giovedì 8 novembre 2012

Thursday's child

La trama (con parole mie): alle spalle l'eccezione della scorsa settimana, si torna alla vecchia nuova programmazione del giovedì per le uscite in sala, sempre in compagnia del sottoscritto e del sempre più egoriferito Cannibale, in attesa della prossima Blog War che ci vedrà presto protagonisti.
Per una volta, però, c'è da dire che nonostante alcune pessime uscite, ci sarà spazio anche per titoli decisamente interessanti che meriterebbero almeno una visione.
Dunque fate conto che il peggio non ci sia - un pò quello che faccio io rispetto ai commenti del mio antagonista - e andate avanti con il resto!

"Con la sola imposizione delle mani, posso tramutare il Cannibale in un coniglio gigante!"
Argo di Ben Affleck



Il consiglio di Ford: molto meglio un Argo, di un Cucciolo Eroico, se volete un vero amico a quattro zampe!
Ben Affleck torna dietro la macchina da presa dopo la prova più che discreta di The town - convincente ma non fino in fondo -: questa volta potrebbe essere quella buona per l'ex bisteccone di confermare una maturità decisamente maggiore come regista rispetto a quella - decisamente scarsa - come attore. Senza la sorpresa di Red lights, l'avrei dichiarato film della settimana a mani basse. Azione, thrilling, un cast ricchissimo ed un sottotesto che pare una critica feroce al mondo dorato hollywoodiano paiono essere gli ingredienti perfetti per un titolo che promette di essere una delle ultime grandi sorprese della stagione - e di un novembre, sappiatelo, molto povero di proposte decenti -.
Il consiglio di Cannibal: un film arguto? Ben bene, Ben!
Nonostante come attore non sia (quasi) mai stato granché convincente, Ben Affleck si è reinventato come regista e a sorpresa è pure un signor regista. Dopo il valido Gone Baby Gone e il grandioso The Town, adesso Ben si può confermare tra i directors americani più in forma del momento. Per farlo ha a disposizione una storia vera accaduta nel 1979. La nascita di Ford? No, lui in realtà è nato sì nell’anno ’79, ma del 1800. Il film più promettente della settimana, anche se l’accoglienza entusiasta ricevuta dalla critica USA può lasciare qualche dubbio, visto che non sempre ci prendono, come Ford. In questo caso però potrebbe avere ragione. La critica americana, intendo, non Ford. Le volte che ha avuto ragione lui si contano sulle dita di una mano. Una mano monca.

"Facciamo un bel brindisi a Ford: questo whisky che ci ha consigliato è una bomba!"
Vicini del terzo tipo di Akiva Schaffer


Il consiglio di Ford: meglio un vicino del terzo tipo che un Cannibale del primo ed unico!
Secondo film smontato già dal trailer della settimana. Partito a livello di aspettative come la tipica stronzatona Apatow-style di quelle che al Saloon funzionano sempre, mi ha dato l'impressione di essere semplicemente una pallida imitazione delle commedie sguaiate e volgari che di solito cerco quando voglio passare una bella serata con i miei neuroni in libera uscita. Piuttosto torno a recuperare il mio caro amico Kevin Smith.
Il consiglio di Cannibal: mi sa che anche a Lodi si possono avere vicini del terzo, e pure del quarto tipo
Classica commedia dal forte odore di cacchiata, per non dire di peggio. Eppure mi sa che una visione finirò per concedergliela, perché c’è un cast di comici all-stars composto da Ben Stiller + Vince Vaughn + Jonah Hill + il promettente Richard Ayoade, attore della British comedy The IT Crowd ma pure regista dell’ottimo Submarine. Non sarà Attack the Block, ma speriamo che due risate ce le faccia fare.
Altrimenti tutti su WhiteRussian che lì da ridere ce n’è sempre, alle spalle delle seriosissime recensioni del Ford.

"Una volta ho incontrato il Cucciolo eroico, e credete a me: ha tre teste!"
Red Lights di Rodrigo Cortés


Il consiglio di Ford: luce verdissima!
La sorpresa della settimana. Approcciato con le bottiglie già pronte per schiantarsi ancora una volta in pieno grugno del regista del pessimo Buried, Red lights si è rivelato non soltanto un ottimo film in grado di risollevare perfino le sorti del bollitissimo De Niro, ma anche un mix sorprendente del primo Shyamalan e del Nolan di The prestige. Thriller davvero di lusso, o blockbuster d'autore, se preferite. Aspetto già le consuete lamentele in proposito del mio decisamente poco autorevole collega, che potrei paragonare all'ennesimo ciarlatano spacciatosi per sensitivo in preda ai problemi di ego.
Recensione fordiana a prestissimo!
Il consiglio di Cannibal: luci verdi
Il precedente film di Rodrigo Cortés, Buried, aveva messo d’accordo me e Ford nel bollarlo come una boiata. E questo ci trova - in maniera sorprendente quanto la carriera di Ben Affleck regista - di nuovo concordi. Questa volta in positivo.
Red Lights è un thriller più che valido, che merita di essere visto per un onesto intrattenimento ad alta tensione e che presenta pure qualche bella riflessione sul paranormale. La sceneggiatura ha qualche passaggio debole, Robert De Niro è il meno in forma del cast in cui svettano Cillian Murphy ed Elizabeth Olsen, ma nel complesso è un film da luci verdi.
Quelle rosse lasciamole tutte a Ford, che è meglio rimanga fermo al semaforo: se quel neo-patentato se ne va in giro in auto, rischia solo di combinare dei guai!
Recensione cannibale coming soon (nel senso che arriva a breve, non che dovete leggerla sul sito comingsoon.it)

"Questo è il Cucciolo Eroico!? E' anche peggio di come l'aveva descritto Ben Stiller!"
Venuto al mondo di Sergio Castellitto


Il consiglio di Ford: mandato a quel Casale - la storia del Cucciolo Eroico -.
Proprio l'altro giorno, quasi per caso, mi è capitato di vedere il trailer di questo film in tv. Avete presente quei momenti in cui non vorreste crederci, e invece è vero!? L'allarme retorica di grana grossa è stato azionato neanche fosse partito War horse di Spielberg, e nonostante Castellitto non mi dispiaccia - per quanto mi paia essere uno che se la mena parecchio - credo che non consiglierei questo film neppure al mio peggior nemico. Che è il Cannibale, ovviamente.
Il consiglio di Cannibal: benvenuto o malvenuto al mondo?
Se per Ford provo solo odio, con Sergio Castellitto ho un rapporto conflittuale. Di recente mi ero recuperato La bellezza del somaro e Non ti muovere e mi erano anche piaciucchiati, eppure c’è sempre qualcosa in lui che non mi convince del tutto. Non so bene cosa.
Il fatto che questo suo nuovo film sia tratto da un romanzo della moglie Margaret Mazzantini, come già Non ti muovere, mi fa storcere il naso. Sarà anche un romanzo valido, però non è che l’ha girato giusto per far felice lei? Comunque, la pellicola vanta un cast internazionale con l’amichetta di Castellitto Penelope Cruz ed Emile Hirsch, che dopo Killer Joe e Le belve quest’anno appare un po’ dappertutto.
Come gli altri film di Castellitto, finirò prima o poi anche per vederlo, però al momento mi spaventa parecchio, quasi quanto la venuta al mondo di un nuovo piccolo Ford…

"Stai ferma qui e non ti avvicinare troppo: lo vedi quell'abominio? E' proprio il Cucciolo eroico!"
Ballata dell’odio e dell’amore di Alex De la Iglesia


Il consiglio di Ford: un triste destino, quello del Cannibale.
Questo film di Alex De La Iglesia è giunto sul mio hard disk solo di recente grazie al mio fratellino Dembo, spinto dalle opinioni decisamente buone raccolte in rete nell'ultimo anno. Non l'ho ancora visto, ma tutto sommato uno scombinato come De La Iglesia una possibilità se la merita: in fondo, se ogni settimana ne
regalo una - se non di più - a Suocera Kid, perchè non concederne al regista di piccole perle come Perdita durango!?
Il consiglio di Cannibal: per Ford solo odio, per il film più odio che amore
Film che è già da un secolo che deve uscire in Italia, è stato sempre rimandato e alla fine pare che ora sia la volta buona. Io l’ho già visto e recensito un po’ di tempo fa (http://pensiericannibali.blogspot.it/2012/06/quella-trombetta-sai-gia-dove-te-la.html). Mi ha lasciato parecchio perplesso, perché la prima parte è buona, fantasiosa e intrigante al punto giusto, poi nella seconda il film si trasforma in un’autentica farsa. Considerata la passione per le baracconate circensi e per i travestimenti di Ford, questo secondo me è un film per lui. Una visione la merita comunque, però a me ha saputo più di occasione mancata che di grande pellicola. Sempre meglio comunque questa Balada triste de trompeta (il titolo originale del film) di quella fordianata estiva della Balada (questa sì davvero triste) di Gustavo Lima.

"Cannibale, ti do io uno strappo fino a casa: ma sappi che guido peggio di Ford!"
Hotel Transylvania di Genndy Tartakovsky


Il consiglio di Ford: risparmio i soldi e dormo a casa, non si sa mai che possa fare brutti incontri.
Questa che si avvia alla conclusione non è stata certo una delle stagioni più memorabili per il Cinema d'animazione, giunto ad una fase di stanca pesante dopo una serie di ottime annate. Sinceramente, nonostante l'arrivo del fordino e la riscoperta dei titoli per ragazzi degli ultimi tempi, sono attratto da questo titolo più o meno quanto dalle recensioni entusiastiche del Cannibale. Lo lascio dunque volentieri a lui, non si sa mai che decida una volta per tutte di scavarsi la fossa da solo! Ahahahahahahaha!
Il consiglio di Cannibal: meglio la Transylvania di un certo Transforder
Ennesima pellicola d’animazione che si preannuncia una bambinata fordiana in piena regola. La componente dark sembra però portarlo in una direzione tra la Famiglia Addams e Tim Burton e potrebbe essere una specie di Dark Shadows in versione animata…
Bah, magari si rivelerà carino, ma per il momento lascio la visione a Mister James Bieber che - checché ne dica - per questi cartoon è sempre e comunque in prima fila con tanto di popcorn e caramelle gommose.

Una rara immagine del Cannibale e Ford intenti a fingere di essere amici.
La collina dei papaveri di Goro Miyazaki


Il consiglio di Ford: il Cannibale deve essersi fumato qualche papavero di troppo, per non conoscere il Goro - e non guru - Miyazaki!
Secondo film firmato dal figlio raccomandatissimo del Maestro per
eccellenza dell'animazione Hayao Miyazaki, assolutamente non
all'altezza del padre. Infatti la sua prima fatica, I racconti di
Terramare, è stato l'unico film del celebre Ghibli a non avermi per
nulla conquistato, riuscendo addirittura a farmi addormentare secco
dopo aver constatato un certo quale odio represso di Goro per il
padre, nettamente più talentuoso di lui.
Più o meno la stessa cosa che accade al Cannibale quando guarda
all'opera del vecchio Ford! Ahahahahahaha!
Il consiglio di Cannibal: da guardare mentre Ford va a raccogliere i papaveri
Dal figlio (raccomandato?) del Maestro Miyazaki, una pellicola in pieno stile Studio Ghibli, quindi garanzia di una buona qualità. L’incognita è se si rivelerà all’altezza delle migliori ghiblinate oppure se sarà un Ghibli minore. Speriamo bene.
La scelta dei distributori italiani di proiettarlo nei cinema per un solo giorno comunque è incomprensibile così come la scelta dei film da recensire del Ministro Fordero sul suo blog…

"Assaggia, è buonissimo: l'ha preparato Ford con le sue mani per farci dimenticare il gusto pessimo delle recensioni cannibali!"
Code Name: Geronimo di John Stockwell


Il consiglio di Ford: caccia all'uomo? No, caccia al Cucciolo!
Quando, subito dopo quello di Venuto al mondo, ho visto il trailer di questa roba, sono rimasto strabiliato. Per un istante ho avuto il dubbio che fosse un incubo, o di aver lasciato impressa l'immagine del
Cannibale troppo a lungo sul fondo - ma molto sul fondo - dei miei occhi. E invece questo film esiste davvero. Qualcuno l'ha prodotto, ci ha messo dei soldi, ci ha creduto. Qualcuno l'ha distribuito. E non solo alla sede della CIA, o nel ranch di Bush. Anche qui da noi. E soprattutto, qualcuno l'ha anche girato. L'orrore, recitava Marlon Brando. L'orrore.
Il consiglio di Cannibal: Code Name: Cannibal
Mentre io mi sto ancora ingegnando per trovare un modo di levarmi Ford dalle pall… dalle scatole una volta per tutte, ecco che arriva il film sull’eliminazione di Bin Laden. Il film, più che l’azione adrenalinica della serie 24, sembra la solita stro**atona action di quelle che piacciono a Ford. Per interesse diciamo storico nella vicenda, una visione gliela si può dare, però a livello cinematografico mi sa che lascerà a desiderare quanto le modeste pellicole osannate ogni settimana come capolavoroni su WhiteRussian.

"Le istruzioni sono chiare: abbiamo cinque minuti per fare irruzione ed arrestare quei due terroristi che non sono altro di Ford e del Cannibale!"
Paris-Manhattan di Sophie Lellouche


Il consiglio di Ford: decisamente meglio Lodi Casale.
Robetta dal sapore di radical chic di quelle che mi irritano solo al pensiero, questa sorta di incrocio tra Amelie ed una dichiarazione d'amore per Woody Allen è lontana dalle possibilità di una visione quasi quanto Codename: Geronimo o Katniss Kid al centro di un ring. L'unica cosa in comune è che qualsiasi soluzione, tra queste, risulta davvero inguardabile.
Il consiglio di Cannibal: decisamente meglio di Lodi-Casale!
Il cinema francese quest’anno mi ha dato più soddisfazioni che delusioni, però questa commediola di una tizia ossessionata da Woody Allen mi sa che potrebbe rivelarsi una di quelle stron**atone di quelle troppo finto radical-chic persino per il sottoscritto. Potrebbe però sempre tornare utile nel caso volessi infliggere una visione punitiva al mio blogger-nemico…

"Ford e Cannibale riescono sempre a farmi ridere: ogni volta sparano un mucchio di stronzate!"
La nave dolce di Daniele Vicari


Il consiglio di Ford: forse un giro al largo lo vale.
Inizialmente ammetto di aver storto decisamente il naso di fronte all'ennesima rivisitazione della questione legata alla migrazione verso l'Italia per il timore del consueto polpettone studioapertiano - specie considerato che la parola fine sul genere fu posta dal magnifico Lamerica di Gianni Amelio anni fa -, ma la presenza dietro la macchina da presa di Daniele Vicari - autore del potentissimo Diaz, che a breve sarà recensito dalle mie parti - mi ha fatto ricredere. Potremmo infatti trovarci di fronte ad uno di quei film in grado di stupire, o quantomeno far riflettere: una possibilità è assicurata.
Il consiglio di Cannibal: nave dolce… visione amara
In una settimana ricchissima delle più variegate uscite, volevate che mancassero non una ma addirittura due film italiani? E no, miei cari (e con cari intendo tutti i lettori alla lettura, eccetto Ford). La nave dolce si presenta come il classico docu-film da Festival di cui faccio volentieri a meno. Anche perché nel cast c’è pure l’idolo segreto di Ford: Kledi Kadiu.

"Un saluto particolare alla mia groupie numero uno: Cannibal Kid!"
Un milione di giorni di Emanuele Giliberti


Il consiglio di Ford: un minuto con il Cannibale pare già troppo, figuriamoci un milione di giorni!
Ed ecco il primo dei film veramente ridicoli in uscita questa settimana. Certo, ormai siamo abituati alle inutili proposte made in Italy buone solo per togliere sale alle cose che veramente valgono, eppure c'è
sempre tempo di rimanere stupefatti di fronte alle prodezze che la nostra distribuzione riesce a regalare.
Come se non bastasse, parliamo di un film di più di due ore. Pensateci bene.
Il consiglio di Cannibal: una rottura già i due minuti di trailer, figuriamoci un milione di giorni…
Una pellicola con Nino Frassica… devo dire altro?
Questa settimana abbiamo fatto gli straordinari, io in maniera straordinaria e quello scansafatiche di Ford in maniera meno straordinaria, con tutte le mille uscite che ci sono. Questo Un milione di giorni risparmiatecelo, per favore.

"Ford, Cannibale, mi avete snobbato: e io vi faccio fuori!"

28 commenti:

  1. Argo mi pare la sola cosa davvero interessante. Su "Venuto al mondo" ho molti dubbi. Ho amato alla follia il libro, ed il rischio di drammone è alto. E poi la coppia Cruz-Hirsch mi sconfinfera poco. Hotel Transilvania perfetto per i bimbi. Ballata dell'odio e dell'amore un grosso punto interrogativo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatrix, ti assicuro che Red lights vale la visione.
      Poi, ovviamente, Argo.
      Per il resto ho molti dubbi.

      Elimina
  2. Vorrei tanto vedere Red Lights ma dalle mie parti è stato snobbato. Ripiegherò su Argo, Ben Affleck lo trovo insopportabile come attore ma ho molto apprezzato il suo The Town.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babol, se ti capita prova a recuperare Red lights comunque: merita davvero.
      E Argo a scatola chiusa. :)

      Elimina
  3. Ma siamo sicuri che sia uscita davvero tutta sta roba? Perchè a Torino ballate papaveri e milioni di giorni non si sono visti.
    Venuto al mondo anche no. Che se vedo ancora Emile Hirsch mi vengono le bolle.
    Argo stasera, Red Lights visto che lo "promuovi" lo metto in lista. E il film di Vicari, dopo Diaz, beh. Perchè no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è quello che dicono i distributori. Poi non tutto uscirà dappertutto, come al solito.
      Comunque credo che le schifezze saranno disponibili ovunque! ;)

      Red lights molto, molto bello. Vedrai!

      Elimina
    2. Beh, quando un film unisce anche me e il Cucciolo, vuol dire che è una garanzia!

      Elimina
    3. Che quando voi due vi trovate d'accordo io un po' mi inquieto... :)

      Elimina
    4. Invece quelle sono le volte in cui ci si dovrebbe fiondare in sala, perchè tendenzialmente sono un colpo sicuro!

      Elimina
    5. eh, lo so. ma non ci sono abituata!

      Elimina
    6. Neanche io e il Cannibale, non preoccuparti!

      Elimina
  4. per le didascalie ti sei fatto aiutare dagli autori del tristissimo siparietto di clint eastwood con la sedia vuota, mitt fordney? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, mi sono fatto aiutare direttamente dalla sedia vuota! ;)

      Elimina
  5. Ma cosa si è messo in testa Ben Affleck? Comunque Argo mi ispira assai, così come Red Light.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesa, sono sicuro che Argo non deluderà le aspettative, mentre Red light l'ho già visto, e garantisco alla grande.

      Elimina
  6. Mi pare una settimana con uscite degne. Castellitto l'ho visto da Fazio domenica ed ho capito perchè non mi convince: se la tira a dismisura. Prima gli piace fare il marito dell'autrice famosa e poi è lì che fa il figo perchè riesce a scritturare ogni tanto la Cruz... manco se la trombasse a giorni alterni. Ci prova anche a far finta di scherzare ma si vede che non ci crede nemmeno lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, ti capisco in pieno. Castellitto è irritante.
      Comunque, fortunatamente, ci sono uscite interessanti come Argo e Red lights.

      Elimina
  7. Irriverent Escapade8 novembre 2012 14:52

    I miei ragazzacci preferiti non me la raccontano giusta. Secondo me tutta questa manfrina, per poi trovarvi tendenzialmente d'accordo su tutto. Mi aspetto una Blog war col botto....minimo ;-)
    Per il resto, quoi dire? Devo ancora sciropparmi Bond e questa sarà l'incombenza della settimana. Le nuove uscite non mi entusiasmano troppo, aspetterò il pusher per vedermi Red lights e ben mi guarderò dall'incontrare alcuna produzione della (premiata) ditta Castellitto-Mazzantini (simpatici come un tuffo in un campo di ortiche)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorella, tranquilla: ci scateneremo con la Blog War. Comunque ben vengano film così interessanti da metterci d'accordo! :)

      Elimina
  8. settimana interessante con Argo ma soprattutto con quel mega-capolavoro di Balada Triste (scandalosamente uscito solo ora). peccato per i vicini, speravo fosse un po' più carino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Settimana interessante, concordo: Argo promette benissimo, Red lights è una bomba e di Balada ho sentito pareri discordanti, quindi ci sta tutto.
      In questi giorni vedrò anche quello, poi ti dirò.

      Elimina
  9. Il libro Venuto al mondo mi era piaciuto molto. Ma di solito quando da un libro ci fanno un film non mi va molto di vederlo: ho già tutte le mie immagini nella testa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elle, secondo me questa settimana è meglio concentrarsi su Argo e Red lights, che meritano alla grande.

      Elimina
  10. Argo e Red Lights me li sparo alla grande! Affleck alla regia sta guadagnando punti Ford! Castellitto cmq fa proprio ridere ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorant, concordo in tutto, da Affleck a Castellitto! :)

      Elimina
  11. Argo di sicuro, Red lights non l'avrei calcolato proprio ma se dici che merita recupero.

    Grande Balada trista, spero -ma dubito- che vada bene al botteghino e sono curioso di sapere che ne pensi
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, fidati che Red lights è una ficata!
      Balada me lo sparo in ospedale in questi giorni, ti faccio sapere!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...