chic anti-Van Damme! ;)

      Elimina
  6. Non conosco, sinceramente non mi attira ma potrei darle una possibilità

    Buon KWD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcuni episodi sono un vero spasso. Una visione la concederei!

      Elimina
  7. Non conoscevo proprio la serie, ma visto che sostengo da sempre che "British do it better" non mancherò di vederla!

    Buon KWD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fai bene! Grottesca, fresca e divertente!

      Elimina
  8. Non conosco, purtroppo, ma si può rimediare.
    Bellissima la testata del blog, complimenti.
    Buon KWD :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias per i complimenti all'header Denny! :)
      Extras, invece, un recupero lo merita senza pensarci troppo!

      Elimina
  9. Questo KWD a sostituzione del JCVD (Giorno, non il suo ultimo tristissimo film autobiiografico) sembra fatto apposta per farti un dispetto,Vecchio Ford! Io mi sarei ribellato e ,insieme ai pazzi dei 400Calci,mi sarei dato alle celebrazioni del chiapped'Acciaio a piu' non posso,dissociandomi....La tua scelta poi,parla da sola. :DD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La democrazia ha parlato, anche se male. ;)
      Comunque JCVD non è triste per niente, è una bomba!

      Elimina
    2. See...Delacrime!
      Dai,su.Per quanto onesto Y coraggioso,e' tremendamente triste.Fatto bene e pure commovente. :D

      Elimina
    3. In quel senso di sicuro! Avevo capito che ne pensavi male a livello cinematografico! :)

      Elimina
  10. Ne avevo visto un paio di puntate in Australia, non mi era dispiaciuto ma l'episodio con la Winslet l'avevo perso!
    Buon Jean Claude Van Damme Day!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon Jean Claude Day anche a te!
      Avremmo bisogno di un episodio di Extras anche con lui! :)

      Elimina
  11. molto brava Kate :-) ma il calcio roteante di Jean Claude che giustamente hai citato è tutt altra cosa, ogni volta che mi rivedo quel cult che è Expendables 2 godo quando Jean Claude col suo calcio appunto ficca il coltello nel ventre di quello sfigatello di Liam Hemsworth XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. JCVD è il numero uno, o quasi. Per quanto brava, Kate non potrà mai raggiungerlo! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...