sabato 17 novembre 2012

Il cowboy con il velo da sposa

Regia: David Swift
Origine: USA
Anno: 1961
Durata: 129'



 La trama (con parole mie): Susan e Sharon McKendrick, due gemelle ormai adolescenti, scoprono l'una dell'esistenza dell'altra ad un campo estivo, e dopo le scaramucce iniziali instaurano un rapporto molto stretto che le porta ad elaborare un piano. 
Scambiandosi di posto, si prefiggono di conoscere il genitore che è loro mancato fino a quel momento, con l'idea di poter riunire il padre - un ruvido cowboy californiano che ha cresciuto Susan - e la madre - una donna dai modi distinti tornata con Sharon dai suoi genitori, a Boston -.
Tutto pare filare liscio fino a quando Sharon scopre che la giovane arrampicatrice Vicky vuole mettere le mani sul padre e sul suo cospicuo patrimonio sposandolo in fretta e furia: avvisata la sorella, le due ragazze si troveranno a dare una brusca accelerata al piano per poter continuare a coltivare il sogno di veder riunita sotto lo stesso tetto la loro famiglia.




Il percorso attraverso i grandi classici targati Disney fortemente sponsorizzato da Julez in attesa dell'arrivo del fordino, dopo FBI Operazione gatto e Quattro bassotti per un danese, conosce un nuovo capitolo con un altro dei titoli che tutti noi abbiamo visto - per caso oppure no - almeno una volta nella vita in televisione: film che sono un pò come ricordi o sapori che pensavamo di aver dimenticato e che, al contrario, tornano a farsi sentire prepotentemente già dai primi fotogrammi.
Il cowboy con il velo da sposa, esponente di spicco della categoria, fa bella mostra di sè anche a cinquant'anni suonati dall'uscita, mantenendo standard più che discreti nell'ambito della commedia da buoni sentimenti perfetta per tutta la famiglia e, di fatto, clamorosamente resistente al passare del tempo, quasi avesse una vera e propria "bolla" a proteggerlo da critiche o accuse di eccessiva zuccherosità - protezione che condivide con i titoli citati poco sopra -: nonostante, dunque, un minutaggio decisamente ampio per un titolo di questo genere - due ore abbondanti - la struttura da commedia degli equivoci e l'apporto dell'irresistibile Hayley Mills - in una doppia parte tra l'altro ottimamente realizzata per i tempi - rendono il tutto decisamente ritmato e piacevole.
Considerata l'epoca della realizzazione, inoltre, l'idea di affrontare il tema del divorzio e della famiglia spezzata in due è sfruttata con grande leggerezza e modernità, assumendo i toni della commedia slapstick quando le gemelle decidono di accanirsi contro la pretendente del padre e quelli più morbidi tipici di Mamma Disney nel momento in cui i loro sforzi si concentrano sul sogno di vedere di nuovo uniti i genitori: al contrario è invece curioso notare come già nel pieno dei gloriosi sixties gli adattamenti dei titoli fossero a dir poco assurdi, con l'originale Parent trap - trappola per genitori, letteralmente - che diviene Il cowboy con il velo da sposa - riferimento al padre delle gemelle, che però a parte il look ed i modi un pò rudi non ha niente a che vedere con le ambientazioni western o i duelli al sole -.
Tolto questo dettaglio il resto funziona a meraviglia, con una prima parte giocata sull'avvicinamento delle due sorelle - dapprima nemiche giurate, dunque inseparabili - e l'elaborazione del piano che dovrebbe portare al ricongiungimento di mamma e papà, un momento centrale costruito sulla figura del genitore ritrovato per entrambe e la scoperta dell'intrigo delle ragazzine da parte della domestica del padre da una parte e del nonno dall'altra - perfette entrambe nel loro essere a metà tra la caricatura e la lezione da vecchi saggi, tipiche del Cinema del periodo - cui fa seguito il climax conclusivo con l'incontro degli ex marito e moglie e l'esilarante confronto durante la gita in montagna tra le due adolescenti e Vicky, una tipa da scopa in culo letteralmente soverchiata - com'è giusto che sia - dalla carica e dall'energia di Susan e Sharon.
Certo, non stiamo parlando di un Capolavoro, o di un film in grado di fare la storia della settima arte, ma il bello di titoli come questo è l'atmosfera che sono in grado di far respirare, un pò come quando si va a pranzo dai nonni e si finisce per mangiare come non si faceva da mesi, rimpinzandosi di tutte quelle cose che solo loro paiono in grado di preparare.


MrFord


"L is for the way you look at me
O is for the only one i see
V is very very extraordinary and
E is even more than anyone that you adore
and love is all that i can give to you
love is more than just a game for two
two in love can make it
take my heart but please dont break it
LOVE was made for me and you."
Nat King Cole - "Love - The parent trap" -


27 commenti:

  1. quanti ricordi legati a questo film...
    cado in catalessi, la rievocazione della prima visione mi lascia un senso di pace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincent, ti capisco bene.
      Questi film fanno bene alla pace dei sensi! :)

      Elimina
  2. Io ho visto la versione più moderna con le gemelle Olsen tanti anni fa... Mi sento vecchia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti sentirti giovane! Pensa che la mamma, in quella versione, era interpretata dall'attrice che qui interpreta le gemelle! ;)

      Elimina
    2. Form mi sa che ti sbagli qui! In quella versione la madre era morta, c'era Kirstie Alley che faceva l'assistente sociale. Certo che tra questo, Genitori in trappola e Matrimonio a quattro mani non ci sono dubbi: il primo è il migliore in assoluto.

      Elimina
    3. Valentina, allora forse era in un'altra delle innumerevoli versioni nate dopo questo originale! ;)

      Elimina
  3. La cosa bella di un mr Ford è la sua positività, solarità. Ford è un brav'uomo, una bella persona davvero. Ford è un BUONO.

    Cazzo che bella invenzione il Cinema, ma ci rendiamo conto di quanto siamo infinitamente fortunati a campare in questo tempo?

    W i BUONI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Defezionario, ti ringrazio davvero.
      Anche perchè il Cinema ti permette di vedermi davvero troppo buono rispetto a quello che sono. ;)

      Grazie Cinema. :)

      Elimina
    2. No, lei è sicuramente buono anche oltre queste pagine. Comunque vero: grazie Cinema.

      Elimina
    3. Defezionario, ringrazio doppiamente per la fiducia.
      E brindo al Cinema, ovviamente!

      Elimina
    4. Irriverent Escapade17 novembre 2012 22:40

      Ops, non perdi occasione per brindare, eh!!

      Elimina
    5. Chiaro! :)
      Specie in questi giorni di convalescenza in cui non posso!

      Elimina
  4. l'avrò visto almeno una decina di volte...stiamo ripassando per l'arrivo del Fordino, eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ripasso doveroso.
      E' un'iniziativa di Julez che mi sta divertendo molto!

      Elimina
    2. Irriverent Escapade17 novembre 2012 22:52

      In realtá Julez sa giá che Ford jr bypasserá bellamente questo genere per dedicarsi fin da subito a horror ed expendables e quindi ne approfitta adesso che l'erede non ha ancora facoltá di scelta ;-)

      ....io mi sono giusto sciroppata Skyfall (scelto dalla Belva....)

      Elimina
    3. Sorella, com'è andata con Skyfall?

      Secondo me per il fordino gli Expendables vari andranno bene dalle elementari: prima ci sono le vagonate di film d'animazione! ;)

      Elimina
    4. Irriverent Escapade18 novembre 2012 09:15

      Gli 007 vanno bene se affrontati con gli occhi di un bambino...quindi io ridevo delle cose assurde che per loro erano "una figata"...Non impazzisco per "il volto umano'di questi Bond, fallibile anche perchè questo porta a momenti di grande lentezza che invitavano alla pennica, più che alla riflessione....
      La visione vale la pena per un Craig fisicatissimo e vestito da dio (ma anche svestitio uah ah ah..) . Ero prevenuta rispetto alle pubblicitá occulte (leggo attentamente White Russian) e l'ho vista tutta (anche il loghino sulla chiusura dell'orologio) ma, lasciami dire, a te ha dato fastidio perchè hai l'occhio critico ma allo spettatore medio è passata via quasi liscia.
      Venerdi sera abbiamo visto Bersaglio mobile: avresti dovuto vedere che parata di spot!

      PS I film d'animazione resisteranno fino ai 4/5 anni....poi tutto puó accadere:-)

      Elimina
    5. Sorella, io mi ricordo, a parte le pubblicità occulte, solo i lunghi momenti di rischio pennica, figurati! ;)

      Per il dopo 4/5 anni ho già pronta una sfilza di film, tranquilla! ;)

      Elimina
    6. Irriverent Escapade18 novembre 2012 12:46

      Ohibó ci sarebbe stato da preoccuparsi avessi notato oltremodo Craig ;-)

      Elimina
    7. Ahahahahah beh, sicuramente Julez si sarebbe dovuta preoccupare, in caso! ;)

      Elimina
    8. Irriverent Escapade19 novembre 2012 13:53

      Ovvio!!!!!!!!!

      Elimina
    9. Direi che per stavolta è andata bene per tutti, allora! :)

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ma che ti sto a parlare a fare? Parte 1

      Elimina
  6. Sono un caso grave. Appena ho letto la trama ho subito pensato al film con Lindsay Lohan sdoppiata(praticamente identico). L'avrò visto una trentina di volte quando avevo 12 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah Ilenia, tranquilla.
      Non sei un caso grave. Sei solo giovane! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...