domenica 11 novembre 2012

Memento

Regia: Christopher Nolan
Origine: USA
Anno: 2000
Durata:
113'




La trama (con parole mie): l'ex investigatore Leonard Shelby vive da tempo in un incubo. 
Aggredito in casa da un uomo che ha stuprato ed ucciso sua moglie, a seguito del trauma ha riportato danni irreparabili alla memoria: nel corso dell'indagine che dovrebbe portarlo ad individuare il colpevole, comincia così a tatuare sul suo corpo tutte le tracce raccolte, costruendo un mosaico di indicazioni che possano ricordargli chi è e quale sia la sua missione ad ogni risveglio, sfruttando una Polaroid per memorizzare chi sono le persone con cui ha quotidianamente a che fare.
Quando Gammell e Natalie entrano nella sua vita, l'indagine di Shelby ha una svolta: pare, infatti, che l'uomo sappia qualcosa a proposito dell'identità dell'assassino della moglie di Leonard, e sia disposto ad aiutarlo.
Questo sempre che Gammell non sia in realtà lo stesso killer, come sostiene Natalie, pronta a tutto perchè il fu detective elimini l'uomo che lo sta aiutando.




C'era una volta un giovane regista made in UK reduce da un esordio forse un pò troppo presuntuoso ma decisamente valido - Following, per l'esattezza, una sorta di incontro tra il primo Kubrick e Cassavetes con meno carisma e tanta voglia di uscire dal guscio -.
Questo giovane regista, Christopher Nolan, che soltanto qualche anno dopo avrebbe stupito il mondo con giochi di prestigio ed architetture della mente, trovò la sua opportunità grazie ad una produzione che si tradusse in un mix con le potenzialità del blockbuster a tutta la magia del Cinema d'autore: così nacque Memento, una delle pellicole di nicchia di maggior successo del nuovo millennio, indubbio cult costruito anche grazie al passaparola di appassionati entusiasti che, lo ricordo bene, mi travolse fino ad aumentare le mie aspettative a livelli che non percepivo dai tempi del primo Tarantino.
Era piena estate, quando per la prima volta inserii nel lettore dvd questo film, che sarebbe diventato uno dei classici fordiani del periodo: ero appena tornato da Madrid, avevo ancora un solo tattoo e dopo anni di capello lungo mi ero lanciato in una variante blanda del mohawk di Taxi driver.
Fin dalla prima sequenza venni travolto dall'idea certamente spocchiosa eppure vincente del buon Chris: strutturare una pellicola basata interamente sulla memoria che dalla fine portasse lo spettatore fino all'inizio fu una novità assoluta, per il sottoscritto, in grado di trasmettere la sensazione di smarrimento del suo protagonista, costretto a vivere basandosi sugli indizi trasposti in tatuaggi ed indicazioni tracciate a penna su Polaroid scattate per non perdere troppo in fretta l'istante propizio.
In particolare, ricordo che a quella visione - così come ad ognuna delle successive - rimasi particolarmente colpito da una sequenza apparentemente non così fondamentale nell'economia della storia, o quantomeno decisamente meno ricorrente nelle citazioni dei fan della pellicola: Shelby e Natalie - una mai così affascinante Carrie Ann Moss - hanno un litigio argomentando a proposito della colpevolezza di Gammell e sulla portata della sua minaccia, quando la donna arriva a stuzzicare il protagonista a tal punto da scatenare in lui la rabbia necessaria per colpirla in pieno viso.
Uscita di casa, Natalie bussa alla porta di Leonard pochi istanti dopo, con il volto tumefatto: quando Leonard chiede spiegazioni, la risposta è quasi automatica. Il colpevole dell'aggressione è proprio Gammell.
L'impatto che quella scena in particolare ebbe sul sottoscritto fu devastante, quasi il valore della memoria fosse di colpo evidente ai miei occhi, a braccetto con le manipolazioni che la stessa potrebbe prestare ad un qualsiasi individuo entrato nella nostra vita e pronto ad approfittarsene.
In parallelo, straziante è la vicenda dei Jenkins, sfruttata per dare un'ulteriore dimensione al trauma al quale Shelby deve rendere conto ogni giorno: l'iniezione di insulina ripetuta fino alla morte è una pagina commovente e terribile al contempo del film che liberò, di fatto, l'estro di Nolan consegnandolo allo stardom hollywoodiano quasi fosse un monito di quello che sarebbe accaduto con pietre miliari quali The prestige o Inception.
Ancora oggi, a distanza di anni, dopo averlo visto più volte nella sua versione ufficiale ed in quella ricostruita seguendo il corretto svolgimento temporale, provo sempre un certo turbamento, di fronte alle immagini di questo film: mi ricordano un antico detto greco, "l'immortalità sta nel ricordo di chi ci ha amati".
Penso a quando, la mattina, mi alzo sapendo che andrò in bagno, poi ad allenarmi, e dunque al lavoro.
E a chi ho accanto.
E ricordo le volte in cui, dopo una qualche sbronza colossale, il giorno dopo aprivo gli occhi con la sensazione di non sapere dove mi trovassi, o come ci fossi arrivato.
Fortunatamente i molti tatuaggi che ho accumulato sul corpo dai giorni di quella prima visione non devono - ancora - ricordarmi chi sono.
Ma soltanto il mio viaggio fino ad ora.


MrFord


"Where'd you park the car?
Where'd you park the car?
Clothes are all over the furniture
and I might as well
I might as well
sleepy jack the fire drill
run around around around around around.."
Radiohead - "Amnesiac/Morning bell" -


31 commenti:

  1. Quanto è bello memento... **

    RispondiElimina
  2. Adoro Guy Pearce e adoro questo film, che ho rivisto da poco, fra l'altro. E ogni volta la frase "non riesco a ricordarmi di dimenticarti" mi devasta, per quanto è vera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent Escapade11 novembre 2012 11:30

      Quoto Poison totalmente.
      Visto e rivisto, sono anch'io "segnata" da quella caspita di frase....

      PS Senti un po', Lazzarone, va beh che hai programmato uscite alla grande...ma quando ti decidi a resuscitare????
      Le puerpere escono in tre giorni....

      Elimina
    2. Ed eccomi di ritorno, Sorella.
      Comunque, anche io sono d'accordo con entrambe voi!

      Elimina
  3. conoscendo i tuoi problemi con i film incasinati, questo l'avrai visto almeno un milione di volte prima di capirci vagamente qualcosa, o sbaglio? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo avessi qualcosa da dire anche contro Memento, invece fortunatamente continui ad accanirti su di me! ;)

      Elimina
  4. Sembrava interessante già dalla trama, l'aggiunta del post intero completa la curiosità. Se c'è il rischio di svegliarsi e non ricordare chi ha scritto il post-it, scambiarlo per un foglietto altrui caduto dalla spazzatura, gettarlo via perché sopra c'era scritto di un omicidio ed è roba da film, direi che tatuarsi le info sul corpo è l'unica soluzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elle, se non l'hai visto è da recuperare assolutamente! Supercult!

      Elimina
  5. In assoluto uno dei mie film preferiti:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nico, posso capirti. E' stato tra i miei per anni.

      Elimina
  6. Gran gran film. Non c'è dubbio. Ma sai che, pur avendocela, non ho mai visto la versione cronologica? Non so, temo che mi toglierebbe qualcosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marziano, sicuramente la versione cronologica toglie il fascino a quella "normale", ma se ti capita uno sguardo concediglielo comunque!

      Elimina
  7. Anche se montato in maniera ordinaria perde molto del suo appeal, resta una gran prova per il giovane Nolan!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì. Ma del resto, Nolan ancora non ha sbagliato un film!

      Elimina
  8. ecco un altro dei film che devo vedere... molte molte volte credo prima di capirci qualcosa (Cannibal Kid seguo il tuo perfido consiglio :D)
    non sono morta, io e la mia socia siamo sommerse di lavoro e ho avuto una settimana di merda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queen, tranquilla.
      Appena avete tutto pronto, mandatemelo.
      Per quanto riguarda il film, se non l'hai visto, devi assolutamente recuperarlo!

      Elimina
  9. gran bel commento...e gran bel film...

    RispondiElimina
  10. Cazzo mi ero perso il post su Memento!!!!!!!!!!
    Beh, che dire, davvero un gran film e una grande prova del nostro amico Guy Pearce!

    Monologo finale da brividi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, che te lo dico a fare!?
      Supercult dall'inizio alla fine!

      Elimina
  11. No, beh, allora qui non andiamo mica d'accordo, eh!?
    solo 3 uischi? Ma qui siamo oltre. Molto oltre.
    Nolan + Cortes + Duncan jones = Amo il cinema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eddy, tre whisky ci stanno, considerando Inception e The prestige, nettamente sopra Memento! :)

      Elimina
  12. Film stupendo. Visto due settimane fa poi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io lo rivedo sempre volentieri. E il risultato è sempre lo stesso. Supercult.

      Elimina
  13. Ecco, a me la versione che segue la fabula manca purtroppo, e sarei curioso di vederlo, così come anche Pulp Fiction. Addirittura ho sentito che per il film di Tarantino, il distributore di un paese Asiatico, l'ha rilasciato nelle sale con lo sviluppo della storia normale.
    Comunque, per questo film, non si può dir nulla, meraviglioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sia Memento che Pulp fiction perdono nella versione montata in maniera lineare, quindi se non ti è capitato non perdi così tanto.
      Comunque, niente da dire sul film, come giustamente dici tu.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...